microsoft
mercoledì 25 agosto 2010 - 106 Commenti
Oracle con una mano chiede soldi a Google, e con l’altra piccona Java

Quando parliamo di Sun e di Oracle difficilmente possiamo pensare all’eredità della prima presa in consegna dalla seconda: troppo diverse le finalità e le azioni, con l’azienda di Redwood votata a batter cassa cercando di capitalizzare il più possibile il portfolio di strumenti e proprietà intellettuali della ex casa di Santa Clara.
Una recente notizia sembra, però, accomunarle nuovamente, all’insegna di un ritorno al passato in quella che all’apparenza si prospetta come una difesa di uno dei gioielli di famiglia, il linguaggio di programmazione Java che, nel bene e nel male, …

venerdì 28 maggio 2010 - 12 Commenti
I primi vent’anni del tablet

Come mi piace ripetere, il mondo è pieno di sorprese per chi non ha memoria. Il tablet per esempio: un oggetto su cui da decenni i produttori si scervellano, alla ricerca di un metodo di interazione uomo-macchina più intuitivo di quello mediato da tastiera e mouse.
Il debutto della GUI su personal computer, l’interazione dell’utente con oggetti più o meno autoesplicativi rappresentati da icone, rappresenta in questo percorso un punto di grande accelerazione: le precedenti interfacce a caratteri potevano prestarsi ad un input touch-based, ma solo limitatamente a funzioni ben determinate, …

venerdì 28 maggio 2010 - 83 Commenti
Qualche considerazione sul “sorpasso” di Apple su Microsoft

Una pioggia di entusiasmo ha invaso la rete e le legioni di entusiasti utenti Apple, allorquando, ieri l’altro, è arrivata l’attesa notizia del fatidico sorpasso: il market cap (il valore delle azioni circolanti), di Apple ha superato quello di MS.
Senza nulla togliere all’importanza del traguardo raggiunto da Apple e al “miracolo” attuato da Jobs al suo rientro, il market cap è un indicatore molto legato alla fiducia degli investitori, un fattore cui non è estranea anche una certa componente “emotiva” e che non esaurisce la capacità di un’azienda di produrre …

mercoledì 12 maggio 2010 - 37 Commenti
Quanto è interoperabile ODF?

In un precedente articolo in cui riportavo delle riflessioni su una notizia riguardante il plugin ODF di Oracle per Microsoft Office, è stata sollevata da un lettore (commento #13) la presunta mancanza di (piena) aderenza allo standard da parte del filtro di importazione realizzato da quest’ultima per la versione 2007 del suo noto pacchetto.
Si tratta di un’accusa che circola da tempo nei confronti della casa di Redmond, che a questo punto merita di essere analizzata e sviscerata alla luce del draft ufficiale dell’ODF (che trovate qui) e delle critiche che …

mercoledì 28 aprile 2010 - 53 Commenti
Oracle riaccende la guerra dei formati

Che la politica di Oracle sia decisamente diversa da quella di Sun, penso sia fuori discussione e ormai l’avranno capito tutti. D’altra parte da un’azienda votata al lucro cosa ci si dovrebbe aspettare, se non pensare principalmente ai propri interessi e, di conseguenza, a quelli degli azionisti?
Non sorprende, pertanto, l’ultima mossa della casa di Redwood, la quale sta cercando di capitalizzare in tutti i modi l’acquisizione dell’ex colosso di Santa Clara con operazioni che, a seconda di come le si veda, possono far storcere il naso o imprimere un ilare …

lunedì 12 aprile 2010 - 5 Commenti
Facebook sbarca nella “perfida” Cina, anzi no, però chissà…

La “dottrina Google” sulla Cina, sembra non riscuotere molte adesioni fra i colossi tecnologici americani. Dopo che Microsoft ha fatto capire che a mollare la Cina non ci pensa proprio (fonte: Reuters) così come MySpace, e Twitter che starebbe preparando lo sbarco (qui una nostra analisi), anche Facebook starebbe valutando l’ingresso nel mercato cinese, senza alcuna pregiudiziale “etica”, come sostenuto nel commento dei resposabili del social network circa la notizia diffusa da Marketwatch qualche giorno fa:
We are interested in China, just as we are many other countries, and while we …

venerdì 2 aprile 2010 - 9 Commenti
Compaq Portable, il primo vero clone

12,5 Kg di peso, nei primi anni ’80, erano sufficienti per definire un computer “portatile” – benché la dicitura “trasportabile” rendesse meglio l’idea. Se poi questo computer era anche pienamente IBM compatibile, e consentiva dunque l’esecuzione dei più popolari software di produttività (word processor, fogli di calcolo, database) sviluppati per la piattaforma business per eccellenza, il PC IBM, era legittimo parlare di una rivoluzione copernicana.
In questa nuova avventura nel colorato mondo del retrocomputing, la macchina del tempo ci trasporterà come per magia nel 1982, anno di introduzione del Compaq Portable, …

giovedì 1 aprile 2010 - 25 Commenti
Video: Microsoft critica Chrome sulla privacy (col trucco)

Breve, esplicativo ma controverso, il video con cui un product manager di Internet Explorer 8 confronta i due browser con l’ausilio di Fiddler – un programma di web debugging – per dimostrare che Google manda una richiesta ad ogni pressione di tasto verso google.com, mentre IE8, grazie alla separazione della barra di ricerca da quella degli URL, non invia alcuna informazione durante la digitazione nella barra degli URL.

Il trucco c’è e non è sfuggito ad ArsTechnica: in Chrome la barra degli indirizzi corrisponde effettivamente a quella della ricerca, per …

mercoledì 31 marzo 2010 - 9 Commenti
Google somiglia sempre più a Microsoft?

Premessa: Microsoft non è qui citata in qualità di “azienda cattiva”, feroce monopolista o quant’altro certo folklore tecnologico abbia costruito – spesso più su basi fideistiche che logiche – attorno all’immagine del colosso di Redmond. Si cita Microsoft come un’azienda che negli ultimi anni ha avuto difficoltà nel rinnovare la propria offerta, rimanendo sostanzialmente ancorata ai mercati che da decenni alimentano le sue ricche casse.
È esattamente in questa direzione che mi pare si sviluppi un parallelismo fra la situazione di Google e quella in cui MS si trova da tempo. …

lunedì 15 marzo 2010 - 12 Commenti
Google.cn: che si fa, si chiude?

Si è parlato molto del caso Google China nelle ultime settimane. Riassumendo, dopo anni di tensione fra le misure censorie imposte dal governo cinese e le politiche di business di Google, in seguito a un massiccio attacco proveniente dalla Cina, Google si è pronunciata a favore della rimozione dei filtri di censura e dunque della cessazione delle operazioni in Cina (qui una timeline a cura della BBC).
Dopo il 13 gennaio, data dell’annuncio di Google relativo alla sospensione della collaborazione col governo cinese, abbiamo assistito ad una dura presa di posizione …