immagini
mercoledì 20 Ottobre 2010 - 8 Commenti
Considerazioni finali su WebP

Dopo aver trattato della qualità delle immagini e del contenitore utilizzato per il nuovo formato di casa Google, passiamo ad alcune considerazioni su WebP sulla base di alcune esigenze comuni e confrontandolo, ove necessario, con gli altri formati esistenti.
Come abbiamo visto, l’utilizzo di una struttura “ridotta all’osso”, e con pochissimo spazio a disposizione, comporta non pochi problemi per introdurre delle innovazioni. Già adesso sono presenti delle carenze non di poco conto, come l’assenza dell’alpha channel e la compressione esclusivamente lossy, ad esempio.
Si tratta di caratteristiche di fondamentale importanza, specialmente alla …

mercoledì 13 Ottobre 2010 - 9 Commenti
Il “contenitore” di WebP: struttura, idea, e limiti

Nel precedente articolo su WebP abbiamo analizzato le motivazioni che hanno portato Google a tirare fuori dal cilindro questo nuovo formato per memorizzare le immagini, in che modo sono stati realizzati i test, e la qualità dei file generati col nuovo arrivato.
Oltre all’algoritmo che determina in maniera preponderante lo spazio occupato, a contribuire allo scopo è anche il cosiddetto “contenitore” necessario per memorizzare in maniera opportuna i dati compressi, e di cui avevamo accennato prima.
In realtà la scelta del contenitore cela anche l’operazione che è stata fatta per arrivare a …

mercoledì 6 Ottobre 2010 - 38 Commenti
WebP: prime riflessioni sul nuovo formato di Google

E’ di pochi giorni la notizia che Google ha realizzato un nuovo formato di compressione delle immagini. Sulla carta dovrebbe rappresentare il santo Graal, e a tesserne le lodi ovviamente non poteva che essere lo stesso colosso di Mountain View, ormai lanciato nella ridefinizione degli strumenti che utilizziamo nella nostra quotidianità.
In realtà WebP nasce per soddisfare un’esigenza che BigG sente pesante, com’è attestato nel blog in cui è stata comunicata la notizia: il 65% dei dati scaricati da pagine web è costituito da immagini. Poiché il core business di quest’azienda …

mercoledì 10 Giugno 2009 - 232 Commenti

Fare un doppio click sull’iconcina di un file e far partire il relativo “riproduttore” è un’operazione ormai perfettamente naturale; istintiva oserei dire.
Eppure dietro a un gesto “innocente” come questo possono nascondersi risvolti inaspettati, legati strettamente alla natura del contenuto del file.
In precedenza abbiamo trattato l’argomento dei formati cosidetti “proprietari”, che però non ha esaurito il “filone”, lasciando aperte alcune questioni. In particolare, non era lo scopo e non era stato trattato il tema della legittimità o meno alla fruizione di un particolare contenuto. Perché non tutti i contenuti sono, appunti, …

martedì 9 Settembre 2008 - 1 Commento

Chissà che i post con questo titolo non diventino una serie! :)
Qualche giorno fa vi ho raccontato di come un ingegnere israeliano abbia studiato un sistema per ridurre automaticamente il fattore di distorsione atmosferica delle immagini satellitari, e di come questo potrebbe aiutare a renderle più nitide, che subito qualcuno mi ha fatto notare nei commenti che da lì a poco Google avrebbe lanciato in orbita il suo primo satellite ad altissima risoluzione. Detto fatto, il pacco è in orbita.

martedì 2 Settembre 2008 - 3 Commenti

E’ innegabile che la visione satellitare – GPS o mappe – sta rivoluzionando la nostra vita, su questo blog ne abbiamo parlato più e più volte. Ormai anche i muri sanno la storia del GPS civile e militare e dell’approssimazione, e quella della risoluzione delle foto scattate da satelliti civili e militari. Tuttavia praticamente la totalità delle persone coinvolte nel processo di produzione di queste immagini sognano di avere un dettaglio maggiore e di non dover scattare più volte la stessa foto prima di avere una foto decente. E c’è …

mercoledì 24 Ottobre 2007 - Commenta

CSI, NCIS, Criminal Minds, e chi più ne ha più ne metta. Spopolano in tv le serie americane di ambiente poliziesco ed investigativo. In tutti questi serial non può mancare la figura del simpatico smanettone di computer, più nerd che geek, il quale di solito estrae l’informazione giusta dal computer, per confermare tempestivamente la tesi dell’investigatore provetto.

C’è ancora un altro personaggio che fa la sua apparizione in almeno una puntata di più o meno tutte queste serie, ed è il ragazzino ad alto tasso tecnologico, che come minimo comunica tramite …