di  -  lunedì 4 febbraio 2008

GmailGmail è sicuramente uno dei migliori, se non il migliore, servizio di email gratuito attualmente disponibile sul mercato. È comodo, flessibile, scalabile e molto migliore di tanti altri servizi a pagamento.

Non è però tutto oro ciò che luccica, di recente sono venute alla luce alcune limitazioni che, se infrante, possono provocare il blocco temporaneo, ma senza avvertimento, del proprio account.

Quattro sono essenzialmente le regole da seguire per non avere “brutte sorprese” quando si usa Gmail:

1) Se usate Gmail via POP o IMAP sappiate che ogni email può avere massimo 100 destinatari, se dovete mandare la stessa email a più di 100 persone dovrete “spezzare” gli invii. Violare questa norma provoca il blocco dell’account per un giorno.

2) Se usate Gmail tramite il browser, il limite sale a 500 persone per email ma, questa volta, violare la regola costa dalle 24 alle 72 ore di sospensione.

3) Fate sempre attenzione, quando mandate una email a più destinatari, che gli indirizzi siano scritti correttamente. Gmail sospende automaticamente gli account dai quali partono email con troppi indirizzi inesistenti.

4) Se ci tenete alla vostra casella di posta e ai messaggi in essa contenuti, accedete almeno una volta ogni nove mesi al vostro account. Trascorso detto termine senza alcun accesso, Gmail non solo cancella tutto, ma rimette in disponibilità il vostro indirizzo ad altri.

Si tratta di regole condivisibilissime e chiaramente mosse dal tentativo di ridurre il più possibile l’uso improprio della posta elettronica, tuttavia ritengo che Google avrebbe dovuto informare meglio i clienti di queste limitazioni. Del resto, come informa chiaramente del limite massimo degli allegati (20MB) e della casella di posta (6GB circa), così avrebbe potuto fare con queste limitazioni, soprattutto alla luce del fatto che violarle provoca la disabilitazione, seppur temporanea, dell’account.

15 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Tudhalyas
     scrive: 

    Cavoli… non lo sapevo! Personalmente non devo mandare quasi mai mail “di massa”, ma la cosa potrebbe essere limitante per chi lo debba fare per qualsivoglia motivo.

    La cosa che mi dispiace di più tuttavia è il limite dei 9 mesi senza accessi da parte dell’utente, trascorsi i quali la casella di posta viene totalmente azzerata. Posso capire che offrire oltre 6 GB di spazio su disco pro capite non è affatto cosa da poco, ma avrei preferito quantomeno tempistiche più rilassate (almeno un annetto).

    C’è anche da dire che altri servizi analoghi, danno tempi molto più stretti prima della cancellazione di un indirizzo: ad esempio, Hotmail mi pare dia 2 mesi… in definitiva quindi è sempre meglio GMail ;-)

  • # 2
    sirus
     scrive: 

    Per quanto riguarda i primi 2 limiti si tratta di valori piuttosto ampi che è difficile (almeno per me) oltrepassare.
    Per quanto riguarda il quarto punto direi che non fanno nulla di diverso rispetto ad altri provider.

  • # 3
    Gianlucamat
     scrive: 

    Sono limiti molto ampi, ma come giustamente dici dovrebbero essere più visibili ;)

    Un saluto

  • # 4
    rubberick
     scrive: 

    Ma non funziona cosi’!

    Google non riserva un bel nulla!

    Lo spazio e’ sicuramente tenuto sotto controllo ed incrementato per tempo aggiungendo nuovi rack in farm…

  • # 5
    Giovanni
     scrive: 

    Scusate, ma che me ne faccio di 6GB se non posso mandare allegati maggiori di 20MB?

  • # 6
    PhoenixBF
     scrive: 

    Dei primi 3 punti non me ne importa nulla.
    il punto 4 invece… non me lo aspettavo. Mi dispiace un po’ di questa cosa, stile hotmail e altri, che perdi tutto se non accedi almeno in X mesi.

  • # 7
    The3D
     scrive: 

    limiti condivisibilissimi x evitare il rischio spam, certo renderli + noti sarebbe meglio

  • # 8
    Saint Andres
     scrive: 

    Caspita! La cosa dei nove mesi proprio non la sapevo, anzi pensavo che gli acount di Google fossero illimitati nel tempo. Ancora peggio hotmail con i suoi 2 mesi.

  • # 9
    Alessandro
     scrive: 

    Hotmail dice due mesi, ma ho la casella da 7 anni e saro’ entrato forse 5 volte
    e non mi e’ mai scaduta, mi serve solo per registrare i servizi xbox360. (e comunque non la cancellano ma la sospendono)

    Comunque cancellare tutto e’ pericoloso specie se uno usa gmail per backup di documenti o archiviare cose importanti.

    a questo punto e meglio mettere un canone e si e’ sicuri di non avere sorprese

  • # 10
    Giulio
     scrive: 

    Scusate ma chi è che non accede alla propria casella (se effettivamente la usa) per 9 mesi? Le donne incinte? O chi ha avuto incidenti… Per il resto… E’ giusto che sia così. Chi non sfrutta un servizio, oltremodo gratuito, è giusto che lasci lo spazio ad altri no?

    Per il resto sono provvedimenti anti-spam che hanno tutto il mio appoggio!

  • # 11
    Fello
     scrive: 

    Ciao, ma bisogna entrare nella webmail almeno uno volta ogni nove mesi oppure è sufficiente scaricare la posta elettrnonica regolarmente con il client di posta??

  • # 12
    Laura DB
     scrive: 

    Grazie! Molto interessante!

    Laura di FlorenceIN

  • # 13
    Alessandro
     scrive: 

    gmail imap limite invii.

    “se dovete mandare la stessa email a più di 100 persone dovrete “spezzare” gli invii.”

    A questo punto quale sarebbe il limite massimo? Cioè se devo inviare la stessa mail a più di 100 destinatari, quante volte posso inviare a gruppi di 100 destinatari diversi: ad esempio se devo inviare a 700 detinatari diversi, posso inviare 7 mail ciascuna rivolta a 100 destinatari (7*100=700). Il limite massimo resta 2000?

    grazie

  • # 14
    C4
     scrive: 

    Complimenti per l’ articolo e grazie per l’ informazione.
    Io usavo 2 caselle Gmail ma poi, grazie alla continua pubblicità (arrivatami dalla stessa Google in base all analisi delle mie email) ho deciso di chiuderle e di aprirne 2 su Windows Live. Adesso ho 5 giga per le email, il web messenger, 25 giga di spazio sullo SkyDrive (ke sicuramente è la caratteristica più interessante, uno spazio e tanti servizi. Aparte lo SkyDrive, anche Google offre tutto questo, ma ad un prezzo molto alto: i propri dati, estrapolati in base alle proprie ricerche e utilizzi dei suoi servizi.

    Inoltre le normative di Microsoft sulla privacy sono molto più rigide di quelle di Google.

  • # 15
    giusy
     scrive: 

    Alessandro scrive:
    gmail imap limite invii.

    “se dovete mandare la stessa email a più di 100 persone dovrete “spezzare” gli invii.”

    A questo punto quale sarebbe il limite massimo? Cioè se devo inviare la stessa mail a più di 100 destinatari, quante volte posso inviare a gruppi di 100 destinatari diversi: ad esempio se devo inviare a 700 detinatari diversi, posso inviare 7 mail ciascuna rivolta a 100 destinatari (7*100=700). Il limite massimo resta 2000?

    grazie
    vorrei avere la stessa risposta. Quante volte posso in un giorno inviare gruppi di mail a 100 persone? qual’ è il limite massimo
    di spedizioni giornaliere anche se spezzettate 100 per volta?
    grazie.
    giusy

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.