di  -  martedì 5 febbraio 2008

Open DocumentNon accenna a smorzarsi la polemica sul formato OOXML di Microsoft. L’ultima freccia in ordine cronologico parte dall’arco di IBM, ed è di quelle che pesano un quintale. In seguito alle recenti recriminazioni di Microsoft, circa il fatto che la procedura rapida di approvazione ISO per OOXML sarebbe andata verso un lieto fine se non fosse stato per IBM, i responsabili del colosso di Armonk hanno subito risposto per le rime: “Se “lieto fine” significa cercare di spingere sul mercato IT un prodotto arraffazzonato, tecnicamente inferiore e vincolato ad un’applicazione, come OOXML, siamo fieri di stare dalla parte delle decine di nazioni e delle migliaia di individui che sono disposti a combattere contro una tale riprovevole condotta”.

In effetti la pronta risposta di MS alla standardizzazione del formato ODF indica chiaramente che il gigante di Redmond, piuttosto che giocare la partita sulla sola qualità delle applicazioni, preferisce seguire il vecchio paradigma del formato di file “fatto in casa” – sulla cui effettiva “apertura” tra l’altro molti hanno da ridire.

Fa riflettere del resto che una delle più insistenti critiche di MS verso ODF sia che non è in grado di gestire la retrocompatibilità con i file delle precedenti versioni di Office. Non sarà forse perché si tratta di file realizzati con un formato proprietario?
A mio modesto parere, contro il successo “sul campo” di OOXML poco potrà l’ISO: chiunque usi Office 2007, salva per default nel nuovo formato, e posso testimoniare di persona una certa riluttanza del programma a mutare il default nei cari vecchi formati “.doc” “.xls” e “.ppt”.

Poco importa, secondo l’autore dell’articolo citato, se OOXML presenta ancora alcuni macroscopici difetti – tra cui non riuscire ad aprire dei file “sample” allegati nei documenti per l’omologazione: il prolungarsi della procedura di approvazione ISO darà il tempo allo standard di affermarsi e di perfezionarsi.

Fonte: Ars Technica

2 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    alessioF
     scrive: 

    Sony e Microsoft sono maestre nell’affermare che il loro formato (con +/- brevetti) è LO standard.

    Per ora per me il vero standard è il .doc .xls e .ppt, cioè il formato più usato da tutti, tanto che con O_o uso quelli, altrimenti ogni volta che invio un file dovrei convertirlo.

    Per la compatibilità tra O_o e office rispondo semplicemente con dei fatti sperimentati di persona:
    Un file word creato con office 2000 non è visualizzato correttamente con office4mac (grafici).
    Passando da O2k a OXP nelle figure sono stati modificati dei colori.

  • # 2
    PhoenixBF
     scrive: 

    Io spero vivamente che la MS la finisca una volta per tutte con questo tipo di comportamenti. Ne siamo veramente saturi.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.