formazione
mercoledì 16 Dicembre 2009 - 21 Commenti
Catene retail e tecnologia: acquistare ma anche apprendere?

Chi di noi non è mai entrato in una delle catene retail di informatica ed elettronica di consumo presenti nel mercato nazionale? Se in passato gli acquisti legati a dispositivi elettronici e agli utensili di casa passavano attraverso il piccolo negozio specializzato, il proliferare di grandi catene ha fatto convergere esigenze d’acquisto di prodotti diversi in un’unica struttura.
Dal cosiddetto “bianco”, cioè gli elettrodomestici di varie dimensioni, ai televisori, dai PC a tutto quello che riguarda l’intrattenimento domestico: le catene retail possono essere viste, agli occhi di un appassionato di tecnologia, …

martedì 3 Giugno 2008 - 5 Commenti

Ho varie volte scritto di come l’istruzione in Italia, in ogni ordine e grado, sia decadente ed incapace di formare i giovani che si troveranno a vivere in mondo globalizzato in continua evoluzione.
Oggi ho scoperto che qualcuno lavora in netta controtendenza rispetto alla moda generale. Sto parlando del Prof. Andreas Formiconi, Ordinario di Informatica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Firenze che, durante un convegno a Bologna, ha raccontato come lavora e come vede l’insegnamento nel 2008.

martedì 20 Maggio 2008 - 8 Commenti

Che in Italia ad Internet e nuove tecnologie si associ spesso un’immagine negativa e pericolosa è ormai cosa nota da tempo, ma che persino il Consiglio d’Europa abbia un’idea distorta e negativa del web è cosa, almeno per me, nuova e sconvolgente.
Eppure è ciò che emerge dal “simpatico” gioco che il Consiglio d’Europa ha fatto produrre per educare i bambini all’uso corretto di internet e delle nuove tecnologie. Emblematico il nome: Wild Web Woods .

giovedì 4 Ottobre 2007 - 10 Commenti

Quante volte ci è capitato di sentir dire, a persone che hanno superato gli anta, “ah i giovani d’oggi sono dei geni del PC” o frasi simili? Personalmente mi è capitato spesso. Gli adulti tendono infatti a generalizzare, ritenendo che i ragazzi d’oggi, dalle medie all’università, siano “esperti” di nuove tecnologie e “diavolerie elettroniche”, per usare un loro termine.Ma come stanno davvero le cose? La realtà è, ahimé, decisamente sconfortante. Innanzitutto occorre intenderci su cosa si intende per “esperto“; se intendiamo essere capaci di scrivere un SMS intero in 10 …