di  -  venerdì 8 maggio 2009

Duke

Abbandoniamo per un attimo il panorama videoludico legato agli home computer degli anni ’80 per saltare avanti di qualche anno e tuffarci nella nostalgia informatica di stampo PC. Un universo, per quel che mi riguarda, forse meno romantico, ma pieno di divertimento e di emozioni, molte delle quali risalenti anch’esse ai primi anni ’90, dopo la mia codarda diserzione dalle fila dei fedeli all’Amiga.

Fra le migliori memorie del mio passato videoludico su PC merita ovviamente, se non la pole position, perlomeno la prima fila, Duke Nukem 3D, il capolavoro della 3D Realms che tante ore ha tolto al sonno, allo studio, alle donne, alla pornografia e alla vita sociale, di milioni di adolescenti e non.

In effetti nel 1996, anno del lancio di Duke Nukem 3d su PC, adolescente non lo ero da un po’, eppure, dopo le nottate passate a finirlo, mi sono ritrovato a passarne molte altre, in compagnia di 3 amici, in frenetiche sessioni multiplayer accompagnate da birra, patatine, pop corn e tutto il repertorio di rozzezze che 4 uomini – per un totale di oltre 4 quintali – sono in grado di mettere in scena in una serata.

Palati raffinati, deboli di cuore, benpensanti, fanatici del politically correct, sono pregati di accomodarsi nella sezione dedicata ai pokemon di qualche altro sito: tutto ciò che ha a che vedere con Duke Nukem, è volgare, triviale, allusivo, se vogliamo pecoreccio, ma tremendamente consono allo stile delle rimpatriate videoludiche fra amici.

Per tutti gli altri è il momento di entrare nel vivo della questione, al grido di Hail to the king baby!
Duke Nukem – personaggio maturato attraverso una pletora di titoli precedenti alla versione 3d, fra cui i meno noti titoli Duke Nukem (1991) e Duke Nukem II (1993) – volendo usare una formula matematica ripescata nelle mie fatiscenti memorie liceali, è uno-fratto i vari pokemon, mario bros, manga con eroi muscolosi e piangenti. Malgrado ciò, Duke – feroce caricatura dell’eroe yankee che frequenta dai tempi di John Wayne, l’immaginario collettivo occidentale  – riesce ad essere opposto anche ai più truci eroi alla Kenshiro, per un motivo molto semplice, che poi è la chiave del suo successo: mentre commette gli eccidi (di alieni) più efferati, fa sbellicare dalle risate.

Un protagonista che, dopo aver “disassemblato” a colpi di RPG e ridotto a una massa sanguinolenta e fumante un alieno, si prende il tempo per esclamare “Your face. Your ass. What’s the difference?” (come a dire, dopo questo trattamento non si riconosce più la faccia dal c***), o che prima di iniziare il combattimento con un boss di fine livello gli promette di strappargli la testa e usare il suo collo come “conduttura di scarico”, mancava nella scena videoludica.

Un protagonista le cui frasi sono talmente irriverenti e scurrili da aver segnato un’epoca, la cui voce rauca – appartenente al doppiatore Jon St. John – rimane scolpita nella memoria di milioni di videogiocatori d’essay, in mezzo a tanti eroi senza macchia e senza paura pronti a salvare il mondo dalle solite minacce aliene, naziste etc., è geneticamente destinato a lasciare una traccia nella storia del videogioco (magari si riuscisse a farne un film!).

In effetti una traccia l’ha lasciata, proprio con l’inimitabile Duke 3D, oggetto di numerosissimi porting, espansioni, riadattamenti ad HW/SW moderni, ma non di un sequel ufficiale nel genere FPS. Annunciato da lunga pezza, il sequel di Duke 3D è in effetti il vaporware più colossale della storia informatica, di dimensione proporzionale all’attesa degli appassionati e al successo che inevitabilmente – se ben realizzato – avrebbe riscosso.

L’incapacità di 3DRealms di trasformare la farsa pluriennale del sequel in un grande “numero 2″ – dopo un video molto recente che ha rinfocolato le speranze – ha forse contribuito in maniera determinante a decretarne la scomparsa, confermata proprio nei giorni scorsi da uno sciame di notizie sempre più incalzanti e, purtroppo, non smentite.

Cosa riserva dunque il futuro agli appassionati del biondo e spietato Duke? A parte i numerosi sforzi della community di fan, un’industria videoludica così a corto di idee da dover ripescare perfino Bionic Commando, riscoprirà di certo Duke, e magari restituirà ai tanti che non hanno mai smesso di aspettarlo, la meritata ricompensa. Non possiamo far altro che continuare, dopo 10 anni e più, e chissà per quanto ancora, ad incrociare le dita.

14 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    banryu79
     scrive: 

    Il Duca direbbe:
    – What are they wating for, Christmas? –

  • # 2
    doc
     scrive: 

    Duke Nukem è una leggenda, ha fatto la Storia dei videogame.
    Vorrei ricordare l’esistenza di add-on per questo gioco, “Duke Nukem’s Penthouse Paradise”, merita di essere giocato ;-)

  • # 3
    PaK
     scrive: 

    ma se io volessi rigiocarci oggi … cosa dovrei procurarmi ? perchè in pratica qualche anno fa provai una versione con espansioni ecc.. dovetti formattare….
    il duca nel mio cuore.. per sempre…
    penso sia stato il mio primo fps… in quel periodo provai duke nukem 3D , doom II , ed infine quake II … capolavori

  • # 4
    Paolo
     scrive: 

    Duke Nukem, Wolfenstein, Rise of the Triad, Quake e Doom… ne ho ammazzata di gente a metà degli anni 90!
    Tra una canzone dei New Radicals e l’inno alla vita dei Chumba Wamba, scorrevano lenti e inesorabili i giorni in cui le occupazioni scolastiche erano solo un pretesto per fiondarsi a casa del malcapitato di turno!
    Grazie di cuore Alessio!

  • # 5
    luca
     scrive: 

    giocato all’epoca su un notebook, sia in single player che in multi (lan e modem 56k)
    era la versione atomic edition, che ancora possiedo, completa di scatolozzo e etichetta verde con il prezzo…lire 89.900
    una curiosità…nella scatola c’era un piccolo volantino in A5 che annunciava l’arrivo un altro bellissimo game: Blood

    l’ho rigiocato di recente (assieme a doom e quake) con il perfetto porting per la mia fida console gp2x :)

  • # 6
    Tambu
     scrive: 

    SSSSSSShake it baby! :)
    mai giocato da solo. Ai tempi frequentavo un corso di reti, si parla ancora di reti BNC, e dopo essersi fatti il mazzo con Novell Netware e Windows 95, quando finalmente tutti pingavano, si andava di Duke Nukem 3D! :)

  • # 7
    Flare
     scrive: 

    Uno dei pochi fps che ho trovato divertente, specie in multi.

  • # 8
    kusimano
     scrive: 

    c’era qualcosa che non mi faceva scatenare il back in the days nel video…i modelli 3d!!!
    questo è il vero duca d’un tempo!:D
    http://www.youtube.com/watch?v=opUWFt5XWLc&feature=related

  • # 9
    kusimano
     scrive: 

    ma dark forces non se lo ricorda nessuno?:D
    http://www.youtube.com/watch?v=AW8yk_eIHJU

  • # 10
    geihard
     scrive: 

    Per chi vuole giocarci ora basta installare una qualsiasi versione del gioco e poi procurarsi EDuke32 + HighResolutionPack, un port win32/opengl della vecchia gloria 3drealms.

  • # 11
    Fede
     scrive: 

    Io stavo all’ultima mia fase adolescenziale, tuttavia come molti miei coetanei anche io giocavo a Duke Nukem 3D; per i nostalgici vi do una buona nuotizia:

    Volete rivivere le stesse emozioni di quei tempi, stesse scene, stessi episodi, stesso audio, esiste un’espansione grafica di Duke Nukem 3D da usare con la versione originale il cui scopo è solo quello di migliorare la grafica in termini di risoluzione video adeguandola alle directX 9 di Microsoft.

    La predetta Patch io l’ho installata e vi assicuro il gioco non viene minimamente alterato quello che cambia è la grafica peraltro ricca di settaggi esattamente come i giochi di questi ultimi tempi.
    Il Game gira molto fluido (media circa 400 FPS, la visualizzazione degli FPS è impostabile nel menu opzioni)

    Per chi fosse interessato e non riesce a reperire la predetta espansione mi contatti via email e io la metterò a disposizione gratuitamente s’intende fornendo anche le istruzioni per come installarla

  • # 12
    mike
     scrive: 

    Anche “Postal” non scherzava (non scherza) … e c’e’ pure il film!

  • # 13
    Lobo
     scrive: 

    Do you wanna dance?

    che gioco! giocato su un mac nel periodo in cui mi smazzavo descent, dark forces e il mitico FA/18 Hornet.
    Sob! qualcuno ha il poco di materia rossa per creare una singolarita’ e tornarmene indietro nel tempo?

  • # 14
    Nick Rostell
     scrive: 

    Alè maronn che nostalgia per quelle belle serate trascorse a spararci l’un l’altro fino alle 3/4 di mattina, ovviamente con contorno di patatine, birra e rutto libero (ma si diciamolo!)
    Se non si era capito sono uno dei 3 di cui parla Alessio
    :-) :-)

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.