di  -  venerdì 11 gennaio 2013

Dopo aver ripercorso l’importante storia di Micrografx e aver visto le vicissitudini che l’hanno portata ad essere acquisita da Corel, trasformandosi nella divisione indipendente iGrafx, dedichiamo questo ultimo posto ai fratelli Grayson e vediamo a cosa si sono dedicati dopo l’uscita dalla propria società.

Partiamo da Paul Grayson, l’ultimo dei fratelli a lasciare Micrografx (1996).

Nel 1997 Paul decide di investire le sue finanze, circa 1 milione di euro, ed il suo tempo in nuovo progetto: Alibre Design, il primo ambiente di progettazione 3D collaborativo basato su Web Browser. Paul G. convince Steve Emmons (ex Team Lead in Micrografx) a seguirlo nella nuova Alibre Inc., che, dopo un anno, conta circa 15 dipendenti.

L’idea alla base di Alibre Desing è quella di avere un sistema che sfrutta le potenzialità dei server remoti e delega al client solo l’aspetto di interazione con l’utente.

alibre_design

Alibre Design

La prima versione viene rilasciata nel 2000 con un focus orientato alle grandi aziende, tanto che il cliente di maggior rilievo diventa Generale Electric (GE).

Il crollo azionistico delle NewCo del 2000 (scoppio della Bolla di Internet) e l’11 settembre (9/11) però, non tardano ad arrivare e le grandi aziende americane rivedono le proprie priorità e affrontano una grave crisi. GE si vede fortemente ridimensionate le proprie vendite colpendo, di conseguenza, anche Alibre.

Così Paul G. rivede completamente la strategia aziendale e comincia ad indirizzare i propri prodotti verso le aziende medio/piccole e verso l’utente finale, accompagnandola con un graduale ma significativo abbattimento del costo della licenza.

grayson_gym_alibre

P.Grayson in tenuta ginnica all’interno della sede di Alibre

Nel 2001 la società viene acquistata dalla 3D Systems Corporation  con il benestare del suo fondatore:

“We are very proud and excited to join 3D Systems, a global leader with like-minded strategic direction. The power of 3D Systems technology, resources and global reach combined with our sustainable and scalable business model and affordable design productivity solutions is certain to make better design happen” [P.Grayson]

“Siamo molto orgogliosi e felici di unirci a 3D Systems, leader mondiale con una strategia aziendale che ci accomuna. La potenza della tecnologia 3D Systems, le risorse e la visione globale combinata con il nostro modello di business sostenibile e scalabile, garantiranno la realizzazioni di efficaci e convenienti soluzioni per la progettazione” [P.Grayson]

George Grayson, al contrario del fratello, segue una strada diversa, dedicandosi al sostegno delle iniziative a favore dei bambini disagiati.

Già ai tempi di Micrografx, G.Grayson era sostenitore delle iniziative volte a sfruttare la tecnologia per migliorare le condizioni dei minori, tanto che, ad ottobre del 1991, Micrografx dà vita al “The COMDEX Micrografx Chili for Children Cookoff”, il più importante evento nel settore informatico dedicato a raccogliere fondi per la National Center for Missing & Exploited Children (NCMEC).

Nel 1998 G.Grayson riceve il premio “Rainbow Award” dell’ Adam Walsh Children’s Fund per il suo fattivo impegno con proprio  per l’NCMEC.

chili_for_childern

Chili for Childern

Si chiude qui la nostra serie di post dedicati a Micrografx. L’appuntamento è per la prossima settimana con nuove gemme dal passato.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.