di  -  venerdì 22 gennaio 2010

adobe-flash-playerNel corso della scorsa estate ho sollevato il problema dell’accelerazione in hardware dei contenuti video e, in particolare, affrontai questa criticità dal punto di vista del web.

Del resto possiamo affermare che è almeno da quando si sono diffusi YouTube e company che la riproduzione video non è più un problema esclusivo dei vari media player, ma riguarda anche i browser.

In occasione di quella riflessione emersero essenzialmente due osservazioni. Innanzitutto la riproduzione video sul web è di quasi esclusiva competenza Adobe e del suo Flash Player, non essendoci ancora uno standard HTML (previsto per la versione 5) che garantisca tale possibilità senza l’ausilio di plugin esterni e considerando trascurabile la diffusione del rampante Silverlight di Microsoft.

In secondo luogo, il Flash Player non garantiva alcun tipo di accelerazione in hardware per la decodifica dei vari formati di flusso video.

Tuttavia fu proprio in quell’occasione che citai l’Open Screen Project, un progetto in cui Adobe ha voluto coinvolgere nello sviluppo di Flash Player una serie di partner con l’obiettivo di ottimizzarne il funzionamento e di introdurre un’adeguata accelerazione in hardware supportata non solo dalle schede video per personal computer e notebook, ma anche dai vari multimedia processor integrati in MID, palmari e smartphone.

Con buona pace per chi pensasse che tale progetto sarebbe andato eccessivamente per le lunghe e che non si sarebbe concretizzato in nulla di utile, nel corso dell’autunno Adobe ha presentato le prime versioni beta del suo Flash Player 10.1 una versione che porta con sé tutti i frutti delle collaborazioni intraprese con i membri dell’Open Screen Project.

Restando sul piano della riproduzione video, ritroviamo un primo supporto alla decodifica in hardware dei video H.264 sulle piattaforme Windows XP, Windows Vista e Windows 7. Per maggiori informazioni sui processori grafici supportati vi rimando alla documentazione ufficiale.

Altro importante aspetto è il supporto da parte di molteplici attori presenti sul mercato delle soluzioni hardware/software per smartphone: RIM per Blackberry, Google per Android, ed NVIDIA per le piattaforme ION e Tegra.

Personalmente resto scettico sull’adozione di plugin come Flash e Silverlight per lo sviluppo in generale di Rich Internet Application e guardo con particolare interesse all’evoluzione dello standard HTML e di Javascript, tuttavia una cosa è certa: vista la rapidità con cui possono essere proposte e concretizzate queste sinergie hardware/software, il vero rischio per noi italiani è quello di non riuscire a fruirne appieno a causa della banda(non eccessivamente) larga che arriva nelle nostre case, in particolar modo se parliamo di video HD in streaming.

15 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Zererico
     scrive: 

    Youtube sta sperimentando HTML 5. Adobe dovrebbe iniziare a preoccuparsi.

  • # 2
    v1
     scrive: 

    html5 sembra aver messo un po’ di pepe al c*lo di adobe…

  • # 3
    Riuzasan
     scrive: 

    Appunto … il problema da noi è la banda delle cossessioni ad internet casalinghe.

    Io ho fastweb (connessione reale 8mbit/512kbit e pingo in media su pingtest a 15ms, quindi una connessione quasi top per le ADSL italiane) e comunque soffro con i video HD: per vederne uno senza problemi non devo in quel momento fare null’altro.

    Ho provato per lungo tempo anche la TV digitale, ma con risultati disastrosi e troppo legati all’uso della connessione internet in parallelo alla visione della TV via fastweb.

    Purtroppo siamo un paese arretrato e la cancellazione dei finanziamenti stanziati nel 2007 da governo Prodi e cancellati 3 mesi fa dall’attuale governo … non fa che peggiorare lo stato delle cose.

  • # 4
    marco
     scrive: 

    ma per html5 c’è ancora parecchia confusione sugli standard da utilizzare???

  • # 5
    iPoPo
     scrive: 

    anche vimeo ha iniziato oggi il test beta di html 5.

  • # 6
    pabloski
     scrive: 

    “ma per html5 c’è ancora parecchia confusione sugli standard da utilizzare???”

    no, l’unico problema è se usare h.264 o theora

    firefox supporta theora ecco perchè non funge con youtube in html5, mentre youtube, appunto, usa h.264

  • # 7
    goldorak
     scrive: 

    Firefox e Opera hanno fatto la scelta giusta che e’ anche quella piu’ difficile. E cioe’ supportare direttamente uno standard veramente aperto. Francamente, e’ necessario avere h.264 per guardare la mirade di filmini idioti e senza senso su Youtube o su altri siti di video charing ? No non fa alcuna differenza se venisse usato theora o h.264 se poi il filmino e’ stato ripreso con un telefonino.
    Laddove h.264 potesse effettivamente avere un suo senso e’ nei portali che offrono/offriranno in futuro video on demand commerciale. Allora li’ si che avrebbe senso buttare flash e usare direttamente h.264 (tanto flash e’ soltanto un wrapper per il video in h.264).
    Certo in tutto questo Google potrebbe ancora giocare l’asso nella manica, ovverosia l’acquisizione di ON2 e rendere open e free alcuni codec avanzati come il VP7/8.

  • # 8
    Perlano
     scrive: 

    Scusate ma com’è possibile che di Nvidia siano supportate tutte le serie dalla 8 in su, anche le versioni mobile, ma la 8200M non è presente nell’elenco (e ovviamente io ho la 8200M nel mio portatile) ????

  • # 9
    Alessio
     scrive: 

    Gasato dal supporto Flash dei 9.12 e della fresca reistallazione, ho messo tutto a puntino.
    Flash forse funzionava, ma mediaportal non ne voleva sapere di andare. E siccome l’HTPC gira intorno a mediaportal ho tolto il tutto.

    In ogni caso il problema non sta nell’accellerazione HW del H264 ma il player che si integra con il browser!
    Come mai 80%cpu online e 10% offline?
    a me interesserebbe meno il supporto h264 (ben venga comunque) ma un utilizzo congruo della cpu.

    e se la cpu viene utilizzata di meno, il pc consuma meno e se moltiplichiamo questo per tutti i video visti, il risparmio energetico non è indifferente.

  • # 10
    lucusta
     scrive: 

    Perlano, avevo scritto la descrizione tecnica del tuo problema, ma il codice antispam mi ha bloccato per ben 2 volte….
    comunque e’ un problema di split dei driver:
    la tua GPU non supporta la decodifica di H264 se non e’ 4:2:1, percio’ solo alcuni video a specifici intervalli di risoluzione verranno decodificati in HW, senno’ splittano in software.
    “GPUs with this note may not support H.264 streams with the following widths: 49, 54, 59, 64, 113, 118, 123, 128 macroblocks (769-784, 849-864, 929-944, 1009-1024, 1793-1808, 1873-1888, 1953-1968, 2033-2048 pixels).”

    e’ essenzialmente un problema di driver…
    cosi’ sono messi tutti quelli con supporto VP3 (pure video HD), ossia da G98 in su: da ION, 8200 descktop e 8400GS ultimi chip, che e’ piu’ o meno quello che hai tu, il MCP79M fino ad alcune 9xxx, solo le 2xx dovrebbero codificare tutto.

  • # 11
    Perlano
     scrive: 

    Grazie per la risposta lucusta, non ci ho capito molto ma se come dici tu è un problema di driver spero che lo risolvano al più presto…

  • # 12
    lucusta
     scrive: 

    goldorak:
    google oggi ha comprato ON2…
    speriamo che aprino VP8 (lo faranno sicuramente per non pagare royalty per H.264).

    PS:
    mi dai 6 numeri per domani?

    Perlano, purtroppo non ci spererei nei driver…
    ION e’ l’unico chip su cui nVidia avrebe interesse nel sistemare questa pecca (oltre al tuo, visto che si tratta dello stesso chip), ma tra’ qualche giorno esce ION-2, che e’ un 9400M, e non ha i questi problemi…
    quindi non mi farei troppe illusioni.

  • # 13
    tmx
     scrive: 

    “Intel GPU: dai chipset serie 4 in su”.

    Quindi l’esercito di netbook con il 945 sono tutti fuori!!!
    ahahahahahahahahahahah che furboni!!!

    beh magari non è possibile per i limiti intrinsechi di quell’IGP datato, ma se non fosse così… ;)

  • # 14
    Whity
     scrive: 

    hehe io per fortuna ho una Intel X4500M HD integrata nel chipset……la prima intel in grado di riprodurre filmati in full hd in hardware. In effetti con flash l’ho notato che “qualcosa” splitta in software visto che ho testato che con un filmato da 720p (1280×720) il carico della cpu sta sul 15%, mentre con un 1080p (1920×1080) si attesta sul 30%.

    Certo che è il colmo che il produttore del mio portatile (non faccio nomi) abbia messo una scheda in grado di decodificare l’H.264 in hardware………ed una sola uscita video VGA……….XD comunque io uso la risoluzione 1440×900 su monitor esterno quindi per me l’ideale è il 720p a tutto schermo………il 1920×1080 è un bel po’ sprecato (soprattutto per la larghezza……….da 1440 a 1920 c’è un’abisso). Lo scermo del portatile invece è un 1280×800 quindi meglio per il 720p (ricavo ovviamente delle barre nere sopra e sotto l’immagine).

    Ciao, Whity :)

  • # 15
    goldorak
     scrive: 

    E cosi’ siamo arrivati al dunque, pare che Google al prossimo I/O rendera’ open source e si spera (ma il contrario non avrebbe alcun senso) il codec VP 8 royalty free e patent free.
    Mi piace quando i miei pronostici ci azzeccano al 100%. ^_^

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.