di  -  mercoledì 25 giugno 2008

Dopo anni di pressione e di auspicati cambiamenti di rotte da parte di IBM, Sun ha completato il processo iniziato due anni fa e annunciato alla JavaOne Conference.

In effetti le tre versioni (Standard, Micro ed Enterprise) erano già state divenute Open Source insieme al graduale rilascio di compilatore e virtual machine.
Il problema nasceva da quel che la FSF aveva definito la “Java Trap”, ovvero quel 5% di codice proprietario, quasi interamente terzo, ancora presente.
Ma il progetto IcedTea, istituito da RedHat e che aveva il compito di rimpiazzare quella porzione di codice presente nell’OpenJDK, ha finalmente raggiunto l’obiettivo.

Il percorso non è stato quindi dei più semplici, com’era prevedibile, ma forse si è reso al tempo stesso necessario. Quattro infatti sono state le motivazioni che hanno indotto Sun a compiere questo passo quasi epocale:

  • il tentativo di attrarre quella parte di sviluppatori che supportano e sfruttano nel proprio lavoro soprattutto metodologie di sviluppo Open
  • fare proprio il nuovo modello di business derivato dall’utilizzo di queste metodologie
  • dare nuova linfa e nuove idee, su spunto della comunità OSS, in merito al design sul linguaggio e sulla piattaforma (ultimamente piuttosto criticate)
  • contrastare il crescente successo di Microsoft .NET

Se prima le scelte progettuali venivano imposte dall’alto secondo un sistema tipicamente piramidale, con al vertice un comitato presieduto da Sun stessa, ora, la scelta di abbracciare la licenza GPL consentirà, a chiunque voglia farlo,  la modifica del codice sorgente di Java e il suo rilascio pubblico.

Contemporaneamente però, può rappresentare un pericolo, il pericolo del forking selvaggio, da sempre uno dei punti deboli dei sistemi GNU/Linux in ambito commerciale, perché frammenta le risorse produttive e rende difficile il processo di identificazione del prodotto nell’utente finale.

5 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    fradetti
     scrive: 

    state divenute???????

    mamma mia

  • # 2
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    refuso mio pardon…

    a parte questo? :) Quando uscì la notizia due anni fa’ si scatenò un putiferio con Sun salvatrice della patria tanto quanto Google ora…mmm

  • # 3
    codx
     scrive: 

    Delle quattro motivazioni esposte l’unica convincente mi sembra l’ultima, ovvero contrastare il successo di .NET.
    Personalmente non mi interessa affatto il modo in cui è distribuita, l’importante è che resti un prodotto di qualità come lo è stato finora.

  • # 4
    Cesare
     scrive: 

    Contrastare .NET la vedo molto dura.

    Complice anche il lento aggiornamento che ha avuto Java come linguaggio rispetto a C# et similia. E per giunta con discutibilissime scelte di design di alcune caratteristiche.

  • # 5
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    a molti non interessa così come non fanno di una metodologia di sviluppo una bandiera di riferimento.
    Ma è indubbio che la parola Open Source è piuttosto in voga ultimamente e sfruttarne l’hype anche dal punto di vista commerciale è senz’altro una strategia.
    Che poi paghi o no, lo vedremo.
    Certo non è stato solo quello il motivo e ci mancherebbe…

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.