Emanuele Rampichini

Sono nato il 15 gennaio del 1985 (in uno dei mesi più freddi della storia italiana) a Jesi in provincia di Ancona. Il primo contatto con il mondo dell’informatica arriva alla tenera età di 5 anni con la fantastica Amiga 500 regalata da uno zio. Dopo i primi tempi passati a farmi massacrare dal mio fratello maggiore a qualsiasi videogame esistente, per aumentare la mia autostima iniziai a muovere i primi passi nel mai dimenticato workbench (almeno li non potevo perdere). Successivo step informatico fu un 486DX2 50MhZ della Olivetti comprato da mio padre con cui sono stato iniziato al mondo delle avventure grafiche e del quickbasic. Tutto questo fino ad approdare ad uno sfavillante pentium 3 supercorazzato con lettore DVD e scheda video matrox G400, computer che sono riuscito ad utilizzare con profitto fino al 2006 aggiornando, montando e smontando di tutto. Nel 2005 il primo contatto con linux, precisamente con Fedora Core 3. Contatto abbastanza traumatico a causa di un maledetto voice modem che solo grazie ad una testardaggine fuori da ogni logica riuscii a domare. Di li in poi ho iniziato a frequentare alcune comunità riguardanti il free software in maniera attiva trovando un ambiente stimolante e divertente.

Laureato nel marzo del 2009 in Ingegneria Informatica e dell’automazione con una tesi riguardante il monitoraggio distribuito d’ambiente attraverso l’utilizzo di wireless sensors networks, sto attualmente completando la specializzazione in Ingegneria Informatica.

Da 3 anni a questa parte uso esclusivamente GNU/Linux per tutte le mie attività (principalmente studio, programmazione hobbystica e non, svago) e seguo attentamente la scena open source in tutti i suoi aspetti. In questi ultimi anni ho collaborato con guide e articoli ad un blog riguardante linux con alcuni amici conosciuti in rete e familiarizzato con diversi membri appartenenti alla comunità italiana di Arch Linux (Distribuzione che tutt’ora utilizzo).