di  -  giovedì 27 novembre 2008

amd_phenom.jpgNel 2003, il vice presidente di IBM, predisse la fine di AMD nel corso del 2008. Le motivazioni addotte a una tale catastrofica previsione, non furono completamente infondate, anche se la storia si è rivelata un po’ più complicata.

Il calo di competitività delle CPU forgiate da AMD fu indovinato, ma va inserito in un contesto più ampio. È una brutta storia che ebbe inizio nel mese nell’ottobre del 2006, quando il chipmaker acquisì ATI, con un esborso complessivo di 5,4 miliardi di dollari.
Le CPU della famiglia Barcelona, uscirono con eccessivo ritardo, e senza portare grandi vantaggi prestazionali rispetto alla generazione precedente, mentre Intel prendeva sempre più il largo.

A a circa 10 mesi dal lancio delle CPU Barcelona, una AMD sommersa dai debiti e incapace di reagire ai colpi di Intel si presenta con una riorganizzazione societaria, con la promessa e la volontà di tornare a competere ad armi pari con il colosso californiano, e i primi segni si sono già visti.

Torniamo indietro al 2006, muovendoci a ritroso, per comprendere dove hanno avuto inizio i problemi di AMD. Se la lentezza nello sviluppo di nuovi prodotti, nonché i risultati prestazionali non entusiasmanti, possono essere, almeno in parte, la conseguenza di una società sommersa di debiti che si trova a dover investire su molti fronti diversi (CPU, GPU, chipset i settori principali), l’acquisizione di ATI, causa primaria dei bilanci disastrosi che hanno portato AMD sul lastrico, considerata un errore di valutazione dagli stessi vertici dell’azienda, era comunque resa necessaria e inevitabile.

Prima della fusione tra la società texana e la canadese ATI,  AMD era già in una situazione abbastanza problematica, causata da parnership deboli nel comparto chipset, che da qualche tempo non erano più all’altezza delle punte di diamante della produzione del chipmaker.

Nella consapevolezza poi, che la sezione grafica dei futuri elaboratori avrebbe rivestito sempre maggiore importanza, con l’avvento del GPU computing in ambito professionale e con l’integrazione di GPU sempre più frequente nei chipset e, in futuro, all’interno delle stesse CPU, AMD non poteva fare altro che correre ai ripari.

L’acquisizione di ATI quindi, non è stata una mossa sbagliata in se, ma la nuova struttura societaria si rivelò presto un gigante dai piedi di argilla.
Il calo di competitività che ne seguì in tutti i settori coperti da questa nuova realtà lo troviamo documentato dettagliatamente negli ultimi due anni di news e articoli di Hardware Upgrade.

Finalmente, dopo mesi e mesi di stallo in cui AMD non riusciva a suscitare che preoccupazione tra gli appassionati, lo scorso ottobre è arrivata la notizia del nuovo riassetto societario.

Una manovra finanziaria e riorganizzativa radicale, che ne trasforma la struttura per la seconda volta nel giro di poco più di un anno. Con questa mossa si chiude una metamorfosi durata circa due anni, che dovrebbe riportare AMD a lottare per il primato tecnologico.

Come spiegato già benissimo da Paolo Corsini in un suo editoriale, AMD ufficialmente non è più un produttore di microprocessori, avendo ceduto le fonderie in funzione e i diritti di costruzione del futuro stabilimento newyorkese ad una neonata società, appartenente per il 45% circa di AMD stessa e per il resto a dei finanziatori di Abu Dhabi.

Questa astuta manovra porta soltanto vantaggi. La vendita degli stabilimenti scrolla di dosso dalla compagnia americana una situazione finanziaria difficile, che può così investire nel rilancio.

Una comunque forte presenza di AMD in The Foundry Company (questo il nome della società che sfornerà wafer) comunque permette alla prima di esercitare un controllo sulla seconda, mantenendo uno stretto legame tra progettazione e produzione.

Non solo, AMD per quanto azienda di spicco nei settori che occupa, finanziariamente e per numeri di produzione e di vendita è un moscerino rispetto a Intel. Essendo presente in molti meno settori rispetto al colosso californiano, quindi risultava sicuramente più difficile per AMD ammortizzare i costi di mantenimento degli stabilimenti nei momenti in cui i dati di vendita e margini oscillavano verso il basso, per esempio in corrispondenza di lanci da parte del suo principale concorrente.

La cessione del comparto produttivo a The Foundry Company, permetterà di aprire la produzione anche a nuovi clienti, così da mantenere alta la produttività anche in fasi di stallo per le vendite di CPU texane, guadagnando sulla produzione destinata a terzi, grazie  ad una grossa fetta societaria che a questa appartiene.

Sulla carta dunque, il piano di rilancio sembra ben ideato, poi il tempo, com’è ovvio, ci dirà la sua versione dei fatti.

Una nuova ventata di ottimismo arriva anche da Shangai, presentato per ora nella declinazione Opteron, dedicata a server e workstation, perché è proprio questo il settore che interessa maggiormente AMD, visti gli alti margini che si possono ottenere rispetto ai settori desktop e mobile e la fiducia che gode da parte di alcuni importanti partner, conquistata a suo tempo grazie alla bontà dei primi Opteron.

Le conquiste prestazionali di questo settore poi, com’è ovvio e solito per AMD, verranno riversate sul resto della produzione: arriveranno presto i Phenom II x4 e a gennaio verranno presentati i primi mini notebook con CPU Conesus, ovvero un adattamento degli Athlon 64 x2 costruiti con tecnologia a 65 nm, ottimizzati per avere un TDP contenuto in 25W.

Presentare tre linee diverse di CPU in così poco tempo è sintomo di una ritrovata salute, poiché i lanci commerciali hanno un importante peso sui bilanci, specialmente in un contesto in cui c’è necessità di rinverdire un’immagine che ha sofferto della scarsa competitività degli ultimi tempi.

A qualcuno non piace però l’intenzione di AMD di non entrare nell’affollata mischia dei netbook. Questo settore è però ancora poco maturo e definito e richiederebbe un forte investimento per lo sviluppo di una CPU dedicata, che necessiterebbe un enorme sforzo ingegneristico per il suo sviluppo, sarebbe quindi una scommessa difficile da vincere.

È meglio forse per il momento che AMD rimanga su terreni che meglio conoscerne, impegnata com’è a soddisfare tutti i cambiamenti che il mercato richiederà, premendo tra l’altro il piede sull’acceleratore e accorciando i tempi sulle roadmap.

A dicembre inoltre, le schede grafiche basate su chip ATI della fortunata serie 4000, grazie al rilascio di nuovi driver Catalyst, diventeranno general purpose, proiettando di diritto il marchio ATI nella galassia delle GPGPU, per iniziare la rimonta nei confronti di nVidia anche in questo nascente e promettente settore.

11 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    xm
     scrive: 

    Speriamo bene. Un monopolio Intel sarabbe drammatico. Forza AMD.

  • # 2
    tmx
     scrive: 

    ottimo riassunto della situazione :)

    pare quindi che AMD stia per cominciare a risalire da tutti i punti di vista…

    quanto ci metterà però? 2 anni circa, come per sprofondare?

  • # 3
    Alessio Di Domizio
     scrive: 

    A mio modesto parere AMD ha aperto troppi fronti contemporaneamente. La sopravvalutazione di ATI nell’acquisizione e la successiva bonaria ammissione, ha rasentato i limiti del dilettantismo, e su quelle somme diventa una cosa seria, anche perché gli investitori tendono a non prenderla allegramente.

    AMD ha messo in campo idee per rivoluzionare il concetto di architettura PC: l’integrazione della GPU sul die della CPU, Hypertransport, il quad core nativo per dirne qualcuna.
    Sull’esecuzione ha peccato e poi, a dirla tutta, il quad core nativo, con anni di ritardo su quello più semplice e pragmatico di Intel, a fronte di un colossale sforzo di sviluppo, non ha mostrato alcun vantaggio al di fuori del mercato server.

    Per il futuro, credo che AMD faccia bene a concentrarsi su pochi progetti concreti e lucrativi, piuttosto che disperdere risorse in mille idee per poi vederle eseguite prima e meglio da chi ha più risorse.

    Il mercato informatico da anni dimostra che essere i primi a concepire un’idea è ben poca cosa rispetto all’essere capaci di portarla sul mercato con una value proposition forte e concreta.

  • # 4
    tmx
     scrive: 

    “…credo che AMD faccia bene a concentrarsi su pochi progetti concreti e lucrativi…”

    quotissimo & mi auguro che ti leggano alla AMD, soprattutto come loro azionista.

    la filosofia è meglio farla con la pancia piena ;)

  • # 5
    godson
     scrive: 

    durante le bolle speculative si deve sempre acquisire, fa parte del gioco.
    con l’arrivo sul mercato dei cinesi con i sempre più competitivi godson i progetti x86 tipo fusion faranno fatica.
    l’architettura mips è la più efficace, un miliardo di cinesi avranno pc linux-mips, l’x86 è morto nel lungo periodo.

  • # 6
    Cesare
     scrive: 

    Che MIPS sia la più efficace è tutto da vedere. ;)

  • # 7
    Alessio Di Domizio
     scrive: 

    @ godson

    “x86 è morto nel lungo periodo”

    Mi sembra un’affermazione un po’ forte, specie considerando che nello scenario attuale gira su MIPS una percentuale di software per pc che forse si conta nei decimi di unità percentuale rispetto al resto, in particolare x86, essendo MIPS uscita dal mondo dei desktop ai tempi di Windows NT4 mi pare…

  • # 8
    Giorgio
     scrive: 

    Forza AMD…

    Aggiungerei una cosa…si è vero che ultimamente AMD ha perso la supremazia tecnologica rispetto alla concorrente INTEL, ma non dimentichiamo quanto è stata sleale INTEL quando “ricattava” o quasi, la stragrande maggioranza di distributori di PC desktop e notebook nel mondo…facendo condizioni svantaggiose se il distributore accettava di vendere PC con processori AMD…oppure facendo sconti sul materiale INTEL…se il distributore accettava di NON vendere PC con processori AMD…SKIFOSI.

    Intel e Microsoft potrebbero darsi la mano…sono dello stessa razza…AMD/ATI e nVidia sono un’altra cose IMHO…

    Qualcuno mi spieghi adesso perchè contrapponete x86 e MIPS…forse volete dire CISC e RISC…?

    Giorgio

  • # 9
    manuel
     scrive: 

    W AMD !!!! secondo me danno prestazioni buone e non costano troppo…io ciò un amd athlon x2 dual core 5200 2.71ghz E MI TROVE BENISSIMO NON HO AVUTO MAI PROBLEMI….L’INTEL E SLEALE ODIO I PROCESSORI CHE FA!!!HO SEMPRE AVUTO PROCESSORI AMD E MI SONO SEMPRE TROVATO BENE W AMD SPERIAMO CHE DANNO UNA BUONA LEZIONE A GLI INTEL!!!MUOVETEVIIIII

  • # 10
    Alessio Di Domizio
     scrive: 

    x86 e MIPS sono due architetture cpu differenti, in effetti x86 è CISC e MIPS è RISC ma non è tanto di questo che si parlava quanto dell’architettura in sè.

  • # 11
    massimo m.
     scrive: 

    i cinesi puntano su linux, che gira su mips gira.
    basta ricompilare, e tutti i sw unix potranno girare su mips+linux.
    openoffice, apache, i vari dmbs.
    io credo che l’architettura, in tempo di linux e *bsd, sia una cosa secondaria rispetto al software che ci gira sopra.
    ok, su mips non gira windows e i sw dedicati, ma molti che usano linux riescono ad arrangiarsi in altri modi.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.