di  -  lunedì 4 febbraio 2013

Abbiamo già avuto modo di raccontare il fondamentale apporto di Lotus nel contesto dell’evoluzione Informatica.

Oggi riprendiamo l’argomento con uno sguardo particolareggiato al foglio elettronico (definizione comunque riduttiva del prodotto per il periodo di riferimento) Lotus 1-2-3, presentato pubblicamente il 26 gennaio del 1983, quindi 30anni fa!

 lotus-123-30-dos

Lotus 1-2-3

Il prodotto realizzato da Kapor è pensato per agevolare una serie di attività integrate, come enfatizzato dal nome stesso che evoca le tre componenti fondamentali: spreadsheet, database e graphics management. La soluzione Lotus completa la riqualificazione dei sistemi Personal da macchine per hobbisti a veri strumenti professionali, portando a compimento quanto iniziato da VisiCalc, così come ricorda lo stesso Kapor intervista qualche giorno fa proprio in occasione del 30esimo anniversario:

“It was a product that really legitimised the PC worldwide as a general business tool for non-technical users more than any other product… People were buying PCs to learn 1-2-3”

[Fu un prodotto che legittimo a livello mondiale il PC quale strumento di business per utenti non specificamente tecnici, molto più di qualsiasi alto sistema. Le persone compravano i PC per imparare 1-2-3]

Sempre il co-fondatore di Lotus paragona 1-2-3, con le dovute ed ovvie differenze, a Google ed a Facebook:

“It was as big as anything that’s big today. It was the Google or Facebook of its time. The market size was orders of magnitude smaller but the magnitude was the same.”

[E’ stato (n.d.r., Lotus) grande come tutte le grandi cose di oggi. Fu il Google o il Facebook del suo tempo, anche se le dimensioni del mercato erano differenti.]

ldcIl primo anno le vendite di 1-2-3 furono incredibili, con un attesa di revenue pari a 50milioni di dollari 495$ a copia), tanto da spingere Kapor a trasformare velocemente Lotus Development Corporation (LDC), fondata nel 1981, in una società per azioni.

Un successo incredibile e un’opportunità praticamente unica dovuto ad una serie di elementi, tra cui il lancio del nuovo PC IBM e l’impossibilità per VisiCorp di sviluppare una versione convincente per il nuovo calcolatore visto che tutte le energie erano concentrate sugli aspetti legali della contesa relativa alla proprietà di VisiCalc con Personal Software, detentrice dei diritti di distribuzione.

Kapor è ben cosciente della situazione (proviene proprio dalla trincea di VisiCalc in cui aveva il ruolo di Product Manager per la piattaforma ATARI) e coglie al volo l’opportunità di realizzare un prodotto completamente nuovo, che elabora grandi quantità di dati in modo efficace ed efficiente, coinvolgendo Jonathan Sachs e fondando insieme Lotus Development Corporation.

1-2-3 viene pensato come un prodotto semplice da usare, senza la necessità di competenze specifiche, progettato sul DOS:

“I felt the key to unlocking the market was making something ordinary people could use. It had to be better than single-letter commands… We spent lot of time on how to work efficiently, so we had slash commands with the keyboards so people quickly developed muscle memory.”

[Sentii che la chiave del successo era realizzare qualcosa che le persone ordinarie potessero utilizzare. Qualcosa di superiore rispetto ai single-letter command… Spendemmo un sacco di tempo per capire come sviluppare un sistema efficiente, sfruttando il tasto “slash”…]

In effetti lo spreadsheet di Lotus è un passo avanti rispetto a VisiCalc ed i vari competitor che si stanno affacciando sul mercato, guidando l’utilizzatore nell’espletamento delle proprie funzioni. Inoltre, fondamentale e vincente risulta l’idea di corredare il software con un completo tutorial ed un help sensibile al contesto.

Fondamentale è, inoltre, la strategia di marketing di vendere un sistema chiavi in mano: 1 PC IBM 5150 con 256Kb memoria (invece che i canonici 64Kb), 1 stampante e Lotus 1-2-3, il tutto alla “modica cifra” di 5.000dollari. Sempre 1-2-3 viene usato da IBM per spingere, senza successo, le vendite del PCjr. Per Lotus è un successo senza precedenti nel mondo del software, proiettandola nella sfera dei big-three delle software house, insieme a Microsoft e Ashton-Tate.

ibm842pcjrlotus

Lotus 1-2-3 sul PCjr

Ma il successo è difficile da gestire, soprattutto quando il concorrente si chiama Microsoft e quando si commettono degli errori di percorso. Nel caso di 1-2-3 i problemi si concentrano nella scelta di riscriverlo completamente in C, abbandonando il macro assembler, per renderne più agevole il porting su altre piattaforme. Tale decisione si rileva un disastro, tanto da portate nel 1989 al rilascio di due versioni parallele: la v2.2 ancora in macro-assembler per sistemi con scarse risorse hardware e la v3.0 per PC più corazzati.

Ancor più grave il fatto che tutto il tempo dedicato a completare il porting porta Lotus a “distrarsi” e non accorgersi dell’avanza di Windows (2.x) e del nuovo Excel, sia per Mac (1985) che per Windows stesso (1987) che va a sostituire il già ottimo Multiplan. Inoltre, nel 1990 Microsoft lancia Office, con Word e PowerPoint, ponendo le basi per il dominio incontrastato del settore applicativo.

Tutto ciò avviene quando Kapor ha già lasciato Lotus (1986), ma è proprio il co-fondatore di Lotus ad analizzare bene quello che poi portò Lotus ad essere acquistata da IBM e diventare, sostanzialmente, una comparsa, fino al completo abbandono di 1-2-3 e degli altri prodotti ad esclusione di Notes e Domino:

“It became clear to me by 1984 that Microsoft was likely going to be the big winner in the PC software apps and operating system category, partly because of the dynamics of owning and controlling the operating system: that gave you enormous power and I came to see Bill Gates was fierce competitor. He was smart and ruthless in pursuit of business objectives and I was not as ruthless: I’m super competitive, but… my goals and values are not about crushing the comp and I don’t have the kind of personality to carry out a strategy like that. It presented a dilemma.”

[Nel 1984 per me divenne chiaro che Microsoft si avviava a vincere la battaglia per il dominio sul software, si sistema e applicativo, per il mondo dei PC: sia perché controllava il sistema operativo, che gli conferiva un potere enorme, sia perché Bill Gates era un competitor feroce. A differenza di me, era intelligente e spietato nel perseguimento degli obiettivi di business. Io sono super competitivo, ma… i miei obiettivi e valori non contemplano l’attività di “schiacciare” i competitor e non ho la personalità adatta per seguire una strategia simile”

7 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Andrea Del Bene
     scrive: 

    Il primo spreadsheet non si scorda mai :). Lo usavo in prima superiore per stampare i grafici degli esperimenti di fisica.

  • # 2
    Gennaro Tangari
     scrive: 

    L’ho usato anche io al biennio del liceo per i tabulati e i grafici degli esperimenti di fisica. A tanti anni di distanza fa “tenerezza” vedere gli screenshot di questi vecchi software: può darsi che sia l’età che avanza, ma l’informatica odierna ha perso quel fascino che aveva all’epoca.

  • # 3
    Krakatoa
     scrive: 

    Segnalo un refuso:
    Sentii che la chiava del successo…

  • # 4
    Andrea Del Bene
     scrive: 

    Forse affascinava di più gli appassionati perchè era meno accessibile all’uomo comune e faceva vedere di più come funzionava…
    Stiamo parlando di miliardi di mercato or sono :)

  • # 5
    Sisko214
     scrive: 

    Noooooo…..
    m’è venuta la nostalgia !!!
    Per chi lo volesse rivedere, magari riprovare su una VM:

    http://vetusware.com/manufacturer/Lotus%20Development%20Corporation/?author=806

    ;-( *sniff*

  • # 6
    sirhaplo
     scrive: 

    Anche io lo usavo al liceo.
    Curiosità : mio nonno ha imparato ad usare il pc con Lotus 1-2-3. Fino ad XP non c’è stato altro che quello installato sui suoi pc.
    Lo usava per tutto … elenchi, lettere, etichette.
    Ingrandendo o riducendo le colonne o le righe faceva uscire quello che voleva dalla stampante …

    Ma word ed Excel no, non gli piacciano … sono troppo complicati :D

  • # 7
    Maria
     scrive: 

    Che nostalgia! Mi ricordo quando utilizzavamo Lotus 1-2-3 durante l’ora di laboratori di informatica a Ragioneria.
    Si parla di più di 15 anni fa ;)

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.