punti-dinteresse
martedì 27 Novembre 2007 - 1 Commento

Il pubblico più adulto e smaliziato di Google Maps può disporre da oggi di un servizio innovativo, se non nei contenuti, almeno nella forma: la ricerca di prostitute. La nuova generazione di “libere professioniste” sembra infatti aver compreso appieno le potenzialità della rete, tanto da capire che “georeferenziandosi” possono catturare una rilevante fascia di pubblico.