glonass
martedì 13 Novembre 2007 - 1 Commento

Al culmine di una lunga crisi, Galileo, il progetto europeo di navigazione satellitare alternativo all’americano GPS, a cui partecipa anche la Cina, incassa in questi giorni lo scetticismo della House of Commons. La camera bassa del parlamento d’oltremanica vede infatti in questa tecnologia, una inutile duplicazione di un sistema già pienamente funzionante e, soprattutto, una spesa enorme che più correttamente andrebbe allocata su infrastrutture “terrestri”.
Allo stato attuale dei fatti, i vantaggi tecnologici di Galileo rispetto a GPS risiedono principalmente in una miglior accuratezza, il che è di per sé una …