Lorenzo Tosetto

Sono nato nel 1985, altresì noto come “l’anno della neve a palate”, nella verde e settentrionale Città Giardino. Nascendo a luglio la neve era ormai tutta sciolta, e il puccio infestava le strade. Lo ricordo bene. Come fossi stato lì.

Dopo alcuni anni d’infanzia passati a suonare il piano decido che i chitarristi sono molto più cool e da 12 anni ormai mi dedico a suonare tutte le corde a mia disposizione. E chi mi conosce sa bene che non sempre 6 sono sufficienti. Religiosamente credente nei Dream Theater, da buon sacerdote aborro ogni loro imitazione, così come ogni altro genere metallico.

Deciso a dimostrare qualcosa (ma cosa?) all’umanità, dopo cinque gloriosi anni al Liceo Scientifico mi iscrivo a Fisica, prendendo poi l’indirizzo applicativo nel tentativo di rifuggire neutrini, stringhe e quant’altre paranoie ed esoterismi popolano oggidì il mondo della scienza.

Trapiantato a Parigi per 6 mesi per la tesi finale, mi innamoro inaspettatamente e perdutamente della città e scopro che i parigini, fatta eccezione per gli impiegati statali, sono simpatici e gentili.

Da anni ho un’insana passione per i viaggi e per la fotografia, grazie anche allo spirito di sopportazione della dolce metà che mi accompagna senza lamentarsi sotto il peso di zaini e obiettivi.

Neoassunto presso una multinazionale nel settore petrolifero, mi appresto ora a vagare per il globo in cerca di greggio, sperando che, se deve finire, non lo faccia proprio ora.