di  -  sabato 6 ottobre 2007

Il titolo di questo post non introduce una visione della medicina futuribile o un progetto pilota sperimentale. Un giovane medico newyorchese, il Dr. Jay Parkinson per essere precisi, ha già aperto uno studio in cui nessuno dei suoi pazienti entrerà mai.

Negli Stati Uniti l’assistenza sanitaria statale è praticamente inesistente e una buona assicurazione non è alla portata di tutti. Il quartiere di Brooklyn è pieno di giovani artisti, ovvero liberi professionisti squattrinati, che raramente possono permettersi di coprire le spese per un’assicurazione sanitaria decente.
Il Dr. Parkinson avrebbe elaborato un nuovo metodo di approccio con i suoi pazienti che permette un rapporto diretto e continuativo tra le due figure, potendo controllare spesso e velocemente l’evoluzione clinica dei suoi clienti.

via | wired

Per accedere ai servizi offerti si deve sborsare una quota annua di $500, che comprendono una iniziale e completa visita a domicilio e tutte le consultazioni che si vogliono via chat e email, nei giorni lavorativi dalle 8 alle 17. Le visite “virtuali” possono essere facilitate dall’utilizzo di webcam e fotocamere dei pazienti, guidati dalle parole del medico naturalmente. Sono possibili oltre alla prima altre due visite domiciliari nell’arco dell’anno, le eventuali successive sono a pagamento.

L’equipaggiamento tecnologico del medico è di tutto rispetto. Tanto per cominciare il sito è ben fatto, immediato nella comprensione e gradevole da guardare, in una parola professionale. Nel suo MacBook sono installati tutti gli IM più famosi per essere raggiungibile da chiunque e quando non è nel suo studio è raggiungibile telefonicamente sul suo iPhone.
Il vero cuore di tutta l’organizzazione lavorativa però è Life Record, una tecnologia che si compone di software da installare localmente e alcuni servizi web. Le cartelle cliniche vengono memorizzate e gestite principalmente dal laptop, e possono comprendere ad esempio referti medici, lastre e filmati di ecografie. Tutte le informazioni dei pazienti vengono salvate in un servizio online realizzato dalla stessa Life Records ai propri clienti, che previa autenticazione, permette di consultare tutti i quadri clinici dei pazienti via web ovunque, anche tramite iPhone. Il seguente è un video dimostrativo proprio su un iPhone.

4 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.