di  -  martedì 24 marzo 2009

AcquaL’IBM si inserisce prepotentemente nella rilevante questione dell’accessibilità dell’acqua .

La “big Blue” ha recentemente dichiarato di aver sviluppato una nuova nano-tecnologia in grado di purificare determinati volumi d’acqua, depurandoli da sostanze tossiche oppure filtrandoli con una attività desalinizzatrice.

L’IBM ha chiamato la membrana filtrante ricavata con questa tecnologia: “water superhighway” perché è in grado di rimuovere tossine dalle acque inquinate a grandi velocità ed in grandi quantità.

Mentre l’acqua fluisce attraverso la membrana, sali marini e tossine vengono rimosse purificando completamente l’acqua. La membrana è, inoltre, resistente ai danni normalmente provocati dal cloro. Nulla di nuovo visto che l’IBM da anni sviluppa progetti relativi a nuovi tipi di nanotecnologie; l’unica vera novità sta nel tipo di applicazione, precedentemente infatti, lo stesso tipo di nanotecnologia che adesso va in aiuto di ambiente e zone in via di sviluppo, è stata usata nella costruzione di chip per PC.

Oltre alla membrana-filtro l’IBM ha introdotto nel mercato mondiale anche una serie completa di sistemi per la misurazione e il monitoraggio del livello di inquinanti nell’acqua; sistemi mirati per aziende private, pubbliche e governi.

Qui un link per vedere tutti i progetti sviluppati das IBM per la salvaguardia dell’acqua.

8 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    nicola
     scrive: 

    IBM è IL progresso…….

    Grande Big Blue !!

  • # 2
    Daniele
     scrive: 

    Credo che questo tipo di tecnologie ci renderanno schiavi.
    Le acque non saranno più potabili e per bere bisognerà essere schiavi della società X che ci fornisce il rimedio Y brevettato per bere.
    Per i semi bisogna già pagare le royalties…

    a quando un crack o un emule per aria, acqua e cibo?

  • # 3
    The3D
     scrive: 

    Se funzionasse davvero così, a quest’ora saremmo schiavi delle società che producono accendini oppure accenderemmo il fuoco ancora con i bastoncini di legno. Mi pare che hai una visione un po cataclismatica dell’innovazione.

  • # 4
    Ilruz
     scrive: 

    Brevetti o no, se una cosa e’ di utilita’ *vera* il Cinese medio ci impiega due settimane a mandarla in produzione – e non c’e’ brevetto che tenga.

    Non mi spaventerei piu’ di tanto.

  • # 5
    max8472
     scrive: 

    Pensate al Water Chip di Fallout :-D

    Era di IBM!!!

  • # 6
    arkanoid
     scrive: 

    Negli impianti che progetto c’è spesso necessità di produrre acqua demineralizzata e per farlo si utilizzano catene di macchine quali addolcitori a scambio di base, filtri decloratori e impianti ad osmosi inversa che, se questa cosa verrà sviluppata, potrebbero essere sostituiti, almeno in parte, da questa tecnologia.
    I problemi principali che affliggono gli impianti attualmente impiegati sono la necessità di declorare perchè il cloro distrugge le calze osmotiche e l’elevato consumo di energia per pressurizzare l’acqua.
    Se anche solo uno dei due punti ha vantaggi da questa ricerca di IBM sono fiducioso.
    Per quanto riguarda la potabilizzazione, parimenti, avere a disposizione un impianto in grado di eliminare metalli pesanti e altra robaccia con buona durata delle membrane e risparmio in termini di energia (che per i potabilizzatori non è una cosa trascurabile) è una buona notizia.
    Bisogna vedere se si tratta di un risultato tecnologico o se è applicabile.

  • # 7
    Fabio
     scrive: 

    Wffettivamente anche io stavo pensando a fallout 3….

  • # 8
    francesco
     scrive: 

    Esistono dissalatori e/o depuratori che recuperano gran parte dell’energia necessaria per le alte pressioni e che normalmente viene buttata/dispersa a danno del portafogli, si chiamano dissalatori a recupero energetico, nessuna turbina di recupero ma è il sistema nell’insieme che è progettato con questa caratteristica ricorrendo e/o sfruttando una specie di moltiplicatore di pressione ( pompa di Clark ), parlo con cognizione di causa perché una di queste macchine le costruisco io personalmente e vengono dimensionate a partire per una produzione di 20 litri d’acqua per ogni ora di funzionamento e si sale ad oltre i 100 litri/h di acqua dolce da acqua di mare e funzionano a 12/24 volt corrente continua quindi, se non coi materiali sofisticati, è possibile risparmiare ricorrendo a questi dispositivi molto performanti.
    f.sco

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.