di  -  martedì 17 febbraio 2009

Fino a qualche giorno fa il TOS (Term Of Service) di Facebook diceva che, una volta cancellato un account tutti i diritti del social network sui contenuti caricati da quell’utente cessavano. Non è più cosi.

D’ora in avanti qualsiasi cosa carichiamo su Facebook, può essere utilizzata da quest’ultimo in qualsiasi modo, per sempre. E anche nel caso di cancellazione dell’account da parte dell’utente Facebook continuerà a detenere diritti sui contenuti.

Il nuovo TOS recita cosi:

You hereby grant Facebook an irrevocable, perpetual, non-exclusive, transferable, fully paid, worldwide license (with the right to sublicense) to (a) use, copy, publish, stream, store, retain, publicly perform or display, transmit, scan, reformat, modify, edit, frame, translate, excerpt, adapt, create derivative works and distribute (through multiple tiers), any User Content you (i) Post on or in connection with the Facebook Service or the promotion thereof subject only to your privacy settings or (ii) enable a user to Post, including by offering a Share Link on your website and (b) to use your name, likeness and image for any purpose, including commercial or advertising, each of (a) and (b) on or in connection with the Facebook Service or the promotion thereof.

Sono sparite due righe dove era scritto:

“You may remove your User Content from the Site at any time. If you choose to remove your User Content, the license granted above will automatically expire, however you acknowledge that the Company may retain archived copies of your User Content.”

Quindi d’ora in avanti attenzione a ciò che caricate, perché diventa di fatto proprietà di Facebook. Per chi volesse, a questa pagina è disponibile il vecchio TOS.

Le già pesanti condizioni imposte da Facebook, si aggravano notevolmente: quanti utenti, dei 175 milioni che stando agli ultimi dati caricano in media 850 milioni di foto e oltre 5 milioni di video al mese, rivendicheranno la propria privacy? Quanti invece continueranno come se nulla fosse?

43 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    giacomo
     scrive: 

    Io mi cancello all’istante ! Speriamo scoppino tutti

  • # 2
    LoneStar
     scrive: 

    Ma sono legalmente valide queste condizioni? Io penso che siano troppo folli persino per il sistema legale americano. Non c’è nessuno che pensa di denunciarli a qualche authority?

  • # 3
    Notty
     scrive: 

    ahahah

    questa notizia mi riempie di gioia :-D

    l’ho sempre detto e continuerò a dirlo.. non capisco come si faccia a mettere in piazza, alla mercè di tutti, la propria vita … facendo finta di nulla..

    mesi fa ho visto una “pubblicità progresso” dove si faceva vedere una ragazzina che andando a scuola scopriva che le sue foto personali erano appese alla bacheca della scuola e tutti i suoi compagni le avevano viste..

    la pubblicità si chiudeva ricordando che quello che si manda online è visibile da tutti.. amici, parenti… ma anche estranei e malintenzionati..

    ora ci si accorge di aver messo troppe cose su facebook ?.. su youtube ?.. e dove ancora ?..

    ciò nonostante dubito che questo cambio di TOE faccia fuggire la gente (che fra l’altro non legge queste cose quando si iscrive..) o che ch isi iscrive oggi dia peso alla cosa..

    cmq complimenti ad HWU per aver notato la differenza :-D

    p.s. cmq credo che sia l’adeguamento al rispetto delle norme sulla privacy dal momento che cita anche che l’utilizzo è subbordinato al rispetto dei settaggi della privacy.. e quindi non so quanto cambi in realtà.. se le tengono stoccate li SEMBRA lo facciano solo perchè altri user che tu hai abilitato possano continuare a vedere quello che tu stesso avevi autorizzato loro.. ma son solo teorie.. sembra il soluto volantino di banca senza le cui 12 firme non puoi fare quello che hai chiesto :-D

  • # 4
    Nik
     scrive: 

    Qualche giorno fa volevo registrarmi, soprattutto per soddisfare la mia curiosità, ma ad un certo punto ho cominciato a leggere articoli come questo che mi hanno fatto desistere…

  • # 5
    Notty
     scrive: 

    @lonestar

    se la gente posta le proprie cose.. non è chi ti offre lo spazio il colpevole :-D ma chi lo usa e poi si rende conto di aver sbagliato..

    :-D e qui chiudo.. sennò oggi non lavoro :-D mi affascina troppo vedere la storia di facebook (dove io non ci sono..) e le reazioni degli utilizzatori ..

  • # 6
    giacomo
     scrive: 

    Ma questo link

    http://www.facebook.com/help/contact.php?show_form=delete_account

    è sempre valido? Era quello per disattivare e cancellare i contenuti utenti. La pagina esiste, la procedura l’ho fatta, speriamo di aver davvero cancellato tutto.

    Non che avessi roba particolarmente importante, però è una questione di principio

    Giacomo

  • # 7
    Wilfrick
     scrive: 

    Invece a me proprio non mi frega niente se qualcuno vede il mio faccione, con foto digitali piccole o video compressi non si può far granché e poi non sono un personaggio pubblico, a nessuno al mondo interessa ciò che faccio, e non è che in due righe scritte su fb ci sia la fotocopia della mia vita, ma sono solo tutti dati che si possono recuperare in ogni dove. L’avevo già detto, sembra che sia tutto un complotto e che possa succedere chissà cosa per due foto e tre dati pubblicati, ma non è così. Dimensioniamo il problema giustamente senza fare allarmismo… se qualcuno vuole veramente fare qualcosa di losco deve proprio essere sfigato se si affida a due cose recuperate su fb…. ci sono molti altri modi per trovare dati molto più importanti di quelli pubblicati qui… suvvia!

  • # 8
    n0v0
     scrive: 

    posso dire di essere stato un precursore: infatti, ancor prima di mettere facefuck e poi toglierlo….. NON L’HO MESSO!

    e vivo senza problemi

  • # 9
    n0v0
     scrive: 

    x Wilfrick

    questo è come dire: “spiatemi pure, tanto non ho nulla da nascondere”, in riferimento per esempio ai trojan di stato, ecc…

    cosa palesemente falsa: chiunque ha i suoi segreti di pulcinella, e se sono tali un motivo ci sarà. Agli altri non gliene può fregare di meno, certo, e allora in base a questo ragionamento li vai a spiattellare in giro?

    tu ragioni davvero così?

  • # 10
    Alberto
     scrive: 

    Mi ero iscritto a faccialibro giusto per curiosita’… l’ho trovato di una inutilita’ totale.. l’avro’ usato si e no tre volte. Onestamente fatico a capire il suo successo.
    [OT]
    @Notty
    Vorrei parlare con te’ dei pannelli FV che i tuoi clienti hanno acquistato in germania.
    [/OT]

  • # 11
    etekno
     scrive: 

    ancora la gente che pensa che internet sia un lungo tetro e buio, pieno di insidie, dove la gente cattiva vuole sapere tutto di te, ragazzi al limite vi arriverà più spam e pubblicità in mail di prima, ma tanto tra 100 mail al gg e 110 non mi cambia niente…certo che se pubblicate foto nudi sono xxx vostri.

  • # 12
    atomo37
     scrive: 

    non è molto dissimile dal tos di google chrome, il vero problema non è il tos, ma il fatto che nessuno lo legge prima di accettarlo!

  • # 13
    SteveJK
     scrive: 

    Mah, credo che i legali di Facebook siano una massa di lolcats perché il nuovo TOS è proprio una mancanza di civiltà, di vivere cordiale. Praticamente ora, chiunche varchi la soglia di Facebook diventa “proprietà di Facebook”. Assurdo.

  • # 14
    Wilfrick
     scrive: 

    per n0v0

    non è questione di ragionare così, le cose non stanno in questo modo. In fb i dati non sono “spiattellati così” come dici tu, nessuno li spiattella e nessuno lo farà mai. Serve per lo scopo per cui è creato, pertanto se vuoi trovare qualcuno quelli sono i mezzi che lui mette a disposizione, se non ti vanno bene non ti iscrivi. I tuoi dati sono consultabili sono da chi vuoi tu, non da tutti. Se il demonio fb vorrà vedere la mia faccia e sapere che scuola ho frequentato lo saprà, perchè solo attraverso fb si può sapere, giusto??? A tizio residente in cambogia che gli frega di che scuola ho fatto? niente, lo può vedere, e poi?
    La megaditta che vende il prodotto acme che uccide i bambini e vuole proprio uccidere il mio lo va a cercare in fb???
    Il maiaco pluriomicida pedofilo che vuole cercare appositamente mia moglie la trova solo su fb vero?

    Ma che segreti e segreti di pulcinella dici poi? ma sai cosa è fb? che segreti la gente deve scrivere? se sono segreti non li scrivi! se li scrivi significa che i tuoi amici, e SOLO I TUOI AMICI li leggono, cioè non sono segreti ma sono cose che racconti normalmente. fb e siti simili, non sono delle microspie messe nella tua casa.
    Ma poi, la cosa più ridicola di tutte: fb è uno strumento arcaico per spiare la gente, ci sono molti altri modi più sofisticati. Se uno vuole sapere qualcosa su di te non si affida certo a fb. Allora dovremmo camminare tutti sotto l’ombrello perchè gli occhi dei satelliti vedono anche se hai la forfora, se incontri l’amante, se vai in ospedale ed in che reparto entri, se fai pipì per strada, se ti soffi il naso o se picchi qualcuno.
    Usi fb se ti piace, se non ti interessa non lo usi, senza pensare a strani complotti che ti ledono la libertà (quella è lesa in mille altri modi e nessuno fa niente perchè sono meno visibili e meno sulla bocca di tutti, appena i giornalisti la smetteranno di parlare di fb nessuno più penserà a questi argomenti, come è capitato per sl, ecc ecc ecc…).

  • # 15
    FabioFLX
     scrive: 

    La proprietà dei contenuti e dei profili è una fonte di guadagno.
    Allo stesso modo per cui pretendete un compenso perché la vostra immagine o una vostra opera appaia in una pubblicità, allo stesso modo dovreste negare l’utilizzo incondizionato del nostro profilo e dei nostri contenuti.
    Un sito che vi obbliga a questo trattamento sta investendo su di voi senza che a voi torni nulla. Il fatto che vi offra dei servizi è la copertura dei logo guadagni, e non il fine del loro prodotto.
    Sono stato iscritto a Facebook per tre giorni, molti mesi fa, e ho dovuto faticare per farmi eliminare l’account, invece che solo disattivarlo come fanno loro.
    Sarà pure un sito simpatico, ma preferisco tornare ai vecchi chat, blog e forum che rinunciare consensualmente ai diritti che mi appartengono.

  • # 16
    The3D
     scrive: 

    Beh, effettivamente mi sembra una violazione bella e buona. E’ come se google dicesse “visto che ti hosto un servizio email gratis con tanto tanto spazio, ho il diritto di mantenermi le tue email anche se ti cancelli”

  • # 17
    Wilfrick
     scrive: 

    Fabio,
    è vero ma succede anche in molti altri casi, vedi ad esempio trasmissioni televisive costruite solo ed unicamente sui video inviati dalla gente: trasmissione a costo quasi nullo per l’emittente, una barca di soldi di pubblicità che vengono incassati ed a chi effettivamente ha dato corpo al programma niente. Ma lo si sa, come anche qui. Il fatto che vengano tenuti i dati anche dopo la cancellazione dovrebbe far prendere alla gente in mano i missili e centrare i server, ma è sbagliato limitarci alla questione fb solo perchè adesso se ne parla, queste cose succedono molte altre volte.

  • # 18
    seldon
     scrive: 

    Io non ci vedo nulla di male. Al momento dell’iscrizione a Facebook si sceglie se accettare o meno i TOS… se la gente è polla e non legge, poi di che si lamenta? Senza contare che esiste anche Myspace, Plaxo ecc, se ad uno non sta bene non si iscrive e sceglie un altro portale…

  • # 19
    FabioFLX
     scrive: 

    Hai ragione seldon, ma in quel caso dovresti ammettere che tutti sono responsabili dei propri errori e che non possono mai pretendere un risarcimento se hanno lasciato il consenso.
    Certo, in linea di massima sarebbe giusto, o almeno lo sarebbe in un Paese di persone in grado di scindere e ponderare le proprie scelte (vedi Svezia e affini), mentre è più realistico prevedere che uno Stato come l’Italia, molto indietro su temi come privacy e nuove tecnologie, andrebbe supportato dai sui legislatori attraverso una politica di informazione capillare sui nuovi media.
    A quel punto allora sì, che ciascuno sarebbe libero di fare come vuole e beccarsi tutti i rischi, ma siamo realisti.
    Mi spiace dirla così, ma siamo pur sempre solo in Italia, dove persino i vecchi dialer continuano a fregare soldi a migliaia di persone e la gente fa la fila alle Poste per servizi che sono online da anni e anni…

  • # 20
    Banjo
     scrive: 

    @wilfrick
    “se li scrivi significa che i tuoi amici, e SOLO I TUOI AMICI li leggono”
    ———————————————–
    Li leggono anche gli AMICI degli AMICI, di default la bacheca è impostata così.

  • # 21
    marcos86
     scrive: 

    “D’ora in avanti qualsiasi cosa carichiamo su Facebook, può essere utilizzata da quest’ultimo in qualsiasi modo, per sempre.”

    E se posto qualcosa che è stato registrato? Come la mettiamo? Ora vado a mettere tutti i loghi di coca cola intel e apple e vediamo se le usano…

  • # 22
    Wilfrick
     scrive: 

    Si ma…. adesso, se scrivo in bacheca che non ho più un rene e voglio correre per strada con una valigia piena di soldi non è che mi posso lamentare perchè qualcuno ha letto, ma dai, è come dirlo al bar: lo scrivi in bacheca perchè tutti lo leggano, si chiama bacheca, è la sua funzione, come tutte le bacheche che esistono nelle scuole ed in ogni dove, quindi è giusto che sia così.

  • # 23
    Facebook: l’ultima cagata | Mefisto's Blog
     scrive: 

    […] “appuntidigitali”] Aggiungi bookmark a Tags: copyright, facebook, internet, privacy, social-network, Stronzate, […]

  • # 24
    Pio Alt
     scrive: 

    Qui non è questione di privacy ma di soldi!

    Tu metti una foto bellissima si o scrivi una poesia bellissima lì, quella foto e quella poesia potranno essere pubblicate solo da loro, loro chiederanno i diritti d’autore, loro decideranno se può o non può essere pubblicata e dove. Loro e non tu che sei l’autore. Se tu vuoi pubblicare quella tua foto o quella tua poesia su un libricino di foto e di poesie dovrai pagare i diritti a loro.
    Io ho capito così. Correggetemi se sbaglio.

    Ecco che questi siti non sono gratuiti, non sono generosi, non sono aperti e non sono sociali, sono un’altra forma di far soldi sulla buona fede delle persone.

    Sulla rete quasi tutti i siti “gratis” hanno clausole di questo tipo ma pochi lo sanno.

    Ci vorrebbe una indagine per vedere di chi sono le foto e i video pubblicati su google ypoutube flickr…

    Di chi sono? chi ci guadagnerà? di chi sono i diritti?

    Fate una indagine se potete.

  • # 25
    francesco
     scrive: 

    secondo me le cose inquietanti sono 2,
    il fatto che quando metti una foto sulla rete in pratica ne perdi il controllo. (e vabè non ci puoi fare nulla quello sarà sempre così, non solo per facebook).

    ma peggio ancora, è che gli utilizzatori di facebook, caricano sul loro profilo foto e video con altre persone, che di essere presenti in rete, taggate, e commentate, se ne guardano bene. secondo me è da denuncia.
    fai pure il tuo profilo, carica quello che vuoi, ma solo con materiale tuo, altre persone non devono comparire, se non dopo aver avuto il loro consenso. facebook non fa niente per questo?
    anche voi che ve ne guardate bene dall’iscrivervi, siete sicuri di non comparire già?

  • # 26
    Federico
     scrive: 

    Mi fa piacere che ci teniate informati con queste cose ma citare la fonte della notizia sarebbe anche una bella cosa. In fondo è su questo che si basa internet, link che ti portano da una parte all’altra.

  • # 27
    Marco
     scrive: 

    Calma calma,
    se io utente di fb mi sono registrato l’anno scorso quando vigeva un altro TOS io quello ho accettato, non questo di due (o quant’è) giorni fa.
    Da quando in qua si cambiano i termini di un contratto dopo la stipulazione dello stesso?
    Sto dicendo p*ttanate per caso? Perché se è così mi cancello subito e fan***o, chi s’è visto s’è visto, mi hanno veramente stancato che qualunque cosa fai ti salta su un avviso tipo “questa applicazione *potrebbe* accedere ai tuoi dati”.
    POTREBBE???
    Basta usare il condizionale per pararsi il c*lo!!!
    Scusatemi lo sfogo ma mi è sembrato decisamente IT in quanto diretto interessato.

    Buona giornata a tutti i lettori di AD e HWU

  • # 28
    andrea
     scrive: 

    Per artisti, musicisti ecc… questo TOS è uno schifo…
    Ad ogni modo, direi che per i dati/contenuti dei 170 milioni (o quanti sono) di utenti che si sono iscritti sottoscrivendo il vecchio TOS (prima del 4/2/09), FB non ha nessun diritto di pretendere i contenuti nel caso di cancellazione del profilo.

  • # 29
    Pio Alt
     scrive: 

    @ Marco
    Spesso la clausola principale di questi “contratti” è proprio che loro possono cambiarli come gli pare e te li devi accettare :(
    I più seri ti mettono una schermata il primo giorno dove ti chiedono di accettare o non farti più sentire :(

  • # 30
    arkanoid
     scrive: 

    calma calma.
    Le PROPOSTE di modifica unilaterale di un contratto già stipulato DEVONO essere comunicate in maniera scritta, con chiara indicazione dei maggiori oneri per la parte debole, la quale in caso di non accettazione delle nuove condizioni può rescindere dal contratto senza penale alcuna e figuriamoci se possono elevare diritti su materiale mio.

  • # 31
    Blob
     scrive: 

    @n0v0
    Esattamente come te…anche io vivo felice e contento :-)

  • # 32
    Alberto
     scrive: 

    Consiglio una attenta lettura del seguente articolo:

    http://attivissimo.blogspot.com/2009/02/occhio-alle-condizioni-di-facebook.html

  • # 33
    Pio Alt
     scrive: 

    @ Arkanoid: in quale legislazione? quella italiana o statunitense?
    :D se ti iscrivi lì diventi suddito statunitense :D

    @ Alberto: in fondo è confermata la vicenda, che poi si siano ritratti conferma tutto. Ma avrebbero anche potuto non ritrarsi e le regole le possono cambiare ancora anche domani…

  • # 34
    battagliacom
     scrive: 

    vorrei rispondere e tutit queli che dicono che le infomraizoni che si vedono in internet non sono da nascondere.
    certo le informaiazioni si potranno percepire da altre strade, ma quelle che tu rendi disponibili online di sicuro sono quelle che più servono a chi compie degli attacchi e molte volte sono le più sensibili.
    per un attacco informatico, di sicuro che tu hai un figlio di nome Mario (lo puoi usare come password), è molto più utile di sapere che tutte le domeniche mangi pasta al forno.
    sapere a che ora ti svegli, lavori, mangi e vai a dormire può essere utile per sapere quando sei online

  • # 35
    curioso
     scrive: 

    Scusate ragazzi, ho una curiosità. E cioè: se carico una foto in cui ci sono io ad esempio e poi decido di eliminarla… sui server di fb vi rimmarrà ancora traccia nonostante tutto? Se cosi, mi preoccuperei un pò… cmq ottima news!

  • # 36
    Andrea
     scrive: 

    Mi sa che hanno fatto un retrofront, ecco cosa appare nella pagina di cancellazione account :-D

    Eliminazione a causa di un cambiamento nelle Condizioni di Servizio
    Stai cancellando perché sei preoccupato per le condizioni di servizio di Facebook?

    Questo è stato un errore che ora abbiamo corretto. Tu possiedi l’ informazione che metti su Facebook e tu controlli cosa succede ad essa. Ci scusiamo per la confusione.Vedi http://blog.facebook.com/blog.php?post=54746167130 per maggiori informazioni.

    – Il Team di Facebook

  • # 37
    FabioFLX
     scrive: 

    si sono messi paura! menomale.
    in ogni caso, se non erro, anche hotmail ha delle clausole per cui ciò che invii tramite il loro servizio resta in qualche modo di loro proprietà. fare un’indagine in questo senso potrebbe farci scoprire molti più servizi “furbetti” di quanti immaginiamo…

  • # 38
    ATTENZIONE: Facebook si tiene i tuoi dati! « Blog sul mondo Unix
     scrive: 

    […] Grazie a: APPUNTI DIGITALI […]

  • # 39
    ilprincipino89
     scrive: 

    devon stare attenti a non esagerare..Per quanto colossi siano mai creare antipatie con gli utenti.

  • # 40
    massimo
     scrive: 

    ciao!
    se mi cancello da facebook,si puo fare una nuova registrazione???
    grazie…

  • # 41
    Marta
     scrive: 

    Allora vorrei dire due cosine coincise a tutti I presunti moralisti:
    A- fb nn è uno strumento di spionaggio visto Che sei tu stesso a decider chi può o non puó vedere le tue foto
    B- basta prendere una qualsiasi targa automobilistica per vedere luogo e anno di nascita nome cognome residenza di una persona e ti preoccupi di fb dove decidi TU quali info inserire?

  • # 42
    Giada
     scrive: 

    basta nn iscriversi a fb ;)
    dico io ma…
    tutte quelle persone che chiedono ( e ma… e come ..ma posso… )perche cavolo vi siete iscritti a fb allora !!!!

  • # 43
    timeraise
     scrive: 

    Marta – non è un problema di chi vede i tuoi dati, ma di chi può utilizzarli. Cito l esempio di una famiglia americana che ha trovato in pubblicità televisiva la sua foto utilizzata per scopi di marketing da un impresa; questa famiglia malgrado un tentato (inutile visti i termini di fb) procedimento legale ha perso la causa.

    Giada – rendiamoci conto della realtà, fino a 3 anni fa io avevo in media 40 contatti online su msn messenger, ora ne ho 1, stessa storia per skype, google+ è ancora poco usato, myspace lasciamo perdere… Facebook non è semplicemente uno dei tanti social network o un modo per tenersi in contatto con gli amici ma è IL SOCIALNETWORK e se non ci sei iscritto, purtroppo, sei tagliato fuori (o comunque fai moooolta più fatica a mantenere i contatti con persone lontane); potrebbe essere migliore, anzi, era migliore; è questo il problema.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.