di  -  giovedì 9 aprile 2009

Mac VS PC

Una settimana fa Alessio Di Domizio aveva aperto le danze e le riflessioni su un cambio di strategia da parte della società fondata da Bill Gates nei confronti del competitor rappresentato da Steve Jobs.
Pur non occupandomi strettamente di comunicazione provo a riprendere alcuni temi già delineati cercando nuovi spunti ed opinioni alla luce del nuovo commercial uscito da poco negli Stati Uniti e che ha acceso la polemica tra gli utenti aficionados vecchi e nuovi della mela morsicata più famosa del globo.


Durante il weekend, la rossa sbarazzina e ridanciana Lauren ha lasciato il palcoscenico a Giampaolo, tipico utente dalla parlantina piuttosto sicura e convinto delle proprie idee, sufficientemente appassionato di tecnologia da essere considerato come il geek della situazione.

La sceneggiatura è piuttosto semplice: Microsoft offre 1500 dollari al protagonista per soddisfare il suo desiderio di comprare un portatile che risponda ai requisiti di “portabilità, battery life and power” (ovvero leggerezza e trasportabilità della macchina, buona autonomia e prestazioni).
Si susseguono scene da grande distribuzione organizzata con pseudo domande rivolte ai venditori e dopo una ventina di secondi circa ecco la prima stoccata:

– “This is so sexy” afferma Giampaolo mentre maneggia abbastanza delicatamente un iBook unibody, “but Macs to me are more aestethics than their computer part. I don’t wanna pay for the brand, I wanna pay for the computer. What would have the best battery life, that could still accommodate my needs?”

Ovvero: “E’ così sexy; ma I Mac sono più un esercizio di stile ed estetica che computer. Non voglio pagare il marchio, voglio pagare l’hardware. Quale prodotto può garantirmi la miglior autonomia ed allo stesso tempo soddisfare le mie esigenze?”

Dopo qualche altra riflessione sulla componentistica, ecco la seconda e più lieve, dove con un qual certo piglio assicura, contrapponendosi chiaramente ad Apple:

– “it’s a pretty strong contender…this laptop got everything I want” –

“E’ un contendente piuttosto valido…questo portatile ha tutto quello che cercavo in un computer”
Terzo appunto, autoironico, ma vero e proprio assalto all’arma bianca con “I’m a PC ‘cause I’m really picky“, che tradotto vorrebbe dire “sono un utente PC perché sono davvero esigente, difficile di gusti” (sostituire volendo con “schizzinoso” o seppure più al limite con “pignolo”).

Analizziamolo prima dal punto di vista della comunicazione, senza entrare nel merito del confronto tra marchi e prodotti.

E’ uno spot indubbiamente ben realizzato.
Ha un ritmo serrato, dura un periodo di tempo giusto (né troppo corto né troppo lungo per esprimere i concetti ritenuti fondamentali), ruota intorno ad un protagonista il quale, fondamentalmente, rappresenta una tipologia di utenti piuttosto ampia ed eterogenea.

Infine, usa come sfondo situazioni di assoluta normalità e quotidianità quali la scelta di un nuovo computer in un centro commerciale.
Sono quattro i messaggi veicolati, contrapposti a due a due tra di loro.

  • 1) i Mac costano troppo per quel che offrono
  • 2) e si basano eccessivamente sul fattore estetico

Per contro:

  • 1) i normali computer offrono di più
  • 2) sono “più arrosto che fumo”.

Non bisogna sottovalutare la frase che compare alla fine dopo il logo Microsoft:  “Life without walls“.
Uno slogan che ribadisce come non ci siano muri sociali ed economici i quali dividano gli utenti pc tra di loro perché i prezzi, a differenza dei Mac, sono nettamente più popolari, oltre a garantire un parco macchine enormemente più vasto.

Le frasi ad effetto sono estremamente sintetiche e questa lo è.
Ma scopriremo solo tra qualche mese se avrà funzionato oppure no.

Veniamo alla comparazione vera e propria delle macchine.
Il prodotto acquistato è nuovamente un HP.

Al di là delle speculazioni, opinabili, sulla scelta di sposare nuovamente questo marchio, il computer non risponde pienamente alle esigenze menzionate all’inizio.

Il modello Pavilion HDX è un 16 pollici da 3,5 kg abbondanti con una autonomia che pende più verso le due ore che le tre ed uno schermo, a proposito di prestazioni, di discutibile risoluzione (1366×768).
Premesso che il design è parte integrante dello sviluppo di un prodotto ( e spesso e volentieri ne determina la vittoria commerciale), se ci sono due categorie in cui i Mac non sfigurano affatto sono proprio l’autonomia ed il peso, contenuto grazie ad form factor piuttosto sottile rispetto alla media.
Certo non sono regalati, ma l’HP dal canto suo è costato 1500 dollari 1099$ (come fatto notare da un nostro lettore che ringraziamo), non proprio bruscolini seppur con una dotazione di tutto rispetto.

Ovviamente lo spot ha scatenato lo sdegno dei Mac-fan, ma secondo diverse analisi, direi condivisibili dal mio punto di vista, è proprio quello che vuole Microsoft.

L’obiettivo potrebbe essere quello di scatenare i più facinorosi ed integralisti utenti Apple e mostrare come la rappresentanza più consistente sia formata da persone schierate e poco obiettive nei loro acquisti (e quindi di riflesso, dire “se sei pragmatico e non ti fai influenzare dal marchio compra un computer”).

Mentre probabilmente una decisione più saggia sarebbe quella di non dare troppo peso alla cosa, perché in fondo si afferma che come design i Mac la fanno da padrone e quindi sono oggettivamente dei bei prodotti e perché alla fin fine l’HP acquistato da Giampaolo non risponde davvero alle esigenze che si era proposto all’inizio.

La querelle potrebbe essere stucchevole e magari insignificante, io invece la trovo interessante e provo a spiegare il perché, motivando ancor di più la mia decisione di scrivere questo pezzo.
Per mesi, anni, a Redmond si sono palesati segni di assoluta indifferenza (perlomeno in pubblico) e nessuna particolare insofferenza verso Apple.

Celebri sono stati ad esempio gli ultimi attacchi di Ballmer in cui sosteneva la non reale competitività dell’iPhone, al che più di qualcuno ha fatto notare al dirigente Microsoft come, negli States, un solo cellulare disponga di più share di tutti gli smartphone/PDA-Phone con piattaforma Windows Mobile, sommati tra di loro.

Il cambio di strategia commerciale è evidente.

Non è dato sapere se questo rifletta una maggiore preoccupazione dell’incapacità di raggiungere le quote di mercato sperate tra i dispositivi mobili e lettori audio portatili (con Zune), però dopo i taglienti spot pubblicitari Apple degli ultimi anni, Microsoft pare voler scendere sullo stesso terreno competitivo.

L’altro dato è che in tutta queste bagarre a voler tirare ciascuno acqua al proprio mulino, si vedono ribaltamenti di fronti e posizioni che non possono non provocare almeno un sorriso, almeno per quanto mi riguarda.

Da sempre molti utenti Apple hanno goduto di fronte all’imbarazzo dei produttori e fruitori di personal computer generato da alcune campagne e messaggi commerciali indubbiamente efficaci e dirette, sotto molti punti di vista.

Ora, ripagati della “stessa moneta”, si mostrano scandalizzati. Non è questa forse ipocrisia?
Ma allo stesso tempo, l’utente pc integralista che rifiuta i Mac per principio e in passato ha criticato la politica Apple tanto da sostenerne a volte la “disonestà” nei confronti di utenti e potenziali acquirenti, può rimanere coerente con le proprie idee dopo che Microsoft decide di imbracciare con forza l’arma della carta patinata e della “bugia utile” e scendere sullo stesso terreno Apple, aspramente criticato?
Mantenendo le stesse posizioni senza fare autocritica non si rischia lo stesso atteggiamento ipocritica di chi è diametralmente opposto?

L’aspetto paradossale è che proprio il rovesciamento di un paradigma mette a nudo tutti i limiti di un ragionamento schematico, frutto di divisioni spesso stereotipate ed ideologiche, operato, e qui nasce l’assurdo, su prodotti alla fin fine fatti di plastica e metallo.
Ho spesso ripetuto nei miei interventi (riflesso di una convinta e ragionata linea di pensiero) come occorrerebbe avere più rispetto per le scelte degli utenti, perché nessuno può arrogarsi il diritto di venire da ciascuno di voi e dire come spendere i vostri soldi e quanto avete fatto male a comprare X piuttosto che Y, offendendo una libera scelta che risponde a personali e soggettive esigenze.

Qui però stiamo parlando di uno spot commerciale, apprezzabile per com’è confezionato tecnicamente ma soprattutto, nella sua finzione cinematografica.

L’irriverenza ed il pragmatismo anglosassone sono elementi che latitano con evidenza in molti ambiti della società italiana. Se disponessimo di più pubblicità (e trasmissioni) comparative ed aggressive e meno politically correct forse potremmo anche guardare con maggior leggerezza ed allo stesso tempo spirito critico i problemi che affliggono la nostra quotidianità e non solo.

Questo ovviamente è il mio pensiero, in attesa delle prossime puntate della campagna di advertising Microsoft.

Adesso mi piacerebbe conoscere il vostro.

Aggiornamento: nella giornata di ieri è stato pubblicato il terzo episodio della serie. Qui la notizia su Engadget

92 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    User
     scrive: 

    Incoming Apple fanboy flame

  • # 2
    NeX
     scrive: 

    Secondo me lo spot si contraddice:
    Gianpaolo voleva un lap con buona autonomia e potente:
    I Mac hanno una buona autonomia e sono ottimizati meglio dei PC, lo spot mira all’utenza inesperta alimentando il luogo comune che dei Mac paghi il brand.
    Non sono un mac user nè un fanboy, ma piu che un HP a quel prezzo avrei preso un Vaio a questo punto xD

  • # 3
    fanboymac
     scrive: 

    mah, in pratica hanno dato degli imbecilli a tutti gli utenti mac? non capisco dove sia il problema. io ho i soldi che ho guadagnato lavorando onestamente, mi prendo quel che cazzo mi pare e piace magari anche stiloso come il mac. non permetto di certo a quei tizi della microsoft di giudicare! che poi il grande boom mac lo si è avuto con la possibilità di installarci windows su, motivo per il quale io l’ho preso! perkè quando qindows nn serve(ossia qnd nn devo giocare o altro) sto sul mac che vi garantisco che a parte il gioco ed altri programmi che gli mancano, non c’è paragone con windows.

  • # 4
    Gas
     scrive: 

    Credo sia vero che un mac, a parita’ di componentistica, costi un po di piu’.. forse un 5-10%.
    Ma e’ anche vero che, IMHO, che questa differenza per molti utenti puo’ essere compensata dai SW che vengono forniti a corredo (“veri”, non trial come succede in genere per i pc) e da un OS che (sempre IMHO) per molti aspetti e’ un passo avanti rispetto a MS e a un Linux standard (anche se per lavoro, sono programmatore, non lo riuscirei mai ad utilizzare).
    P.S.
    Prima che mi diate del fanboy.. in casa ho (uso) 7 computer, di cui 6 pc e un vecchierrimo iBook G3.

  • # 5
    goldorak
     scrive: 

    Credo che nessuno di voi abbia capito fino in fondo il messaggio pubblicitario. Non si tratta di dire che i prodotti Apple sono piu’ fashion o piu’ cari dei pc. Non e’ quello il punto, tantopiu’ che se uno vuole puo’ benissimo spendere quanto e piu’ di un macbook pro andando a comprare un pc portatile di fascia alta.
    L’aspetto cruciale e quello sul quale effettivamente non ci si puo’ nascondere e’ che il mondo pc offre SCELTA nel hardware e nel prezzo, il mondo MAC no.
    Non sottovalutate questo aspetto, nel mondo MAC uno e’ limitato a quattro prodotti messi li’ in croce. Se uno di quelli ti soddisfa nessun problema. Se invece cerchi quella configurazione particolare che Apple non ti da sei nella merda. Perche’ non hai scelta. O cosi’ o la porta e’ il motto Apple. Nel mondo pc no, puoi spendere quattro soldi e prenderti un pc di fascia bassa, puoi spendere normalmente e avere un pc standard, o puoi spendere il top del top ed avere un pc con componenti di qualita’ ed hai una infinita’ di sclte tra il top di gamma e il prodotto meno caro.
    Ma questo ovviamente non dobbiamo dirlo esplicitamente ai mac fan perche’ e’ una verita’ che fa male.
    E fa benissimo la Microsoft finalmente a fare una campagna pubblicitaria che sottolinea in modo non proprio sottile (come dev’essere !!!) questa differenza.

  • # 6
    fanboymac
     scrive: 

    soltanto 7 pc? u pensa io ne ho 24…ma perfavore

  • # 7
    Alberto
     scrive: 

    Morisse WordPress.
    La faccio breve che non ho voglia di riscrivere il Post.
    3 anni fa’ acquisto di due portatili aziendali. MacBookPro Intel 15″ Dell Inspiron 9300 17″. Finito l’ammortamento il Dell e’ vendibile a 250 euro.. il MacBookPro nonostante il nuovo modello e’ stato venduto a 850 euro. Mi sembra un ottimo plusvalore per mandare a quel paese la pubblicita’ M$.

  • # 8
    fanboymac
     scrive: 

    @goldrak

    guarda che sti ragionamenti veramente stupidi ti conviene farli in un posto isolato dove ci sei te davanti ad uno specchio. io amo i mac, ma amo anche i pc perkè li uso per giocare.
    e basta con sto luogo comune perkè non tutti quelli che hanno un mac sono fanboy, ma l’hanno semplicemente scelto perkè è rilassante avere un sistema estremamente integrato con ogni suo programma come il mac.
    ti posso garantire che io faccio lan party quasi ogni fine settimana usando il pc. perciò ripeto basta luoghi comuni.

  • # 9
    runner
     scrive: 

    non capisco la logica di questi spot! MS realizza software da installare su qualsiasi computer, compresi i mac! dovrebbe contrapporre il suo software a quallo Apple! per me non c’è storia, l’usabilità, la sicurezza e la stabilitùà di OS X è nettamente superiore a quella di XP, Vista e compagnia bella. chiaramente, per alcuni ambiti, non c’è scelta bisogna per forza usare i so di MS ma questo è un limite delle software house che non sviluppano per OS X. poi uno che spende 1500 $ per un pc da 3,5 Kg e sta cercando la “leggerezza e trasportabilità della macchina, buona autonomia e prestazioni” secondo me non capisce nulla di computer!

  • # 10
    syd
     scrive: 

    Non voglio fare pubblicità, ma Apple ha semplicemente sviluppato dei buoni prodotti. La gente certo non li compra solo per l’estetica, ma per una serie di ragioni che tutti conoscono (a partire dal sistema operativo). Lo spot fa presa sul mito “Mac uguale estetica ma poca sostanza”, che semplicemente non corrisponde a verità.

  • # 11
    Gas
     scrive: 

    @goldorak
    Quello che tu vedi come limite (che in parte condivido) e’ esattamente la cosa che in genere piace all’utente mac “tipo”. A molti non interessano le prestazioni della CPU, quale chipset viene montato o conoscere i timings delle RAM. Avere troppa scelta mette molti utenti in difficolta’.
    E’ come proporre la stessa vettura con 15 motorizzazioni differenti: benzina, benzina turbo, benzina con volumetrico, diesel[…] gpl[…] metano[…], ibrida[…] e per ognuno di questi 5 cilindrate differenti. Il rischio e’ che molti utenti non abbiano nemmeno idea di cosa si stia parlando e preferiscano prendere un altro marchio che gli da piu’ sicurezza (e che gli rende piu’ semplice la scelta).
    Quando in molti hanno comprato un portatile/pc Vista ready e poi si sono resi conto che non erano cosi’ ready come credevano.. si sono sentiti traditi.
    Nel mondo mac questo non succede, prendi il portatile che esteticamente ti piace di piu’ e lo usi. E per anni e’ compatibile con i nuovi OS.
    Quanto detto sopra non vuol dire che chredo che gli utenti mac siano disinteressati all’aspetto HW o che siano incompetenti, tutt’altro. Ritengo tuttavia che questa fascia di utenza (che penso sia piuttosto corposa nel mercato computer) si fidi piu’ di un mac che di un pc.

  • # 12
    goldorak
     scrive: 

    @ fanboymac: come volevasi dimostrare. E la prova che la campagna Microsoft sta facendo effetto. Chi l’avrebbe mai detto che prima o poi avrebbero azzeccato qualcosa ? ;)

  • # 13
    Arguggi
     scrive: 

    Mah, tra queste pubblicità Microsoft e quegli “spot” pro mac:

    http://www.youtube.com/watch?v=lgzbhEc6VVo

    Non so quale sia peggio.

  • # 14
    Gas
     scrive: 

    @fanboymac
    Non capisco quale sia il tuo problema.
    Per crederci ti serve la foto di ogni computer ?

  • # 15
    goldorak
     scrive: 

    @Gas : credo che voi continuiate a vedere questi spot come incitamento ai consumatori Apple ad abbandonare il loro portatili, mac pro etc.. a favore dei pc. Non e’ cosi’, non e’ questo il punto.
    E uno spot che mette in risalto attraverso un consumatore tipo (che puo’ a priori comprare sia un pc che un mac) perche’ in determinate occasioni sceglie un pc. Non e’ un attacco al Jobs-Pensiero ne’ tantomeno ai Mac Fanboy che si credono insultati per non si capisce bene quale motivo. Quando compri un mac non hai scelta nelle features non vedo cosa ci sia da dibattere. Non e’ questione di prezzo (almeno non solo), ma di features. Se quello che cerchi viene venduto da Apple, intervegono altri fattori come ad esempio l’estetica, il software etc.. per privilegiare un mac rispetto ad un pc. Ma se quello che vuoi non e’ venduto da Apple ti attacchi al tram. La scelta e’ importante, non lo e’ solo per coloro a cui non interessa. Ma per tutti gli altri si.

  • # 16
    Arguggi
     scrive: 

    @ macfanboy

    Dici che “e basta con sto luogo comune perkè non tutti quelli che hanno un mac sono fanboy” e poi ti chiami macfanboy….. sono perplesso :O

    La possibilità di scegliere il proprio hardware non lo vedo molto come un difetto. Se non hai idea di cosa sia una CPU, RAM ecc ecc ci ci si può sempre informare. In fondo stiamo parlando di una spesa che , in questo caso, arriva a 1500 Dollari, che mi sembrano quei due spiccioli che avanzano nel portafoglio.

    Poi certo se vuoi un computer User friendly non metto in dubbio che il Mac lo sia.

  • # 17
    Banjo
     scrive: 

    E vabbé, ma state ancora a leggere i commenti di ‘sto macfanboy?…

  • # 18
    D
     scrive: 

    Secondo me microsoft quando fa questi spot sbaglia su due cose:

    1- I testimonial sono degli attori professionisti (la Lauren lavora ad hollywood) e questo impedisce allo spettatore comune di sentirsi troppo vicino al personaggio

    2- Scelgono dei portatili che sempre, per un motivo o l’altro risultano criticabili. Invece di prendere questi Hp che sono grossi e vecchi perchè non puntano sul modello dotato di schermo rotante tablet (Touchsmart tx2) che costa meno di 1000 euro ? Perchè non vanno a cercare i Samsung che dentro 12″ ha tutto quello che il macbook di pari fascia si sogna la notte ad un costo nettamente inferiore ?

  • # 19
    Momentaneo
     scrive: 

    Naaa… vi ricordo che il NeoGeo può visualizzare 4096 colori su una palette di 65536 e …


    DOH!!!
    XD

    Per me rimane una diatriba che lascia il tempo che trova, soprattutto ora che il mac è diventato un pc con una carrozzeria più elegante.
    Sono finiti i tempi del PowerPC, li ancora si poteva discutere un pò.

  • # 20
    goldorak
     scrive: 

    @ D : mi pare normale che in una pubblicita’ si usino attori. Non ci vedo niente di strano ma magari sbaglio eh.
    Per quanto riguarda il secondo punto, mostrare un pc pari per caratteristiche ad un prodotto Apple va contro quello che e’ lo spirito di questa pubblicita’.
    Se vuole mostrare appunto come ci siano prodotti che non sono equivalenti ne’ per features ne’ per prezzo ai computer Apple.

  • # 21
    Alberto
     scrive: 

    Avranno anche la carrozzeria piu elegante e basta.. ma io un portatile con 6 ore di autonomia provata sulla mia pelle con schermo da 17″ non li avevo ancora trovati.

  • # 22
    feroce saladino
     scrive: 

    cara microsoft, siamo alla frutta…

    i mac costeranno anche di più, ma hanno un vantaggio innegabile rispetto a windows:
    non hanno virus (ci sono dei tentativi ma sono onoestamente poco più che proof-of-concept).
    Per adesso, qualsiasi sia il motivo, non ci sono virus.
    i mac sono una playstation. La accendi e sei sicuro che andranno sempre. Per i pc, purtroppo, non sempre è così.
    Non solo per il discorso virus ma anche per l’hardware. Se prendi un pc da bancone del supermercato da 400 euro non puoi pretendere che abbia dentro un disco fisso classe enterprise od una scheda madre di alta qualità, o (spesso aspetto sottovalutato) un alimentatore degno di questo nome..
    Mi spiace per chi si ostina a fare il fanboy per uno o per l’altro. Io un ufficio uso win. lin e macos, amministro 60 postazioni ed un minimo di casistica alle spalle ce l’ho.
    Io spero solo che mac os e linux continuino a migliorare perchè solo con la concorrenza si hanno vantaggi per tutti.
    A meno che i soliti “megaesperti-io-ho-windows-senza-antivirus-e-non-mi-è-mai-successo-niente” non siano contenti di pagare 300 euro (quando è uscito xp non te lo regalavano) per un sistema operativo, quanto poi per 300 euro te lo trovi installato compreso di pc… E non parlo poi di ultimate…

    In definitiva, microsoft fa la bella a dire che i pc costano poco.. Comprate un pc senza sistema operativo e poi l’anno prossimo comprate la versione massima del sistema microsoft (600 eurini..).
    Comprate un mac e l’anno prossimo comprate la versione massima di mac os X. 150 euro…
    Basta con tutta questa prostitussione intelettuale..

  • # 23
    Nick
     scrive: 

    Bell’analisi, complimenti per l’articolo. Da parte mia credo che questa lotta (MS vs Apple) sia ai limiti della più imbecille stupidità umana: l’hardware è lo stesso (circa) salvo la scocca personalizzata, ciò che cambia l’esperienza dell’utente è solo e soltanto il software (ma questo alcune persone ancora non lo capiscono…)
    Perchè non vendere macchine su cui l’utente finale potrà scegliere che diavolo far girare?

  • # 24
    Lucatortuga
     scrive: 

    Fa abbastanza sorridere il fatto che Microsoft, per vedere il suo prodotto (Windows), abbia praticamente rinunciato a confrontarlo con i diretti concorrenti (altri sistemi operativi) ma si sia ridotta a far leva sulla presunta economicità di prodotti altrui (i PC, nello specifico quelli di HP).

    Ciò che non può sfuggire all’osservatore attento, è quanto sia fuorviante (benchè lecito dal punto di vista commerciale) questo tipo di comparazione: il fatto che Apple proponga poche configurazioni è proprio il “valore aggiunto” dei Mac. L’acquirente sa che ognuna di quelle poche configurazioni è stata pensata, costruita, testata e ottimizzata per funzionare al meglio con il sistema operativo realizzato dallo stesso produttore.
    Insomma, acquisti un prodotto che “nasce” completo e sai che non dovrai rivolgerti a soggetti diversi a seconda che un tuo eventuale problema nasca dall’hardware piuttosto che dal software.

    In ambito pc, se la concorrenza tra una miriade di produttori HW consente di abbattere i costi e di trovare praticamente ogni configurazione possibile, ci si scontra però con il fatto che nessuno di questi produttori propone un suo sistema operativo (e chi lo propone, non vende hardware dedicato proprio a quel sistema).

    E’ questa la differenza fondamentale… se poi consideriamo anche che, ad oggi, un computer Apple è l’unico che ti consente di utilizzare tutti i sistemi operativi in circolazione… imho, nel panorama attuale dell’offerta informatica, Apple non ha (ancora) dei reali concorrenti.

  • # 25
    D
     scrive: 

    @goldorak

    “mi pare normale che in una pubblicita’ si usino attori. Non ci vedo niente di strano ma magari sbaglio eh.”

    La signora del Dixan oltre che a rifiutare i due fustini, l’hai mai vista da qualche altra parte ?
    Di certo se la signora del Dixan fosse Afef sarebbe un po’ difficile per una massaia riconoscercisi.

    “Per quanto riguarda il secondo punto, mostrare un pc pari per caratteristiche ad un prodotto Apple va contro quello che e’ lo spirito di questa pubblicita’.
    Se vuole mostrare appunto come ci siano prodotti che non sono equivalenti ne’ per features ne’ per prezzo ai computer Apple.”

    Apple produce tablet pc (o notebook convertibili) ?
    Apple ti mette fuori dei 12″ con + di 200GB di HD, 2GB di Ram e Video Ati di buona fascia a meno di 700 euro ?
    Lo spot sembra più interessato a fare una guerra estetica di chi ce l’ha più grosso guarda caso proprio a partire dalla dimensione del “notebook” scelto dalla Lauren: 17 pollici, una valigetta !

  • # 26
    sXe
     scrive: 

    Nato su mac, e passato a Windows/Linux da anni.
    E tanti saluti alla tanto decantata interfaccia utente e pseudo cagate Mac. Tutte cazzate. Poteva essere vero fino al system 9. Ora sia OSX che hardware è solo fighettame. (Ok dai, salvo il case del mac pro, davvero ben strutturato e…mmmm e la nuova tastiera a corsa breve e…mmmm basta.)

    Svegliatevi. La vera alternativa dovrebbe essere Linux. Se solo non disperdesse tutto quel potenziale in migliaia di distribuzioni, allora nascerebbe la VERA Alternativa a Microsoft.

    Fanboy Apple, incazzatevi su, ero uno di voi, con i paraocchi. Per fortuna ne sono uscito.

    P.S. …stabilità dei sistemi Apple? Buahahaha …Io ne ho viste cose…

    Ciaoooooooo

  • # 27
    fanboymac
     scrive: 

    bene bene

    mi sono chiamato fanboy hiusto perkè quello prima di me aveva detto che si aspettava fanboy, era solo una provocazione il nick.
    io se vuoi posso insegnarti sia per quanto riguarda cpu gpu e quel che ti pare.
    io ho solo detto quello che ho detto. senza contro sensi e ne niente perciò vedete di capire quando uno scrive. oppure se vi piace così tanto capire quel che volete fate pure

  • # 28
    Giullo
     scrive: 

    mah nn capisco lo spirito dello spot, da quando MS produce hw? facesse un bel confronto tra vista e leopard, avrebbe + senso ..

    @goldorak: quindi la fiat dovrebbe cominciare a fare spot dicendo che audi, bmw, mercedes etc etc nn hanno macchine sotto i 15k€ ?

    apple si rivolge ad un preciso segmento di mercato, PER SCELTA nn copre i segmenti + bassi (con marginalità inferiore) …

  • # 29
    Alberto
     scrive: 

    sXe ci sarebbe il detto don’t feed the troll.. ma oggi mi sento buono…Decantare OS9 vuol dire non avere proprio capito un cazzo dei mac. OS9 era un aborto tecnologico.. un Windows 3.1 con la grafica piu’ bella.. ma la sostanza era quella. Paragonare Xp/Linux/OSX con os9 e’ assolutamente improponibile e imbarazzante per i problemi che os9 aveva.

  • # 30
    sXe
     scrive: 

    @ Alberto

    NON ho paragonato OS9 a XP o OSX, ma ai sistemi dell’epoca, quando Apple faceva la differenza. Cosa non più vera. Sfido chiunque in qualsiasi campo a trovare 1 sola cosa e dico UNA che non possa fare meglio con un pc di pari prezzo.

    Per correttezza ti dico che i mac li conosco da OS6 e che purtroppo ne ho ancora sottomano 4 con Leopard.

    A voi.

  • # 31
    Alberto
     scrive: 

    I sistemi dell’epoca quali? I Quadra? O i primi PPC dove MacOS sfruttava una minima parte della potenza del PPC dovendo andare in compatibilita’ 680×0? Oppure parliamo della bellissima allocazione statica della memoria? O del multitasking cooperative? O parliamo anche dei G3/G4 con OS9 on board.. dove la protezione della memoria era un miraggio? Tu usi la macchina o la usi a mezzo di un sistema operativo? No perche’ io ricordo ancora le giornate in tipografia passate a rimmettere in piedi Os9 senza sapere il perche’ si fosse sfasciato allegramente. Oppure gli operatori aprire Photoshop per poi richiuderlo ed aumentare la memoria assegnata perche’ non in grado di aprire i file.. O le memorie DIMM proprietarie vendute al quadruplo del prezzo di normali DIMM PC. O Anche os9 arrancare nel trasferimento di file via rete verso i RIP quando anche solo il mouse veniva mosso.. con perdita nel transfer rate del 30% e oltre… ma perfavore va’..

  • # 32
    Roy
     scrive: 

    @sXe

    Non oso pensare in quale razza di posto tu sia nato.
    Non certo in ambiente Mac, la deduzione viene spontanea, visto le cazzate che spari.

  • # 33
    Hololuke
     scrive: 

    quoto goldorak (post #5): imho ha centrato il punto.

    @Giullo: la strategia di Apple è “s.o. Apple solo con hw Apple”, quindi, se non compri hw Apple, quale s.o. lo potrai far funzionare? mi sembra chiaro che lo spot punti su questo.

    mi auguro solo che l’aumento di concorrenza tra MS e Apple porti vantaggi ai consumatori.

  • # 34
    sXe
     scrive: 

    @Alberto
    Allora, forse non mi sono spiegato. Io ti parlo da quando conosco Apple, ovvero OS6 del 1988 ad ora. Confrontali con i sistemi Microsoft e converrai con me che erano un bel passo avanti. Ma non è solo mia opinione, dopo tutti questi anni, guardando al passato dovrebbe essere ormai una certezza consolidata. Ora non è più così. Si è costruito un mito intorno ad Apple che è a dir poco assurdo. C’è gente che ancora crede che Apple abbia inventato le finestre del desktop o il touch screen o che non vada mai in bomba o che sia il sistema più sicuro del mondo. Guarda giusto qualche giorno fa ho letto qui dell’intervista al ragazzo che ha violato OSX, spero si possano pubblicare link :
    http://www.theapplelounge.com/sicurezza/miller-mac-osx-vulnerabile-windows/

    Ora, io ho sperimentato sulla mia pelle che la quasi totalità del mito Apple è appunto solo un mito, delle belle parole per l’utente medio che si fa incantare (non sarà il caso tuo, ma la recente crescità del mercato Apple è merito loro, che magari conosce OSX dopo aver comprato l’iPod..).

    Poi ci sono questioni sulla elogiata semplicità d’uso dell’interfaccia utente che non ho mai capito.
    Perchè continuare con questo mouse con 1 bottone? se voglio usare il computer con una mano e con l’altra scaccolarmi il naso non mi è concesso (per non parlare dei disabili).
    Ancora, perchè per ridimensionare una finestra devo mirare un quadratino di 15x15px in basso a dx e non posso deformarla dai lati?
    Mah…

    Potete giustificare le cose in tutti i modi, ma rimane il fatto che il mondo Apple è SOPRAVVALUTATO e SOVRAPREZZATO, sia hardware che software.

    Che poi sia uno status symbol, qui mi arrendo..

    Saluti

  • # 35
    sXe
     scrive: 

    @Roy
    Carissimo, argomenta. O sei uno dei tanti da me sopra descritti?

  • # 36
    Giullo
     scrive: 

    così come la strategia di ms è vendere l’xbox 360 con il suo so, la strategia di sony è vendere la ps3 col suo so etc etc

    onestamente mi sfugge la logica di:

    “poichè i mac hanno l’hardware di un pc, e leopard girerebbe su un pc normale, apple è cattiva a non permettere l’installazione del suo so su tutti i pc”

    cioè io sviluppo un software, indico i requisiti minimi perchè questo funzioni (ad esempio faccio un gioco che gira solo su gpu nvidia, indifferente al fatto che dimezzo il mio potenziale mercato) e tu utente con sk video diversa PRETENDI di poterlo usare anche se nn soddisfi i requisiti minimi?

    e poi , se con qualche hack riesci a farlo cmq girare, ti incazzi perchè nn funziona bene, nn hai assistenza etc etc

    se qualcuno mi spiega razionalmente questo passaggio gli sarei grato, visto che non ho ancora letto una spiegazione convincente del perchè apple debba permettere di installare il suo so su hardware non apple .. ah e non usciamo con sparate tipo che un so operativo è un bene primario, perchè anche se lo fosse, ci sarebbero cmq alternative free disponibili

    ps: chiaramente il tu è generico :)

  • # 37
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    x Hololuke

    Il fatto che MacOSX sia venduto solo con i Mac non ti preclude la possibilità di usare altri sistemi operativi.
    Di fatto, con la migrazione ad architettura x86 (che con Snow Leopard diverrà esclusiva), è possibile usare gli altri SO più diffusi con la stessa efficacia dei normali computer…perché alla fine i componenti sono gli stessi pur con qualche differenza sul BIOS e driver.

    x nick

    Grazie per i complimenti

    x Lucatortuga

    Prima che Sun e Solaris cadessero in disgrazia quella era un’alternativa.
    In ogni caso, se consideriamo l’unicità di MacOSX abbinata all’hardware Apple è vero che non si può parlare di concorrenza anzi si dovrebbe parlare di monopolio (tanto che da più parti è stato chiesto di applicare le sanzioni antitrust non solo a MS…ma questo è un altro discorso).

    Ma di fatto un computer è uno strumento e la vera differenza più che le prestazioni e la componentistica (ormai abbastanza uniformate grazie anche all’abbattimento dei prezzi) è il software che ci gira sopra.
    Nel momento in cui esistono programmi in grado di assolvere agli stessi compiti sia su piattaforma OSX che Windows (su Linux andrebbe fatto un discorso a parte) questi si pongono automaticamente in competizione tra di loro e quindi Apple e gli altri produttori come concorrenti.
    Ancor di più se si considera che una buona parte di questi applicativi sono compilati per entrambe i sistemi.

    Per quanto riguarda i confronti su migliore e peggiore…
    Come ho avuto modo di accennare nell’articolo, sono discorsi senza senso e pregherei chi si è infilato su questi binari di uscirne.

    Non esiste nel mondo IT un migliore in termini assoluti, esiste la soluzione più adatta in un certo momento per le esigenze di una o più persone, NON TUTTE le persone.
    Se mi serve un computer estremamente leggero e portabile certo non vado a comparmi un 17″, ma allo stesso tempo se ho bisogno di fare elaborazioni CAD non andrò a comprarmi un netbook.
    Le due soluzioni però restano entrambe valide; chiaramente vanno calate in un contesto personale e quindi soggettivo.
    Gli anglosassoni riassumono questi concetti in 7 parole:
    the right tool for the right job.

    E’ altrettanto ovvio che questo ragionamento non funziona se siamo in un’ottica di marketing.
    In quel caso ogni produttore cercherà di dimostrare che il proprio computer, sistema operativo, dispositivo è migliore a prescindere, ma perché si punta alla vendita e quindi l’elemento persuasivo è fondamentale per arrivare al proprio obiettivo

    x Giullo

    il sistema operativo OSX con il passaggio ad x86 è l’unica vera grossa differenza in mano ad Apple rispetto agli altri produttori.
    Dopo l’esperienza negativa dei compatibili di metà anni ’90 ha basato su questa unicità tutto il proprio core business.
    Ricordiamoci che la società di Cupertino campa con gli utili derivanti dall’hardware non dal software, ma è ovvio che qualora questo venisse a mancare si aprirebbero scenari nuovi.
    Giustamente chi auspica avvenga un giorno una decisione del genere afferma “sì però molte più persone potrebbero installarlo e quindi Apple ci guadagnerebbe”.
    Diciamo che non possiamo valutarlo in termini numerici. Apple ha scelto questa strada consapevolmente, quella di crearsi una nicchia in cui può decidere sostanzialmente quello che vuole anche il prezzo dei suoi computer.
    Una linea di prodotti ben definita e con pochi modelli è una conseguenza e che d’altra parte evita sovrapposizioni o una rincorsa al nuovo come invece accade per gli altri produttori.

    Sono scelte, vedute diverse di un unico settore, ciascuna con pro e contro, l’importante per l’utente finale è la possibilità di scegliere quel che conviene.

  • # 38
    Roy
     scrive: 

    @sXe
    Continua a scaccolarti il naso che e’ meglio!

  • # 39
    sXe
     scrive: 

    @Roy
    Come immaginavo… :)

  • # 40
    Hololuke
     scrive: 

    @Giullo
    correggimi se sbaglio, ma mi pare che i requisiti minimi (legittimi) si riferiscono alle specifiche del hw, non al produttore.
    la politica di Apple ti impedisce di utilizzare il sw Apple su hw con le stesse specifiche, ma prodotto da un’altra azienda, e magari offerto ad un prezzo differente.
    mi sembra quindi una politica che nega la concorrenza (sw vs sw, hw vs hw), e quindi il libero mercato.
    da consumatore, penso che ciò mi danneggi.

  • # 41
    Banjo
     scrive: 

    @Roy
    Belle argomentazioni, son d’accordo. Complimenti.

  • # 42
    Giullo
     scrive: 

    @eXe: mah, mouse con + bottoni sono supportati da tiger, per il resto anche tu non scherzi con i luoghi comuni :)

    la solita fuffa di un fanboy antiapple, sei molto simile ad un fanboy apple quando parla di sistemi inviolabili, windows che si impalla ogni 30 min etc etc
    puoi farci qualche esempio concreto del perchè osx faccia schifo?

    leopard è un buon sistema operativo, abbastanza solido nelle fondamenta, anche se sicuramente apple è rimasta un pò indietro sul lato sicurezza … o meglio, non è che apple abbia poi curato così tanto la sicurezza, semplicemente fino a prima di windows xp sp2 il confronto era imbarazzante (per ms chiaramente) .. da allora acqua sotto i ponti ne è passata parecchia, ed in termini di tecnologie possiamo dire che vista sia avanti rispetto alla parte sicurezza (vedi randomizzazione della memoria, nn eseguibilità dell’heap, etc etc)

    vediamo con snow leopard che succede

  • # 43
    pabloski
     scrive: 

    ha ha ha questa campagna somiglia tanto a get the facts

    lo sapete che fu sospesa in UK perchè raccontava balle? nello specifico si voleva dimostrare che linux costa più di windows e per farlo si installava linux su un hardware che costava il doppio dell’hardware usato per windows

    detto questo ma avete visto il primo spot? il portatile comprato dalla tipa è stato unanimemente etichettato come il peggior notebook esistente…grazie che costa poco….

    quanto costa di più un mac? 10-15%??? e che ci sarebbe di scandaloso

    comunque quando un’azienda è costretta a spargere fud vuol dire che sul fronte tecnico non ha nulla da dire

    e infatti Vista docet :D … PS: avete notato che windows 7 rc è più pesante della beta? che strano eh!?! già già nella beta inoltre mancava il mitico superfetch, o meglio il demone c’era ma non prefetchava un tubo….ecco perchè sembrava che consumasse meno RAM

    insomma, solita fuffa made in Redmond

  • # 44
    Roy
     scrive: 

    Ma cosa volete argomentare?
    Prima di tutto senza braccia non ne sono capace (certe discussioni me le fanno cadere)
    Poi se c’e’ una persona che non sopporto e’ quella che per spalare merda su qualcosa, esordisce dicendo di averla usata, e addirittura e’ nata con essa.
    Siccome sono stanco di incontrare questo tipo di personaggi, due sono le soluzioni ho smetto di frequentare certi siti, o ancora meglio non accetto le loro false argomentazioni, perdendo il fiato con discussioni inutili.
    Preferisco usare l’ironia.

  • # 45
    Hololuke
     scrive: 

    @Jacopo
    forse non mi sono espresso bene, ma quella che vorrei è la possibilità di utilizzare MacOsX (comprandolo separatamente) su hw non-Apple (magari quello che ho già).

    intanto, mi aggiungo ai complimenti per l’articolo.

  • # 46
    Alberto
     scrive: 

    @Jacopo.. che ci azzecca Solaris con OSX? Nonostante la merda che gli viene tirata addosso in ambito enterprise le SUN sono tante, molte piu’ di quello che si pensa. Mentre di soluzioni OSXserver o Linux sono in minoranza (tranne per quell’aborto di Unbreakable Linux).

    @sXe.. quando Apple si beava della sua superiorita’ MS aveva nel cartucciere NT 3.5 e 4.0 nettamente un altro pianeta rispetto a OS8/9. Era avanti un corno.. come kernel era rimasta al palo tanto che macchine consumer come AmigaOS avevano un kernel decisamente migliore sotto tutti i punti di vista.
    Pensa che dopo nemmeno due settimana con MacBookPro 17 mi trovo sull’altro portatile (XP) a ripetere le gesture perche’ in pochissimo tempo mi sono assuefatto all’interfaccia e funzionamento che tu giudichi pessimo.. come vedi.. de gustibus.

    Miller ha violato il Browser.. perfetto..ha exploitato su root o e’ rimasto un utente senza privilegi? No perche’ altrimenti i suoi processi non possono andare oltre lo userspace e di quell’utente per altro. Darwin deriva dai BSD e ti assicuro che i BSD non sono cosi’ semplici da far saltare. In quell’articolo non ci sono informazioni sufficienti.. e la prima donna Miller non le vuole rilevare.

  • # 47
    sXe
     scrive: 

    @Giulio

    Lo so che è supportato, ma si parla di hardware apple, e te lo vendono con questo dannato mouse a 1 pulsante. Risultato -> se in ufficio ci sono 4 mac, aggiungere la spesa di 4 mouse a parte. Che sono pochi euro, ma non è quello il punto.

    Attenzione. Non voglio dire che OSX faccia schifo. Ma è oggettivamente sopravvalutato. E odio le politiche e falsità di Apple.

    Non sono fanboy Windows, odio i monopoli, e infatti sarei felice di vedere crescere Linux sempre più in ambito desktop. (Anzi, lo vorrei d’obbligo per tutte le istituzioni statali, ma questa è un’altra storia…)

    Windows si impalla ogni 30 min? Non credo proprio. Questo può succedere a chi va a mettere le mani dove non deve(Questo effettivamente dovrebbe essere negato), ai driver di terze parti sviluppati con i piedi.

    Con Vista sono stati fatti notevoli passi avanti, e con Seven sembra che venga consolidato e migliorato tutto. Ho provato la beta e sembra un ottimo prodotto. Avrò occasione di testare anche Snow Leopard.

  • # 48
    sXe
     scrive: 

    @Roy
    Guarda che non era un modo di dire. Il primo Computer (a parte Sinclair spectrum e amiga) Che ho usato è stato un Apple LCIII. Sai che cos’è? Fai un giro su google va.

  • # 49
    Benedetto
     scrive: 

    E meno male che i commenti dovevano evitare lo scontro mac vs. win e concentrasi sullo spot : )

    In my opinion, i fanboy si dividono in due grandi gruppi:

    Coloro che devono difendere a spada tratta la propria scelta in quanto inconsciamente timorosi di aver effettuato quella sbagliata. E quindi spaventati dal prodotto concorrente su cui rivolgono i propri attacchi. Nello specifico, potremmo definire così i fanboy msoft (non vedo proprio altre ragioni per essere un fanboy di Bill Gates : )

    Coloro che, scoperto, nello specifico, un SO oggettivamente superiore, ambiscono a diffonderlo per rendere felici le altre persone. Naturalmente parlo di utenti Mac (per esperienza personale) e Linux (per deduzione).

    Chiaramente, ho generalizzato le casistiche ma vorrei riportare la mia esperienza personale. Quando studiavo all’università, ero in possesso di un fiammante iBook e vivevo con due ottimi coinquilini: uno studente di architettura e uno di filosofia. Il primo si era preso un orribile (esteticamente) portatile rosso della Acer. 17 pollici per il Cad e una spalla slogata ogni volta che doveva trasportarlo in facoltà. Il filosofo, invece, aveva portato da casa il suo vecchio Pc con la doppia partizione win/linux. Il computer era così soggetto a virus e problemi di mancata ottimizzazione che era diventato praticamente ingestibile.

    Morale della favole: dopo sei mesi entrambi sono passati a Mac. E vedere i propri coinquilini fare pace con l’informatica non ha prezzo.

  • # 50
    sXe
     scrive: 

    @Alberto
    Certo che non le vuole rilevare, vorrà un pò di soldi da Apple immagino.

  • # 51
    Alberto
     scrive: 

    @sXe non mi riferisco al Bug in se’ o alla tecnica utilizzata. Non rileva le informazioni minime per capire di che caxxo parliamo. Un conto e’ usare una vulnerabilita’ per un XSS oppure esploitare la macchina per arrivare a livello utente. Un conto e’ ottenere i privilegi di root.. Siccome su windows user e Admin nel 99% dei casi coincidono permetti che e’ diverso. Su Linux o Unix in genere non e’ che una volta che hai bucato chesso’ Apache puoi fare quel caxxo che vuoi.. se men che a meta’ dell’opera per exploitare la macchina devi ancora fare un excalation di privilegi. Poi bon.. se ti accontenti puoi fare danni anche verso terzi con il solo utente unprivileged di apache (anche se ho visto sysadmin far girare apache con UID attivo o addirittura come root …… sic)

  • # 52
    Alberto
     scrive: 

    Chiedo scusa per come ho scritto il post di prima.. :) sembra tutto tranne che italiano.

  • # 53
    Iro
     scrive: 

    piccola premessa: di lavoro faccio il montatore audio video, o meglio stò cominciando a farlo. Nel mio lavoro moltissimi utilizzano apple, e io stesso quando lavoro su macchine non mie lo utilizzo senza problemi e aprezzando pure alcune sue caratteristiche, ma grosse differenze non ne vedo, o meglio, non le vedo io, che sono un utente evoluto, che so come muovermi tra le varie impostazioni di Vindows e di OSX, l’utente medio come facilità d’uso preferisce di sicuto osx, ma è una altra storia.
    Perchè io uso Windows? Perchè posso costantemente aggiornare l’HW del mio sistema e mano mano che lo faccio mi ritrovo a poter assemblare altri pc da dedicare ad altri scopi (file server, firewall, muletto per internet e via dicendo) Da quando ho iniziato questa pratica, nel 2004 ho speso per componentistica varia circa 4000 €, con quella cifra avrei di certo preso un mac pro della stracazzola, ma almeno ho dilazionato la spesa nel tempo, ora ho un vecchio athlon 64 a 1.5ghz con cui si va in internet, un athlon 64 da 2.5 ghz con cui gestisco i vari hd delle catene raid della mia rete e un i7 nuovo di pacca per i lavori più esosi in termini di risorse. Tutto qui, il mio problema è che devo arrabattarmi per arrivare a fine mese e apple non dispone delle fasce di prezzo che io posso raggiungere ne mi permette di adeguare gradualemnte il mio HW al tempo che passa, pertanto io non sarò mai un utilizzatore apple, il mio stile di acquisto ad apple non interessa, eventualmente se volessi proprio avere sto benedetto osx mi faccio un hackintosch, ormai è abbastanza facile da fare.
    Con buona pace dei fanboy dell’una e della altra sponda io bado al sodo e a come ottenere il meglio coi soldi (pochi) che ho.

  • # 54
    redeagle
     scrive: 

    non ho letto tutti i post quindi non so se è stato già fatto notare: quanti di voi hanno visto la serie di spot della Apple con protagonista un uomo in sovrappeso nel ruolo di PC e il ragazzo coprotagonista di Die Hard 4 nel ruolo di Mac?
    Ce ne sono almeno 20 (!) e tutti prendono in giro il PC (gli spot sono molto carini)…
    Questa di MS è solo una risposta, non vedo perchè criticarla tanto!

  • # 55
    Dreadnought
     scrive: 

    Nulla da dire sull’articolo, concordo pienamente; ma c’è un errore: il PC non è costato 1500 dollari, ma TEN NINE NINE, ovvero 1099.

    Infatti lo spot si basa sul fatto che al tizio è dato un budget di 1500 dollari e quello che il soggetto riesce a spendere in meno glielo regalano, in questo caso 401 dollari.

  • # 56
    goldorak
     scrive: 

    Pabloski ha scritto :

    comunque quando un’azienda è costretta a spargere fud vuol dire che sul fronte tecnico non ha nulla da dire

    insomma, solita fuffa made in Redmond

    E le solite campagne pubblicitarie Apple dove non fanno altro che ripetere i soliti luoghi comuni e fud sui pc ? Anche li e’ indice di una azienda che sul versante tecnico non ha niente da dire ? ^_^
    Insomma la solita fuffa made in Cupertino.

    Cosi’ eh non te la prendere ma luogo comune per luogo comune. :D

  • # 57
    D
     scrive: 

    “Ok dai, salvo il case del mac pro, davvero ben strutturato ”

    Ma neanche poi tanto. Se avessi bisogno di montare una scheda video veramente potente non ce la faresti stare, senza levare le placche interne (si potrà fare ?) scoprendo i cavi a spasso

  • # 58
    Raskal
     scrive: 

    Io per qualche anno ho lavorato su Leopard per montaggi audio/video e, contemporaneamente, su XP per 3D.
    E’ innegabile che OSX sia molto più intuitivo e ordinato dell’interfaccia di XP, che il sistema sia mediamente più stabile dell’ambiente Windows, e che il core audio non abbia paragone con la controparte Microsoft; però queste stesse cose si possono dire anche di molte distro Linux che invece sono gratuite.

    Apple fa buoni prodotti, però costano più di quello che valgono.

  • # 59
    caffeine
     scrive: 

    mah quanti commenti sprecati….
    la pubblicita’ è bella perchè è vera
    pensate che tutti quelli che comprano macosx lo facciano per il sistema unix etc?

    ma siete mai andati da mediaworld?

    fighetto napoletano: “ua’ comm’è bell’, ua’ vir comm’è fashion”
    fighetto milanese: “caxxofixa guarda com’è bello sto pc, è quello dell’iphone, wow è proprio ganzo, mo lo prendo”

    sentito da due clienti che poi l’hanno comprato nei rispettivi mediaworld di: nola napoli, limbiate milano….

    benvenuti nel mondo reale… dove VERAMENTE gente compra il mac solo perchè “è fashion”.
    e un buon 70% del mercato USER mac è questo…
    poi ovviamente i due utenti sopracitati, magari scoprono la setta che è la community mac, e iniziano piano piano a ripetere a pappagallo “non ci sono virus” “i mac sono costruiti da operai svedesi, ed il piu’ ignorante è un ingegnere elettronico”(i mac sono assemblati negli stessi stabilimenti dove sono assemblati gli HP… quanta… quindi smettiamola con le min*hiate)

    oguno sceglie quello che vuole.
    io sto benissimo con i miei pc dual boot windows linux, IO non ho mai avuto problemi di virus o altro. uso pc da quando avevo 8 anni (ora ne ho 25) e linux dal 1997/98…
    se voi preferite dare i soldi ad apple dateglieli… non me ne frega di meno… cio’ non toglie che lo spot è realistico perchè rappresenta GENTE COMUNE, che non sa nemmeno di appuntidigitali o hwupgrade.

  • # 60
    MIchelaccio
     scrive: 

    Non mi sembra giusto questo spot lo dico windowsiano se ti fai un mac è perchè vabie diciamo l’estetica etc….
    ma sopratutto lo paghi in ottimizzazioni cosa che windows ne manco per il cavolo questo è vero quindi mac costicchia sempre di più tò, ma adesso il problema che quando me li portano in laboratorio siccome non li ho mai comprati e un po la fine del mondo ma diciamo che si aggiustano un più velocemente ma almeno non si bloccano, be almeno il mac è durato l’AMIGA no:(
    e devo dire che ognuno meno male che si compra cio che vuole con i suoi PRO e CONTRO meno male!

  • # 61
    Focolaio
     scrive: 

    il mac è più meglio del pc
    per chè col pc si possono vedere le donne
    ignude e li uomini col batacchio fori.
    io lavoro solo col mac per chè non mi da erore
    il word.
    o sentito che uscira presto una versione donald?

  • # 62
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    x Hololuke

    ah ok, ora ho capito quello che intendi.
    beh non sei l’unico, anche per sola curiosità credo piacerebbe a molti poterlo usare senza dover comprare un Mac (l’hackintosh resta un esperimento, un hack appunto, niente di più).
    Grazie anche a te

    x Alberto

    “@Jacopo.. che ci azzecca Solaris con OSX? Nonostante la merda che gli viene tirata addosso in ambito enterprise le SUN sono tante, molte piu’ di quello che si pensa. Mentre di soluzioni OSXserver o Linux sono in minoranza (tranne per quell’aborto di Unbreakable Linux).”

    Ci azzecca perché Sun è stata l’ultima a proporre nell’ambito dell’home computing una macchina completamente fatta in casa sia come software che come hardware.
    L’obiettivo iniziale era stato quello di aggredire tutti i segmenti e fino ai tempi della prima browser war (Netscape VS IE), erano macchine piuttosto diffuse.
    Poi con l’uscita dei primi pentium e l’ascesa degli x86 l’architettura SPARC ha dovuto alzare bandiera bianca e rimanere solo in ambito Enterprise, dove sì tutt’oggi è molto diffuso anche se ha sofferto negli ultimi anni della concorrenza di Dell, HP e IBM (e l’accordo con quest’ultima mirerebbe proprio a sanare la situazione, consolidandone il primato).
    Non ne ho fatto un discorso qualitativo, ma è vero quel che afferma LucaTortuga quando si riferisce ad Apple come l’ultima rimasta a proporre macchine HW+SW proprietario.
    Perlomeno in ambito consumer.

    x Dreadnought

    sei sicuro?
    Verso la fine dello spot Giampaolo dice “my budget was 15 hundred dollars e anche cercando in Rete mi sembra che la cifra riportata sia sempre quella”.
    Ma può essere che mi sia perso un pezzo e in caso correggo nell’articolo; mi sai dire più o meno verso che punto afferma 1099?

    x Benedetto

    “E meno male che i commenti dovevano evitare lo scontro mac vs. win e concentrasi sullo spot : )”

    Già…mi ero raccomandato apposta ma a volte la propria fede acceca. Anche se pensavo peggio devo dire la verità; mediamente sono stati tutti piuttosto disciplinati :)

    “Coloro che, scoperto, nello specifico, un SO oggettivamente superiore, ambiscono a diffonderlo per rendere felici le altre persone. Naturalmente parlo di utenti Mac (per esperienza personale) e Linux (per deduzione).”

    Per quanto riguarda il discorso che fai sui sistemi operativi, io non sono d’accordo quando parli di oggettiva superiorità, ma magari ho frainteso le tue parole.
    E’ oggettiva in relazione sempre al contesto in cui si muove.
    Se ad esempio avrò bisogno di una piattaforma da usare in un contesto mission critical probabilmente non userò nessuna delle 3 menzionate sopra, ma qualcuna pensata specificatamente per lo scopo (QNX Neutrino per esempio).
    Poi è chiaro, siccome, per fortuna, non siamo tutti uguali e necessitiamo di soddisfare esigenze diverse, la nostra esperienza può portarci a dire per esempio “io lavoro meglio col Mac allora il Mac è migliore” (sostituire con Mac quello che preferite).
    Ecco la seconda parte è l’errore in cui si tende a cadere; andrebbe completata con “è migliore _per_me_”.

    Se si ragionasse in questi termini l’Informatica sarebbe un terreno molto più pragmatico e meno fazioso sul quale confrontarsi.

    x redeagle

    è esattamente quello il punto.
    Questo tipo di spot non solo è stato usato da Apple ma è anche piuttosto comune negli Stati Uniti, il Paese dove nasce di fatto la pubblicità comparativa.
    E no non c’è niente di male, è un tipo di marketing aggressivo permesso dove le regole in ambito pubblicitario sono diverse dalle nostre.
    Personalmente non mi dispiacerebbe proprio, anche per ravvivare l’ambito della comunicazione, così politically correct, così “par condicio”, così tremendamente noioso.
    L’importante è non leggere uno spot per quello che non è. Per quanto possa essere oggettivo, la lettura sarà sempre forzata ed a favore del prodotto che si vuole commercializzare e che non incontra necessariamente le esigenze di noi tutti.
    E sicuramente preferirei vedere uno spot del genere durante i pasti che la pubblicità del nuovo assorbente, per esempio…

  • # 63
    Alberto
     scrive: 

    @Jacopo.. Vabbeh dai.. la serie Ultra secondo me e’ sempre stata uno scherzo. Probabilmente non ci credevano nemmeno loro. Inoltre SPARC peccava e pecca di marketing. Quando Intel ha spinto sui Mhz la gente era convinta che quello fosse il paramentro con cui misurare la potenza di calcolo… Gli Sparc non hanno mai avuto clock stratosferici. Poi sono architetture diverse.. uno sparc non fa’ fatica a gestire un numero elevato di Context Switch, un intel si.. ma in ambito casalingo chi vuoi che se ne accorga? Tutti i server SUN attuali non si distinguono certo per la potenza di calcolo pura ma per l’elevato throughtput in I/O che nessun intel nemmeno dotato di FDDI e’ in grado di fare.

  • # 64
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    Uno scherzo si dice è bello quando dura poco. La serie Ultra è tutt’oggi nella lineup Sun e mi riesce difficile credere che ci credano poco considerati anche gli investimenti in Niagara (gran macchina per altro).
    Per quanto riguarda le prestazioni è vero, ma per quanto in alcuni ambiti i tipi di elaborazione siano differenti in altri convergono e non è un caso l’ascesa degli x86 in settori dove prima gli SPARC insieme a macchine Unix dominavano letteralmente (basta dare un occhio alla top500 e come sia cambiata negli anni).
    Il fatto che Apple abbia abbandonato l’architettura PPC è uno di questi segni (non solo dettata dalla possibilità di disporre di un gran numero di fab per la propria produzione) e della difficoltà di salire in frequenza per le architetture RISC.

  • # 65
    J4zz
     scrive: 

    LOL!!! Mi immagino Bill e Steve in una veranda, una placida sera di Luglio, Vista sul mare, pizza peperoni e acciughe servita da splendide modelle in bikini, Bill dice

    Che ti avevo detto Sty, dopo gli spot in cui A. e MS. si danno addosso la gente non fa che parlare di noi, spalando merda a destra e manca, scannandosi come se nemmeno gli avessero stuprato le figlie, con il risultato di riempire i blog e i forum di pubblicità gratuita e creare confusione nella testa dei nuovi acquirenti, potremmo metterci a spacciare per “buon hardware” le mie scarpe da ginnastica sporche, troveremmo sicuramente qualcuno che le compra, e poi arriverebbe qualche geniaccio brufoloso del mit a istallarci sopra linux!!!

    Scherzi a parte, scegliete quello che vi piace, e se dopo un mese non vi piace più c’è sempre Ebay!

    JJ

  • # 66
    Alberto
     scrive: 

    @Jacopo.. Grazie al beep.. le ultra di adesso sono x86.. parliamo di Sparc.

  • # 67
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    x Alberto

    ma quali x86 :)
    Le CPU UltraSparc T1 e T2 (ovvero la prima versione del Niagara e la sua revision) sono basati su architettura SPARC.
    Parlavamo di server o ho capito male io?
    Per quel segmento, nella linea Sparc Enterprise non propone macchine x86; per quelle ci sono una parte delle Fire, Blade e Netra (divise abbastanza equamente tra Intel ed AMD).
    Anche questo segno dei tempi che cambiano.
    In ogni caso su Niagara investe e continua a crederci non poco.

  • # 68
    Dreadnought
     scrive: 

    @jacopo
    Si, è chiaro nello spot che la cifra detta dal venditore, ovvero 1099$ è il prezzo dell’HP che compra giampaolo.

    Lo puoi vedere nei link della news di engadget:
    http://www.engadget.com/2009/04/04/microsofts-second-laptop-hunters-commercial-giampaulo-buys-an/

    Link al PC:
    http://shop2.frys.com/product/5806793?site=sr:SEARCH:MAIN_RSLT_PG

  • # 69
    Alberto
     scrive: 

    @Jacopo.. No io parlavo della serie Ultra Workstation. Dai OSX come server non e’ credibile. Non perche’ non possa farlo ma perche’ non ha la cultura e Apple non e’ riuscita ad imporsi in quel mercato. Tra l’altro gli Xserver sono fatti maluccio.. In tutta la mia vita avro’ visto una decina di XServer contro qualche migliaio di qualunque altra cosa IBM x86/Power,HP x86/PaRisc,SUN SPARC/x86 pochi. etc etc

  • # 70
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    Ah ci siamo capiti male allora, pardon.
    Io intendevo le CPU e la linea server.
    Per le workstation sì hai ragione, ma è in generale una scelta obbligata quella di Sun, che segue per altro quelle di tutti i concorrenti ovvero di sposare soluzioni Xeon ed Opteron.
    Se prendi le linee odierne sono piene zeppe di soluzioni x86, poi chiaro questo non significa che nelle server farm non ci siano macchine PA-RISC/SPARC ecc. anche perché tendenzialmente in Italia il parco si rinnova non così spesso.
    Se pensi al solo AS400 è tutt’oggi una delle più usate se non la più usata nei CED e non solo ed ha 20 anni abbondanti ormai…

    Per quanto riguarda MacOSX Server sono perfettamente d’accordo ma io infatti ho specificato all’inizio che si stava parlando di home computing.
    Da quel segmento Sun è praticamente sparita e quindi Apple è l’unica rimasta a fornire HW+SW in un solo prodotto.

  • # 71
    Puma
     scrive: 

    Da prossimo acquirente mac e sino ad ora utilizzatore di PC (ho 21 anni ed ho avuto il mio primo pc a 12 quindi parliamo di 9anni su pc)posso dire che questa storia del prezzo fa un pochino sorridere; mi serve un notebbok per l’università e percui ho cominciato a girare per decidere cosa prendere effettivamente siamo su cifre di poco superiori circa il 10%. Apple per alcune categorie (studenti compresi) offre interessanti sconti cosa che non si può avere sui pc e senza contare che microsoft non è mai stata incline a regalare nulla (mi vengono in mente i pacchetti office a oltre 300€ [130€educational]) oppure il prezzo folle di alcune licenze tipo Vista Ultimate…crash di lusso.
    Detto questo è buono e positivo che microsoft faccia questo genere di campagne ed è ridicolo che apple users si stupiscano della loro condotta…però questa volta microsoft si è fatta un bell’autogol!!

  • # 73
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    x Puma

    per gli studenti ed insegnanti c’è l’iniziativa “un cappuccino per un pc” anche se non ho idea di quale sia il parco macchine a disposizione. Comunque gli sconti non sono una prerogativa solo Apple.
    Per quanto riguarda Vista Ultimate in versione OEM costa decisamente meno della Retail e comunque non serve per forza il top della linea, tanto della tecnologia Bit Locker te ne faresti il giusto secondo me :)

    x Dreadnought

    grazie dell’aggiornamento, ne approfitto per modificare il post.
    Comunque io non lo vedrei così negativo come messaggio anzi.
    Se sono per bambini significa che sono usabili anche da bambini e quindi “facili”.
    Certo che nel reparto marketing si stanno spremendo di brutto, 3 spot del genere in 10 giorni da parte di Microsoft sono un evento.

  • # 74
    Dreadnought
     scrive: 

    Notare come in questo ultimo spot non venga detto molto sul PC acquistato, sintomo che probabilmente siamo vicino ai 1500$ di budget. Sui soldi che vengono dati alla fine mi sono sbagliato, in questo terzo spot si vede bene: alle persone sono dati 15 biglietti da 100.

    Altra cosa, andando sul sito microsoft di laptop hunters http://www.microsoft.com/windows/choosepc/ c’è una cosa interessante: vi viene chiesto di installare silverlight per vedere i video, direi che all’ufficio marketing MS vogliano cogliere più piccioni con una fava mantenendo alto il polverone.

  • # 75
    D
     scrive: 

    “Certo che nel reparto marketing si stanno spremendo di brutto, 3 spot del genere in 10 giorni da parte di Microsoft sono un evento.”

    Secondo me non si stanno ancora spremendo abbastanza perchè in tutti e tre i casi, troviamo personaggi con una scenografia e degli abiti diversi potrebbero tranquillamente apparire come dei mac customers.
    MS dovrebbe puntare di più su cose particolari che si trovano solo su PC, attualmente tablet (un’universitaria che deve prendere appunti di matematica e non ci riesce con il portatile classico) e sistemi professionali (ingegnere edile che deve fare progetti e quindi si procura il mostro con la quadro dentro, magari rinforzato in una scocca da battaglia), due esempi dove apple semplicemente non esiste.

  • # 76
    Dreadnought
     scrive: 

    Hai ragione, però avresti una clientela troppo di nicchia in questi casi.

    IMHO tra un pc e un mac ormai la differenza è veramente minima: il sistema perfetto non esiste [salvo spendere più di 2500$], resta solo da trovare il miglior compromesso che rispetti le proprie esigenze.
    Non da meno la strategia vincente degli ultimi anni è quella del buon design, quando hai una scelta vastissima di configurazioni che possono aderire alle tue esigenze alla fine la scelta non la fa più il cervello ma il cuore (alla fine molti prendono il portatile esteticamente più bello)

    …altrimenti non si spiegherebbe il successo dei VAIO :D

    Ora con queste pubblicità microsoft secondo me vorrebbe far leva sulla crisi per sottolineare che il prezzo è un fattore decisionale importante.

  • # 77
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    x Dreadnought

    sì il budget è massimo di 1500$, ma i soldi che avanzano poi ipoteticamente se li tengono?
    Vabbè che poi non conta molto, il discorso è quanto pagano effettivamente il prodotto. Se visto come un discorso puramente di prezzo per caratteristiche analoghe tocca buttarsi sui MacBookPro. Solo che poi entrano altri fattori in gioco che chiaramente Microsoft in suo spot non mira ad esplorare. Ovvio tirano acqua al proprio mulino come farebbe Apple o qualunque altro vendor.

    x D

    sono d’accordo con Dreadnought, i casi di cui parli pur contandosi come migliaia e migliaia rappresentano percentuali di 0,x%

    Sono stati scelti appositamente utenti comuni negli spot perché è nell’utente medio che Microsoft cerca di riconquistare credibilità e quote di mercato (non che ne abbia bisogno è più che altro una questione di immagine)

  • # 78
    D
     scrive: 

    A dire il vero il mercato dei tablet è la prossima bolla che ci aspetta quindi altro che 0,0…%

  • # 79
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    è tutto da vedere.
    Sono un po’ di anni che spingono su UMPC e compagnia e alla fine sono prodotti che rimangono sugli scaffali

  • # 80
    Damian
     scrive: 

    non capisco l utilita di questo spot. uno che ha provato os x non tornera mai e poi mai a windows… oltretutto si parla tanto di questi prezzi alti. basta usare un po di cervello. te lo prendi usato e stai certo che un anno dopo lo rivendi a un prezzo di poco inferiore e ti fai la versione nuova. il costo dell upgrade ti viene a costare quanto quello di un pc, che un anno dopo non vale piu niente…

  • # 81
    Simon71
     scrive: 

    ommadonna, ci risiamo…Allora mi sono appena iscritto ad una scuola professionale di audio-video editing…La migliore al mondo per essere precisi, con 50 sedi nei 4 continenti…La prima cosa che mi ha colpito sono stati i 2 iMac in segreteria….In seguito gli altri 100 (o forse più) sparsi per l’ateneo…Tra iMac, Macbook, Macbook Pro, Mac Pro….UN paradiso credo per ogni Maccofilo…
    Fra 2 settimane arriverà il mio Mac, dato che l’ istituto ne regala uno per ogni studente…Mi è già stato detto che il Macbook bianco potenziato, in vendita sull’Apple store è perfettamente in grado di gestire mix audio, anche complessi, senza scomporsi…Provate a fare lo stesso con un PC di pari Hardware (e cioè mediocre) con su Windows…
    La cosa buffa è che però lì non esistono guerre tra Mac o Pc…Semplicemente alcuni “standard” per l’audio e video girano su Mac. Punto. Non è una questione di guerre, di religione…E’ una questione di software, di efficienza dello stesso e di LAVORO! Produttività.
    E per gestire il “multimediale” il Mac è il prodotto migliore….Perché lo accendi come fai con una televisione e sai già che lanci il TUO PROGRAMMA DI LAVORO che non avrai problemi di stabilità, virus…E che sarà mediamente più efficiente di un pc con windows e il suo registry, le sue policies, i millemila SERVIZI CHE TI CARICA ALL’AVVIO…I crash della shell, ed altre amenità….Quindi tra breve sarò anche un utente Mac che con 945 euro (il prezzo di un Macbook base) potrà essere produttivo in ambito professionale con programmi professionali….Con questo a casa ho sempre 2 pc, uno con windows, l’altro con Linux ed ho intenzione di tenerli tutti e 3, perlomeno per il momento…Ma NON riconoscere la superiorità del Mac (ed ho un altro familiare che dopo 15 anni di pc lo ha scoperto recentemente) in determinarti ambiti di utilizzo e la sua semplicità è avere il paraocchi! Se io devo accendere una macchina per fare un mix di 16 tracce audio, oppure una composizione con Photoshop, lavorando su immagini RAW o file WAV (Aiff) voglio una macchina che si accenda in pochi secondi e che una volta che mi compare il desktop sia affidabile, veloce e senza menate per essere produttivo! Ecco, Apple con 950 euro ti da questo….e non c’è bisogno di spenderne 2500 per un MacPro….Che poi sia anche bello da vedere, che abbia inclusa una suite come iLife, che abbia persino un antifurto che sfrutta meravgliosamente la cam e l’hardware è tutto grasso che cola…
    La gente sceglie Mac perché è stufa dei vari setup, dei calci e bestemmie ( non richieste, perché allora preferisco darle a Linux, almeno imnparo qualcosa) per gestire un Pc con l’ os di Redmond.. Non perché è figo….
    Saluti

  • # 82
    Alessandro
     scrive: 

    Salve a tutti. Vi parlo come un utente che usa windows da piu di dieci anni.Sempre usato Pc.Ora ho acquistato il mio primo Mac…E’ inutile fare schieramenti,è sempre la solita storia: io ero il primo contro Apple ed i suoi prodotti,ma perchè semplicemente non li conoscevo bene,avevano una configurazione hw sempre piu bassa della media dei pc,che a parità di prezzo offrivano piu potenza e venivano proposti a prezzi inferiori.Come si dice : ”la qualità si paga”,ma nel caso Apple sono soldi ben spesi.Magari i prodotti Apple non hanno tutta quella potenza stratosferica di un Pc,ma semplicemente perchè col Mac non ce n’è bisogno.Apple è un’azienda che fabbrica sia il computer,sia il suo sistema oerativo,che non è concepito per qualunque computer,ma per il Suo computer.Sebbene possa essere considerato limitante,perchè non per tutti i computer,il sistema operativo mac Osx è ottimizzato per il Mac,quindi è capace di eseguire al meglio le applicazioni,sfruttando molto meglio le risorse,quindi la potenza abnorme da 900 core,10 schede video e 1000 di terabyte di HDD col Mac non serve.Mai rallentamenti,mai blocchi,apri 7 programmi insieme e nemmeno te ne accorgi.assurdo.Ho sempre utilizzato Windows,e mi ha sempre dato problemi.Blocchi,Crash,Virus…con Mac queste cose sono rarissime.Provate a comparare la resa cromatica dei Mac contro i Pc,ci sarà un motivo se i fotografi,grafici,e chi ha a che fare con le immagini e il suono lo predilige.E’ vero si spende di piu.Ma meglio aspettare un pò,risparmiare, spendere 2-300 euro in piu per un prodotto qualitativamente superiore,almeno si sa cosa si compra.Con Apple non compri certo Plastica,ma Alluminio,Vetro e un sistema operativo che Microsoft si sogna.Il computer non è fatto solo di Hardware,ma anche di Sistema Operativo e Componenti di qualità.Notate ad es.: la differenza tra un notebook di fascia media e un macbook da 13”,E’ vero quest’ultimo costa di piu ma volete mettere che è sottile come un quaderno e la batteria dura 5-6 ore?mglio risparmiare qualcosa in piu a mio avviso e comprare il massimo disponibile con la cifra che si ha.Poi dipende sempre dall’utilizzo a cui sarà destinata la macchina…

  • # 83
    RenatoT
     scrive: 

    Sono possessore dal 2007 di un macbook pro 17 (1920×1200) con un dual core da 2.4 ghz. (2750 euro di portatile).. e devo dire che penso di aver buttato via i soldi. Osx è carino ma il suo utilizzo mi stressa. I fonts su cinema 4d sono incompatibili, il cestino non tiene traccia delle cartelle di provenienza dei files. la mancanza di una taskbar e la gestione del sistema ti porta ad avere un casino di finestre aperte.. una confusione totale. Lo schermo spesso si accende con righine verticali rosse.. e dopo un po forse ritorna a posto. Non posso vedere i blue-ray anche se ho un LG esterno USB2. Windows gira male.. sembra che i drivers siano mal realizzati.

    Dopo aver aggiornato il sistema.. ho dovuto reinstallare tutto.. non si accendeva più.
    Per un mese.. un CD mi è rimasto dentro senza avere piu’ la possibilità di estrarlo.. solo dopo un’aggiornamente di OSX è finalmente uscito.

    A me da l’idea di un sistema veramente poco stabile e accrocchiato… non capisco veramente come si possa parlare cosi bene di Osx.

    Non parliamo poi di Xcode… sviluppare su Osx è un delirio.. il debug è praticamente impossibile.. è come lavorare al buio. Compili e ti da errori.. non tocchi nulla e ricompila come si deve.

    Sono ormai 29 anni che utilizzo computers e mi sento un po preso in giro da questo sistema.

  • # 84
    Simon71
     scrive: 

    Finché non si capisce l’approccio all’informatica di Apple diametralmente opposto a quello di Ms o dei vari Unix non si potrà mai apprezzare un Mac….Un Mac nasce per Lavorare, non per smanettare..Il suo Os è solo una piattaforma (e così dovrebbe essere ogni os) per far girare il Software che si utilizza.. Certo Windows (per non parlare di Linux) è estremamente più personalizzabile e devo darti ragione: alcune cose continuo a trovarle più intuitive con l’ os di Redmond…Eppure se guardi IL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA e cioè instabilità, pesantezza generale, poca efficienza ( e cioè Hrdware spesso stratosferico che però Win gestisce pessimamente)allora capisci perché OSX stia rosicchiando sempre più quote di mercato.
    Windows può essere un ottimo OS,ma richiede manutenzione costante, un minimo di conoscenza informatica e attenzione massima da parte dell’utente…Mac invece lo può usare anche una vecchietta di 70 anni così come un bambino di 7…Penso solo all’installazione di un app, e alla sua rimozione, al fatto che lo accendi e lo usi, senza scan vari, antivirus, indicizzazione, eccetera eccetera… Chi usa MAc (perlomeno lo zoccolo duro dell’utenza Apple e non i nuovi fighetti che sulla scia di iPod ed iPhone hanno abbracciato la mela)e cioè professionisti, di solito non sono smanettoni, tutt’altro…Una massa di gente che non sa manco che è un cas di ram, come è fatto un Hdd….MA che hanno bisogno d specializzarsi in audio-video editing, usando magari per 10-12 ore al giorno Logic, Protools, Illustrator…E non hanno tempo per il resto…Per tutti quei fardelli che Win si trascina ancora dietro da eoni…IL computer deve essere un mezzo non un fine…Un OS deve solo essere una piattaforma (che poi si chiami Pippo o Pluto, che sia Nix, Java, C, ecc…ecc..non frega spesso niente a nessuno di detti professionisti) per farci girare il Software che si usa per lavoro…
    Se Logic, Protools, Cubase, Autocad, Photoshop girassero anche su Linux probabilmente la situazione informatica attuale sarebbe estremamente diversa…E ben pochi userebbero un Mac…Ragazzi un Computer è una macchina da usare come una lavatrice, per uno scopo: la lavatrice lava i panni, il computer svolge dei task professionali….Il resto sono chiacchiere…
    Saluti

  • # 85
    RenatoT
     scrive: 

    …alla fine se devi far girare illustrator per 12 ore va benissimo windows come osx.

    Già lavorare con cinema 4D è problematico. Senza contare i problemi di opengl, già avere un preview dei fonts sarebbe un lusso. Ma dico io.. è possible che su mac, storica macchina da stampa, non è possibile vedere il preview dei fonts dal requester dell’applicazione? (cinema 4d in questo caso)

    Il mio portatile.. cmq.. ha il 30% del disco vuoto eppure.. è molto più lento e ingolfato di quando era nuovo.

    Per quanto mi riguarda, dopo aver passato altri 4 mesi in esterna, lavorando dall’albergo su questo portatile da 2750 euro, rimango dell’idea di prima… sarebbe bello poter installare x64 su quella macchina.

    Poi… ognuno è libero di preferire quello che vuole.

  • # 86
    Rocco
     scrive: 

    …Innanzitutto, l’affermazione di Jobs:
    “Non sappiamo come fare un computer per $500 che non sia un bidone” si è rivelata di per se un BIDONE! il mondo netbook vende con numeri da record, ed apple stessa se ne è accorta in ritardo..ora sta prendendo provvedimenti ed infatti ha stretto un accordo con Foxconn per l’immissione sul mercato di un netbook targato Apple!

    Per il discorso degli antivirus.. mi sembra scontato che Windows essendo il sistema operativo più diffuso sul globo è preso di mira da più gente che sfrutta la sua diffusione per scrivere worm in grado di fregare account bancari e così via..
    è una cosa scontata.. ma il fatto che windows sia ovunque è un vantaggio in termini di comunicazione e interazione.. software, giochi e molto altro praticamente vengono sviluppati unicamente per PC.

    Non è detto poi che Mac sia privo di virus:
    http://www.oneitsecurity.it/20/04/2009/la-prima-botnet-su-mac/
    Questa è la prova che Apple grazie anche all’Iphone/Ipod (che hanno riscosso parecchio successo) ed al suo mac che pian piano prende piede, stia facendo sì che venga preso sempre più nel mirino da hacker, cracker etc..

    Quest’altro articolo vi fa capire come a pari meriti, niente è sicuro, neppure Apple:
    http://www.oneitsecurity.it/19/03/2009/pwn2own-2009-safari-ie-8-e-firefox-bucati-in-pochi-secondi/

    Non mi dilungo più, voglio solo aggiungere che ciò che più si odia di Apple è la sua politica secondo il quale tutto ciò che è targato apple è meglio! apple è il top.. Apple Apple Apple.. persino l’aggiornamento al nuovo firmware d’Ipod per farvi un esempio ha un costo.. Per l’ipod di apple ti serve itunes di apple, per il mac di apple ti serve il monitor di apple, quindi non può mancarti la tastiera di apple, il mouse di apple, il cavo di apple, il tostapane di apple e così via… ;) la cosa bella è che tutto ha un costo! e chè costo!

  • # 87
    Jacopo Cocchi (Autore del post)
     scrive: 

    “Non sappiamo come fare un computer per $500 che non sia un bidone” si è rivelata di per se un BIDONE! il mondo netbook vende con numeri da record, ed apple stessa se ne è accorta in ritardo..ora sta prendendo provvedimenti ed infatti ha stretto un accordo con Foxconn per l’immissione sul mercato di un netbook targato Apple!”

    L’indiscrezione trapelata è tutta da verificare.
    Nel senso che Foxconn pur essendo salita alla ribalta come marchio di vendita in realtà è da anni uno dei produttori maggiormente utilizzati non solo da Apple ma da tutti i vendor OEM più grossi.
    Ed i settori in cui è impegnata vanno dalla componentistica per pc a quella per dispositivi mobili, per cui questa commessa potrebbe voler dire qualsiasi cosa.
    Per quanto riguarda i netbook sono effettivamente un termine ed un prodotto sulla bocca di tutti ma l’impatto sul mercato in termini di vendite se rapportato al totale dei computer è piuttosto esiguo (Gartner parla di una percentuale ben al di sotto del 10%), anche se in periodo di magra come questo, tutto quel che è vendibile è oro per i produttori.

    Ammesso e non concesso dunque che si tratti di un MID, continuo ad essere scettico (http://www.appuntidigitali.it/3417/come-sara-il-netbook-apple/) sul fatto che possa essere presentato nel range di prezzo abituale di questi dispositivi.
    E’ più facile miri alla fascia dei sub con dotazione tecnologica alla stregua dei Vaio ULV, anche perché garantiscono margini di guadagno ben superiori, magari con qualche tecnologia tablet-like.

    Per quanto riguarda Safari ed il Pwn2own ce ne siamo occupati con dovizia di particolari

    http://www.appuntidigitali.it/3519/ie8-firefox-e-safari-ko-in-pochi-minuti-cose-successo-al-pwn2own/

    “Non mi dilungo più, voglio solo aggiungere che ciò che più si odia di Apple è la sua politica secondo il quale tutto ciò che è targato apple è meglio! apple è il top.. Apple Apple Apple.. persino l’aggiornamento al nuovo firmware d’Ipod per farvi un esempio ha un costo.. Per l’ipod di apple ti serve itunes di apple, per il mac di apple ti serve il monitor di apple, quindi non può mancarti la tastiera di apple, il mouse di apple, il cavo di apple, il tostapane di apple e così via… ;) la cosa bella è che tutto ha un costo! e chè costo!”

    E’ difficile trovare un’azienda che dica che ciò che vende non sia il meglio sulla piazza, ti pare? Perché significherebbe ammettere che i concorrenti sono “più avanti”.
    Partendo da questo che è una constatazione banale di come funzioni il mercato, il fatto che Apple miri a far rimanere l’utente all’interno della sua ristretta cerchia di prodotti è parte della sua filosofia e che, piaccia o meno, in questi anni in termini di bilanci ha dato i suoi frutti.

    Credo che il termine indicativo che hai usato sia “odia”.
    Tra le molte persone che “odiano” Apple c’è anche chi, come si dice, vorrebbe ma non può (non può per tutta una serie di motivi non necessariamente economici).
    Ma in un mondo pragmatico come l’IT non c’è spazio per i sentimenti o le antipatie, se qualcosa non piace non lo si compra, qual’è il senso di essere per forza schierati a favore o contro?
    Io non lo capisco e Alessio ha in questi giorni affrontato con acume l’argomento.
    http://www.appuntidigitali.it/3720/macintosh-si-puo-essere-solo-pro-o-contro/

  • # 88
    irit
     scrive: 

    @fanboyapple: intanto ti usi WINDOWS quando ti serve… noi, non usiamo mai il MAC, tu si, sei costretto a passare per i bisogni tuoi… quindi sputa meno sentenze su microsoft… mac è fregatura.

  • # 89
    domenico
     scrive: 

    i mac specie in ambito desktop hanno dei prezzi spropositati rispetto alle specifiche tecniche che hanno.
    con i 5k euro di un Mac Pro ci prendo un AlienWare decisamente piu potente (anche perchè l’architettura Xeon non mi risulta essere il massimo per gli applicativi di grafica etc… dato ceh la maggior parte delle persone lo prendono per questo)
    quando Stefano Lavoretti tornerà all’IBM (magari con il CELL ;-) )
    allora se ne può riparlare.
    Sicuramente i Mac hanno un componentistica di qualità e curata nei minimi dettagli , ma è un cosa possibile anche con i PC. pagare un Calcolatore il 30 o 40 % in piu solo perchè c’è la mela mi sembra un cosa sciocca , tantopiù per istallarci su WinXP perchè a quel punto un MAcBook centrino 2 farà skifoe esattamente come qualsiasi altro prtatile con WinXp soprà.

  • # 90
    domenico
     scrive: 

    è possibile mettere insieme pc piu stilosi e piu potenti di qualsiasi Mac e con un rapporto di prezzo nettamente vantaggioso , da quando Apple a abbandonato l’architettura PPC sinceramente(parlo specialmente per il Desktop) i mac sono diventati dei normali pc con Xp , solo che costano dipiu.

  • # 91
    domenico
     scrive: 

    ho un powermac g5 doppio processore , e non lo cambierei con nessun Mac piu moderno.
    Poi vorrei avere una piccola delucidazione da parte di alcuni(fanboy , giullo etc…) quando parlate di HWmac a cosa vi riferite ??? ad HW prodotto dalla Apple ??? non mi risulta che I processori intel e le schede Nvidia e Ati e i chipset delle schede madri siano prodotti Appositamente per la Apple.tanomeno le ram e via dicendo.
    ma allora di cosa stiamo parlando.
    Prima del passaggio di piattafroma Apple aveva un vantaggio Sostanziale , dato da un Processore molto piu potente(e conseguentemente costoso) dei normali processori per pc , il che lo rendeva una cosa diversa da un PC.
    ora un MAc e un PC son perfettamente uguali.allora chiamiamoli con il loro nome
    PC con Winzoz
    Pc con linux
    PC molto colorati con MacOSX.

    l’hw di cui stiamo parlando potrebbe essere esattamente identico in tutti e 3 i casi.

  • # 92
    Macevangelist
     scrive: 

    Questo non capisce un cavolo… (prego notare macchina e capelli)
    chi si preoccupa di quanta ram o la velocità di un processore, suo grande cruccio, non ha capito un cavolo della filosofia apple, dove tu prendi un computer che ti da il massimo dell’affidabilità, senza che l’utilizzatore deve essere un conoscitore della materia. Perchè se guardi un film, o scarichi la posta devi avere una macchina “potente”…

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.