facebook
mercoledì 14 maggio 2008 - Commenta

Della rete, ed in particolare dei social network, si sente parlare spesso male, soprattutto in Italia, dove media e giornalisti sono bel lieti di raccontare tristi vicende di cronaca nera e tacere le “best practices” dei potenti.
Oggi voglio parlare dell’utile esperimento portato avanti dalla Polizia di Manchester su Facebook, il noto social network nato negli Stati Uniti per soli studenti di college, divenuto uno dei più diffusi social network al mondo.

venerdì 4 aprile 2008 - 30 Commenti

 
Dalle pagine del Sun, rimbalzando sul web italiano, ci arriva la storia di una ragazza che sarebbe riuscita a portarsi a letto ben cinquanta uomini diversi in tre mesi, grazie alla rete naturalmente. Se pensate che così tanti corteggiatori in così poco tempo se li sia dovuti sudare vi sbagliate. La ragazza 23enne, iscritta su Facebook da settembre, ha deciso ad un certo punto di aprire un “gruppo”dall’inequivocabile nome: “Ho bisogno di sesso“.

martedì 4 marzo 2008 - 5 Commenti

Chris Anderson, l’inventore della teoria della coda lunga, ha da poco scritto un nuovo pezzo in cui profetizza che tra qualche anno tutto sarà gratis: partendo da una riflessione sulle lamette da barba egli si produce in un lucido ragionamento sul perché e il percome del futuro a costo 0. Per i dettagli vi consiglio sicuramente la lettura dell’articolo originale, io volevo soffermarmi sulle ragioni del cambiamento:

giovedì 31 gennaio 2008 - 2 Commenti

Molti dei recenti iscritti a Facebook provengono da MySpace, social network che fino a pochi anni fa deteneva il monopolio di “blog” amatoriali ed era il social network di gran lunga più popolare e diffuso.
Un passo alla volta Facebook è riuscita a “portare via” molti utenti di MySpace anche grazie all’apertura a sviluppatori di terze parti, col rilascio delle API. Sono quindi fiorite migliaia di applicazioni, più o meno utili, per arricchire il proprio profilo e condividere contenuti con i propri amici.

mercoledì 30 gennaio 2008 - 3 Commenti

Chi mi segue su uno qualsiasi dei social network che frequento più o meno saltuariamente, potrebbe aver letto della mia recente scoperta: hellotxt.com
Per tutti gli altri, la maggioranza, dico che si tratta di una applicazione davvero interessante per gli appassionati di micro-blogging – Tumblr, Twitter, Jaiku, Pownce, Facebook o l’italiano Meemi.
Hellotxt, consente infatti di postare contemporaneamente su tutti questi network, in maniera semplice ed efficace, contemporaneamente.

[la dashboard di hellotxt]

martedì 18 dicembre 2007 - Commenta

Post di Stefano Odorico
Dopo la Siria che blocca l’accesso al portale per più di due settimane sventolando fantomatiche scuse di infiltrazioni israeliane, dopo le scuse per aver abbassato il livello di privacy degli account personali per “migliorare” il sistema pubblicitario (con questo nuovo sistema chiamato Beacon, il tracciamento dei dati da parti di grandi compagnie, avveniva anche senza l’esplicito consenso degli utenti), nuovi problemi si profilano all’orizzonte per Facebook, si profilano nuovi problemi all’orizzonte per Facebook.
Più di 2000 persone iscritte a Facebook hanno infatti iniziato ad inserire pubblicità …

lunedì 10 dicembre 2007 - 6 Commenti

Mark Zuckerberg, fondatore e CEO di Facebook, chiede scusa agli utenti in un suo post , dopo settimane di polemiche da parte dei frequentatori del social network. Sotto accusa è l’ormai noto Beacon, sistema di advertising mirato presente nel social network, che ora può essere disattivato . Molte compagnie, come Google, Microsoft, Yahoo (per citarne alcune) raccolgono dati personali e tengono traccia delle nostre azioni sul web con lo scopo di inviarci materiale pubblicitario su misura. Facebook si è spinto un po’ oltre: in collaborazione con alcune compagnie …

mercoledì 5 dicembre 2007 - Commenta

Quando si parla di social network spesso, soprattutto ai frequentatori meno assidui, vengnon in mente solamente siti come Facebook o MySpace, al più LinkedIN. In realtà vi sono un’infinità di social network non generalisti.
Dopo una prima fase di esplosione di social network generalisti, cioè rivolti indistintamente a tutte le persone, che si differenziavano l’uno dall’altro essenzialmente solo per le funzioni; si è passati ora ad una fase di maturità che consente esperimenti “verticali”.
Nascono così social networks dedicati a temi specifici e io oggi voglio sottolineare come il social networking può …

giovedì 22 novembre 2007 - 10 Commenti

Secondo una ricerca di Barracuda Networks, il cinquanta per cento dei datori di lavoro impediscono l’utilizzo di Facebook o di Myspace ai propri dipendenti. Va precisato che la ricerca è però ristretta alle compagnie che utilizzano i filtri web della società che ha condotto l’analisi, è quindi possibile che se il campione fosse stato più ampio e diversificato le percentuale sarebbero state differenti.
I due principali motivi dichiarati dalle aziende, alla base del controllo delle attività online dei propri dipendenti sono il timore per i virus e gli spyware (70%) e la …