microsoft
venerdì 22 maggio 2015 - 8 Commenti
Xbox History

La Xbox è la game console che si contende, ad ogni nuova generazione, la palma di “regina” dell’intrattenimento domestico, sfidando (attualmente) la PlayStation di Sony e la Wii di Nintendo.  In questo appuntamento andremo a ripercorre l’evoluzione (breve) della console di Microsoft, sempre più centrale nel piano di espansione nel mercato home-entertainment della società.
Le origini
Le prime indicazioni di una console targata Microsoft, risalgono al 1998, quando Bill Gates dà il benestare a Kevin Bachus, Seamus Blackley, Otto Berkes, e Ted Hase per creare il primo Team dedicato alla futura Xbox.

Kevin …

venerdì 20 marzo 2015 - 2 Commenti
40anni fa nasceva l’Homebrew Computer Club

Esattamente 40anni fa (il 5 marzo del 1975) in un garage a Menlo Park, nella Bay Area di San Francisco, si teneva la prima riunione di un gruppo di giovani hacker appassionati di elettronica: nasceva l’Homebrew Computer Club.

Alla riunione, coordinata da Fred Moore e Gordon French, partecipano circa 30 persone, e l’eco che ne deriva è talmente ampio da creare un vero e proprio movimento di diverse centinaia di appassionati.
Lo spirito del club è incentrato su un’idea che, all’epoca, molti ritenevano assurda: ogni persona deve possedere in casa propria un …

venerdì 6 febbraio 2015 - 16 Commenti
Windows Phone, le origini che non ti aspetti

Nel 2006, sulla scia del mercato fatto grande da Apple con l’iPod, Microsoft lancia il proprio riproduttore musicale (multimediale) denominato Zune.
 

Microsoft Zune
Si tratta di un dispositivo in linea con il mercato di riferimento, ma perfezionabile tecnologicamente e debole come marchio per competere non solo con Cupertino, ma anche con le decine di soluzioni alternative. Infatti, il riproduttore multimediale della società di Gates non riesce a distinguersi, conquistando poco più del 2% del mercato (esclusivamente d’oltreoceano) prima di essere completamente dismesso nel 2011 dopo l’introduzione di Zune HD. Anche l’avventura nel …

martedì 28 ottobre 2014 - 8 Commenti
“1977-1987 – Quando il Computer divenne Personal”, un’opera tutta da scoprire

E’ sempre difficile riassumere in poche righe quello che un libro vuole raccontare, essendo l’essenza del suo contenuto legata all’autore, al suo contesto e al tempo di riferimento.
Lo è ancora di più quando un’opera conta più co-autori che, spinti dalla propria passione, decidono di dedicare tempo ed energie per condensare in uno spazio limitato, anni di dedizione e notti insonne passate alla riscoperta di eventi e fatti che vengono dati per scontati ma che tali spesso non sono, presentando aneddoti ed eventi che hanno contribuito a cambiare totalmente il mondo …

venerdì 26 settembre 2014 - 1 Commento
Nelsonic Game Watches

Da poche settimane Apple ha ufficialmente presentato il proprio “Watch”, ovvero la sua interpretazione di orologio 2.0, dando un’ulteriore accelerata alla diffusione dei dispositivi wearable.
Come abbiamo avuto modo di evidenziare anche nel precedente articolo Timex Data Link, gli albori dell’iWatch, però, già l’ultimo ventennio del secolo scorso ha visto la comparsa di diverse interpretazioni di orologi da polso “hi-tech”.
In particolare, negli anni ’80, la Nelsonic lancia i Nelsonic Game Watches su licenza diretta di big come Sega, Nintendo e Midway Games. Inoltre la società stringe accordi interessanti anche con il …

venerdì 12 settembre 2014 - 2 Commenti
L’ultimo saluto ad Andrew Kay

Andrew Kay, fondatore di Kaypro Corp., si è spento il 28 agosto alla venerabile età di 95 anni.

Andrew Kay e un vecchio Kaypro II (2005)
Figlio di immigrati Russi, Kay cresce in New Jersey, si laurea in ingegneria al MIT nel 1940 e si trasferisce prima in California, per lavorare presso il Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, e poi nella contea di San Diego presso la Bill Jack Scientific Engineering.
Nel 1952 inventa il voltmetro digitale e, l’anno successivo, fonda la Non-Linear System (NLS) con l’obiettivo di creare dispositivi elettronici consumer basati …

venerdì 29 agosto 2014 - 12 Commenti
Il brand “Internet Explorer” potrebbe non spegnere le 20 candeline?

Il 16 Agosto del 1995, Microsoft annuncia e presenta Internet Explorer 1.0. La casa di Redmond è in netto ritardo sulla “strategia internet”, inizialmente sottovalutata dallo stesso Bill Gates e cavallo di battaglia dell’allora leader del settore Netscape.
Nessuna meraviglia quindi che, per recuperare il terreno perso e sopperire alla mancanza di esperienza relativa, Microsoft decida di acquistare da Spyglass le licenze di utilizzo di Mosaic, il primo browser realmente degno di essere chiamato tale.
Mosaic, sviluppato all’interno dell’NCSA dell’Università dell’Illinois, è anche alla base di Netscape, essendo stato sviluppato dallo stesso …

venerdì 9 maggio 2014 - Commenta
101 – Bliss wallpaper history

Con il pensionamento di Windows XP, Microsoft saluta ufficialmente il suo sistema operativo più longevo e di maggior successo di sempre.
E se gli utenti devono abituarsi all’idea di abbracciare nuove soluzioni, made in Redmond o meno, cominciano ad emergere alcune curiosità e alcune chicche proprio relativamente a “eXPerience”.
Tra queste troviamo il wallpaper “Bliss” (estasi), ovvero la foto della collina ricoperta completamente di verde sotto uno splendido cielo azzurro caratterizzante ogni nuova installazione del sistema operativo che ha unificato la serie 9x con quella NT, a favore di quest’ultima.

Biss
A svelare come …

venerdì 11 aprile 2014 - 6 Commenti
Microsoft rilascia i codici sorgenti dell’MS-DOS e di Word per Windows

Qualche anno fa era assolutamente impensabile: Microsoft che rende pubblico il suo tesoro più prezioso, i codici sorgenti dei propri programmi. Ma ormai la musica è cambiata e la “nuova” Microsoft, ormai non più una “software house” ma una “servizi & device company”, è molto diversa da quella guidata da Bill Gates, soprattutto negli anni ’80.
E’ vero, comunque, che si tratta dei sorgenti dell’MS-DOS 1.1 e di Word per Windows 1.1a, che hanno un esclusivo fascino “storico” e di studio, non avendo alcun utilizzo pratico possibile, tant’è che la divulgazione …

sabato 22 marzo 2014 - 4 Commenti
Bit Pop Revolution, uno sguardo alla rivoluzione digitale

Di tanto in tanto è piacevole segnalarvi dei libri che ripercorrono la storia informatica in generale o approfondiscono alcuni passaggi fondamentali che hanno contribuito alla “rivoluzione digitale”.
In questo scenario non potevamo mancare di segnalarvi Bit Pop Revolution, scritto a 4 mani da Cecilia Botta, responsabile dei progetti culturali per BasicNet S.p.A. e del nascente Museo dell’informatica di Torino, e Tomaso Walliser, autore e produttore televisivo nonché fondatore della la casa di produzione Junk Food.

Il testo racconta lo spaccato della rivoluzione digitale che, idealmente, parte dalla guerra fredda fino ai primi …