Archivio
sabato 22 marzo 2014 - 4 Commenti
Bit Pop Revolution, uno sguardo alla rivoluzione digitale

Di tanto in tanto è piacevole segnalarvi dei libri che ripercorrono la storia informatica in generale o approfondiscono alcuni passaggi fondamentali che hanno contribuito alla “rivoluzione digitale”.
In questo scenario non potevamo mancare di segnalarvi Bit Pop Revolution, scritto a 4 mani da Cecilia Botta, responsabile dei progetti culturali per BasicNet S.p.A. e del nascente Museo dell’informatica di Torino, e Tomaso Walliser, autore e produttore televisivo nonché fondatore della la casa di produzione Junk Food.

Il testo racconta lo spaccato della rivoluzione digitale che, idealmente, parte dalla guerra fredda fino ai primi …

venerdì 7 marzo 2014 - 3 Commenti
Il “gatto” di Jef Raskin

Jef Raskin è notoriamente ricordato come colui che ha dato origine al progetto “Macintosh” (1979), poi preso d’assalto da Steve Jobs per trasformarlo in quello che tutti conosciamo. Nella visione di Raskin, in Macintosh era qualcosa di decisamente diverso: un personal computer economico e compatto, basato su una interfaccia testuale controllata esclusivamente tramite tastiera.
La storia ci racconta come Jobs sovverte completamente l’idea alla base del progetto Macintosh, relegando il suo ideatore ad un ruolo irrilevante, tanto da spingerlo ad abbandonare Apple nel 1982 per fondare la Information Appliance, Inc. con …

venerdì 21 febbraio 2014 - 17 Commenti
Windows Refund Day, 15 anni dopo

15 febbraio 1999: un gruppo di utenti Linux appartenenti all’SVLUG (Silicon Valley LUG, tra cui Don Marti, Rick Moen, Chris DiBona, Nick Moffitt e Tabinda Khan) decide di far valere i propri diritti di recesso dell’utilizzo di Windows così come previsto dall’EULA, ovvero la End User License Agreement di Microsoft. L’idea viene al giovane web master Matt Jensen, di Seattle, che decide di proporre pubblicamente la cosa, avendo saputo che Geoff Bennett, in Australia, è riuscito (dopo circa 6mesi) ad ottenere il rimborso di 110$ australiani per la licenza di …

venerdì 7 febbraio 2014 - 2 Commenti
Una buona lettura: la storia di Ocean

Gli appassionati di videogiochi degli anni 80-90, ricorderanno sicuramente la Ocean Software, società inglese fondata da David Ward e Jon Woods nel 1984.
Ebbene, la Revival Retro Events Ltd. ha reso disponibile il libro The History of Ocean che racconta la storia della società attraverso aneddoti, fotografie, e progetti speciali che non sono mai stati svelati al grande pubblico.

Il libro, realizzato su carta lucida in modo da dare risalto alle foto e alle immagini, è scritto da Chris Wilkins e Roger Kean, es direttore di Crash e Zzap 64!, mentre le …

venerdì 24 gennaio 2014 - 5 Commenti
I 25 anni di 4DOS

Negli anni di domino del DOS era assolutamente normale trovare installato sul proprio computer una serie di utility aggiuntive che permettessero di superare i limiti del sistema operativo stesso ed aggiungere nuove e ricche funzionalità. Almeno fino all’arrivo del DOS 6 (indipendentemente dal produttore), avere le Norton Utilities o i PC Tools era un must, anche se venivano utilizzati, nella maggioranza dei casi, esclusivamente per l’undelete e per deframmentare il disco.
Meno frequenti, ma molto apprezzati dagli esperti, erano, invece, i replacer dei command line interpreter, ovvero un sostituto dell’interprete dei …

venerdì 10 gennaio 2014 - 8 Commenti
Timex Data Link, gli albori dell’iWatch

Da quando sono cominciati i primi rumors di un possibile smart watch targato Apple, noto informalmente come iWatch, l’interesse per tale classe di dispositivi è aumentato esponenzialmente e alcune importanti multinazionali, Samsung in primis, hanno rilasciato prodotti specifici.
L’idea di uno smart watch, però, non è né nuova e né rivoluzionaria, contando diversi esemplari nei decenni scorsi, tra cui uno dei più evoluti ed interessanti è sicuramente il Timex Datalink Watch.
 
Il package del Timex Data Link
Il prodotto nasce da una collaborazione tra Timex e Microsoft, ed il primo modello viene presentato …

venerdì 6 dicembre 2013 - 5 Commenti
Inversione di tendenza: l’ultimo Apple I in asta stenta a superare i 200.000

Probabilmente era inevitabile e, forse, è anche giusto ridimensionare il fenomeno del retrocomputing che rischia di trasformarsi in uno strano ibrido, fatto di interessi e annunci, piuttosto che di una passione finalizzata alla conservazione e conoscenza di una delle più grandi rivoluzioni a cui l’uomo abbia mai assistito.
Stiamo parlando dell’ultima asta, 16 novembre a Colonia, in cui è stato battuto un Apple I, proveniente dal primo lotto di 50 unità del Byte Shop: il prezzo di partenza era di 180.000€ e quello di vendita ha stentato a raggiungere i 200.000€ …

venerdì 15 novembre 2013 - 3 Commenti
Un saluto a William Lowe, co-papà del PC IBM

Siamo forse, involontariamente, stati forieri di un cattivo presagio quando con il post “IBM PC before 5150” abbiamo ripercorso i passi che hanno portato IBM a rilasciare “il” Personal Computer (5150), avviandosi con esso a diventare dominatore incontrastato del mercato.
Come abbiamo ricordato, l’intero ramo dei microcalcolatori IBM nasce dalla geniale intuizione di Paul J. Friedl che viene spesso indicato come “padre del personal computer”. In realtà a voler essere del tutto precisi il “padre” del Personal Computer (5150, piccolo – multifunzione e basato su microprocessore) è William C. Lowe, manager …

giovedì 31 ottobre 2013 - 6 Commenti
Magic Desk, quando il mouse lascia il posto al joystick

Che Commodore sia stata, nel primo triennio degli anni ’80, la società di riferimento per il mercato dei Personal Computer, essendo praticamente esso stesso una sua creazione, è un dato di fatto assolutamente inconfutabile.
Ma se sul versante hardware, il VIC-20 e il C64 hanno fatto storia, lo stesso non si può dire per i sistemi operativi realizzati dalla casa di Tramiel. In particolare, il Basic (di derivazione Microsoft) si dimostra, soprattutto sul C64, poco incline alle esigenze degli utenti più esperti, il cui termine primario di paragone è il CP/M, …

venerdì 27 settembre 2013 - 8 Commenti
IBM PC before 5150

La definitiva affermazione del Personal Computer è associata alla dirompente discesa in campo di IBM con il modello 5150 del 1981. Anche se, negli anni precedenti, altri competitor hanno spianato la strada alla nuova tipologia di computer (Apple, Tandy, Commodore, ecc…), l’arrivo di IBM ne sugella la definitiva affermazione come sistema professionale, e da ufficialità al termine Personal Computer stesso. Per chiarezza, indicheremo come “Personal Computer” solo i calcolatori che rispondono alle seguenti caratteristiche: requisiti: piccolo ed integrato, general purpose, basato su microprocessore, utilizzabile interattivamente da una singola persona, nessun …