di  -  lunedì 30 agosto 2010

La quantità di dati che la maggior parte degli esperimenti di fisica delle particelle e di astrofisica devono gestire ed analizzare è immensa. Questo è ormai risaputo, infatti progetti come LHC hanno investito numerosissime risorse per lo sviluppo di nuovi metodi di utilizzo delle risorse computazionale (come ho già accenntato nel post sul progetto Grid) e nella collaborazioni con note aziende informatiche (come spiegato nell’interessantissimo articolo di A. Bordin su Hardware Upgrade). Oltre a costosissimi supercomputer e centri di calcolo, però, esiste anche un sistema più economico a cui la scienza può ricorrere per analizzare immense quantità di dati: BOINC, il calcolo distribuito.

Sono sicura che molti di voi conoscono l’argomento molto meglio di me, come dimostrato dall’attiva sezione di Hardware Upgrade su questo argomento. Vorrei però attrarre la vostra attenzione su un risultato particolare ottenuto proprio grazie a questo sistema: il 12 Agosto 2010 è stato pubblicato su Science il primo risultato ottenuto grazie al progetto Einstein@home: la scoperta della pulsar PSR J2007+2722 – una stella a neutroni che effettua 41 rotazioni attorno al proprio asse ogni secondo (pensate per confronto che la Terra fa un giro ogni 24 ore!). La pulsar è a circa 17mila anni luce di distanza da noi, nella costellazione Vulpecula.  Chris e Helen Colvin, provenienti dalla città Ames in Iowa e Daniel Gebhardt, dell’Università di Mainz, hanno elaborato sul proprio computer di casa i dati necessari per effettuare quest’importante scoperta.

Einstein@Home, con base al Center for Gravitation and Cosmology all’Università del Wisconsin, Milwaukee, e al Max Planck Institute for Gravitational Physics (Albert Einstein Institute, Hannover), è un progetto che permette a chiunque di donare parte della capacità computazionale del proprio PC per analizzare dati dell’esperimento LIGO: un interferomento molto simile a quello costruito a Cascina, vicino a Pisa, chiamato VIRGO. Entrambi gli osservatori si prefiggono di rivelare le “onde gravitazionali“, onde che la relavità generale di Einstein prevede vengano emesse durante esplosioni che coinvolgono grandi quantità di massa.

Da Marzo 2009, Einstein@home dedica circa un terzo del proprio potere computazionale per analizzare i dati ottenuti con un altro strumento, il radiotelescopio dell’Arecibo Observatory situato a Porto Rico, nei Caraibi, e gestito dall’Università di Cornwell. Questo radiotelescopio è il più grande e più sensibile al mondo, e osserva nella frequenza radio stelle chiamate “pulsars”. Quando una stella particolarmente massiva giunge alla fine del proprio ciclo vitale, ovvero quando l’energia generata dalla fusione nucleare che normalmente controbilancia la pressione gravitazionale, quest’ultima prende il sopravvendo, e la stella collassa su se stessa. Con l’aumentare della densità, i protoni e gli elettroni si combinano assieme per generare neutroni e, alla fine (quando la stella raggiunge un diametro di circa 20 chilometri) la sua intera massa, circa il doppio di quella del Sole, è composta esclusivamente da neutroni. Quando una stella a neutroni possiede un intensissimo campo magnetico, viene detta Pulsar. Infatti il campo magnetico intenso, unito all’elevatissima velocità di rotazione della stella, fa sì che gli elettroni liberi vicino alla superficie esterna della stella vengano accelerati ed emettano una radiazione fortemente polarizzata. Questa radiazione arriva a noi ad intervalli regolari, con degli impulsi scanditi dal periodo di rotazione della stella (da cui il nome Pulsar).

Il segnale emesso dalle Pulsars è particolamente caratteristico, ma anche molto debole, rendendo questi oggetti di difficilissima osservazione. Pulsars esterne alla nostra Galassia sono praticamente invisibili ai nostri strumenti. Inoltre, sebbene si sappia che la stragrande maggioranza delle stelle a neutroni faccia parte di un sistema binario composto da due stelle orbitanti l’una attorno all’altra, delle 1800 Pulsars osservate finora, solo una minoranza fanno parte di un sistema binario. Questo perché le interferenze generate dalla stella compagna rendono ancora più complicata l’osservazione.

Lo studio delle Pulsars è di grande importanza per la comprensione dell’Universo, perché potrebbe rappresentare la chiave per capire i meccanismi di accelerazione di particelle cariche presenti nella zona esterna di queste stelle, mettendo luce su fenomeni ancora non del tutto compresi, come i Gamma-Ray Bursts. Lo studio della formazione delle stelle a neutroni, inoltre, così come il loro comportamento quando accompagnate da una stella a neutroni compagna o addirittura da un buco nero, può aiutarci a comprendere l’emissione di onde gravitazionali, la chiave di volta per la dimostrazione della relatività generale e della natura stessa del nostro Universo.

Chiunque può dare il proprio contributo, mettendo a disposizione il proprio computer partecipando al progetto Einstein@home, come spiegato nella pagina ufficiale.


8 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    asdo
     scrive: 

    per un attimo ho pensato alla verifica sperimentale delle onde gravitazionali :)

    PS la formattazione è tutta “pasticciata”

  • # 2
    The Solutor
     scrive: 

    però, esiste anche un sistema più economico a cui la scienza può ricorrere per analizzare immense quantità di dati: BOINC, il calcolo distribuito.

    Il calcolo distribuito è tutt’altro che un sistema economico, è solo un sistema dove la spesa viene diluita.

    Considerando 1000000 di PC impegnati, e considerando, a grandi linee, un consumo doppio (un paio di centinaia di Watt, al posto di 100) abbiamo cento Megawatt di potenza impegnata.

    Considerando un costo di 20 centesimi al Kwh, se ne deduce che la spesa complessiva è di circa 20000 euro l’ora, 480000 euro al giorno, nell’esempio considerato.

    Indolore si, economico no, anche tenendo conto del fatto che altrove l’energia possa costare un po’ meno..

  • # 3
    Pleg
     scrive: 

    @ The Solutor

    Beh e’ economico per chi fa ricerca, perche’ non pagano loro il conto :) lo paga chi sta a casa e contribuisce :)

  • # 4
    Caterpillar
     scrive: 

    Giorni fa hanno scoperto una stella Pulsar con il progetto Einstein@home.
    Date un’occhiata all’ottimo sito http://www.boincitaly.org

  • # 5
    Eleonora Presani (Autore del post)
     scrive: 

    Giorni fa hanno scoperto una stella Pulsar con il progetto Einstein@home. Date un’occhiata all’ottimo sito http://www.boincitaly.org

    O_o

  • # 6
    paolot
     scrive: 

    Caterpillar, vedi che è scritto nell’articolo!!!!

    a Eleonora Presani.
    Questa frase dovrebbe essere incompleta:
    “Quando una stella particolarmente massiva giunge alla fine del proprio ciclo vitale, ovvero quando l’energia generata dalla fusione nucleare che normalmente controbilancia la pressione gravitazionale, quest’ultima prende il sopravvendo, e la stella collassa su se stessa.”

    Si dovrebbe aggiungere un verbo, secondo me:
    “Quando una stella particolarmente massiva giunge alla fine del proprio ciclo vitale, ovvero quando cessa l’energia generata dalla fusione nucleare che normalmente controbilancia la pressione gravitazionale, quest’ultima prende il sopravvento, e la stella collassa su se stessa.”

  • # 7
    The Solutor
     scrive: 

    Date un’occhiata all’ottimo sito http://www.boincitaly.org

    Certo che tu “occhiata” la intendi proprio in senso letterale !!! :-)))

  • # 8
    dargor17
     scrive: 

    Avrei una curiosità sulle stelle di neutroni: ma il campo magnetico così forte a cosa è dovuto? È un allineamento collettivo di tutti gli spin, un qualche effetto dinamico o altro?
    Dalle mie parti quando se ne parla si discute solo di equazione di stato, superfluidità e iperoni…

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.