di  -  giovedì 28 febbraio 2008

gPCFino ad alcuni giorni fa, il mercato dei computer “fissi” dalle ridottissime dimensioni e dal prezzo contenuto era, quasi totalmente, nelle mani della Apple e del suo popolare Mac Mini.

Se avete problemi di spazio, se siete stanchi del case-cassone del computer o, semplicemente, volete avere sempre con voi il computer di casa, il Mac Mini ha sempre rappresentato una valida e relativamente economica soluzione. Almeno, fino ad oggi.

La novità che viene annunciata in questi giorni consiste in una scatoletta quadrata, esteticamente curata, che necessita unicamente di monitor (va bene anche una comune televisione) e tastiera/mouse per poter funzionare. Insomma, un computer a tutti gli effetti, racchiuso in soli 16,5 cm di lato per 5 cm in altezza, meglio di prodotti simili come quelli di Shuttle o Aopen, nessuno dei quali è così piccolo ed economico.

Ed ecco a voi…
Se ne parlava già da un po’ di tempo, ma solo alcuni giorni fa è stato ufficialmente presentato l’Everex gPC Mini, un computer molto simile per caratteristiche al Mac Mini, design accattivante e funzionante con sistema operativo Linux e software Open Source.

Adesso la scelta si fa davvero difficile, il Mac Mini è leggermente più piccolo, è più potente ma ha un hard disk di dimensioni inferiori; il gPC invece ha un hard disk molto più capiente ed è fornitissimo di software-free: Google Apps, Mozilla, Skype, OpenOffice…

Qui sotto la tabella di confronto dei due prodotti:

gpc-mini

Il nuovo prodotto non verrà messo in vendita fino al 1° di Marzo. Il prezzo dovrebbe essere fissato, orientativamente, attorno ai 500 dollari.

La vita si fa dura per Apple (almeno per quanto riguarda i computer di piccoli dimensioni). A voi la scelta…

8 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Daniele
     scrive: 

    Beh per 99 dollari di differenza, ed avere 512mb di ram e OSX Leopard rinunciando a 40 gb di hard disk, opterei comunque per il mac mini :)

    Un prezzo competitivo per il gPC in questa configurazione sarebbe stato di 399$..

  • # 2
    Ilruz
     scrive: 

    Mah, al massimo lo vedo utile come webserver casalingo … ma il prezzo e’ fuori target, il mio webserver deve costare al massimo 150e tutto incluso.

    Quell’oggetto deve avere 1Gb, e costare massimo 250e per essere interessante; altrimenti lascia il tempo che trova. Interessante il dvd burner.

  • # 3
    Marco
     scrive: 

    ma veramente il dvd burner ce l’ha anche il mac mini.. non so perchè nell’immagine c’è scritto solo dvd rom. Sarebbe interessante sapere se ha anche il wi fi e il bluetooth 2.0 come il mac, se non ci sono quelli non conviene nei confronti del mini

  • # 4
    DioBrando
     scrive: 

    Prodotto e titolo dell’articolo senza senso…

  • # 5
    Andrea
     scrive: 

    Il gPC mini ha due difetti: troppa poca ram e prezzo troppo alto, considerando che non ci sono licenze sw. Inoltre nel confronto con il mac mini ci smena pure nel comparto cpu… imho ha senso solo se un utente non vuole nemmeno sentir parlare di mac.

    Io l’avrei preso, anche tenendo in conto di dover cambiare subito la ram, ma non a quel prezzo… anche se volendo proprio andare a guardare tutto, assemblarsi un pc in formato mini-itx (quello che si avvicina più di tutti al target di mac mini e gPC mini) con i prezzi che si vedono in italia non costa certo di meno.

  • # 6
    Negadrive
     scrive: 

    A questo punto perché non fare una tastiera con dentro un computer che si collega alla TV, come negli anni ’80? Ingombrerebbe ancora meno, visto che la tastiera devi mettercela comunque.

  • # 7
    markk0
     scrive: 

    Beh, quanto alla dotazione di software preinstallato, direi che un Mac out-of-the-box è difficile da battere e resta da veder se l’Everex ha WiFi e BT come il Mac.

    Con un prezzo di base più basso, questo Everex potrebbe comunque diventare interessante.

  • # 8
    markk0
     scrive: 

    La comparazione dei prezzi tra i due non ha molto senso, per un ipotetico utente italiano, perchè al prezzo dell’Everex, che, al momento, non è distribuito in italia o in Europa, vanno aggiunti il 24 % di tasse più i dazi doganali e le spese di sdoganamento, che porterebbero il suo costo ben oltre a quello indicato.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.