economia
martedì 1 Febbraio 2011 - 9 Commenti
Free Software e sostenibilità economica: bounty e piattaforme di finanziamento

La sostenibilità economica dei progetti open è un tema che mi sta molto a cuore. Ho approfittato in un precedente articolo della disponibilità dello sviluppatore Flavio Tordini per sfiorare l’argomento nell’intervista che mi ha gentilmente concesso. Quello che vorrei fare oggi è l’analisi di un fenomeno che negli ultimi anni sembra essersi consolidato.
Parleremo dei bounty. Se state immaginando panorami sabbiosi, saloon, sparatorie a mezzogiorno mettete freno alla vostra fantasia. Anche in questo caso si tratta di “mettere una taglia”, ma non sulla testa di un bandito.

Il principio di base è …

giovedì 9 Dicembre 2010 - 63 Commenti
Negozi online: convenienza e squallore?

Ammetto che il titolo di questo post potrebbe sembrare eccessivo e provocatorio, soprattutto per coloro che di mestiere fanno i negozianti online, ma vi prego di arrivare in fondo a questo post prima di esprimere giudizi.
Premetto che sono sempre stato un’entusiasta dell’e-commerce. E’ da ormai 15 anni che effettuo acquisti online, da quando coloro svolgevano questo genere di attività in Italia si potevano contare sulle dita di una mano probabilmente.
Cosa mi ha spinto a cercare la soluzione dell’acquisto online? All’epoca compravo molto spesso hardware per fare ciò che un appassionato …

martedì 20 Luglio 2010 - 46 Commenti
Free Software e sostenibilità economica: intervista a Flavio Tordini

Dopo il post della scorsa settimana riguardante il rapporto tra GNU/Linux ed il software commerciale, vedendo l’interesse generato nei commenti, ho deciso di intervistare Flavio Tordini riguardo al tema della sostenibilità economica in ambito FLOSS. La scelta di intervistare uno sviluppatore è data dalla mia convinzione personale che troppo spesso alla categoria non viene data abbastanza voce. Sperando che la testimonianza possa portare spunti di discussione e ringraziando ancora una volta Flavio per la disponibilità vi lascio all’intervista.
Inizierei la piccola intervista chiedendoti di raccontare ai nostri lettori chi sei e …

martedì 16 Febbraio 2010 - 9 Commenti
I costi di produzione dei videogiochi next-gen

Una ricerca della società di analisi M2 Research ha individuato all’interno della forchetta tra 18 e 28 milioni di dollari i costi di produzione di un videogioco Tripla A di nuova generazione. Il dato si riferisce a un progetto multi-formato, quindi avente bisogno di tecnologia che si adatti all’hardware di PC, PlayStation 3 e XBox 360.
Un videogioco in esclusiva per uno dei tre formati, invece, costerebbe, secondo la ricerca, 10 milioni di dollari. Si tratta di cifre medie, perché ci sono dei prodotti che vanno anche al di là di …

mercoledì 7 Ottobre 2009 - 30 Commenti

Nell’agguerrito mercato mondiale dell’auto, come si è già detto in passato, Marchionne è riuscito a sfruttare strategicamente la crisi per legare la Fiat ad altre grandi realtà produttive attraverso acquisizioni e alleanze.
Oggi l’azienda nata a Torino, pur non contando su una liquidità infinita si ritrova con una quota di mercato in Europa e con un’intera rete produttiva, nonché di vendita e assistenza negli Stati Uniti. Purtroppo però solo il marchio Fiat è stato riabilitato e il parco auto in listino, fuori dalle eccellenze che stanno facendo registrare ottime vendite, vede …

lunedì 24 Agosto 2009 - 16 Commenti

Per le testate giornalistiche che operano sulla rete, è da tempo in atto un processo di ripensamento che ha per oggetto il modello di remunerazione dei contenuti prodotti. Su queste pagine abbiamo spesso discusso di come, in particolare con l’attuale congiuntura economica, le molte testate giornalistiche lanciatesi in rete negli anni del primo boom, stiano tornando sulla convenienza economica della loro presenza online.
Attaccate su un fronte dalla rete gialla del buzz – composta da blogger pronti a cantare le lodi di qualunque inutile gadget per qualche tartina e un …

martedì 23 Giugno 2009 - 11 Commenti

 
La questione del “tutto gratis” è già stata trattata da Alessio in un precedente post. Anche se la tesi qui esposta da me è in qualche modo opposta, quanto scriverò non andrà a scontrarsi con le sua analisi. Mi interessa affrontare la questione da un diverso punto di vista, che vada ad ampliare l’argomento.
Le ragioni di chi critica i modelli economici attuali su cui internet ora si basa sono sacrosante, esistono però delle questioni irrisolte che riguardano sia il modo in cui gli utenti sono abituati a …

giovedì 18 Giugno 2009 - 26 Commenti

Dalla rete arriva un’aria nuova, che sa di cambiamento. Qualche giorno fa accennavo a uno dei pilastri della rete per come l’abbiamo conosciuta finora, l’anonimato, che inizia ad entrare in forte contraddizione con i più recenti trend che attraversano Internet.
Oggi vorrei ragionare un po’ sul “tutto gratis“, che è un po’ un modello di business (bislacco o meno a seconda dei momenti e delle applicazioni) e un po’ uno stato d’animo dell’utente, indotto dalla “smaterializzazione” che il nuovo medium porta in dote, a confondere concetti come l’accesso e il possesso, …

mercoledì 4 Febbraio 2009 - 7 Commenti

Da qualche giorno è disponibile la versione 5.0 di Google Earth che porta con se parecchie novità, tra le quali la possibilità di esplorare anche gli oceani, “tornare indietro nel tempo” ed infine creare dei propri tour da condividere con altri utenti.
Nonostante sia un prodotto che permette di navigare tra le stelle, grazie alla partnership con la NASA, sulla terra e come detto anche negli oceani, sul blog di Google possiamo leggere che “è ancora ben lontano dall’aver raggiunto la sua maturità. Per questo continuiamo a raccogliere i vostri …

lunedì 15 Dicembre 2008 - 15 Commenti

La crisi è arrivata anche per Google, dopo il tracollo in borsa, (un azione Google ad inizio anno valeva 700 dollari, ora si aggira sui 300) ora arrivano i tanto temuti tagli.
L’azienda di Mountain View ha però deciso di adottare una diversa strategia di riduzione costi; a differenza di molte altre società del settore che hanno licenziato il personale bigG ha ridotto le ore del servizio di caffetteria gratuito, ha ridotto le ferie pagate e tante altre piccolezze.