mac-os-x
mercoledì 25 Giugno 2008 - 31 Commenti

Visiti un sito e ti becchi un trojan travestito da programma, che usando un pizzico di social engineering ti chiede il permesso di essere eseguito, tu clicchi il fatidico YES e lui si installa silenzioso in background, consentendo a chiunque voglia di prendere il controllo remoto della tua macchina. Da root. No, non da Administrator, da root. Ebbene si, è un trojan per Mac.
Che il “mercato” dei programmi malevoli per Mac aspettasse solo una base di utenti un po’ più ampia per uscire allo scoperto non devo certamente spiegarvelo io, …

giovedì 12 Giugno 2008 - 18 Commenti

Gli utenti Apple potrebbero non fare nemmeno in tempo ad abituarsi a Tiger perché il suo successore è già sulla pista di lancio.
In realtà sono pochi gli addetti ai lavori che hanno dato realmente credito all’uscita di The Unoffical Apple Weblog, TUAW per gli amici. Uno di questi però è ArsTechnica ( una tra le voci più autorevoli e tecnicamente preparate del panorama IT), trovando anche conferme attraverso le proprie fonti vicine al marchio diretto da Jobs; quindi vale la pena almeno affrontare la questione.

martedì 3 Giugno 2008 - 10 Commenti

È una domanda che ultimamente ronza spesso nella mia testa.
Quando ho partecipato alla PyCon di quest’anno sono rimasto sorpreso nel vedere che sviluppatori professionisti , legati storicamente a sistemi GNU/Linux, utilizzavano nel lavoro quotidiano macchine Apple (tipicamente MacBook per esigenze di portabilità).
Python è un linguaggio Open Source e quindi è abbastanza naturale trovare in simili contesti team che fanno, di questa metodologia di sviluppo, il perno della propria filosofia aziendale.
Ed Apple, per scelte di marketing, viene collocata invece spesso sulla “sponda opposta del fiume”, perché spinge i propri prodotti …

lunedì 21 Aprile 2008 - Commenta

L’IBM lancia un programma pilota per passare ad Apple.
In seguito alle numerose richieste di lanciare un supporto anche per Mac, l’IBM ha deciso, con molta cautela, di far provare ad un gruppo pilota, costituito da dipendenti interni all’azienda stessa, i computer di Cupertino.
La reazione è stata entusiastica, tanto che la maggior parte degli interessati non ha più voluto tornare al vecchio PC Windows.

venerdì 18 Aprile 2008 - 45 Commenti

La vicenda di Psystar porta alla ribalta un problema molto dibattuto fin dal ritorno di Steve Jobs alla Apple, nel lontano 1997. Come alcuni ricorderanno, uno dei suoi primi passi fu quello di cancellare le licenze per la produzione di hardware Mac-compatibile, scatenando un fiume di critiche da parte di giornalisti, analisti e appassionati di tutto il mondo.
Oggi Apple ricava l’83% dei suoi guadagni dalla vendita di hardware – iPod, iPhone, Mac – il che rende pienamente ragione alla strategia aziendale di Jobs e zittisce le voci dissonanti. Viceversa, …

venerdì 11 Aprile 2008 - 14 Commenti

C’è una battaglia fra smanettoni in corso sulla rete: quante applicazioni si possono eseguire in contemporanea prima di crashare il sistema? La contesa prende immediatamente la direzione dello scontro fra OS, ed ecco dunque l’orgoglioso proprietario di un Macbook Pro (2.2Ghz e una quantità imprecisata di RAM), lanciare il guanto con 150 applicazioni contemporanee.
Risponde a breve termine Vista, con 108 applicazioni su un sistema Intel Quad core con 4Gb di Ram. La cosa interessante è che il possessore del PC Vista, fermatosi ben al di sotto della soglia …

mercoledì 2 Gennaio 2008 - 1 Commento

Secondo alcune fonti, WGA, una delle meno riuscite trovate di Microsoft, sembra, in via ancora embrionale, farsi strada dalle parti di Cupertino. Un brevetto di proprietà Apple, concernente l’uso di codice per assicurarsi che un dato software possa girare solo su un dato hardware, potrebbe infatti essere impiegato per “chiamare a casa” per un controllo di autenticità. Malgrado gli allarmismi già diffusi sulla rete, la questione merita qualche precisazione.

martedì 30 Ottobre 2007 - 8 Commenti

Come prontamente segnalato da L’Inq, a poche ore dal lancio sul mercato, un utente della community OSx86 scene ha già trovato il modo per installare la release ufficiale di Leopard su un PC, dando vita ad una nuova ed aggiornata incarnazione del cosiddetto “hackintosh“.
La procedura, che consta in una fase e pre e una post-installazione, è piuttosto complessa e richiede una certa destrezza con la linea di comando Unix. Il risultato finale, indipendentemente dalla quantità di capelli persi per raggiungerlo, non avrà certo la proverbiale stabilità di OS X ma …