di  -  venerdì 17 luglio 2009

Windows ME

Se intorno al 1999 mi avessero detto che un giorno avrei scritto, all’interno di una rubrica intitolata “nostalgia informatica“, di Windows 98, mi sarei fatto una grassa risata. Non c’era nulla in quel sistema operativo che mi sembrasse degno di un moto di nostalgia, nulla che fosse lontanamente in grado di cancellare il recondito senso di colpa per l’abbandono dell’amato Amiga, nulla di misterioso e affascinante come il Macintosh – le cui macroscopiche imperfezioni, OS9 in primis, rimanevano celate da un gap di prezzo invalicabile.

Ma poi si sa, l’età avanza, la nostalgia informatica è canaglia, e non sempre le evoluzioni in cui allora riponevi le tue speranze si rivelano migliori di quel che hai lasciato.

Ecco che quindi oggi ho deciso di riavviare – dopo mesi in cui ho quasi esclusivamente sperimentato 7 – la mia potente macchina virtuale Windows 98, che con un solo core dedicato e 256MB di RAM allocata, è capace di trasformarsi in una furia sterminatrice, con tempi di caricamento di OS e applicazioni (anche recenti) che i più nuovi OS possono spesso dimenticare.

Dunque, si stava davvero meglio quando si stava peggio? Caffè od altro cordiale alla destra della tastiera, prepariamoci a scoprirlo in questo nuovo appuntamento con la tumultuosa preistoria tecnologica.

Windows 98 (1998) è il diretto successore di Windows 95 (di cui ci occuperemo presto), un OS rivoluzionario che ebbe il non trascurabile ruolo di cementare la leadership di Microsoft nel mondo dei sistemi operativi, parallelamente al declino della prima Apple.

Com’è tradizione per gli OS Microsoft, molti ritengono Windows 98 ciò che Windows 95 avrebbe dovuto essere fin dal momento del lancio (qualunque riferimento a Vista e 7 è puramente casuale). Funzionalità migliorate, una GUI perfezionata, un nuovo modello di driver (che ha posto le fondamenta per le successive edizioni di Windows) ma soprattutto un incremento della stabilità, particolarmente nella versione SE, rispetto all’infame livello di Windows 95 (per il quale fu addirittura rilasciato un vero e proprio Crapware, Norton Crashguard, che, disperato, ebbi anche il coraggio di acquistare per la modica somma di L. 45.000), fanno di Windows 98 un decente sistema operativo.

Windows 98 migliora notevolmente il supporto per le periferiche USB e l’implementazione delle funzionalità Plug&Play, che – come ricorderà chi ha passato nottate intere a combattere con i driver, prima di arrivare al solenne momento del boot da foppy DOS con annesso format c: – rimane tuttavia ancora piuttosto rudimentale.

La versione SE, rilasciata nel 1999, è la prima a integrare il browser web Internet Explorer (versione 5), proponendosi di abbattere le barriere fra web e contenuti in locale (in questo trovando un ottimo appiglio per difendere la scelta del bundling).

Se con Windows 98SE l’OS raggiunge una piena e totale maturità e un’accettabile stabilità, la versione successiva, Windows ME, riporta gli utenti Microsoft ai fasti di Windows 95, con una instabilità che minerà – stavolta senza essere attutita dall’effetto novità di Windows 95 – la reputazione di Microsoft, generando un volume di cattive recensioni destinato a rimanere ineguagliato.

Windows ME (2000), quarto classificato nella classifica di PCWorld dei peggiori prodotti informatici di sempre, è in effetti un OS pieno di bug, con poche e poco significative novità rispetto al predecessore, fra cui il tristemente noto System Restore (una funzionalità migliorata e reintrodotta in versioni successive dell’OS). Per fortuna, quasi parallelamente a ME debutta anche Windows 2000, e iniziano a vedersi le prime configurazioni dual boot, con il 2000 riservato al lavoro quotidiano e SE/ME per i giochi o poco più.

Poco dopo, nel 2001, arriva il momento di Windows XP, che unificando sotto il segno di NT (di cui XP è un’evoluzione diretta) le linee di prodotto consumer e professional di Windows, pone fine allo sviluppo della famiglia 9x, di cui la versione 98SE rimane senz’altro il ricordo migliore. Un ricordo pur sempre venato delle enormi frustrazioni per la soluzione dei problemi più banali e dai blu dei frequentissimi BSOD (Blue Screen of Death), che – per le ore perse – nemmeno fra cent’anni rimpiangerò.

Chiudiamo questa parentesi nostagica con quello che è forse il più emblematico ricordo di Windows 98: il BSOD durante una demo, alla presenza di sua maestà Bill Gates in persona. La causa scatenante? Il collegamento di uno scanner USB. Non aveva dopotutto torto chi coniò la formula “plug&pray”.

65 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    gr@z!
     scrive: 

    Ahahahaha…
    Ricordo quel crash BSOD come fosse ieri…
    E quel sorrisino di zio Bill che voleva scomparire sottoterra.. :DD

    Cmq sono d’accordo con te Alessio, non rimpiangerò nemmeno fra 50anni un Win 9x per le nottate che mi fece perdere invano

  • # 2
    DarthFeder
     scrive: 

    Windows 98SE è stato il primo so che ho usato “sul serio”…quanti bei ricordi!!! Un po’ mi manca ;-) bei tempi, quelli…con un pentium3 e 256di ram facevi tutto!

  • # 3
    megawati
     scrive: 

    Ecco, se le persone cominciassero a usare roba che FUNZIONA invece che correre dietro al crapware strafigo fuori e stracesso dentro (ogni riferimento ad aero è puramente voluto), l’informatica sarebbe molto, ma molto, migliore di come è ora…

  • # 4
    Daniele
     scrive: 

    Premesso che sono un “fanboy” e sys admin di Linux, ma arrivare a dire che Win 7 o comunque Vista non funzionano ce ne vuole!
    Su un PC relativamente nuovo (Dell) c’è Vista e per quello che lo utilizzo va molto meglio di XP e non mi lamento…

    Oddio Win ME.. beh io ero passato da Win 95 (la ver. B) al ME, quindi per me un blocco al giorno (almeno) era la normalità! POI ho scoperto il 98SE :D (colpa dei bundle OEM).
    Ora lo screensaver che uso sui vari Linux è ovviamente… il BSOD di Win 9x… troppi ricordi!

    Piccolo OT che però mi ricorda i tempi di Win ME: in questi giorni ho incontrato diversi sys admin Windows… è tutti mi hanno parlato male di Vista… capisco sentito da un linux admin, ma sentirlo detto da uno che grazie a MS ci vive mi ha fatto impressione, anche perché ribadisco io male non mi ci trovo (o meglio, non peggio che con XP, anzi).

    Ciao

  • # 5
    :: Marco ::
     scrive: 

    Windows 98, SE ed ME: gli ultimi esemplari di una specie estinta

    per fortuna, aggiungerei, era ora

  • # 6
    Zak84
     scrive: 

    Mamma mia quanti ricordi (incubi) e quante nottate perse! Ricordo come se fosse ieri che quando passai da win98 a win xp ci misi diverso tempo per riuscire ad utilizzare il pc stando rilassato. Ad ogni operazione che facevo mi aspettavo un BSOD! Bei ricordi! XD

  • # 7
    quell'uomo
     scrive: 

    @Daniele
    In Vista sono state rimosse o cambiate parecchie API di Windows, non aggiunte come (quasi esclusivamente) avveniva nelle versioni precedenti… il principio dell’API è proprio quello di fornire ai programmatori una *astrazione* da programmare sapendo che non cambierà perchè sicurezza, performance ecc verranno in seguito aggiornate dentro di essa senza cambiare il modo con cui si interfaccia con l’esterno.
    Un ottimo approccio architetturale che ha fatto la fortuna di Microsoft da decenni e che in Vista è stato disatteso in molti punti (vedi la documentazione di MS sulle API di Win).
    Lo stesso dicasi per una marea di altre convenzioni a cui sviluppatori e sysadmin erano abituati (e su cui avevano contato nei loro sw e script).

    Non stupisce quindi che molti sw (per non parlare di driver!) sviluppati prima di Vista abbiano smesso di funzionare o creato problemi notevoli.
    Per chi ci è capitato questo è stato ben peggio dei problemi di giovinezza delle versioni precedenti, e essendo innanzitutto una scelta (o cappella) architetturale non era nemmeno possibile sperare in un miglioramento con i service pack, che infatti non hanno fatto altro che correggere i problema di giovinezza lasciando inalterato il marasma al livello delle API e quindi le idiosincrasie con una montagna di sw (e modo di programmare) preesistente.

    Ora pensa, in una azienda cambiare il parco sw non è uno scherzo (in primis per le ore/uomo di aggiornamento per gli utenti), motivo sufficiente per i sysadmin di dare recensioni negative, un brutto modo di partire visto che per lavoro sono tra i primi a testare i nuovi sistemi!
    Lo stesso o peggio per gli sviluppatori, anni spesi per imparare un’API e troppe cose cambiate e rimosse, violando i principi stessi per cui essiste l’API significano skill buttate, significano correre per aggiornare i propri software, non per migliorarli e fregare i concorrenti (ciò che ogni sviluppatore sogna), ma vedersi scardinata la propria roadmap per Vista… = recensioni negative, e anche loro sono tra i primi che provano i nuovi sistemi.

    Dal punto di vista dell’utente finale Vista ha tanti pregi rispetto a XP, e anche alcuni difetti (ormai al SP2 è chiaro che non sono difetrti di gioventù), ma è stato soprattutto quello che c’è sotto il cofano, tanti problemi senza essere poi una rivoluzione epocale in nulla, che ha esasperato la prima ondata di tester.

  • # 8
    Nicola
     scrive: 

    @daniele

    forse i simpatici sysadmin che hai incontrato hanno poca voglia di aggiornare le proprie conoscenze…..^^

    dire che vista fa schifo è come dire che debian è instabile…..

  • # 9
    Nicola
     scrive: 

    @quell’uomo

    beh, come analisi è corretta…ma cmq ti ricordo che la maggior parte dei software(driver compresi) sviluppati seguendo le linee giuda di MS su vista funzionano….appunto, i sw che usano api “vetuste” su vista hanno grossi problemi di compatibilità

  • # 10
    Don Luca
     scrive: 

    Io vorrei andare un pò controcorrente su questa storia di Windows ME che è stato il peggior sistema operativo partorito dalla Microsoft.

    Sarà stata fortuna, un caso separato, apparte o raro, quello che vi pare, ma io ho usato per almeno 5 anni Windows ME sia su fisso che su portatile (anzi prima su portatile, poi l’ho messo sul fisso perchè windows 98 SE mi dava troppi problemi) e mi sono trovato benissimo, pochissimi BSOD, veloce e soprattutto quella manna dal cielo nota come System Restore che in caso di casini con driver o altro mi permetteva di ripristinare il sistema operativo ad uno stadio precedente.

    Ad ogni modo onore a loro, hanno fatto il loro tempo e secondo me sotto un certo punto di vista sono d’accordo con la frase “si stava meglio quando si stava peggio” poichè si avevano molti più problemi in ambito hardware e software e quando si progettava un OS (o software in generale) si stava molto più attenti, soprattutto alle ottimizzazioni… ora con la tecnologia che avanza e abbiamo sempre più risorse disponibili nei case dei nostri pc e i programmatori si “lasciano andare” molto di più, facendo sparire il concetto di “ottimizzazione”, un concetto a me assai caro che ad oggi reputo praticamente istinto.

  • # 11
    quell'uomo
     scrive: 

    @Nicola
    il principio dell’ API e proprio quella di non “invecchiare”: l’API è ciò che viene esposto al programmatore come astrazione, è quello che c’è sotto che viene aggiornato per bugfix, sicurezza, prestazioni, stabilità… se serve qualcosa di nuovo si documenta e si aggiunge, questo non fa male a ciò che esiste già consentendo aggiornamenti indolori.
    Se non si vuole più mantenere alcune vecchie API (ma in molti casi, ad es l’API per reperire percorsi di sistema, si sono fatte API corrispondenti ad altre API droppate anzichè aggiornarle trasparentemente… che è proprio il principio dell’API!) le vecchie si rimappano sulle nuove… vedi a questo riguardo l’articolo su Joel e il software (Joel è stato ai tempi il capoprogetto di Excel… chapeau) riguardo al ricambio generazionale in MS.

  • # 12
    quell'uomo
     scrive: 

    Sempre @Nicola
    Può essere stata semplice voglia di non aggiornarsi in alcuni casi, ma in molti che ho visto in prima persona la reazione è stata dettata dal fatto che aggiornare era stato reso imperativo, in un momento già di crisi o precrisi e scarsi fondi per rinnovare il parco sw, a fronte di un prodotto non certo rivoluzionario.

    Dal lato sviluppatori, sempre visto di prima mano, il malcontento è stato generato dallo scardinamento delle roadmap stabilite per andare non più a beneficiare di nuove funzionalità, ma a patchare (e fare costosa assistenza) su funzionalità droppate contrariamente alla precedente tradizione MS e alla stessa logica della sua API.

  • # 13
    Symonjfox
     scrive: 

    Quoto Don Luca.

    Anch’io spezzo una lancia a favore di Windows ME. Non mi ha mai dato grossi problemi, o meglio non di più di Win 98.

    Dai, Win 98 non supporta nemmeno le pendrive, mentre Win ME si.

    Solo 2 anni fa ho scoperto che ci sono dei drivers modificati per far funzionare quasi tutte le pendrive anche su Win 98 … (wintricks).

  • # 14
    DeAndreon
     scrive: 

    “con tempi di caricamento di OS e applicazioni (anche recenti) che i più nuovi OS possono spesso dimenticare.”

    Ehm, a che sistemi ci riferiamo? Ai Windows spero XD Non dimentichiamo che attualmente Ubuntu si avvia in 24 secondi e con al 10 arriveremo anche a 10 secondi di boot :) E’ meglio specificare gli O.S. a questo punto ;)

  • # 15
    j
     scrive: 

    Chiudiamo questa parentesi nostagica con quello che è forse il più emblematico ricordo di Windows 98: il BSOD durante una demo, alla presenza di sua maestà Bill Gates in persona. La causa scatenante? Il collegamento di uno scanner USB. Non aveva dopotutto torto chi coniò la formula “plug&pray”.

    BSOD emblematico quanto palesemente finto – una schermata blu che appare scrollando da destra a sinistra nella metà superiore dello schermo? quando mai? :D

    cosa che mi ha sempre fatto pensare che in realtà microsoft (o quantomeno chi ha preparato la presentazione per il giovane occhialuto) volesse già allora ironizzare sull’ allora per un motivo o per l’ altro scarsa, stabilità del sistema …

    Ahahahaha…
    Ricordo quel crash BSOD come fosse ieri…
    E quel sorrisino di zio Bill che voleva scomparire sottoterra.. :DD

    …bill che qui mi sembrava e mi sembra più che imbarazzato, divertito della scarsa capacità d’ improvvisazione del giovane assistente, questi sì in evidente imbarazzo

  • # 16
    feroce saladino
     scrive: 

    beh, sinceramente è evidentissimo che il finto BSOD di W98 aveva come scopo quello di generare far parlare di Microsoft.
    Poco importa se bene o male. L’importante è che se ne parli. O.Wilde Docet…

    Ricordo che si parlava di quello sketch con chiunque. Anche con chi non aveva mai utilizzato un pc. E’ servito per ingrandire il mercato. E rendere il mondo dei pc meno “lontano” dagli utonti (veri aghi della bilancia del mercato).
    Della serie “se sbaglia pure Bill Gates allora se sbaglio anche io non è così male…”

    Onestamente… Quanto volte vi è capitato un BSOD e entra piano piano dalla destra e occupa metà schermo?
    Mancava solo la scritta “premere F5 per terminare la presentazione”….

  • # 17
    Massive
     scrive: 

    Sinceramente a me manca molto più MS-DOS, sul mio NEC V40 non mi ha mai causato problemi :)

  • # 18
    Nicola
     scrive: 

    @quell’uomo

    hai ragione sul fatto che l'(le)API deve rimanere invariata, altrimenti perde la funzione per cui è stata “inventata”….però, guardando attentamente le novità architetturali di vista(le novità ci sono) alcuni livelli di api non potevano proprio essere conservate e nemmeno mantenerle accessibili o rimapparle.

    per altro quoto su tutto, è vero che vista non ha rispettato quasi nulla di quello che era il progetto originale, non solo a livello di features ma, come giustamente riportavi tu, anche a livello di sviluppo. forse il passaggio è stato drastico, lo dici anche tu, differente da tradizione MS, ma a mio avviso necessario.

    Sul fatto dell’aggiornamento, io intendevo aggiornamento dei “sysadmin”, non del parco macchine di un’azienda o altro….io criticavo il fatto di lamentarsi che vista non funzioni bene, secondo me bisogna prenderle con le pinze certe affermazioni

  • # 19
    Nicola
     scrive: 

    @ integrazione del commento 18

    con win seven MS, per evitare il malcontento che citavi te, ha introdotto di default una macchina virtuale di winxp…in fin dei conti quello che voglio dire è che un cambio architetturale da xp ai successori era necessario e sacrosanto,con seven MS invece di estendere la compatibilità a livello API ha optato, giustamente, per una soluzione drastica

  • # 20
    Benedetto
     scrive: 

    Anche a me manca il DOS (mmm …forse OSX mi aiuta a non rimpiangerlo troppo ;) e i cari config.sys, autoexec.bat e il Qbasic (con incluso Nibbler). Passare a W95 è stato un trauma. Meno male che poi sono passato al Mac, le finestre e i crash di Windows mi rattristavano molto e per anni ho rimpianto il buon vecchio DOS (con l’unico difetto dell’assenza del multitasking).

  • # 21
    TheFoggy
     scrive: 

    @quell’uomo: capisco la frustrazione delle API mancanti nel “nuovo” OS (tra virgolette, perchè oramai non è più nuovo..), ma..non dimentichiamoci che bisogna evolversi! Ed evolversi, significa anche sacrificare un po’ di compatibilità. Visual Studio indica migliaia di funzioni (cioè tutte quelle su cui si impara nelle varie scuole, università comprese), come deprecate, ma ci sono ancora. Non mi stupirei se tra 3-4 anni, esse scomparissero: il tempo per aggiornarti ce l’hai avuto. L’evitare di rimappare API su API su API, aiuta anche a risparmiare spazio. non credo si risparmino salti incondizionati, in quanto credo (spero) che VS si accorga del remapping, e semplicemente faccia saltare all’API corretta, altrimenti..povere pipeline!
    Tra tutti i commenti, devo dire di aver apprezzato quello di Daniele! Finalmente un (autodefinitosi..quindi, perchè non credergli? :) ) fanboy linux, che non si ostina a denigrare Win, ma lo guarda per quello che è e ne trae considerazioni obiettive. Hai la mia stima (per quanto poco possa valere).
    @DeAnderson: un core di un C2D (dai 2.0Ghz in su circa) e 256Mb di RAM, ti fanno partire Win’98 in immagino, una decina di secondi scarsi.. Pronto all’uso, eh! Impiegava a me 35secondi su un PIII 450 e 64Mb di RAM..

  • # 22
    Drizzt
     scrive: 

    Lol.

    Le API mancanti.
    Stralol.

    I programmatori programmano col culo, punto.
    Le API ci sono e sono sempre le stesse, se la gente invece di usarle come da documentazione ufficiale MSDN si mette a far cazzate sfruttando bug e funzionalita’ non conosciute…quando il sw non gli funziona piu’ perche’ hanno corretto dei bug devono solo starsene zitti e subire.

    E invece no, per colpa di una marea di cretini, Windows deve portarsi dietro il legacy DEI BUG!
    E poi ci si lamenta di M$…leggetevi un po’ di The Old New Thing o blog simili, poi ne riparliamo…

  • # 23
    dinigio63
     scrive: 

    Ma io sono l’unico a cui Windows ME funzionava bene?
    Mai avuto una schermata blu,un paio di applicazioni pesanti, e 3 o 4 applicazioni Dos sempre aperte per giorni interi, non rallentava nemmeno dopo giorni, invece a 98SE, bastavano poche ore per avere bisogno di un reboot

  • # 24
    ewrewr
     scrive: 

    sarò di parte ma ho avuto meno problemi con win98se che con xp. forse era per via dell’hardware boh.

  • # 25
    quell'uomo
     scrive: 

    Drizzt, le api droppate erano e sono perfettamente supportate e tuttora documentate da MS, guardati i documenti ufficiali di MS tuttora online.
    Non aggironabili? Stiamo parlado di una ASTRAZIONE: sotto ci può essere qualunque cosa serva.
    Questo è il senso di API e di astrazione, altrimenti lasciamo perdere e facciamo direttamente chiamate di sistema.
    Progreammare col c*lo? Ma chi? Ma come ti permetti? Chi segue le documentazioni ufficiali che dicono: questa è una astrazione e non verrà cambiata programmava col c*lo? Ma scherziamo? Ma che è il forum di Zelig facciamo cabaret?
    Leggi “How Microsoft Lost the API War” di Joel e togliti dalla mente gli slogan dei markettari che in vita loro non hanno mai creato nulla, altro che un software stabile, potente e geniale come Excel, uno dei pochi made in Microsoft che funzionino veramente, ma andiamo!!!
    La verità è che in MS ci sono semplici esseri umasni come tutti noi, e che con l’inevitabile cambio generazionale di management e di sviluppatori, come in tutti i progetti, alcune milioni di linee di codice scritte da altri programmatori non più in forza era semplicemente più facile mandarle in vacca e riscriverle anzichè cercare di capirle, smettiamola una buona volta di pendere dalle labbra della gente del marketing che non ha mai scritto una riga di codice in vita loro e pensiamo a com’ è realmente programmare per gli esseri umani come noi e come, si signori, come quelli che lavorano nella nuova MS.

  • # 26
    Windows 98, SE ed ME: gli ultimi esemplari di una specie estinta …
     scrive: 

    […] Articolo Originale: Windows 98, SE ed ME: gli ultimi esemplari di una specie estinta … Articoli correlati: Molte novità in vista per Windows 7 | Microsoft | […]

  • # 27
    quell'uomo
     scrive: 

    By the way, tra i programmi resi incompatibili, numerosi prodotti di punta di Microsoft, IBM, Symantec… altro che programmatori che ragionano in ottica di legacy.

    A parte che essendo Vista closed source, nulla dimostra che le API nuove siano realmente nuove, tutto ciò che puoi vedere è che è cambiata l’interfaccia della funzione, ma sotto ci può benissimo essere lo stesso brodo di bug di legacy e di copia-incolla.
    A pensar male si fa peccato, ma tra i prodotti con la maggiore compatibilità figurano sempre i virus… perchè in vista sono stati aggiunti altri layer di controllo? semplicemente perchè i virus continuavano a girare benissimo sulla nuova API!
    Altro che droppare il codice vecchio e di scarsa qualità come favoleggiano gli opuscoli della divisione marketing!
    Altro che rivoluzione, la legacy del codice su cui gira un mare di malware e i veri difetti di base (es binari infettabili, perchè le specifiche del formato exe sono cannate all’origine; il core del sistema non può essere settato read only, ecc) sono rimasti inalterati, è stato aggiunto un mare di codice di controllo ulteriore, spesso con risultati talmente imbarazzanti che MS stessa si è affrettata a rigirare la frittata in Windows 7 (es vedi il dietrofront su UAC, l’impostazione di 7 è radicalmente diversa).

  • # 28
    snk
     scrive: 

    Sicuro il bundling di IE fosse avvenuto solo con Win98?
    (ricordo con estrema chiarezza il mio Win95 bootare con le nuvolette, e in basso qualcosa tipo “With Internet Explorer” )

  • # 29
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Windows 95 inizialmente integrava IE 1.0 con il pacchetto Plus! che sulla schermata di boot presentava per l’appunto una scritta “Plus!” a più colori, in basso a sx.

    Successivamente in effetti IE fu integrato in Win95 – dalla OSR 1 in poi. Trattandosi di release non destinate al pubblico, non ne ho intenzionalmente tenuto conto. Il bundling di IE in Windows 98 è inoltre tecnicamente un passo avanti, perché realizzato intenzionalmente con l’intento di unificare le sessioni di Explorer e di Internet Explorer.

  • # 30
    Nicola
     scrive: 

    @quell’uomo

    su molti punti hai ragione, però tempo fa lessi un documento,adesso non ricordo dove reperirlo ma se lo trovo lo linco, dove venivano illustrati i “salti mortali” fatti per rendere compatibile .NET su xp….layer su layer,su layer…na roba mostruosa, che non bastava un 28″ per inquadrare l’intero stack…..io non voglio affermare che tutte le scelte “nuove” di MS siano corrette, però un cambio rispetto al passato, a mio avviso, è legittimo…..sul fatto che “cambia l’API ma non cambia il codice” beh, non rimane che fidarsi, dato che non si può sbirciare ^^

    @per gli altri
    non credo che i commenti “programmare col culo” erano rivolti a quell’uomo, però magari usare espressioni meno colorite non gusterebbe ^^

  • # 31
    Daniele
     scrive: 

    Mi dispiace di aver scatenato questo mega quasi OT… comunque per concludere aggiungo che dei sys admin incontrati (4-5) solo uno forse aveva esigenze particolari. Gli altri avevano client con office e in un caso una applicazione ad-hoc ma creata su .net 2.0 quindi… scuse zero!

    Comunque… devo dire che in quanto a BSOD ne avevo più sul 98SE che sul ME, però su ME le applicazioni erano terribilmente instabili, IE crashava a random….
    Inoltre, cosa credo importante, nessuno ha citato le ben tre (o più?) versioni di Win 95! La terribile A, la comune B e la “Win 98 like” C!
    L’unica un minimo stabile era la B…

  • # 32
    Redvex
     scrive: 

    Me non era poi tutta sta tragedia (win95 si) a me andava uguale a Win98 solo che il system restore me lo faceva preferire

  • # 33
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    @quell’uomo: mi faresti vedere dov’è che MS avrebbe rimosso alcune API e/o alterato la loro interfaccia? Non ne trovo traccia nemmeno nell’articolo di Joel.

  • # 34
    Cajenna
     scrive: 

    Ricordo anch’io quel giorno del BSOD e mi chiedo ancora che fine ha fatto il tecnico…comunque,a ragion veduta,winME è stato si un flop,ma ci sono in giro ancora macchine su cui gira…è incredibile vedere la longevità di un s.o.

  • # 35
    quell'uomo
     scrive: 

    @ Cesare Di Mauro
    questa è una goccia nel mare:
    http://msdn.microsoft.com/en-us/library/bb776147(VS.85).aspx
    per il resto MSDN non nasconde (ci mancherebbe) quali API sono state droppate, anche se non spiega mai perchè non era possibile fare implementazioni analoghe trasparentemente, o mantenere la vecchia interfaccia come un sottoinsieme della nuova… servono più parametri? meno parametri? si rimappano e si documenta come, ma come dicevo il cambio generazionale ha fatto si che fosse più semplice riscrivere che lavorare sul codice di altri. Con buona pace del concetto stesso di API che è l’esatto opposto: astrarre.

    qui un’altro esempio, anche le API di associazione ai programmi sono state pesantemente modificate, in modo assai criticato, ci sono anche altre interessanti considerazioni extra-API http://www.esato.com/archive/t.php/t-139523,1.html

    wikipedia spiega a grandi linee le modifiche al settore audio/video e googlando riguardo le varie API coinvolte si hanno numerosi esempi (o meglio, post di lamentele) su quelle droppate

    http://blogs.msdn.com/wndp/archive/2006/07/05/657196.aspx questo è un “bel” terremoto che sicuramente si poteva fare avvenire con più grazia

    interessante poi il vero e proprio disastro degli antivirus e sw di sicurezza, e il modo in cui ottenere la certificazione “Certified for Vista”, si commenta da solo
    http://forums.spybot.info/showthread.php?t=14774

    parlando non di API in senso stretto ma ad altre entità a cui gli sviluppatori si interfacciano, ci sono altre perle in ordine sparso e qui concludo l’OT lasciando ad altri il dubbio piacere della scoperta:

    per la prima volta da Win95 gli oggetti all’interno delle finestre hanno avuto i nomi cambiati quindi per intercettarli devi usare una procedura da 95 a XP, e una per Vista… bello, ciò che è sopravvissuto ad un cambio di interfaccia (da Classic a Luna) e dell’intero kernel, è stato buttato.
    Volete divertirvi a trovare altri oggetti cambiati quando sarebbe stato meglio non farlo (usando metdi di accesso documentati e non deprecati, ci mancherebbe altro!)? Buona caccia!

    il nuovo bootloader costringe a una procedura ben più farragginosa di boot.ini (o di lilo e compagnia bella) per fare il multiboot

    provate ad ordinare in sottocartelle i link nel menu sendto…

    il limite a 5 oggetti selezionabili, altrimenti si richiede di passarli attraverso un tipo di programmazione diverso (sistemi che hanno tipicamente da 1GB di RAM in su possono essere messi in crisi dal registrare in memoria 5 stringhe del cavolo???)

    Chiudo con un link ad una voce su Wikipedia, ben scritta, di critica non faziosa http://en.wikipedia.org/wiki/Criticism_of_Windows_Vista

    Si spera che le critiche aiutino a crescere…

  • # 36
    quell'uomo
     scrive: 

    @ Cesare Di Mauro
    questa è una goccia nel mare:
    http://msdn.microsoft.com/en-us/library/bb776147(VS.85).aspx
    per il resto MSDN non nasconde (ci mancherebbe) quali API sono state droppate, anche se non spiega mai perchè non era possibile fare implementazioni analoghe trasparentemente, o mantenere la vecchia interfaccia come un sottoinsieme della nuova… servono più parametri? meno parametri? si rimappano e si documenta come, ma come dicevo il cambio generazionale ha fatto si che fosse più semplice riscrivere che lavorare sul codice di altri. Con buona pace del concetto stesso di API che è l’esatto opposto: astrarre.

    qui un’altro esempio, anche le API di associazione ai programmi sono state pesantemente modificate, in modo assai criticato, ci sono anche altre interessanti considerazioni extra-API http://www.esato.com/archive/t.php/t-139523,1.html

    wikipedia spiega a grandi linee le modifiche al settore audio/video e googlando riguardo le varie API coinvolte si hanno numerosi esempi (o meglio, post di lamentele) su quelle droppate

  • # 37
    quell'uomo
     scrive: 

    Vorrei, ma non mi fa postare…

  • # 38
    quell'uomo
     scrive: 

    @ Cesare Di Mauro
    questa è una goccia nel mare:
    http://msdn.microsoft.com/en-us/library/bb776147(VS.85).aspx
    per il resto MSDN non nasconde (ci mancherebbe) quali API sono state droppate, anche se non spiega mai perchè non era possibile fare implementazioni analoghe trasparentemente, o mantenere la vecchia interfaccia come un sottoinsieme della nuova… servono più parametri? meno parametri? si rimappano e si documenta come, ma come dicevo il cambio generazionale ha fatto si che fosse più semplice riscrivere che lavorare sul codice di altri. Con buona pace del concetto stesso di API che è l’esatto opposto: astrarre.

  • # 39
    quell'uomo
     scrive: 

    qui un’altro esempio, anche le API di associazione ai programmi sono state pesantemente modificate, in modo assai criticato, ci sono anche altre interessanti considerazioni extra-API http://www.esato.com/archive/t.php/t-139523,1.html

    wikipedia spiega a grandi linee le modifiche al settore audio/video e googlando riguardo le varie API coinvolte si hanno numerosi esempi (o meglio, post di lamentele) su quelle droppate

    http://blogs.msdn.com/wndp/archive/2006/07/05/657196.aspx questo è un “bel” terremoto che sicuramente si poteva fare avvenire con più grazia

  • # 40
    quell'uomo
     scrive: 

    qui un’altro esempio, anche le API di associazione ai programmi sono state pesantemente modificate, in modo assai criticato, ci sono anche altre interessanti considerazioni extra-API http://www.esato.com/archive/t.php/t-139523,1.html

    wikipedia spiega a grandi linee le modifiche al settore audio/video e googlando riguardo le varie API coinvolte si hanno numerosi esempi (o meglio, post di lamentele) su quelle droppate

  • # 41
    quell'uomo
     scrive: 

    http://blogs.msdn.com/wndp/archive/2006/07/05/657196.aspx questo è un “bel” terremoto che sicuramente si poteva fare avvenire con più grazia

    interessante poi il vero e proprio disastro degli antivirus e sw di sicurezza, e il modo in cui ottenere la certificazione “Certified for Vista”, si commenta da solo
    http://forums.spybot.info/showthread.php?t=14774

  • # 42
    quell'uomo
     scrive: 

    http://blogs.msdn.com/wndp/archive/2006/07/05/657196.aspx questo è un “bel” terremoto che sicuramente si poteva fare avvenire con più grazia

  • # 43
    quell'uomo
     scrive: 

    interessante poi il vero e proprio disastro degli antivirus e sw di sicurezza, e il modo in cui ottenere la certificazione “Certified for Vista”, si commenta da solo
    http://forums.spybot.info/showthread.php?t=14774

  • # 44
    quell'uomo
     scrive: 

    parlando non di API in senso stretto ma ad altre entità a cui gli sviluppatori si interfacciano, ci sono altre perle in ordine sparso e qui concludo l’OT lasciando ad altri il dubbio piacere della scoperta:

    per la prima volta da Win95 gli oggetti all’interno delle finestre hanno avuto i nomi cambiati quindi per intercettarli devi usare una procedura da 95 a XP, e una per Vista… bello, ciò che è sopravvissuto ad un cambio di interfaccia (da Classic a Luna) e dell’intero kernel, è stato buttato.
    Volete divertirvi a trovare altri oggetti cambiati quando sarebbe stato meglio non farlo (usando metdi di accesso documentati e non deprecati, ci mancherebbe altro!)? Buona caccia!

    il nuovo bootloader costringe a una procedura ben più farragginosa di boot.ini (o di lilo e compagnia bella) per fare il multiboot

    provate ad ordinare in sottocartelle i link nel menu sendto…

    il limite a 5 oggetti selezionabili, altrimenti si richiede di passarli attraverso un tipo di programmazione diverso (sistemi che hanno tipicamente da 1GB di RAM in su possono essere messi in crisi dal registrare in memoria 5 stringhe del cavolo???)

    Chiudo con un link ad una voce su Wikipedia, ben scritta, di critica non faziosa http://en.wikipedia.org/wiki/Criticism_of_Windows_Vista

    Si spera che le critiche aiutino a crescere…

    [scusate il multipost ma mi rifiuta post contenenti più di un link]

  • # 45
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Praticamente finora l’unica cosa concreta che hai portato a supporto delle due tesi è la rimozione di un’interfaccia utilizzata niente di meno che… da Explorer.

    Mi faresti l’esempio di UN’API per cui un’applicazione NON in bundle col s.o. NON funzioni, cortesemente? Grazie.

    P.S. Aggiungere parametri a un’API non si può, e nemmeno ti sto a spiegare il perché…

  • # 46
    Nicola
     scrive: 

    forse questo link potrebbe essere utilie

    http://devreadiness.org/files/5/white_papers/entry137.aspx

  • # 47
    quell'uomo
     scrive: 

    Beato me che ho ancora la forza di stupirmi leggendo commenti come quello di Cesare di Mauro…

  • # 48
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Io non mi stupico affatto dei tuoi invece: è molto facile parlare senza portare fatti concreti a supporto delle proprie tesi, per poi spostare la discussione sul piano personale alla minima contestazione.

    Ma ci sono abituato: è dai tempi delle BBS che ho a che fare coi troll.

    @Nicola: quel link riporta tutte le API di Vista, ma c’è scritto soltanto se sono state aggiunte oppure no rispetto a XP.

    Comunque da programmatore trovo l’elenco molto utile. Grazie. :)

  • # 49
    quell'uomo
     scrive: 

    ROTFL!
    Un solo esempio concreto? Alla symantec, IBM, e MS stessa allora usavano tutti solo quella api nei sw che hanno malfunzionato su Vista…
    L’api è usata da explorer… ??? E se la chiami in un tuo programma, da chi è usata?
    All’api non si possono aggiungere parametri? Infatti ho datto fai api nuove con i paramteri che ti pare (come hanno fatto in vista) ma mantieni le vecchie cambiando ciò che ci gira sotto, che può essere in comune con le nuove! Non ti è chiaro come?
    Quale parte di astrazione e di interfaccia non ti è chiara?

    Ma non ti preoccupare, anche io ho a che fare con i troll, dai tempi del Videotel, e dato che ho di meglio da fare ho appena rimosso Appunti Digitali dai segnalibri.

  • # 50
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Un solo esempio concreto? Alla symantec, IBM, e MS stessa allora usavano tutti solo quella api nei sw che hanno malfunzionato su Vista…
    L’api è usata da explorer… ??? E se la chiami in un tuo programma, da chi è usata?

    Sì, l’API è usata da Windows Explorer, come puoi leggere dal link che TU STESSO hai riportato.

    All’api non si possono aggiungere parametri? Infatti ho datto fai api nuove con i paramteri che ti pare (come hanno fatto in vista) ma mantieni le vecchie cambiando ciò che ci gira sotto, che può essere in comune con le nuove! Non ti è chiaro come?
    Quale parte di astrazione e di interfaccia non ti è chiara?

    OK, pensavo volessi cambiare le vecchie API aggiungendo altri parametri.

    Ma non ti preoccupare, anche io ho a che fare con i troll, dai tempi del Videotel, e dato che ho di meglio da fare ho appena rimosso Appunti Digitali dai segnalibri.
    Non c’è problema, non abbiamo bisogno di gente arrogante che alla minima contestazione parte sul piede di guerra buttandola sul personale.

    Io ti avevo semplicemente chiesto un esempio di API eliminata che ha causato problemi con applicazioni esistenti (non bundle), e l’unica cosa che sei stato in grado di fornire è stata la rimozione di un’API usata da Explorer.

    Tra l’altro aggiungendo roba che non c’entrava nulla con questo discorso. Come se allungare il brodo con paccottiglia inutile potesse far pesare di più un problema che al momento si è rivelato del tutto inesistente.

  • # 51
    Marco
     scrive: 

    @Alessio di Domizio
    Salve ho letto che hai esperienza di virtualizzazione dei sistemi operativi.
    Potresti darmi un aiutino per virtualizzare win98?
    Io ho fatto esperimenti con virtualbox, ho installato Windows 98 ma gira lento e non posso abilitare la virtualizzazione hardware AMD-V altrimenti win98 si blocca al caricamento, eppure l’ho abilitata da bios e il mio processore è un Athlon be2400. (la mia scheda madre è una asus M2NPV-MX)
    Ho provato anche con vmware ultima versione.. ma mi sono impantanato con i vmware tools, non ho mai capito come si installano nè come configurarli. Senza contare che c’è quel difetto di sincronizzazione del clock quando si abilita la modalità risparmio energetico.
    Helppp

  • # 52
    Nicola
     scrive: 

    @cesare #48

    si in effetti hai ragione, io l’avevo postato perchè pensavo potesse tornate utile a qualcuno, non a sostegno di una tesi, e tra l’altro il mio pensiero grosso modo coincide col tuo, cioè è vero che ms ha fatto cambiamenti, ma nella mia(piccolissima) esperienza,scrivendo codice secondo le linee guida non ho riscontrato problemi, nè io nè altri colleghi…devo documentarmi meglio su questo aspetto

  • # 53
    Andrea R
     scrive: 

    Su tutti e due i computer che ho avuto con Windows ME si è rotto il bottone di accensione a forza di doverlo premere per 4 secondi (e con l’incazzatura) perchè si erano piantati.

  • # 54
    quell'uomo
     scrive: 

    RIROTFL!
    “Sì, l’API è usata da Windows Explorer, come puoi leggere dal link che TU STESSO hai riportato.”
    Ripeto l’afferamzione: l’API è un insieme di astrazioni delle chiamate a primitive del sistema che viene data come interfaccia ai programmatori proprio per avere la libertà di aggiornre le primitive senza rendere inutili ogni volta le skill che hanno loro acquisito sulla tua piattaforma…
    Puoi chiamare un api da qualsiasi programma.
    Ora ripeto la domanda: se chiami una delle api modificate (le api non dovrebbero essere modificate!) da un tuo programma, come questa persona
    http://foldersize.sourceforge.net/vistasucks.html
    di chi è il problema quando MS incasina l’API?
    E questa api non era deprecated, fino all’uscita di vista. Quindi Vista ha incasinato tutto costringendo lo sviluppatore a cambiare il sofware non perchè era disponibile una API migliore, ma perchè MS non aveva più le risorse di supportarla.
    Se credi che sia l’unica beato te.
    Ma la stessa cosa in realtà è successa con numerose api del reparto multimediale, rete, sicurezza (v. la demenzialità del crash on demand per ottenere la certificazione Certified for Vista, e relativa ribellione degli sviluppatori di quel settore) e con le api di associazione dei tipi file, come dai primi link che ho postato.
    Ma se dopo che mi sono preso la briga (e speso il tempo) di postarti i link agli esempi precedenti, mi dici innanzi tutto che non ti ho portato niente di concreto, rigiri la definizione di api (che è concettualmente molto semplice) e infine mi dici che ti ho portato un brodo di paccottiglia inutile, be, mi dispiace ma per i miei canoni, è esattamente quello il tipo di comportamento che io ritengo offensivo.
    E se ritengo il dialogo una forma costruttiva di interazione, ritengo altresì il non-dialogo che hai iniziato al post 45 una forma di perdita di tempo assoluta e pertanto manterrò la promessa di non sprecare ulteriormente il mio e il tuo tempo su ad.

  • # 55
    Lobo
     scrive: 

    BeOS, NeXT, BeOS, NeXT, BeOS, NeXT, BeOS, NeXT….

    Ci trastullavamo con Amiga OS, Mac OS, Windows, Linux nelle se varie versioni e il meglio non era alla nostra portata (a parte BeOS che cmq era ben lontano da NeXT OS).

  • # 56
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    @Nicola: anch’io non ho avuto problemi né con le mie applicazioni, né con quelle di terze parti.

    @quell’uomo: Ripeto l’afferamzione: l’API è un insieme di astrazioni delle chiamate a primitive del sistema che viene data come interfaccia ai programmatori proprio per avere la libertà di aggiornre le primitive senza rendere inutili ogni volta le skill che hanno loro acquisito sulla tua piattaforma…
    Puoi chiamare un api da qualsiasi programma.

    Pacifico. Mai asserito nulla di diverso.

    Ora ripeto la domanda: se chiami una delle api modificate (le api non dovrebbero essere modificate!) da un tuo programma, come questa persona
    http://foldersize.sourceforge.net/vistasucks.html
    di chi è il problema quando MS incasina l’API?
    E questa api non era deprecated, fino all’uscita di vista. Quindi Vista ha incasinato tutto costringendo lo sviluppatore a cambiare il sofware non perchè era disponibile una API migliore, ma perchè MS non aveva più le risorse di supportarla.

    OK, adesso ho capito qual è il problema con quell’API, e non ho difficoltà ad ammettere che avevi ragione.

    Se credi che sia l’unica beato te.
    Visto che un precedente è accertato, non mi stupirei.

    Ma la stessa cosa in realtà è successa con numerose api del reparto multimediale, rete, sicurezza (v. la demenzialità del crash on demand per ottenere la certificazione Certified for Vista, e relativa ribellione degli sviluppatori di quel settore) e con le api di associazione dei tipi file, come dai primi link che ho postato.
    Personalmente non ho riscontrato problemi in queste aree. Soltanto con roba tipo Winamp ho avuto problemi all’inizio con Vista, ma dopo qualche patch di “miglioramento della compatibilità” è tornato alla normalità.

    Ma se dopo che mi sono preso la briga (e speso il tempo) di postarti i link agli esempi precedenti, mi dici innanzi tutto che non ti ho portato niente di concreto
    Un solo link era valido: quello di MSDN che parlava di un’API rimossa. In un altro parlava di genericamente di API per la gestione dei tipi dei file rimossi, senza riportare nessuna informazione a riguardo (e ho diversi programmi che usano queste funzionalità che non hanno smesso di funzionare). Un altro parlava di networking, ma le API citate erano deprecate. Il resto non c’entrava nulla con l’argomento.

    Comunque Windows ha delle API a uso interno, e quella rimossa del primo link è una di queste, perché serve a Explorer. Per cui non vedevo per quale motivo la sua rimozione avesse creato problemi ad altre applicazioni. L’ultimo link che hai riportato mi ha fatto capire il perché.

    rigiri la definizione di api (che è concettualmente molto semplice)
    Dove l’avrei fatto? Quotami, cortesemente.

    e infine mi dici che ti ho portato un brodo di paccottiglia inutile
    Il solo primo link, dopo l’ultimo che ha chiarito la questione, era utile. Per il resto, vedi sopra.

    be, mi dispiace ma per i miei canoni, è esattamente quello il tipo di comportamento che io ritengo offensivo.
    Se il tono delle mie risposte non t’è piaciuto, dovresti andare a guardare per primo quello dei tuoi commenti.

    E se ritengo il dialogo una forma costruttiva di interazione, ritengo altresì il non-dialogo che hai iniziato al post 45 una forma di perdita di tempo assoluta
    Idem come sopra. Rileggeti, e dimmi se il tuo modo di porti è utile a intavolare una discussione. E questo ben prima del mio commento #45, dove tra l’altro il tono non è certo comparabile a quello di certe tue uscite precedenti ben più pesanti.

    e pertanto manterrò la promessa di non sprecare ulteriormente il mio e il tuo tempo su ad.
    De gustibus. Sopravviveremo lo stesso…

  • # 57
    Selvaggia
     scrive: 

    Dicheno che per quanto riguarda il presunto fake del BSOD di Win98 la colpa fosse del videoproiettore utilizzato, e della frequenza di refresh che ha mostrato lo scorrimento della schermata blu che è una modalità di testo contro la modalità grafica del sistema operativo. Dicheno.

  • # 58
    Ale
     scrive: 

    Io avevo risolto i problemi di 98 con norton ghost, una manna dal cielo. Quando capitava qualcosa di grave, ghost e via come nuovo.
    Fino ad ora da 2000 in poi è servito solo per sicurezza.

  • # 59
    il fughi
     scrive: 

    il 98 aveva una funzione molto interessante: f8>prompt dei comandi con supporto di rete>scanreg>carica registro precedente e miracolosamente tutti i problemi sparivano (per ripresentarsi puntualmente dopo una quindicina di giurni, ma comunque…)

  • # 60
    Tony73
     scrive: 

    Una cosa che mi manca davvero di win95/98 è l’impossibilita’ di avere il riavvio rapido del OS premendo SHIFT contemporaneamente al riavvio di sistema, era comodissimo e velocissimo :_(

    Adesso mi dura piu il boot del bios che il caricamento vero e proprio!

  • # 61
    Giovanni
     scrive: 

    Per quanto mi riguarda ho molta nostalgia di windows ME, nel 2001 avevo appena subito un trapianto di cuore e per la vita quasi reclusa dei primi mesi che dovevo affrontare decisi di acquistare il mio primo pc. Ero alle prime armi, mai posseduto un pc e ricordo ancora la prima accensione, mi batteva tanto il “nuovo” cuore, lo ricordo come fosse ieri, io seduto di fronte ad un monitor pronto ad interagire, che bello. Massimo rispetto per le vostre opinioni. Ricordo che più volte un mio amico mi aveva formattato ed installato o il 98SE o il 2000, ma poi dopo essere diventato anch’io un po esperto reinstallavo il mio ME. Ancora adesso che ho un nuovo pc il vecchio ha sempre su ME. La cosa strana e che il nuovo pc l’ho acquistato nel 2007 con preinstallato Vista Home Premium.
    Quando si dice il caso. Ma anche se molti paragonano i due so penso che vista abbia dato molto meno problemi di ME, anzi per quanto mi riguarda non ne ho mai avuti.

    Saluti

  • # 62
    Ben_it
     scrive: 

    Per quel che riguarda WinMe: anche a me non ha mai dato particolari problemi, sarà che non si tratta di hw complesso (un sistema integrato Via), sarà che non ho mai installato/disinstallato molte applicazioni, ma in tanti anni i chrash si contano sulle dita di una mano.. L’ho re-istallato solo 2 volte quando si è rotto l’hd.

    Sul BSOD alla presentazione di Win 98: all’epoca lessi una bella ricostruzione dei fatti mi sembra su Byte. Secondo loro quella del finto BSOD fu una scusa per giustificare il ritardo nella messa in vendita del prodotto: molto meglio una cosa del genere e dire “vedete perché non lo vendiamo ancora” (come ha fatto il volpone di Bill), piuttosto che dire semplicemente “siamo in ritardo dovete aspettare”. Così l’utente medio pensa “che bravi, come sono corretti, non me lo vendono perché ha ancora dei problemi, vuol dir che quando lo potrò comprare sarà perfetto!”. E poi fu tutta pubblicità gratuita, non solo nella cerchia degli informatici.
    Sul fatto che lo scroll da destra sia stato solo un effetto ottico del proiettore: se così fosse stato, sotto sarebbe rimasta la schermata del Desktop di Win che c’era prima, non uno sfondo nero…

  • # 63
    Neehon
     scrive: 

    Che ci crediate o meno, Windows ME fu per me una liberazione dai continui crash di Windows 98. Finalmente potevo chiudere un’applicazione che crashava senza dover riavviare il sistema, era stabile eccome! Lo tenevo in dual boot con Windows XP e quell’installazione di ME mi è durata più di un anno, e ci ho fatto le peggio cose vi assicuro! Se non ricordo male poi già da Millennum era stato inserito un sistema di protezione dei files di sistema che preveniva accidentali errori. E’ chiaro che la famiglia XP era tutto un’altro pianeta, ma nella mia esperienza Win Me è stato molto valido, tanto che lo tengo in macchina virtuale per usare vecchie applicazioni ormai non compatibili con Windows 7.

  • # 64
    anto
     scrive: 

    io ho usato win98se e nn ho mai avuto grandi problemi. ho dovuto reinstallarlo 2 volte, xk devo aver cancellato un file d sistema e quindi nn funzionava più… ora ho un computer cn windows xp e, ank se é comparsa sl 1 skermata d errore, mi trovo molto peggio e spesso rimpiango d aver sostituito il mio caro vecchio computer…

  • # 65
    Alessio
     scrive: 

    A me Win9x ha sempre funzionato bene, l’unico problema era la memoria… Per fortuna hanno creato una patch che risolve il problema e non esagero se dico che 9x ora è più stabile di Winxp.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.