Il Gatto di Schroedinger
lunedì 3 maggio 2010 - 19 Commenti
Acqua dallo spazio: l’origine degli oceani?

Dopo la scoperta che ho illustrato la settimana scorsa, riguardante alcuni pianeti extrasolari orbitanti in senso inverso rispetto a quello che ci si dovrebbe aspettare, nuove osservazioni portano altri importantissimi inidizi che aiutano gli scienziati a ricostruire la storia del Sistema Solare. Il 29 Aprile è apparso sulla rivista Nature un articolo sorprendente: due gruppi indipendenti hanno scoperto in contemporanea la presenza di acqua e composti organici sulla superficie di uno dei più grandi asteroidi presenti nella Fascia Principale degli asteroidi, che si estenza nella zona tra i pianeti Marte …

lunedì 26 aprile 2010 - 31 Commenti
Nuovi pianeti “al contrario”:nuove teoria all’origine del Sistema Solare e della vita sulla Terra

Il meccanismo di formazione del sistema solare è stato studiato da secoli, i primi a proporre la spiegazione “nebulare” sono stati addirittura Immanuel Kant e Perre-Simon Laplace. Seppure con le dovute modifiche, necessarie a spiegare i dettagli che osserviamo nel Sistema Solare, questa teoria rimane ancora la più accreditata.

lunedì 19 aprile 2010 - 25 Commenti
Le ceneri Eyjafjallajokull, conseguenze dell’eruzione del vulcano islandese

Eyjafjallajökull è un piccolo ghiacciaio situato in Islanda che nasconde un vulcano di 1666 m di altezza e considerato particolarmente attivo dall’Era Glaciale ai giorni nostri.
Ci sono state almeno 3 eruzioni molto potenti nella storia di questo vulcano. Una nel 920 d.C., una nel 1612 e una molto lunga dal 1821 al 1823. Ciascuna di queste eruzioni è stata seguita dall’eruzione del “fratello maggiore” Katla, un vulcano ancora più grande situato nelle vicinanze dell’Eyjafjallajökull.
Quest’anno stiamo assistendo a una nuova serie di eruzioni. La prima è avvenuta alla fine di …

lunedì 12 aprile 2010 - 228 Commenti
Omeopatia: la cura dell’acqua

Molto spesso quando parlo con chi si appoggia all’ omeopatia noto come confondano questo tipo di cura con l’ erbalismo. È invece estremamente importante comprenderne le differenze. Che princípi attivi estratti dalle piante siano spessissimo molto efficaci per la cura dell’uomo è un fatto noto da sempre: moltissime medicine di uso comune derivano da principi ottenuti dalle piante. Spesso sono ancora oggi estratti dalle piante, a volte invece, per ridurre i costi, vengono riprodotti chimicamente, ma ispirandosi alle molecole presenti in natura.
L’omeopatia, invece, non ha nulla a che fare con …

martedì 6 aprile 2010 - 42 Commenti
Una consolazione scientifica dopo i banchetti pasquali

Superato il Lunedì di Pasqua molti di voi, come me, si staranno riprendendo dalle abbuffate dei giorni scorsi.
Ebbene, ho deciso di dedicare questo post a consolarvi ed incoraggiarvi a continuare, perché cucinare e mangiare piatti elaborati potrebbe essere il segno distintivo che rende gli esseri umani diversi dai loro antenati primati.
Per lo meno questo è ciò che pensa Richard Wrangham nel suo libro “Catching Fire. How Cooking made us human“.
Che le abitudini alimentari abbiano influenzato notevolmente l’evoluzione della nostra specie è un dato di fatto. L’introduzione della carne nell’alimentazione, per …

lunedì 29 marzo 2010 - 15 Commenti
Anche oggetti macroscopici possono essere sovrapposizioni di stati quantici

Nel corso di questa rubrica abbiamo spesso citato la famosa storiella del Gatto di Shroedinger, ultimamente quando ho raccontato la misteriosa scomparsa di Majorana, e l’interessante teoria secondo cui Ettore poteva essere considerato vivo e morto allo stesso tempo, come il gatto.
Il concetto si basa su uno dei principi più difficili da accettare e da comprendere della Meccanica Quantistica, ovvero la sovrapposizione di stati.
L’idea è che se prendiamo per esempio una scatola, e ci mettiamo all’interno un certo numero di particelle, queste avranno una determinata probabilità di distribuirsi secondo una …

lunedì 22 marzo 2010 - 22 Commenti
Creato il più pesante nucleo di antimateria

Mentre in Europa il Large Hadron Collider continua imperterrito ad aumentare l’energia delle collisioni al suo interno, raggiungendo il record di 7 TeV nel centro di massa, ovvero sparando tra di loro due protoni di 3.5 TeV ciascuno (TeV= tera electron volt), dall’altra parte dell’oceano i collider esistenti si stanno dando da fare per produrre più risultati possibili finché sono ancora in tempo, finché l’LHC non li supererà in energia e potenza.
Se la stanno cavando piuttosto bene a dire la verità.
In particolare due acceleratori hanno fatto fuoco e fiamme negli …

lunedì 15 marzo 2010 - 16 Commenti
Studiare il centro della Terra con i neutrini: i primi risultati del Laboratorio del Gran Sasso

Per comprendere pienamente come funziona qualcosa bisogna guardarci dentro. Questo lo si capisce fin da quando si è bambini curiosi e si rompono tutti i giocattoli che ci arrivano sotto mano. Spesso non è possibile, però, rompere l’oggetto delle nostre osservazioni per vedere cosa c’è dentro: pensiamo al corpo umano. In questo caso si usano quindi sistemi alternativi, come i raggi X, per vedere cosa sta succedendo all’interno del corpo.
Similarmente, anche i corpi celesti racchiudono le più importanti informazioni sul loro funzionamento al proprio interno. Anche in questo caso non …

lunedì 8 marzo 2010 - 53 Commenti
Conseguenze globali del terremoto in Cile: l’asse della Terra si è spostato, il giorno sarà più breve

Sabato 27 Febbraio è avvenuto il quinto terremoto più potente mai registato. Con i suoi 8.8 gradi di intensità, ha scosso l’intero Sud America, facendosi sentire dal Perù a San Paulo.
Ma le conseguenze di questo terremoto, come è stato per il terremoto di Sumatra, che ha causato lo Tsunami del 2004, sono in un certo senso globali. Lunedì scorso l’ufficio stampa della NASA ha dichiarato che il terremoto di Sabato 27 Febbraio potrebbe aver accorciato la durata di un giorno solare della bellezza di 1.26 microsecondi. Se questo non vi …

lunedì 1 marzo 2010 - 7 Commenti
Quando i temporali possono generare Raggi Gamma

In passato ho avuto occasione di parlare di un fenomeno che attira incredibilmente l’attenzione degli scienziati, ovvero i raggi Gamma.
In particolare mi ero concentrata sui Gamma Ray Bursts, cioè degli intensissimi flash di raggi gamma provenienti dallo spazio più profondo, da galassie lontane che rappresentano un interessantissimo mezzo per comprendere e conoscere la fisica di zone così distanti da noi.
Nel 1994, però, il satellite BATSE, il cui principale scopo era quello di studiare i Gamma Ray Bursts, ha scoperto un altro tipo di raggi gamma. La principale differenza è che …