di  -  mercoledì 30 gennaio 2008

eBayIl popolare portale di aste online eBay starebbe meditando un cambio di strategia, decidendo di focalizzarsi di più sulle vendite a prezzo fisso a danno delle tradizionali aste.

eBay deve il suo successo mondiale, che pone oggi il sito in condizioni di monopolio nel campo delle aste generaliste online, proprio al fatto di aver introdotto per la prima volta la vendita tra privati realizzata con lo strumento dell’asta.

Ciò ha consentito ai privati di vendere di tutto, anche cose di cui oggettivamente non si conosceva il valore. Quante volte è capitato di “fare pulizia” di una casa troppo piena o di quella cantina in cui non si riusciva nemmeno più ad entrare? Quanto vale il lampadario della nonna? Impossibile dirlo, ma eBay arrivava in soccorso e lasciava che fosse il mercato a fare il prezzo.

Quando però gli affari hanno iniziato ad andare davvero bene, da sito per le aste online di monete e francobolli, eBay si è trasformato in un enorme portale di e-commerce, questa volta affollato non più solo da privati ma anche, e in certi settori merceologici soprattutto, da venditori professionisti.

Da un lato questo cambiamento ha portato prodotti di maggiore qualità, nuovi e con garanzia. Dall’altro vi è stato un generale aumento dei prezzi e, di fatto, il piccolo privato o il piccolo negozio sono stati esclusi dal mercato, costretti a rinunciare ai margini di guadagno prima presenti.

Recentemente ricercatori della Smith School of Business della University of Maryland hanno individuato nel c.d. “consumer surplus”, cioè la differenza tra ciò che i consumatori pagano effettivamente e ciò che sarebbero stati disposti a pagare, un indicatore fondamentale per capire eBay. Come noto quando si offre in un’asta, eBay non rilancia del valore offerto dell’offerente, ma solo di quanto basta per superare il secondo migliore offerente.

Ciò provoca da un lato buoni affari per i consumatori, che mediamente risparmiano il 30% rispetto a quanto sarebbero stati disposti a pagare e, allo stesso tempo, fa “perdere” il 30% ai venditori che non sanno quanto l’acquirente sarebbe disposto a pagare.

Il recente cambio di direzione di eBay, quindi, cerca di spostare l’ago della bilancia a favore dei venditori, favorendo i “Compralo subito”, cioè le inserzioni a prezzo fisso. Io penso che sia davvero un peccato snaturare eBay della sua origine, ovvero il mercato tra privati di compravendite amatoriali. Trasformare eBay in una “brutta copia” di Amazon non penso sia una soluzione interessante, perché se ne erediterebbero i difetti (prezzi alti) e non i pregi (garanzia e sicurezza).

4 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Valentina
     scrive: 

    Anche perché Ebay sta pure addottando la politica della “protezione truffa”. Basta vedere le migliaia di aste o compralo subito dove è chiaro come il sole che il venditore è un truffatore (talvolta testimoniato anche nell’ area feedback), che non vengono chiuse. Chiudono solo le aste che accettano come pagamenti quelli in cui Ebay non riesce a sottrarre una commissione sull’ importo (vedi paypal)……………

  • # 2
    Giulio
     scrive: 

    Bah… se i prezzi sono alti ci sono sempre i negozi normali sul web o “sotto casa”…
    E di Ebay… Ma chissene! Peggio per loro… Tanto più che il costo delle spedizioni spesso rimane già ora un ammazza-risparmio (specie su cose di baso-medio valore).

    Se non sanno capire su cosa si basa il successo, come sperano di continuare? E’ vero che anche i negozi li fanno sconti per via dell’alto numero di vendite, però a un certo punto preferisco la garanzia del “sotto casa” (a dimostrazione del fatto che se un risparmio c’è, magari non è così conveniente approfittarne).

  • # 3
    Max Della Torre
     scrive: 

    Su eBay ci sono alcune categorie di prodotti sui quali si risparmia veramente tanto (includendoci pure la spedizione) e poi ci sono quei prodotti che non riusciresti a trovare nel negozio sotto casa e il costo della spedizione è infinitesimale rispetto al tempo che uno perderebbe per andarlo a cercare.
    Ultimamente ho acquistato due D300 con varie ottiche e accessori a HK… ho risparmiato un buon 35% rispetto ai miei fornitori italiani. Sono contento io, è contento il venditore, è contenta eBay.

    Ci sono però dei prodotti sui quali non c’è un così grande risparmio, i plasma e gli LCD per esempio, ormai il mercatone ti fa gli stessi prezzi se non migliori quando ci sono le offerte di volantino e a meno di non trovare l’ultimomodellodifinescortadifineserie non conviene più di tanto.

    Quindi, mio consiglio, considerare si eBay, ma guardarsi anche in giro prima di premere “acquista”.

  • # 4
    Antonio Cosco
     scrive: 

    Vorrei sapere come mai mi arrivano e-mail come e-Bay ,questo è un esempio : Gentile Cliente,ti ho già fatto il pagamento,fammi sapere quando spedisci,entro quanto tempo e così via,non vorrei che questi figli di gran puttana cercano di fottere il prossimo,non il sottoscritto,quindi Vi prego vivamente di essere tolto dalla vostra lista,in caso contrario farò una denuncia alla pubblica autorità.perchè ne ho piene le scatole di queste e-mail di merda,distinti saluti Antonio Cosco

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.