di  -  giovedì 30 luglio 2009

Dopo la notizia dell’accordo fra Microsoft e Yahoo, riprendo brevemente il tema per commentare le primissime reazioni del mercato. Per prima cosa diamo uno sguardo a quanto accaduto in occasione della prima offerta Microsoft, poi rifiutata, di $ 44,6 bn per l’acquisizione di Yahoo:

MSFT-YHOO-1

La reazione sul fronte Microsoft, è piuttosto negativa, con una perdita che orbita attorno al 10%. Di tutt’altro segno quella che riguarda Yahoo, il cui titolo registra un incremento del 30% circa.

La lettura del mercato è in effetti unanime: per Yahoo, almeno dal punto di vista finanziario, l’offerta di Microsoft è assolutamente allettante. La crisi economica non è ancora conclamata, Yahoo è un player sempre più marginale nel mondo della ricerca e l’interesse di Microsoft rappresenta un’ottima via di fuga dal trend negativo che coinvolge i conti del n° 2 della ricerca.

Passiamo quindi ad osservare la reazione che riguarda l’operazione ufficializzata ieri:

MSFT-YHOO-2

La lettura del mercato stavolta sembra coerente con alcune analisi circolate subito dopo la diffusione del comunicato stampa: tante belle intenzioni ma poca “ciccia”. Microsoft tiene, Yahoo dopo qualche effervescenza nei giorni immediatamente precedenti, crolla.

Va specificato che si tratta di letture di breve periodo, che nulla hanno a che vedere con la capacità delle due aziende coinvolte di mettere a frutto le potenzialità della partnership nei tempi che saranno necessari.

Un dato sembra tuttavia emergere: indipendentemente dagli esiti pratici, il mercato non avrebbe probabilmente perdonato al colosso di Redmond un’esposizione così forte a fronte di sinergie da valutare attentamente e notevoli sovrapposizioni, particolarmente al chiarirsi – pochi mesi dopo la prima offerta – della portata e gravità della congiuntura economica mondiale.

Con il positivo lancio di Bing, attorno cui va concentrandosi l’interesse di un mercato che probabilmente inizia a cercare alternative allo strapotere di Google, e – va ricordato – col “provvidenziale” rifiuto di Yang, Microsoft ha avuto l’occasione di tornare sull’accordo da una posizione di forza, con un’esposizione molto inferiore e, soprattutto, più vincolata ai risultati.

Fonte dei dati: Yahoo Finance

1 Commento »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    floc
     scrive: 

    semplicemente il mercato sperava ancora in un’acquisizione completa a quote vantaggiose x gli azionisti, cosa che ora e’ chiaro non avverra’ in tempi brevi. E quindi si scappa, basta guardare i volumi, per questo yahoo crolla :)

    Da parte ms invece l’affare e’ passato fondamentalmente in sordina, oltre al fatto che comunque chi detiene azioni ms e’ molto piu’ propenso ad un investimento di lungo periodo e di certo non si spaventa per questo, contrariamente alla natura piu’ speculativa di yahoo proprio x le voci insistenti degli ultimi tempi

    interessante comunque l’idea di proporre qsa anche di economia :)

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.