di  -  martedì 8 aprile 2008

Il Salone Internazionale delle Invenzioni di Ginevra è sempre un’occasione ghiotta per noi appassionati di tecnologia, perché è un momento in cui ricerca, passione e tecnica si mescolano dando una forma materiale a idee bizzarre o al contrario molto pratiche.

L’anno scorso il primo premio andò all’italiano Guido Azzolin che presentò una pala meccanica in grado di raccogliere e frantumare i detriti. Niente di fantascientifico, ma probabilmente un’invenzione altamente attesa nel settore dei lavori di scavo. Quest’anno fa notizia un concorrente – sempre italiano – ma attivo in un altro settore.

Enrico Berruti è un simpatico signore che ha munito un normale letto a due piazze di fermagli che scorrono lungo guide di metallo poste ai lati del materasso; quando le lenzuola sono perfettamente tirate, le guide si abbassano automaticamente lasciando un letto in ordine.

Chiaramente il sistema va affinato ed Enrico è in cerca di una partnership per poterlo produrre in serie e commercializzare. Secondo le intenzioni del produttore questo sistema è mirato a chi è troppo malato o infortunato per doversi rifare il letto da sé: a parte che se uno è malato o infortunato rifare il letto non è in cima alle priorità, forse se uno ha un braccio rotto e non ha voglia di rifarlo probabilmente non ha poi nemmeno voglia di dover tirare giù le lenzuola per dovercisi infilare, no?

Selfy

6 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Ilruz
     scrive: 

    Faro’ un busto in bronzo a chi inventa una macchina per stirare, che funziona.

    Per dormire mi basta una cuccia.

  • # 2
    Raff
     scrive: 

    Sarà pratica una cosa del genere?
    Vero che potrebbe far risparmiare tempo alle casalinghe, ma l’estetica? e nelle case piccole? e la praticità?
    Non so se il gioco vale la candela.

  • # 3
    Sebastian
     scrive: 

    Io l’ho visto in opera al salone di Ginevra, esteticamente non è neanche brutto, mi sembra pratico perchè schiacci un pulsante e lui fa il resto. L’ingombro, almeno per quanto visto lì al salone, è superiore a un letto normale solo mentre è in funzione, poi torna come prima

  • # 4
    Luca
     scrive: 

    Domanda banale… quanto costa?

  • # 5
    kekko
     scrive: 

    bè contando che il letto è dotato di due motorini presumo che costi sui 5000 euro poi posso anche sbagliare…………..

  • # 6
    kekko
     scrive: 

    al salone di ginevra ci vado fra un po
    poi vedrete la mia invenzione ke rivoluzionerà il mondooooooo