programmazione
martedì 22 giugno 2010 - 11 Commenti
Sviluppiamo un feed reader con python (Parte 4)

A grande richiesta ;-) prosegue la serie di articoli riguardanti la costruzione di un feed reader per appunti digitali in python.
Nella scorsa puntata abbiamo visto come sfruttare il meccanismo di autoconnect per la gestione degli eventi con le PyQt. Abbiamo visto come caricare un url all’interno di una webview.
Il risultato, come ha potuto vedere chi si è cimentato nell’implementazione, non è dei migliori: nella webview viene caricata l’intera pagina mentre sarebbe auspicabile mostrare soltanto il contenuto dell’articolo.
Per farlo mi sono appoggiato a 2 librerie:

urllib2 per lo scaricamento della pagina HTML
lxml …

martedì 15 giugno 2010 - 18 Commenti
Cesare su ArsTechnica: la “belle epoque” dello sviluppo su Amiga

Un articolo di Jeremy Reimer comparso ieri su ArsTechnica rievoca – con il contributo di molti sviluppatori dell’epoca – i bei tempi dello sviluppo su piattaforma Amiga, ricordando le gesta degli intrepidi coder della prima ora e rievocando il clima di grande entusiasmo che, alla metà degli anni ’80, ruotava attorno alla creatura di Jay Miner.
Con le potenzialità hardware di Amiga ancora ignote ai più, la sperimentazione era all’ordine del giorno e, come sottolinea l’articolo, la probabilità che due sviluppatori risolvessero lo stesso problema nello stesso modo era piuttosto bassa: …

martedì 15 giugno 2010 - 8 Commenti
Sviluppiamo un feed reader con python (Parte 3)

Prima di iniziare ricordiamo quanto è stato fatto in precedenza: nella prima puntata abbiamo visto come utilizzare la libreria universal feed parser, nella seconda come visualizzare alcuni campi del feed sulla nostra interfaccia grafica. Oggi vedremo come sfruttare l’autoconnect per collegare un evento di tipo doppio click all’apertura dell’articolo in una webview.
Per prima cosa riapriamo il designer ed aggiungiamo una webview. Personalmente ho scelto di inserire i due widget (treewidget e webview) in uno splitter ma ovviamente potete organizzarli come preferite.

Una volta finito il lavoro sul designer dobbiamo generare il …

martedì 8 giugno 2010 - 10 Commenti
Sviluppiamo un feed reader con python (Parte 2)

Eccoci giunti al secondo appuntamento del percorso che ci porterà a costruire un basilare feed reader. Nella precedente puntata abbiamo visto come fare il parsing di un feed RSS attraverso l’utilizzo della libreria Universal Feed Parser. Oggi inizieremo a vedere le basi per la costruzione di una semplice interfaccia grafica per visualizzare i dati ottenuti. Le librerie grafiche utilizzate saranno le Qt4. Essendo Qt un framework nativo C++ e dovendolo integrare nel nostro progetto python utilizzeremo binding forniti dalla Riverbank computing, le PyQt.
Chi utilizza una distribuzione GNU/Linux debian based (per esempio …

martedì 1 giugno 2010 - 15 Commenti
Sviluppiamo un feed reader con python (Parte 1)

Con questo articolo inizierò un piccolo esperimento editoriale che durerà alcune settimane. L’idea è quella di costruire insieme a voi lettori un’applicazione. Ci tengo a precisare che questo esperimento non ha la pretesa di essere un tutorial o una guida ma semplicemente un percorso da fare insieme in un ambiente stimolante come può essere quello di un blog frequentato da persone tecnicamente preparate. Per non limitare le direzioni che potrebbe prendere questo piccolo esperimento fisserò solo pochi punti fissi e insindacabili (ma nemmeno troppo se le motivazioni per smuoverli sono …

mercoledì 26 maggio 2010 - 65 Commenti
Cosa NON posso fare col mio netbook…

Di recente alcuni miei amici hanno avuto una discussione incentrata su un oggetto che da qualche tempo ha smosso un po’ le acque nel panorama dell’IT, e di cui abbiamo parlato anche qui su Appunti Digitali: l’iPad.
Premesso che di lotta impari si trattava, in quanto vedeva contrapposti ben due utenti Apple (di cui uno di lunghissima data) e un filo-linuxiano, quando si parla di cose del genere l’argomento passa velocemente dalle caratteristiche del gioiellino, al prezzo, e da lì subito alle alternative possibili, con conseguenti batti e ribatti che hanno …

martedì 18 maggio 2010 - 10 Commenti
DreamPie: La shell python che hai sempre sognato

Alcune settimane fa ho scritto un post sull’eterna lotta tra gli ambienti di sviluppo integrati ed i semplici editor di testo. Oltre che per raccontare la mia personale esperienza il post è stato scritto per estorcere dai lettori dritte e consigli.
A quanto pare l’iniziativa è stata utile almeno per me. Grazie ad un commento del nostro Cesare Di Mauro sono venuto a conoscenza di DreamPie, quella che gli stessi sviluppatori definiscono come da titolo dell’articolo:

“The Python shell you’ve always dreamed about”.

Solitamente sono una persona che tende a diffidare dei proclami …

martedì 27 aprile 2010 - 66 Commenti
Ambienti di sviluppo, Editor di Testo e pregiudizio

Semplicità o complessità? Strumenti estremamente potenti e completi o minimali e affidabili?
Chiunque abbia messo mano alla stesura del codice sorgente di una applicazione si sarà scontrato con questo profondo dilemma. È meglio fare affidamento su un IDE completo o su un semplice editor di testo con supporto all’evidenziazione della sintassi e poco più?

Tipico “ambiente” composto da fido editor e shell a portata di mano :D
Oggi vorrei raccontare la mia esperienza. Sono sempre stato allergico agli IDE, li ho sempre visti come una inutile barriera tra me e la risoluzione …

giovedì 22 aprile 2010 - 10 Commenti
iPhone OS è il “parente povero” di OS X?

Pubblichiamo un guest post di Giuliano Galea
Ci sono diversi luoghi comuni da sfatare riguardo lo sviluppo di applicazioni per iPhone OS, in particolare sul sistema operativo e sul linguaggio utilizzato. Questo post cercherà di fare un po’ di chiarezza su un punto iniziale: è corretto sostenere che iPhone OS sia una versione castrata di OS X?
Sistema Operativo
iPhone OS è un sistema operativo Unix based pensato per girare su dispositivi mobili dotati di schermo multitouch (al momento iPhone, iPod Touch e iPad). Da un punto di vista tecnico si basa su …

mercoledì 31 marzo 2010 - 62 Commenti
I programmatori scrivono codice per appagare se stessi o per gli utenti finali?

E’ una domanda legittima, a giudicare da questa notizia di qualche giorno fa, dove si apprende che la prossima versione di Ubuntu (Lucid Lynx, la 10.4) non includerà il famoso software di fotoritocco GIMP perché, cito testualmente, “ritenuto troppo complicato per l’utente comune” (e “ingombrante“, ma m’interessa sottolineare la precedente affermazione).
I problemi di usabilità sono un retaggio che quest’applicazione si porta dietro da parecchio tempo a causa del diverso modello adottato per la gestione dei documenti e per l’implementazione dell’interfaccia grafica in generale, rispetto ad altre applicazioni più o meno …