di  -  mercoledì 26 marzo 2008

mindmentorIn un periodo di crisi e recessione come questo, pensare di rivolgersi ad uno psicologo per risolvere alcuni piccoli problemi appare economicamente proibitivo, visti e considerati i costi orari di questi specialisti.

Per venire incontro a chi, pur non essendo disposto a spendere troppo, vuole il parere di un “esperto”, due psicologi Olandesi hanno creato MindMentor, una web app basata su un software del 1966: Eliza.

Eliza (creata da Joseph Weizenbaum) fu una pietra miliare nella programmazione software, perché consentiva di avere delle conversazioni con il computer, con quest’ultimo che sfruttava le parole usate dall’utente per generare le risposte da dargli.

I due psicologi Olandesi hanno “furbescamente” resuscitato questo noto (agli addetti ai lavori) software, adattandolo in modo da ricreare una conversazione che fosse più simile possibile ad una seduta dallo psicologo.

Il risultato è che il 47% delle persone che hanno usato MindMentor dichiarano di aver risolto il proprio problema grazie a questo software. Un dato davvero incredibile se si pensa che queste persone hanno dialogato con un computer.

Su Wired la giornalista Adrienne So racconta la sua esperienza dopo aver provato di persona il software trovandolo decisamente rudimentale e poco accurato nelle risposte, molto lontano quindi dall’iniziale idea del “colloquio simulato con uno psicologo”, ma nel complesso capace di far scattare in lei quelle domande e riflessioni che l’hanno portata a riconsiderare in modo diverso il problema che aveva sottoposto.

Va detto che MindMentor costa $8 all’ora che, se è certamente meno dei minimo $100 di uno psicologo, è comunque una cifra che pone il consumatore nella posizione di “esigere” quantomeno un servizio accettabile.

Personalmente ritengo che siamo di fronte ad una simpatica trovata che nulla ha di scientifico e verificato: ritengo infatti che quel 47% di casi di successo sia da attribuire essenzialmente al fatto che il solo parlare del problema che si ha è un ottimo modo per iniziare a risolverlo. Ascoltarsi pone il soggetto in un’ottica completamente differente e lo aiuta ad analizzare il problema da diverse angolazioni, cosa più difficile da fare “pensando e basta”.

Se fosse stato gratis sarebbe stato un passatempo gradevole ma, essendo a pagamento come la prima regola dell’analisi impone, perde gran parte della sua efficacia del suo fascino, viziato da troppi difetti nell’interazione con l’uomo.

6 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Dustmybroom
     scrive: 

    Io mi ricordo di un vecchio software per C64 che simulava una seduta dallo psicologo, chiamato ‘Terapia': anche lui prendeva spunto dalle parole pronunciate dalle risposte per generare nuove domande, ma prevedeva un numero cosi variegato di ‘diramazioni’ del discorso da risultare perfino credibile, a tratti :)

  • # 2
    alessioF
     scrive: 

    Non da clinico ma da esperto in materia non posso fare altro che quotare:

    [quote]
    Personalmente ritengo che siamo di fronte ad una simpatica trovata che nulla ha di scientifico e verificato: ritengo infatti che quel 47% di casi di successo sia da attribuire essenzialmente al fatto che il solo parlare del problema che si ha è un ottimo modo per iniziare a risolverlo. Ascoltarsi pone il soggetto in un’ottica completamente differente e lo aiuta ad analizzare il problema da diverse angolazioni, cosa più difficile da fare “pensando e basta”.
    [/quote]

    Nel 47% dei casi basterebbe effettivamente questo.
    Poi su quel sw sono state scritte pagine e pagine…

    Ora torno a MRIcro

  • # 3
    Crux_MM
     scrive: 

    Almeno non l’hanno spacciato per psicoanalista!:D
    Nel rapporto psicoanalitico ciò che funziona è l’intesa, non altro!;)
    Psicologo robot..un sorriso e basta!:)

  • # 4
    massimo
     scrive: 

    “minimo $100 di uno psicologo”… Ma che razza di psicologi farabutti conoscete?? 100 dollari l’ora. State disinformando la gente per dare enfasi al vostro articolo. Informatevi sui compensi medi di onesti medici psicologi, non professionisti milanesi che se la tirano. Ma anche gli altri articoli li fate con lo stesso metro?

  • # 5
    Dustmybroom
     scrive: 

    @Massimo
    E’ chiaro che non hai idea del prezzo delle prestazioni di cui parli. Magari evita le sparate (contro la redazione, poi…), che ti rimediano soltanto una figuraccia.
    Ti consiglio di controllare l’ultimo tariffario psicologi, aggiornato al 2002 (già superato, tra l’altro)…altro che 100 dollari!
    Il punto è che qui si paga (8 dollari) non per un consulto vero e proprio ma per un entertainement con velleità utilitaristiche. E’ bene che sia chiaro all’utente che di entartainement si tratta: se poi ne troverà perfino beneficio, sarà stato davvero fortunato.

  • # 6
    Francesco Federico (Autore del post)
     scrive: 

    Massimo, l’articolo è una segnalazione “giocosa” di un software e non un’analisi dei prezzi medi degli psicologi. 100 dollari, ovvero meno di 65 euro, mi sembra siano un valore di media abbastanza corretto.

    Non conosco in modo approfondito il tariffario nazionale, argomento che esula da questo post, ma penso di aver indicato un valore di massima abbastanza in linea con la mia esperienza indiretta in materia.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.