Archivio
giovedì 5 gennaio 2012 - 11 Commenti
Contro SOPA va giù mezza Internet

Facebook, Google, Wikimedia Foundation, Twitter, Zynga, eBay: sono solo i più visibili fra gli attori che promettono un “blackout di Internet” in data da destinarsi (si parla del 23 gennaio, il giorno prima della discussione presso il senato USA sulla proposta di legge).
È questa la notizia – davvero scottante – diffusa qualche ora fa da Extremetech, che non fa che rimarcare la gravità della materia. Si tratta di una legge federale USA, lo ricordiamo, che se approvata andrebbe ad impattare sulle dinamiche fondamentali di Internet, dal lato tecnologico e legale.
Se …

martedì 3 gennaio 2012 - 9 Commenti
C’è chi contro SOPA va a muso duro

Se non sapete cosa sia SOPA, dovreste saperlo. In breve si tratta di una proposta di legge del  che pone fuori legge molte delle tecnologie e delle prassi su cui è fondata Internet, per fare un favore ai soliti noti – i titolari di diritti d’autore.
Non che Internet per questi ultimi rappresenti il luogo più sicuro, anzi, ma è davvero deprimente vedere come, al reiterato e clamoroso insuccesso nel farne un luogo di business, corrisponda un proporzionale sforzo di combatterne i principi fondanti sul terreno legale.
Veniamo ai fatti: dopo molte …

mercoledì 28 dicembre 2011 - 24 Commenti
Da laptop a iPad, andata e ritorno

Benché non rimpiazzi alcuno dei dispositivi che già usi quotidianamente, ci sono alcune cose che l’iPad fa molto meglio. Navigazione web, visualizzazione di foto, lettura di mail, qualunque scenario d’uso passivo, nel quale l’utente innanzitutto clicca e attende un feedback, è terreno ideale per l’iPad.
Questo paragrafo, preso dalle conclusioni della recensione di Anandtech del primo iPad, delinea appieno il perimetro della fruibilità dell’iPad, e ne rimarca i limiti. L’iPad è il non plus ultra per alcuni utilizzi mentre propone grosse limitazioni in altri casi. Per porre un primo discrimine, iniziamo …

sabato 24 dicembre 2011 - 13 Commenti
Buone feste dallo staff di Appunti Digitali!

Care lettrici e cari lettori, come ogni anno ci prendiamo una piccola pausa per rilassare i neuroni e dedicarci a qualche meritata libagione. Nel periodo che va da oggi al 9 gennaio faremo del nostro meglio per scrivere dei pezzi che pubblicheremo nei prossimi giorni, in attesa di tornare l’anno prossimo – il quinto per Appunti Digitali! – più carichi che mai con le rubriche che ben conoscete. Da tutta la redazione dunque l’augurio di un sereno Natale e un 2012 pieno di soddisfazioni!

mercoledì 21 dicembre 2011 - 5 Commenti
Google rinnova l’accordo con Firefox: pericolo scampato

Qualche giorno fa azzardavo il titolo “Firefox sul viale del tramonto“, una prospettiva piuttosto concreta nel caso in cui Google non avesse rinnovato l’accordo che prevede il suo motore di ricerca sia inserito come predefinito nel box di ricerca del browser.
La notizia di oggi è che, contrariamene alle voci degli scorsi giorni, l’accordo con Google è stato rinnovato. Si tratta di un accordo pluriennale, di valore non specificato.
I riflessi positivi di questo accordo vanno ben oltre le pareti di Mozilla – le cui economie, nel caso in cui l’accordo abbia …

martedì 20 dicembre 2011 - 31 Commenti
“Post PC”, cosa si perde e cosa si guadagna

Colgo l’occasione di un interessante commento apparso qualche giorno fa su queste pagine, per sviluppare un argomento che da qualche tempo ho in mente. Si tratta della transizione al “post PC” – formula resa celebre da Steve Jobs in un’intervista del 2010 – ove per dispositivo post PC s’intende un oggetto portatile, che riassume alcune funzioni tipiche del vecchio PC ma ne abilita l’accesso tramite touchscreen.
Partiamo dal presupposto che una nuova interfaccia ridefinisce necessariamente il perimetro funzionale del dispositivo. Le funzionalità necessitano dunque di essere limate in modo da risultare …

giovedì 15 dicembre 2011 - 10 Commenti
Timu, si può mettere il “bollino blu” al Web?

Chi legge queste pagine e in particolare segue la rubrica semisegreta intitolata al tarlo, conosce l’attenzione che dedichiamo al tema dell’attendibilità dell’informazione ai tempi del web.
Come abbiamo ripetuto fino alla noia, mentre il web ingloba e sostituisce il quadro mediatico tradizionale, i paradigmi fondamentali che hanno retto il giornalismo professionale per qualche secolo stanno crollando, sostituiti da modelli molto meno tracciabili, il cui fondamento filosofico è interamente poggiato sulla supposta capacità dell’utente finale di riassumere le funzioni di selezione e comprensione dei fatti tipiche della nozione classica del giornalismo.
Risultato di …

martedì 6 dicembre 2011 - 37 Commenti
Firefox sul viale del tramonto

Qualche giorno fa, a proposito di Linux, si parlava della sostenibilità dell’open source in ambito consumer. Affrontando la questione da un taglio più politico, facevamo riferimento all’azienda promotrice di Ubuntu, Canonical, le cui economie sono del tutto trascurabili, e di converso ad Android, che venendo meno ad ad alcuni principi fondamentali di Linux ha capitalizzato un’importante diffusione sul mercato – quanta ricchezza porti nelle casse di Google è più difficile capirlo.
Oggi ci ritroviamo a parlare di economia e open source in riferimento a Firefox, il browser alternativo divenuto popolare durante …

martedì 29 novembre 2011 - 59 Commenti
Da Linux ad Android, cosa si perde e cosa si guadagna

Leggendo i commenti al mio precedente pezzo circa il futuro di Linux sono emersi alcuni punti di vista che mi inducono ad un  chiarimento. Per chi avesse perso la puntata precedente, la sintesi è: Linux sul desktop ha fallito la sfida di conquistare quote di mercato all’OS dominante, e in tempi di mobile il quadro è ulteriormente fosco. Com’era dopotutto prevedibile, molti lettori mi hanno segnalato l’esistenza di Android, un OS che ha molto in comune con Linux.
È proprio su quest’argomento che verte questo mio secondo pezzo di chiarimento. Per …

lunedì 28 novembre 2011 - 85 Commenti
Quale futuro per Linux (fuori dalla stanza server)?

Dopo 7 anni di Ubuntu, lo sforzo finora più visibile e concreto che Linux abbia prodotto, la quota di mercato del pinguino è in piena stagnazione, continuando ad orbitare attorno al punto percentuale.
Quel che è peggio, in un mercato sempre più orientato al mobile, Linux è ancora ben lontano dal raggiungere smartphone e tablet – gli oggetti attorno ai quali si osservano le più forti crescite negli ultimi anni – con l’eccezione del progetto Openmoko, che tuttavia non mi pare abbia generato volumi di vendita degni di nota.
La ragione principale …