jammie-thomas
venerdì 26 Settembre 2008 - 6 Commenti

Ricorderete il caso Capitol Records vs Jammie Thomas, in cui quest’ultima fu condannata a pagare 222.000 dollari di sanzione per la condivisione di 24 brani su un circuito di file sharing, pari a 9.250 dollari per brano condiviso.
Ci siamo occupati di molte fantasiose tesi emerse nei dibattimenti concernenti il caso, come per quella di Jennifer Pariser, avvocato di Sony BMG, che sostiene: “Quando un individuo copia una canzone per suo uso personale […] possiamo dire cha ha rubato una canzone”, o quella secondo cui basta condividere un file , …