di  -  sabato 8 ottobre 2011

Cari lettori, anche questa settimana ecco una selezione dei contributi editoriali che desideriamo condividere con voi. Buon weekend da tutti noi.

Alessio
1 http://www.thestreet.com/story/11270641/1/apple-like-disney-will-survive-death-of-founder.html
Un parallelo fra Apple e Disney, un’azienda che ha perso il suo fondatore e visionario senza perdere il suo spirito.

2 http://www.marketwatch.com/story/street-not-disappointed-with-apples-new-iphone-2011-10-05
La reazione del mercato al lancio del nuovo iPhone

3 http://www.google.com/finance?client=ob&q=NASDAQ:AAPL
L’andamento delle azioni Apple nell’ultimo periodo (utile verificare le reazioni degli investitori in corrispondenza dell’abbandono di Jobs da CEO, il lancio del 4S e la morte di Jobs).

Eleonora
1. La press release ufficiale sull’assegnazione dei premi Nobel 2011:
http://www.nobelprize.org/nobel_prizes/peace/laureates/2011/press.html
2. Interessante commento sui Nobel per la fisica 2011:
http://denaro.it/blog/2011/10/06/i-nobel-che-guardano-ai-segreti-delle-stelle/
3.  Considerazioni di un fisico sul suo ruolo nella divulgazione scientifica:
http://www.science20.com/quantum_diaries_survivor/should_researchers_blog_should_their_employers_encourage_them-83271
4. Le prime prove dell’esistenza di acqua simile a quella terrestre nello spazio:
http://sci.esa.int/science-e/www/object/index.cfm?fobjectid=49386

Pleg
1. Oracle SPARC T4 (ex Sun), la nuova incarnazione della famiglia Niagara: da oggi, out-of-order! CI sono alcuni white paper che descrivono l’architettura.
http://www.oracle.com/us/products/servers-storage/servers/sparc-enterprise/resources/index.html

Cesare
1. “Sono contento che Steve Jobs se ne sia andato.” – Richard Stallman
http://stallman.org/archives/2011-jul-oct.html#06_October_2011_(Steve_Jobs)

9 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Andrea R
     scrive: 

    @cesare: citazione tagliata a misura, sei un fazioso che apre bocca sul software libero solo per sputarci sopra.

    Mettiamola tutta, va:
    “I’m not glad he’s dead, but I’m glad he’s gone.” Nobody deserves to have to die – not Jobs, not Mr. Bill, not even people guilty of bigger evils than theirs. But we all deserve the end of Jobs’ malign influence on people’s computing.

  • # 2
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    1) Questa rubrica riporta link, per cui l’obiettivo è di fare aprire la paginetta in questione in modo da leggere tutto. Quindi non s’è nascosto proprio nulla (altrimenti non avrei messo nemmeno il link, no?).

    2) Quel motto gioca sulle parole “dead” e “gone”, con quest’ultima che significa la stessa cosa della prima nel caso di persone morte. Come nel caso di Jobs.

    3) Vatti a leggere cosa ne pensano gli altri giornali, blog, ecc. sull’n-esima sparata di Stallman. Tutti “faziosi” e che sputano sul software diversamente libero, vero?

  • # 3
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ andrea r
    Parole del genere dette in occasione della morte di una persona rendono difficile distinguere fra la coerenza con i propri principi e l’idiozia. Da qualunque prospettiva si veda la sua affermazione, Stallman ha toppato.

  • # 4
    Andrea R
     scrive: 

    “I’m not glad he’s dead” – Richard Stallman

    segue link non cliccabile,

    Tagliando le citazioni puoi fare tutto!
    A me ad esempio leggendola per intero e considerando il contesto mi pare pienamente nei limiti della libertà di parola. Gli altri siti che parlano male di Stallman btw la riportano tutta, come è giornalisticamente corretto.

    Da un lato non parlar male del morto è un segno di rispetto, dall’altro però è socialmente accettato lucrarci parlandone bene, come il corriere della sera che ha già pronta la biografia a soli 2,80€ + il prezzo del giornale. Come ne vogliamo parlare di questo
    anonimo professionista del marketing che ha sentito “morte” e ha capito “soldi” e di tutto il management che, col corpo ancora caldo, ha mandato in porto l’affare? Quella è la gente che veramente ci ha goduto della sua morte.

  • # 5
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Il link non era cliccabile perché WordPress non l’ha riconosciuto automaticamente e l’ha lasciato così com’era. Ma c’era, e sarebbe bastato un banale copia & incolla sulla barra indirizzi per poterlo vedere.

    Tra l’altro non ho tolto nessuna citazione. Come puoi vedere tu stesso, ogni link è accompagnato da una frase; frase che è stata utilizzata anche in tantissimi altri siti come titolo per riportare il fatto.

    Che siano rispettati i limiti della libertà di parola, poi, è a dir poco lapalissiano. Nessuno s’è mai lamentato di questo. Piuttosto è squallido il contenuto e le solite affermazioni di uno Stallman assolutamente privo di tatto e che dimostra, al solito, di vivere fuori dalla realtà.

    Sul resto non rispondo perché non c’entra niente. E’ morto un uomo, e un altro ne ha brutalmente approfittato per la sua crociata ideologica. Fine della “citazione”.

  • # 6
    Simone Serra
     scrive: 

    @ AndreaR

    I giornalisti hanno sempre pronti necrologi e biografie più o meno ampie e ufficiali o meno di personaggi celebri che presumibilmente potranno morire di lì ad un tempo tutto sommato breve, non è una novità e nasce dal tentativo di essere i primi a pubblicare qualcosa (per sfruttare sicuramente l’effetto trainante dell’emozione) sul personaggio in questione… può essere discutibile ma non lo trovo più di tanto fastidioso, ciò che trovo brutto (ma non entro nel caso di Stallman, che non ho letto e non ho intenzione di farlo ora) è lo scatenarsi di santificazioni o di contestazioni al limite del buongusto come purtroppo ho letto in un precedente post su Jobs

  • # 7
    Smoke Kills
     scrive: 

    @ Cesare

    Sarò senza tatto, ma onestamente della morte di Jobs non me ne può fregar di meno, in quanto non ho mai avuto nessun tipo di legame ne con lui ne con i suoi prodotti.Mi fa rabbia l’ipocrisia della gente che lo acclama come eroe del nuovo millennio… Oggettivamente quest’uomo che beneficio concreto ha portato per l’umanità? secondo il mio modestissimo parere la libertà di opinione deve essere così nuda e cruda scevra da ogni tipo di moralismo, ognuno si deve sentire libero di esprimere qualsiasi tipo di pensiero senza essere crocefisso da chi la pensa diversamente.

    sarò impopolare ma bisogna essere coerenti.

  • # 8
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    A me Jobs non è mai stato simpatico, e questo lo dico da una vita.

    Ma è morto, e per giunta dopo un lunga e crudele malattia, peraltro dopo aver abbandonato la carica di CEO.

    Se Stallman voleva dire qualcosa sull’influenza “nefasta” di Jobs, avrebbe potuto farlo un mese e fa, quando s’era dimesso da CEO.

    Certamente non adesso, facendo sua una battuta che lascia il tempo che trova e portando avanti la sua misera battaglia ideologica liberticida in un momento in cui avrebbe fatto meglio a chiudere la bocca e portare un minimo di rispetto a chi se n’è andato prematuramente e aveva ancora molto da dare.

  • # 9
    Bhairava
     scrive: 

    Ragazzi invito tutti a studiare il caso psicologico di Stallman…che fra l’ altro ho avuto l’ “onore” di ascoltare dal vivo anni fa in una conferenza.
    Da qualche anno non ci sta più con la testa :) è diventato un religioso ultrafanatico fondamentalista, solo che al posto della religione ha messo l’ informatica.
    Non ho mai comprato un prodotto apple e mai lo farò, proprio perchè non sopporto la politica di chiusura della apple.
    Però Stallman è il tipo di persona che si scaglia contro TUTTO e TUTTI, e sopratutto è convinto di essere (lui e la sua filosofia) il bene incarnato, mentre tutti gli altri sono il MALE.
    E tanto vaneggia che è stato capace anche di fare questa dichiarazione assolutamente sgradevole, fuori luogo e delirante.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.