di  -  lunedì 25 febbraio 2008

Commodore 64L’highlander dell’informatica, l’immortale termine di paragone di tutte le esperienze ludiche passate presenti e future, il Commodore 64, tornerà in una nuova incarnazione sulla “virtual console” del Nintendo Wii.

La virtual console è una specie di emulatore che permette di scaricare da internet direttamente sulla console delle perfette riproduzioni di grandi classici del passato che hanno girato su NES, Super Nintendo, Nintendo 64, Turbografx, SEGA MegaDrive e NEOGEO. A breve nel canale Wii shopping europeo saranno disponibili anche “international karate” e “uridium”, permettendo finalmente di rispondere “ah si? vediamo!” all’amico saccente che mentre gioca a Guilty Gear XX esclama “sisi, bella la grafica, ma ai tempi del Commodore c’era la giocabilità e ci si divertiva”.

È veramente incredibile come lo spettro del Commodore 64 continui ad aleggiare imperterrito nel mondo ludico, incurante del passare degli anni: quando ha smesso di esistere nella sua incarnazione fisica – e morto anche l’Amiga – è tornato prepotentemente alla ribalta grazie all’emulazione del MAME, e domani probabilmente conoscerà nuova vita nella console di casa Nintendo. Effettivamente non so dire se sia solo una mera questione anagrafica, per cui la maggior parte degli sviluppatori di oggi e degli acquirenti di console ha avuto un C64 come primo computer, o ci siano davvero delle ragioni di giocabilità e divertimento, o addirittura se il discorso sia connesso a più complicate questioni psicologiche.

Fatto sta che la piccola console giapponese porta a casa un altro colpo mica male: se il fascino dei giochi retrò è innegabile, è probabile che questa mossa possa portare ancora qualche indeciso all’acquisto di una Wii, soprassedendo alla grafica inferiore ai concorrenti e alla mancanza di risoluzioni HD in favore di una esperienza di gioco differente.

È possibile infatti pensare a un emulatore di Commodore 64 per Wii senza andare con la fantasia a una sessione forsennata di Hyper Olympic a suon di wiimote e braccia a pezzi? (e sperando di non andare a finire su wiihaveaproblem o doversi dotare di uno scudo per la TV)

4 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Nervo
     scrive: 

    Bello! Terrò d’occhio il canale shopping, allora:)
    Piccolo refuso: il MAME (Multiple Arcade Machine Emulator), come dice il nome stesso, si occupa di emulazione di arcade…che io sappia non emula il C=64 :-)

  • # 2
    Tambu (Autore del post)
     scrive: 

    non direttamente è vero… ma mi pare proprio di ricordare che ci fosse una modifica, o una sottoversione…

  • # 3
    150 coin-op nel tuo salotto - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] domanda “ma i giochi di una volta allora erano meglio o no?“  non voglio dare una risposta: facciamo un sondaggio. Io ci ho […]

  • # 4
    Kon’nichiwa, Satoru Iwata | Omnia Gate
     scrive: 

    […] Il C64 resuscita (ancora) sulla Wii […]

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.