di  -  lunedì 25 febbraio 2008

blogIl fenomeno del corporate blogging sta muovendo, seppur a fatica, i primi passi anche in Italia, dove aziende coraggiose e attente ai cambiamenti del mercato hanno aperto uno spazio di dialogo informale e diretto tra l’utente e i dipendenti.

La principale resistenza ad aprire un corporate blog, da parte delle aziende operanti in settori diversi da quello del web, è il timore per i commenti non moderati, e la paura di aprirsi “così tanto” al mondo.

Insomma, questa trasparenza inquieta molte aziende, timorose di mostrare commenti negativi ai propri prodotti o ai post dei propri dipendenti. Questo è il frutto di antichi paradigmi legati ad un marketing che mira solo ed esclusivamente a mettere l’azienda e i suoi prodotti nella migliore luce possibile, anche a costo di sembrare stucchevole e falsa.

In realtà in rete si svolge una “conversazione” persistente e generale, che coinvolge tutti, e non sarà certo bloccando o moderando i commenti sul blog che si “tapperà la bocca” alla blogosfera.

Possiamo anzi trovare tre motivi per cui commenti negativi sul blog aziendale possono essere utili:

  1. Sono un allarme: Anziché costantemente sondare il mercato per capirne gli umori e le reazioni ai propri comunicati stampa o lancio prodotti, sono gli utenti stessi a postare le loro impressioni. Un commento negativo consente di mettersi subito in allarme e prendere provvedimenti, ad esempio con un comunicato stampa che smentisca una voce falsa su un prodotto, che si sta diffondendo nella rete.
  2. Consente di coinvolgere gli utenti: Un commento negativo permette di entrare in comunicazione con l’utente che l’ha lasciato, chiedendogli maggiori spiegazioni. Mostrare interesse nei confronti della sua opinione mette l’azienda in buona luce con lui e con tutta la blogosfera che se ne accorge. L’azienda appare desiderosa di conversare.
  3. Sono un’opportunità: Un commento negativo permette di scoprire un difetto o un problema di un nostro prodotto di cui non si era a conoscenza. Aprire a commenti dei clienti significa avere una base di “beta tester” disponibile gratuitamente, che può essere trasformata in preziosa fonte di consigli.

Ovviamente al corporate blogging ci si deve avvicinare con intelligenza e pianificazione, per evitare squallidi flop. È un’operazione che va fatta con sincerità e solo se convinti, perché la blogosfera punisce chi “fa il furbo” fingendosi interessato ad unirsi come “peer” alla conversazione, con ben altri scopi.

6 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Marco
     scrive: 

    Se l’azienda non ha niente da nascondere credo che sia favorevole al corporate bloging per le altre ho qualche dubbio :)

  • # 2
    Le ultime notizie più succulente dal mondo dei blog - Edizione del 27 febbraio 2008 | MondoBlog
     scrive: 

    […] Corporate blog: ecco perchè devono piacerci anche i commenti negativi […]

  • # 3
    Il blog come strumento di valorizzazione del territorio e della cultura locale - Appunti Digitali
     scrive: 

    […] aver parlato di come il blog può essere utile alle aziende, oggi voglio parlare di come il blog può essere utile alle p.a. e in generale al nostro […]

  • # 4
    Ilruz
     scrive: 

    Hum, si dice che lo sport favorito da qualsiasi dipendente, sia parlare male del proprio capo. Quale migliore catarsi emotiva di un blog, magari anonimo, dove postare “peste e corna”?

    Per fortuna in azienda da me non hanno ancora avuto idee del genere, che fanno molto giapponese, ma che in Itaglia porterebbero solo ad una raffica di querele.

  • # 5
    antonio consoli
     scrive: 

    Trovo questo post solo oggi, dopo una breve ricerca. Segnalo il mio post, di qualche giorno successivo (ma non sapevo di questo vostro), che riporta argomenti simili. Naturalmente, sono completamente d’accordo con quanto scrivete. Buon lavoro.

    Antonio Consoli

  • # 6
    √ » Il concetto di leadership nella lotta contro lo status quo | reputazione aziendale
     scrive: 

    […] paura è una delle emozioni più forti, antiche e radicate. Le aziende temono di essere ridicolizzate da clienti, competitors, […]

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.