di  -  lunedì 10 marzo 2008

moscaSecondo un articoli apparso la settimana scorsa sul Daily Mail, gli insetti diventeranno presto delle vere e proprie spie con micro camere, radio comandi e microfoni. Sempre la scorsa settimana il New Scientist riporta: “La prossima volta che una mosca si appoggia sulla tua finestra, stai attento a quello che dici”.

Attenzione, gli insetti possono sembrare degli innocenti visitatori, irrestibilmente attratti dalla luce della vostra stanza ma, sotto sotto, potrebbero celare una sofisticata microtecnologia elettronica che li renderebbero delle vere e proprie spie; una nuova generazione di insetti cyborg con circuiti impiantati nel loro sistema nervoso per poter essere controllati a distanza.

Questi animaletti meccanizzati, presentano molti vantaggi se paragonati ai robots di tipo classico in quanto rappresentano una combinazione tra tecnologia e natura. Per esempio, se pensiamo anche ad animali di dimensioni maggiori come squali o topi: questi hanno un senso dell’olfatto estremamente sviluppato che potenzialmente può essere controllato in remoto.

Il più grande investitore in questo campo è, ovviamente l’esercito americano che finanzia un gran numero di progetti di ricerca, che vanno dai topi telecomandati agli scarafaggi bionici. Addestrati a riconoscere odori particolari, come quello dei corpi umani o degli esplosivi, i movimenti di ratti cyborg in una determinata situazione “tipo” viene controllato da degli elettrodi inseriti direttamente nel loro cervello.

Inoltre, una micro camera-zaino trasmette immagini della loro missione direttamente alla postazione di controllo. Il governo israeliano vorrebbe utilizzarli al più presto per la ricerca di sopravvissuti in eventuali attentati terroristici.

topi spy

 

L’esercito americano, ha comunque da poco interrotto lo studio sui ratti per dedicarsi ad altre creature. Perchè? I ratti sono sì animali di piccole dimensioni, ma non passano del tutto inosservati. Per questo l’ U.S. Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), ha deciso di focalizzare l’attenzione ed i finanziamenti su progetti con insetti come mosche e scarafaggi.

Per rendere gli insetti spia completamente identici a quelli naturali, piccolissime sonde vengono inserite nel loro cervello già durante le prime fasi di vita dell’animale, con l’idea che impianti ultra-leggeri verranno naturalmente integrati nel corpo durante la crescita. La ricerca del DARPA ha anche creato con successo piccioni e squali telecomandati pronti ad entrare in azione.

Il New Scientist conclude: “Se il gruppo di ricerca continuerà ad operare a questo ritmo, la famosa mosca appoggiata muro diventerà molto presto una spia”.

11 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Rubberick
     scrive: 

    Madonna… ma cioe’ che fanno tarokkano proprio degli insetti alla nascita non sono robottini ma misti tra essere vivente e tecnologia? O_o’

  • # 2
    stefano odorico (Autore del post)
     scrive: 

    Esattamente! Dei veri e propri Cyborg costituiti da un insieme di organi artificiali e organi biologici.

  • # 3
    BrightSoul
     scrive: 

    Ho capito bene? Con la tecnologia si può già leggere/scrivere sul sistema nervoso di un essere vivente?

  • # 4
    andrea
     scrive: 

    No, probabilmente mollano delle determina scariche elettriche in determinate zone del cervello o muscoli. Si parla di manipolare i sensi, non di controllare.

  • # 5
    stefano odorico (Autore del post)
     scrive: 

    I movimenti dell’animale vengono controllati e forzati attraverso degli elettrodi (impulsi elettrici), come scritto nell’articolo.

  • # 6
    Tudhalyas
     scrive: 

    Trovo tutto questo semplicemente agghiacciante… anche nel caso in cui questi animali-cyborg vengano utilizzati per salvare vite umane. Qua non parliamo più di arti sostitutivi per persone che li hanno persi, ma si parla proprio di creazione di esseri viventi telecomandati!

    Sono davvero senza parole…

  • # 7
    Malebolgia
     scrive: 

    E così si continua a incentivare la sperimentazione e la tortura sugli animali, a fini bellici/spionistici oltretutto.
    Purtroppo quando si tratta di centri di ricerca di stampo militare non ci sono ong o petizioni che tengano, possono fare sempre tutto quello che vogliono in gran segreto…

  • # 8
    Guada
     scrive: 

    Ecco, mancava il commento animalista…
    Senza sperimentazione non si va da nessuna parte…

    Veramente notevole cosa si può fare al giorno d’oggi… Spero che la cosa avanzi e che approdi anche sugli umani, dove appunto poter ricostruire artificialmente organi o arti. O arrivare ai livelli di GHOST IN THE SHELL…

  • # 9
    BrightSoul
     scrive: 

    Condivido il commento animalista, tuttavia la sperimentazione è necessaria fino al giorno in cui non verranno ideate delle alternative eticamente corrette. Vedi la blog entry dell’altro giorno circa la sperimentazione sulle cellule o, in questo caso, la futura realizzazione di animali completamente meccanici, muniti di olfatto artificale.

    @stefano odorico
    A proposito di olfatto, l’articolo dice: “questi hanno un senso dell’olfatto estremamente sviluppato che potenzialmente può essere controllato in remoto.”

    Come si fa a controllarlo da remoto? Cioè gli elettrodi che sono stati impiantati al topo riescono a recepire cosa sta annusando??

  • # 10
    stefano odorico (Autore del post)
     scrive: 

    potenzialmente…perchè la ricerca è ancor ain fase di sviluppo. L’idea è comunque quella di poter indirizzare l’animale verso determinati target prestabiliti, tramite input olfattivi. Ricerca di determinati odori…

  • # 11
    Franco ex Euromob sim
     scrive: 

    A proposito di criminali,e per lo piu’ di tipo assassino, ma “in cravatta e white collar”, googlate questo: “ nazista assassino Marco Brotto di Centrosim”. Costui negli anni 90 lavorava in Banca Imi. Era uno dei maggiori players di dividend washing in Italia, ossia attivita’ atta a far usufruire di crediti fiscali, il soggetto che prima dello stacco di un dividendo in Borsa, compri e mantenga, “over lo stacco stesso”, delle azioni. E’ una operazione che di solito arricchisce tutti e non solo chi di questi crediti fiscali usufruisce, incluso anche qualche politico che in cambio di cio’, non fa’ fare nessuna legge per stoppare il tutto a riguardo ( si bisbiglia di Raffaele Fitto della ex “Maf..orza Italia” ora “Pdml Popolo dei mafiosi in liberta’”). Anyway, e’ operazione legale, molto cara a massoni, rotariani, lionsoni and so on. E’ infatti protetta e tenuta legale da qs padroni del mondo appena citati, e quindi non mi soffermo su tutto cio’ oltre, incluso sull’eventuale moralita’ o amoralita’ dell’operazione stessa. Esiste dagli anni 70, quindi…. Non e’ legale pero’ che l’operatore che la faccia, ci mangi sopra rubando alla propria banca, che gia’ gli paga fior fior di stipendio, e si faccia pagare in nero, se non in “Nerone” ( parlando qui, infatti, di un operatore filomafioso e nazistissimo), come nel caso di questo assassino fascio razzista Marco Brotto di Centrosim ( perche’ pure assassino presto lo spieghero’), non per niente da tutti nickata “ Centronazistsim”, di cui vorrei far sapere a chi piu’ possibile. Tantissime infatti ( piu’ di tre milioni di euro) furono le stecche che egli si fece pagare in Svizzera e a Montecarlo a cavallo tra I due millenni ( 1999/2005), per le operazioni sopracitate. Ove egli specialmente si faceva tangentare, era presso il Credit Suisse di Zurigo, ex filiale di Bahnofstrasse, presto in rete ci saran pure le prove di tutto cio’. Passiamo, comunque oltre, ora. Chiunque in Borsa, a Milano, o in qualsiasi altro tipo di lavoro, notoriamente, in Italia, cerca di arrotondare, e quindi, anche qui non mi vorro’ soffermare troppo. Uno direbbe: e allora che vuoi dire con tutto questo? Che i citati piu’ di tre milioni di euro, che questo suin..azista killer corrottissimo Marco Brotto di CentroPinochettianiassassinisim, ha rubato a Banca Imi, a furia ” di arrotondare” presso il citato Credit Suisse di Bahnofstrasse a Zurigo e per cui Imi stessa lo ha cacciato ( solo grazie ai mafiosi nazifasci di Berlusconi, ora, egli e’, difatti, ancora “nel giro”, presso la citata Centrosim, di nuovo, non per niente, spesso nickata, “nell’ambiente”, Centromafiosinazistisim), li sta’ usando per finanziare spaccio di pastiglie killer di ecstasy, cocaina, e specialmente, organizzazioni neonazi gia’ citate. Egli, infatti, di giorno fa’ il trader in Borsa ( scadentissimo, perde sempre soldi, ma essendo egli del giro fascio puzzone di Berlusconi, si tappano occhi, naso e lo tengono) con la citata Centropiduistikillersim, e di notte prende spranghe, e previa sniffata di coca ( che pure spaccia, come dicevo) va’ in giro con altri killer come lui per la bergamasca, bresciana e milanese ( abita a meta’ strada, tra queste citta;. infatti, a Treviglio in via Casnida 24, tel 0363.45184) e spranga senza tetto, o chiunque in situazione di estrema fragilita’. Da vero bastardo spietato nazista ” forte con gli ultimi, debole coi mafiosi e fasci” tipico Berlusconiano codardo assatanato vile. Mi disse un giorno che in passato, ne ammazzo’ pure uno di senza tetto, di notte, strangolandolo. Prima di farlo noto’ che non vi erano telecamere nella zona e cosi’ che la avrebbe fatta franca. Aggiunse che il tutto fu fatto passare come classica morte da congelamento e “ si auto aggiusto’”. Da li mi fece ribrezzo e non gli volli parlare mai piu’. Ma non basta. La mia coscienza mi urla di far sapere di questo killer in circolazione al mondo, onde evitare che qualcun’altro emarginato…Sul blog di Paolo Liguori si nicka come anatas, ossia satana al contrario ( che stra schifo), altrove come Marco B, altrove ancora come Tatuccio, e scrive: “scanniamo quello, ammazziamo quell’altro, spariamo a quell’altro, perche’ son tutti non Berlusconiani e quindi da ammazzare”. E’ un killer, un ladro, un nazista, una schifosa feccia fascista, una spia ( finge spesso di essere anti Berlusconiano per fottere gli altri bloggers e cercare di infiltrarli; infatti qs pig nazista e’ iscritto agli amici di Beppe Grillo, ma solo per fare da “nemico” di Beppe Grillo stesso; lavora egli infatti per il suin..azista eversivo falsone complottardo antidemocraticissimo Giuliano Ferrara e suoi neo Pio Pompinari e non di meno per la attuale filofascistissima Cia), un traditore cesso, e il pianeta intero, per quel che mi riguarda, lo dovra’ sapere, affinche’, come dicevo, dopo che egli gia’ ammazzo’ un povero senza fissa dimora ( facile eee, schifoso putrido Marco Brotto di Centrondranghetasim) due anni fa’, il tutto non si ripeta. L’omerta’ rende questi mafiosi fascisti, quindi maf..ascisti, ancora piu’ cattivi, potenti e prepotenti, l’antomerta’ meno, da qui il mio volerne citare. A presto le prove dei suoi conti all’estero, il tempo che un mio amico svizzero di intelligence privata me li mandi, dopo esserseli fatti passare da qualche suo contatto in Credit Suisse stessa.
    Ps 1 Come dicevo, lavorava, e tutt’ora lavora,, come neo Pio Pompina.o per il suin..azista puzzone ladronelardone Giuliano Giulianazi Ferrara, come prima anche per Giuliano Tavaroli, Emanule Cipriani, Gaetano Saya, Riccardo Sindoca, Marco Mancini, Roberto “corrotto in maniera” Speciale, Mario Scaramella e iamm bell….Giusto per far capire che puzzone escremento lercio e’: “ ti sorride davanti e ti accoltella da di dietro, specie se sei un senza tetto, fragile o ultimo”, come riportavo. Diarrea codarda, nazindranghetara Marco Brotto di Centronazistsim, le tue trame, da adesso in poi, avranno fuoco e fiamme davanti a te, per quel che mi riguardera’.
    Ps 2 Ricicla soldi della Mafia del Brenta, ma anche della Camorra, in proprio, come attraverso una societa’ satellite della Centrofascistsim citata stessa, la Bpi securities di Londra degli altrettanto nazifascistissimi Marcello Comolli e David Head, legati a doppio filo con l’ex agente di cambio Carlo Pastorino il cui impero a inizii anni 90 crollo’ proprio dopo che il suo nome fu rintracciato in una lista di massoni enormi riciclatori di danaro mafioso. Era, il tutto pure in internet, sotto “ mafia e massoneria l’elenco della vergogna”: lista messa a disposizione dal’ottimo Mario Guarino, ma poi, il maf…ascista criminalissimo Silvio Berlusconi, ovviamente, fece sparire tutto.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.