di  -  giovedì 14 febbraio 2008

 

 

telecom_panda.jpgIn un comunicato stampa, Telecom ha annunciato una profonda riorganizzazione interna , con lo scopo di separare completamente la gestione della rete dal ramo commerciale dell’azienda.

Open Access è il nome scelto per la futura divisione che si occuperà della manutenzione e dello sviluppo delle infrastrutture Telecom, di garantire adeguata assistenza tecnica oltre che agli utenti finali, anche ai fornitori di telefonia e connettività che usano la rete Telecom (reseller) e di rendere più semplici e veloci tutte quelle pratiche tecnico-burocratiche necessarie quando ad esempio si passa da un gestore all’altro.

Questa ristrutturazione, secondo le intenzioni di Bernabè, oltre a rendere economicamente più efficiente la gestione dell’infrastruttura, vuole cambiare il ruolo di Telecom Italia all’interno del mercato delle telecomunicazioni. Non più crudele monopolista che ostacola la concorrenza che lavora sui suoi doppini, ma gestore nazionale della rete, partner fedele per tutti i competitor del mercato.
Ovviamente Telecom continuerà ad essere presente anche con offerte dirette al pubblico, con un vantaggio strategico sulla concorrenza sempre evidente e se ci saranno reali vantaggi per tutto il settore e per gli utenti lo sapremo soltanto tra circa 8 mesi, quando la riorganizzazione sarà completata.
L’autorità delle TLC e l’AGCOM ripongono molte speranze nel cambiamento e non nascondono un certo entusiasmo.

 

Dal giorno in cui venne liberalizzato il mercato della telefonia ad oggi, lo scenario è molto cambiato: alcuni dei concorrenti negli anni si sono trasformati e ora non sono più semplici rivenditori, ma investono, soprattutto nelle grandi realtà urbane, nella realizzazione di nuove linee e dorsali che possano renderle più indipendenti.
Oggi Telecom vuole diventare competitiva anche su questo fronte, in modo da scoraggiare investimenti e fughe verso nuovi cavi, cercando così di mantenere in futuro la maggior parte del traffico nella propria infrastruttura.

4 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Lanfi
     scrive: 

    Finalmente! Pensare che un gestore possedesse (quasi) tutta la rete in cui anche gli altri gestori devono far viaggiare i loro dati…beh era paradossale. Da quello che ho capito non sarà uno smembramento a tutti gli effetti ma è già qualcosa. Poi dico…con tutti i soldi di canone che telecom per anni ha preso e ancora prende mi aspetterei la fibra ottica alla porta di casa :D!

  • # 2
    Brustolino
     scrive: 

    Fibra in casa te la sogni *-*
    Avremo il doppino scadente per i prossimi 50 anni T_T

  • # 3
    diego
     scrive: 

    Caspita che azione! finalmente la telecom fa qualche cosa per noi utenti e si porta al passo con il resto del mondo…..oppure,come al solito, è in ritardo di un anno rispetto alla legge già approvata che impone al gestore statale di rendere pubblica l’ accesso alla rete di internet? a voi l’ardua sentenza…..( se volete saperne di piu recatevi presso il sito del ministero delle telecomunicazioni e vedrete la legge di cui vi sto parlando, che ,credo, sia di Bersani)…. Telecom, come al solito sei indietro di 20 anni

  • # 4
    Ryo Saeba
     scrive: 

    Non capisco perché Agicom e l’autorità TLC si rallegrino. Anche se con due nomi diversi sempre di Telecom Italia si tratta, è inevitabile che si “favorisca” nella gestione della banda. L’Agicom dovrebbe continuare sulla strada della separazione fisisca della rete dal fornitore del servizio.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.