di  -  mercoledì 27 febbraio 2008

menu

Arriva dal Giappone una tecnologia che potrebbe mandare in cassa integrazione i camerieri di tutto il mondo. Non si tratta, come è semplice immaginare, di un robot in grado di prendere ordinazioni, ma di una penna di piccole dimensioni.

La nuova Deli Touch Pen, prodotta dalla Teraoka, consente ai clienti dei ristoranti di piazzare una ordine senza contatto umano. Utilizzando un menù con codici a barre, fornito ovviamente anche di foto delle pietanze, la penna scansiona il codice e trasmette le informazioni via wireless ad un server i quale, a sua volta, è collegato ad una stampante posizionata in cucina che stampa la richiesta. Da entrambe le parti: cucina e sala, una voce automatica annuncia quando l’ordine è stato ricevuto con successo.

Paragonata ai Touch Screen menù che esistono da molti anni sul mercato, la penna Deli Touch presenta due vantaggi: 1- la penna e il menu cartaceo sembrano più user friendly (specialmente per i clienti più anziani); 2- i costi, notevolmente più contenuti sia rispetto ad un sistema touch screen, sia rispetto ai normali camerieri in carne ed ossa.

Purtroppo l’azienda giapponese non dichiara come venga servita, una volta preparata, l’ordinazione ai singoli tavoli. Però, se l’idea funziona, credo non sarà difficile trovare una futura soluzione automatizzata a questo problema.

6 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Ilruz
     scrive: 

    Ovviamente e’ un oggetto molto carino, e molto giapponese, come le forchette motorizzate per mangiare gli spaghetti.

    Puo’ andare bene solo a locali tipo mcdonald, con menu fisso – forse agli autogrill … e nemmeno al 100%, ma non puo’ essere usato veramente”: in Italia usiamo fare un milione di varianti alle comande del cameriere, al di la’ della penna, il problema sarebbe “il menu'”, grande svariati metri quadri.

    Dico questo perche’ mi picco di aver gia’ usato una decina di anni fa, in un progettino personale per conto di una pizzeria: penna con display, DI PRODUZIONE ITALIANA. Progetto andato in porto ma usato poco, proprio per le infinite varianti richieste dagli avventori.

  • # 2
    Ilruz
     scrive: 

    Aggiungo – il cameriere alla fine era diventato un supporto di helpdesk agli avventori :D che chiedevano a voce ai camerieri che portavano i piatti “come faccio ad avere una funghi e prosciutto, senza pomodoro?”

  • # 3
    Giuliano
     scrive: 

    nel pub dove vado io, già hano un sistema simile, solo che usano dei palmari utilizzati dai camerieri e, ma le comande arrivano già wireless in cucina

  • # 4
    StiloS
     scrive: 

    Ma i camerieri non serviranno lo stesso per portare il cibo dalla cucina al tavolo :)?

  • # 5
    Ilruz
     scrive: 

    @Stilos

    No, gli avventori fanno gli ordini wireless, poi vanno in cucina a prendersi le comande. Il personale di sala diventa helpdesk.

    Bah :D

    Mala tempora currunt.

  • # 6
    Roberto
     scrive: 

    Sono titolare di una gelateria dsa 17 anni, conosco i vari sistemi presenti sul mercato.
    Le comande elettroniche, servono per migliorare il servizio e di conseguenza aumentare il fatturato. Chiaramente ci sono sistemi validi e meno validi, come la penna che ritemgo molto scomoda.
    Per ovviare alle limitazione di certi software, ne ho sviluppato uno tutto mio.
    Non ci sono limiti, tranne il raggio di azione del wireless che si può comunque aumentare con dei ripetitori, quindi varianti infinite pietanze infinite etc etc.
    Se vi va, potete cercare su youtube nenterti o visitare
    http://www.nenterti.com

    Ciao e buona comanda elettronica a tutti

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.