grande-fratello
lunedì 9 Febbraio 2009 - 6 Commenti

Geolocalizzazione. E’ la parola magica su cui si basano diverse applicazioni, come Brightkite, e molte altre che permettono di indicare la propria posizione geografica, conoscere quella degli amici che utilizzano lo stesso social network, e quindi, almeno teoricamente avere la possibilità di ritrovarsi, anche fisicamente.
Da questo punto di vista non fa nulla di nuovo Google Latitude, l’ultimo tool lanciato da Google per dispositivi mobili, ma che si può usare anche sul desktop grazie a Google Gears.
A ben vedere però una differenza sostanziale c’è: è Google.

giovedì 17 Aprile 2008 - Commenta

Che in rete sia in corso una “conversazione persistente” l’hanno iniziato a capire anche le aziende, che hanno sperimentato sulla propria pelle il bello e il brutto dell’evoluzione dei propri consumatori.
Questi ultimi oggi parlano e discutono tra loro, con strumenti potenti che danno loro grande visibilità e risonanza. Basti citare il caso WalMart e quello HSBC per rendersi conto che quando la blogosfera vuole, riesce a provocare danni sensibili (e quantificabili) alle aziende.

venerdì 7 Marzo 2008 - 5 Commenti

Negli USA alcuni ricercatori dell’università di Berkeley in California stanno ponendo le basi per la lettura del pensiero.
Utilizzando la risonanza magnetica per captare e registrare l’attività del cervello, i ricercatori registrano e analizzano le risposte mentali agli stimoli visivi.
Mentre viene mostrata ad una persona una lunga serie di fotografie rappresentanti persone, animali, paesaggi e oggetti comuni nella nostra vita quotidiana, viene registrata l’attività cerebrale.
Con i dati raccolti, un software, appositamente realizzato, crea delle correlazioni tra l’immagine guardata e le reazioni della persona monitorata, per poter infine definire un modello …

venerdì 18 Gennaio 2008 - 4 Commenti

Monitoraggio dello stato psicofisico del dipendente: è questo in 6 parole il succo del brevetto presentato da Microsoft per un nuovo sistema, che dovrebbe dunque essere in grado di tener d’occhio la persona che lavora al computer nel modo più pervasivo finora possibile – una tecnologia simile a quella destinata ad astronauti e piloti aerei.

martedì 8 Gennaio 2008 - 2 Commenti

1984 di George Orwell è un romanzo straordinario: nonostante sia stato scritto sessanta anni fa, è oggi più che mai attuale, e capace di suscitare la nostra inconscia paura di essere perennemente spiati, sorvegliati. Certo, Orwell ha dovuto immaginare un dittatore con folti baffi neri, che imponeva con la forza la propria incombente presenza; non avrebbe mai potuto pensare che invece sarebbero stati gli individui ad esporsi, volontariamente, al rischio di essere tracciati nei loro comportamenti di tutti i giorni.
D’altronde Orwell nel ’48 non poteva nemmeno immaginare cosa fosse un …

venerdì 23 Novembre 2007 - 1 Commento

Non esiste un periodo migliore di questo per pubblicare un pensiero che da qualche giorno mi frulla per la testa. In questi giorni, si sa, andiamo scoprendo frammenti di verità inquietanti sulla gestione del sistema della comunicazione, un sistema che, pur nell’apparenza plurale e complesso, si presta ottimamente al subdolo intervento di “timonieri” occulti.
Dall’altro lato della barricata, una delle differenze più evidenti è la non uniformità delle notizie. Sembra sciocco da dire, e probabilmente molti di voi, abituati da sempre a fruire della sola rete per approvvigionarsi di …

martedì 30 Ottobre 2007 - 2 Commenti

Raggiungere il punto B partendo dal punto A. Questa è l’originaria, ed ancora la più diffusa, applicazione dei sistemi di posizionamento satellitare, noti con la sigla GPS.
Via via che questa tecnologia si va diffondendo si individuano nuovi ambiti e finalità di utilizzo, che però sollevano alcuni problemi ed implicazioni.
C’è chi il gps lo ha integrato nel giubbotto, a disposizione di genitori tecnologici quanto apprensivi, per tracciare i movimenti dei figli. Se ne è parlato da più parti, e a dire la verità con articoli curiosamente simili tra loro. Evidentemente …