di  -  martedì 12 giugno 2012

Se dovessi isolare una singola ragione per motivare l’interesse che nutro verso l’epoca degli home/personal computer – quel periodo che va dalla seconda metà degli anni ’70 alla prima degli anni ’90 – sceglierei di certo la varietà: il fascino di studiare macchine diversissime, basate su una miriade di architetture hardware, CPU e OS di nicchia, in generale software scritto per calzare come un guanto sull’hardware sottostante, spesso basato su chip custom delegati alle funzioni primarie del computer, è innegabile in un’epoca dominata dall’omologazione.

Chi però ha combattuto con quelle macchine, magari da sviluppatore, magari da amministratore, là dove è scritto “varietà” legge “incompatibilità”: una parola molto meno romantica di quanto non sia, oggi, riaccendere un vecchio sistema per una rapida partita a snakes. Da cui il successo della prima piattaforma standard del mercato informatico: il PC IBM, la cui comparsa rappresenterà per Big Blue al contempo il debutto e l’inizio della fine del suo ruolo nell’informatica personale.

Dal successo del PC IBM deriva il senso di dispositivi come il Mac Charlie (o il successivo Mac286) e l’Amiga Sidecar: periferiche add-on nate per aumentare, agli occhi del nuovo utente o l’utente proveniente dal mondo IBM, l’appeal delle piattaforme alternative Apple e Commodore. Soluzioni hardware, dotate di storage dedicato ma operanti in modo piuttosto integrato rispetto al sistema host, che promettevano sia nel caso del Sidecar che del Charlie, la possibilità di eseguire applicazioni DOS nelle finestre della GUI di rispettivamente Mac OS e del Workbench.

Quella hardware era ovviamente la strada più veloce e compatibile per l’emulazione del PC IBM – CPU della famiglia 68k erano più che capaci di emulare via software un 8088, con prestazioni decenti – ma presentava anche costi rilevanti, analoghi a quelli dell’acquisto di un nuovo computer. D’altronde la componentistica era in gran parte analoga a quella di un PC, e quello che si risparmiava per la non duplicazione delle periferiche di I/O, lo si spendeva poi per l’integrazione hardware/software col sistema host.

Inutile ricordare che tanto lato Macintosh che Amiga, dispositivi del genere cedettero il passo a vere e proprie schede add-on, il cui successo, malgrado costi più bassi, rimase limitato.

Oggi, proprio in ragione dello scarso successo commerciale, queste soluzioni rappresentano delle rarità sul mercato dell’usato e delle vere chicche per gli appassionati del genere. Se non di possederle, vale perlomeno la pena di studiarle, col supporto del sempre ottimo Infoworld su Google Books!

4 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Massimo M
     scrive: 

    Il sidecar … Io ebbi il 2000 con l’espansione “IBM Compatibile. COmprato usato e subito rivenduto allo stesso prezzo. Amiga era 100 volte meglio.
    SUl suo predecessore, l’A500 preparai l’esame di informatica con il turbopascal, tramite emulazione SW.
    Era il 1988/89.
    WOW!

  • # 2
    Michele
     scrive: 

    Ma parlare dopo anni di silenzio di retrogaming no? Ci sono tanti giochi Amiga da ricordare, che so, Powerdrome, Dragon’s Lair, Batman (1989), Silkworm, Xenon II…

  • # 3
    sisko212
     scrive: 

    @Massimo M.
    HAHAHA si è vero… anch’io lo feci con l’Amiga Transformer e il Borland Turbo Pascal (v.3 mi pare)
    Mamma mia, quanta acqua sotto i ponti !!!… ricordo essere di una lentezza esasperante… però , cavolo, funzionava…
    Mi sà che i vari sistemi di virtualizzazione moderni, vmware, cytrix e compagnia bella, siano nati proprio in quegli anni… e non mi stupirei proprio se in vmware, oggi, ci lavorasse qualcuno che all’epoca lavorò sul transformer di amiga.
    E che dire dell’ A-Max ? dato che amiga usava la stessa cpu del Mac, ricordo che l’emulazione era veloce quasi quanto l’originale Mac Plus.

  • # 4
    Cesare Di Mauro
     scrive: 

    Era anche più veloce, pur avendo l’Amiga un 68000 a 7,09/7,16Mhz (PAL/NTSC) contro gli 8 del Mac (e dell’Atari sT), grazie al fatto che la ROM del Mac, una volta caricata in memoria, veniva patchata in modo da sfruttare il Blitter per tutte le operazioni grafiche. ;)

    Comunque anch’io lavoravo su Amiga emulando il PC, per usare il Turbo Pascal (idem! 3.0!!!), perché l’ITIS si usava quello. Prima con IBeM e poi con PC-Task.

    A ripensare oggi alle finestre del Turbo Pascal 4.0 che vedevi disegnare carattere dopo carattere (tanto era lento l’aggiornamento video) mi vien quasi una lacrimuccia.

    Per questo motivo il Sidecar rimaneva sempre il sogno nel cassetto, ma era veramente troppo costoso…

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.