Il Gatto di Schroedinger
mercoledì 24 agosto 2011 - 26 Commenti
Scoperta una cintura di antimateria attorno alla Terra

In questo blog abbiamo parlato più volte di antimateria, chiedendoci se è ancora presente nell’Universo, e come si può fare per rivelarla. Abbiamo anche visto come si può crearla in laboratorio, a fronte di molto tempo e fatica. Oggi parleremo di una recente scoperta fatta da un esperimento di grande preponderanza italiana, il satellite PAMELA, acronimo di “a Payload for Antimatter Exploration and Light-nuclei Astrophysics”.
PAMELA è un rivelatore abbastanza simile all’esperimento AMS-02, di cui abbiamo già parlando, ma leggermente più piccolo e con dei sottosistemi in meno. È stato lanciato …

giovedì 28 luglio 2011 - 11 Commenti
Come il nuovo radio telescopio può aiutare l’Africa

Il nuovo radiotelescopio SKA (Squared Kilometre Array), è un progetto internazionale, che coinvolge 67 organizzazioni in 20 diverse nazioni, tra cui l’Australia, la Cina, l’Italia, la Francia, la Gran Bretagna, i Paesi Bassi, la Nuova Zelanda, la Germania e il Sud Africa. Il progetto è veramente ambizioso: coprire migliaia di metri quadrati di superficie con
radio-antenne per osservare l’Universo nei suoi aspetti più nascosti. Per coprire una fetta consistente di cielo, il radiotelescopio dovrà estendersi in una considerevole superficie. Due possibili luoghi sono attualmente presi in considerazione: l’Australia e il Sud …

lunedì 25 luglio 2011 - 2 Commenti
J-Parc, l’acceleratore giapponese, si riprende dal terremoto

Ultimamente abbiamo parlato di una scoperta che, se confermata, potrebbe rivelarsi una delle scoperte più importanti di questi anni. Si tratta della misura di un parametro molto importante, l’angolo θ13 che , assieme ad altri due angoli, descrive l’oscillazione dei neutrini, ovvero il fenomeno per cui un neutrino di un certo “sapore”, dopo aver viaggiato per una determinata distanza, può cambiare questo sapore. Per esempio, in questo caso, un neutrino di tipo muonico, diventa un neutrino elettronico.
L’esperimento che ha effettuato questa misura si chiama T2K, Tokai To Kamioka. Il nome …

lunedì 18 luglio 2011 - 34 Commenti
Possiamo “googleare” nella nostra mente?

Avrete sicuramente sentito, negli ultimi giorni, del lavoro pubblicato recentemente sulla rivista Science, in cui i ricercatori Betsy Sparrow, J Liu e D. M. Wegner hanno raccontato come Google, e internet in generale, abbia modificato i processi della nostra memoria, facendo si che ci ricordiamo di meno di quanto facessimo prima dell’avvento dei motori di ricerca.
Questa notizia è volata in giro per la rete come ben pochi altri articoli su Science fanno. La sensazione è che è stata accolta con un misto tra scetticismo e paura, sentendosi un po’ in …

lunedì 11 luglio 2011 - 37 Commenti
Dopo lo Space Shuttle, c’è futuro per l’uomo nello spazio?

Venerdì scorso è decollato per l’ultima volta lo Space Shuttle Atlantis. Questo lancio è decisamente importante, poiché pone la parola fine sull’intero progetto Space Shuttle, durato 30 anni esatti. Il programma Space Shuttle, o STS (Space Transportation System), rappresenta uno tra i più importanti traguardi per la colonizzazione umana nello spazio. Grazie allo Shuttle l’uomo ha imparato a sopravvivere per periodi di tempo estesi in orbita bassa attorno alla Terra. La Stazione Spaziale Internazionale (ISS) rappresenta in un certo senso il coronamento di questo traguardo, poiché dimostra come sia possibile …

martedì 5 luglio 2011 - 23 Commenti
Primi passi verso l’astrofotografia

Pubblichiamo di seguito un guest post di Roberto Capacci, autore di bellissime fotografie astronomiche. Ci spiegherà in una serie di post le tecniche e la strumentazione da utilizzare per diventare esperti astrofotografi!
Quasi tutti abbiamo, almeno una volta, alzato gli occhi al cielo in una buia notte estiva, scrutato le stelle e seguito con lo sguardo la Via Lattea attraversare il firmamento.
È uno spettacolo, purtroppo, sempre più raro a causa del crescente inquinamento luminoso. Non stupisce quindi che si cerchi di serbare oltre il ricordo di quella visione anche qualcosa di …

lunedì 27 giugno 2011 - 17 Commenti
La chiave di volta della fisica moderna

Quelli di voi che seguono da tempo questa rubrica, sono certamente ormai esperti sulle peculiari particelle chiamate neutrini, e del loro ruolo nel Modello Stardard. Per gli altri, facciamo un brevissimo riassunto.
I neutrini sono particelle leggerissime, con massa quasi nulla (quasi, però!), privi di carica elettrica e soggetti solo e soltanto alla “forza debole”, ovvero la forza responsabile del decadimento nucleare. Per esempio, pensiamo al neutrone, la particella neutra che, assieme al protone, compone il nucleo atomico. Il neutrone non è una una particella stabile ma, se lasciato libero fuori …

martedì 21 giugno 2011 - 9 Commenti
Traguardo dell’LHC nel 2011

Uno dei parametri più importanti per un acceleratore di particelle, se non il più importante, è la così detta “luminosità”. La luminosità di un acceleratore rappresenta fondamentalmente il numero di collisioni al secondo che si riescono a produrre. Di conseguenza, la luminosità integrata in un certo lasso di tempo è il numero totale di collisioni avvenute in quel periodo.
Il 17 Giugno 2011, alle 10:50 di mattina, i due esperimenti principali dell’acceleratore LHC (Atlas e CMS), al CERN, hanno raggiunto un valore di luminosità integrata totale di 1 femtobar inverso. Sebbene …

martedì 14 giugno 2011 - 20 Commenti
Neutrini, nuovi messaggeri dell’Universo

Avrete forse notato che nelle ultime settimane non è apparso nessun post per la rubrica “Gatto di Shroedinger”. La ragione della mia assenza è stata che sono ritornata momentaneamente ad Amsterdam per la discussione del mio dottorato, che ora è ufficialmente concluso e disponibile per il download in pdf a questo indirizzo. Mi sembra quindi giusto raccontarvi un po’ quello che ho fatto in questi ultimi quattro anni.
Storicamente l’uomo è sempre stato portato a ricercare spiegazioni sulla propria esistenza e sul mondo che ci circonda osservando il cielo. Ne abbiamo …

lunedì 23 maggio 2011 - 45 Commenti
Dov’è l’antimateria?

La settimana scorsa abbiamo assistito in diretta al lancio dello Shuttle che ha portato il rivelatore di particelle AMS-02 a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, ISS. Il processo di ancoraggio è avvenuto poche decine di ore dopo, ed è durato un paio d’ore. È però possibile vederlo in questa registrazione, accelerata per durare solo qualche minuto: 

Ma cosa farà l’esperimento Alpha Magnetic Spectrometer, AMS-02?
Secondo la visione standard del Big Bang, quando l’Universo è nato era composto in egual quantità di materia e antimateria. Fondamentalmente, non esiste nessuna ragione per cui …