di  -  lunedì 11 febbraio 2008

windows vista sotto accusaTempo fa vi avevamo fatto conoscere la petizione “Save XP” promossa da InfoWorld che chiede a Microsoft di prolungare la vendita del predecessore di Windows Vista.
Le vendite retail di Windows XP sono già concluse, il termine ultimo invece per le vendite del sistema operativo pre-installato è fisato per il 30 giugno prossimo, infine gli utenti “small business” potranno acquistare nuvoe licenze fino a gennaio 2009.
Ad oggi si contano 80.000 adesioni, che non sono poche, e Microsoft, sollecitata dal sito australiano ComputerWorld ha deciso di dare una risposta.

 

Il portavoce di Redmond non può che parlar bene di Vista, snocciolando numeri di vendita e proponendo paragoni con i risultati delle precedenti versioni di Windows nel loro primo anno di vita.
L’accoglienza un po’ freddina nei confronti di Vista non riguarderebbe dall’insoddisfazione dell’utenza ma dalla “curva di apprendimento, che è perfettamente normale e si è manifestata perché gli utenti hanno bisogno di tempo per accogliere le novità apportate da Vista e quindi abbandonare un ambiente familiare che usano da anni”. Inoltre, sempre secondo il portavoce, molte aziende ed enti starebbero aspettando il rilascio del service pack, atteso per effettuare l’upgrade al nuovo sistema operativo.

 

Rimangono però senza risposta le critiche all’avidità di risorse di Vista, questione che catalizza gran parte dei dissensi, anche da voci autorevoli. Inoltre, come testimoniano i messaggi lasciati dagli aderenti alla petizione, molti non trovano in Vista niente che cambi e migliori il loro modo di lavorare (come del resto il Ministero dell’Istruzione inglese).

 

Questo tipo di polemiche si ripetono ormai ad ogni nuova versione di Windows, ma non mi risulta che in passato avessero trovato un così largo appoggio da parte dei grandi produttori di pc, che per far fronte alle richieste della clientela continuano a proporre il downgrade a XP nei propri desktop e notebook.

 

Per ora le vendite di Vista sono state spinte, togliendo Windows XP dal mercato retail e rendendo disponibili le DirectX 10 solo per l’ultimo nato.
Il primo service pack di vista porterà qualche miglioria, tra cui un – dichiarato – netto miglioramento delle prestazioni nella scrittura dei dati su disco e nelle connessioni di rete. Basterà a placare gli animi degli utenti insoddisfatti?

17 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    sirus
     scrive: 

    Non riesco a capire cosa si voglia di più da Microsoft. Windows XP Home verrà supportato fino al 2012 mentre Windows XP Professional verrà supportato fino al 2014, meglio di così cosa si deve fare?!

  • # 2
    Pikazul
     scrive: 

    x Sirius
    Semplicemente comprare pc nuovi con sopra XP invece che vista, cosa che tra un po’ non sarà più possibile fare.
    Anche se in effetti a me vien da ridere a pensare ad un pc nuovo del 2009 che, per quanto economico sia, non possa far girare vista senza problemi avvantaggiandosi invece di tutte le novità per migliorare la velocità e la reattività in multitasking.

    In ogni caso il downgrade è sempre esistito, esattamente come le polemiche, la differenza sta nel fatto che XP rendeva il pc più lento ma più stabile, quindi era utile a tutti, Vista invece serve solo a chi ha pc recenti e/o esigenze particolari (vedi gaming). L’aggiornamento a Vista spesso è una follia, ma non ci trovo nulla di strano a vederlo su E2200 con 2 GB di ram e 500GB di HD, e dubito che vada lento su un sistema del genere

  • # 3
    Andrea Demartini
     scrive: 

    Non so ancora esattamente a quali conclusioni possa portare, ma a leggere il post e i commenti mi è venuto un certo pensiero. Teoricamente Microsoft potrebbe vendere senza problemi XP ancora per lustri, basterebbe dichiarare che da una certa data in poi non esisterà più alcun genere di supporto e non dovrebbe sostenere alcun costo di post vendita ma solo guadagnare. Se XP è pericoloso in quanto fa concorrenza interna a VISTA e si spera di lanciare definitivamente quest’ultimo con la scomparsa del primo, vuol dire che l’offerta VISTA di per sè non è competitiva con l’offerta XP. Le migliorie del nuovo SO evidentemente non sono percepete come tali dalla clientela di Microsoft. Il sospetto è che non solo non siano percepite ma che siano esigue rispetto ai difetti.

  • # 4
    Tambu
     scrive: 

    l’offerta di XP non sarà mai competitiva con quella di Vista per lo stesso motivo per cui quella di 2000 non lo era con XP. Pregiudizi e ritrosia al nuovo, non per altro…

  • # 5
    Andrea Demartini
     scrive: 

    Non ne sono così convinto, anche perchè se ricordi, il passagio 2000 a XP è stato tale soprattutto per l’utenza business, per i consumer il passaggio fu da 9x/ME ad Xp. Un salto qualitativo innegabile anche nell’esperienza quotidiana dell’OS.

  • # 6
    Andrea
     scrive: 

    Punto uno: perchè devo essere obbligato a comprare un sistema operativo preinstallato e poi imprecare con il rivenditore per rinunciare alla licenza e farmi ridare i soldi (e ce li rimette il produttore del pc, non del SO)
    Punto due: visto che l’hardware migliora, perchè dobbiamo peggiorare il software facendogli sprecare risorse a più non posso per migliorare l’estetica?
    è vero che Vista non sarà lento su macchine nuove, ma sulla stessa macchina il buon vecchio W98 sarebbe pronto prima di aver tolto il dito dal pulsante di accensione, per non parlare del DOS.
    Cosa c’è di innovativo E UTILE in Vista che non potevamo fare con XP (e che non si possa fare con Linux)?

  • # 7
    Mister24
     scrive: 

    Ad Andrea: Windows 98 è solo apparentemente più veloce di XP, a suo tempo provai a fare un test lanciando un gioco e questo su XP faceva il doppio dei frame rispetto al 98.
    L’hardware migliora e il nuovo sistema operativo lo usa in modo più efficiente, non guardare l’indicatore della ram occupata.
    Sul problema degli OS preinstallati concordo.

    Andrea Demartini
    Secondo me la gente non percepisce le novità del nuovo OS perché queste non sono evidenti, l’interfaccia grafica è rimasta pressoché la stessa. Le vere novità sono sotto, ma l’utente medio non è in grado di vederle.

  • # 8
    DioBrando
     scrive: 

    “Non ne sono così convinto, anche perchè se ricordi, il passagio 2000 a XP è stato tale soprattutto per l’utenza business, per i consumer il passaggio fu da 9x/ME ad Xp. Un salto qualitativo innegabile anche nell’esperienza quotidiana dell’OS.”

    Questo soprattutto perchè con Windows 2000 è uscita la versione Server con le sue diverse facce (Advanced ecc.), mentre con XP la novità è stata solo sul lato client, prima dell’arrivo del 2003.

    Non sn nemmeno d’accordo sul discorso Retail: XP si vende ancora in quel canale anche perchè costa tutto sommato poco rispetto alle versioni + complete di Vista.
    Il problema vero sono gli OEM come diceva un altro utente, ovvero l’impossibilità di scegliere nella stragrande maggioranza dei computer quale SO preinstallare (il procedimento del rimborso non lo cito nemmeno perchè è ridicolo).
    L’unica soluzione è optare per marche meno blasonate che permettono l’acquisto della macchina nuda e cruda.
    Il problema riguarda però la maggiorparte delle persone che comprano nella GDO e non hanno la + pallida idea di cosa sia Elettrodata, Santech, Zepto e via avanti…

  • # 9
    DioBrando
     scrive: 

    Sul solito annoso discorso XP e Vista, faccio due annotazioni…

    A parte i discorsi triti e ritriti che si presentano puntualmente all’uscita di ogni nuovo SO Microsoft, se si vanno a ripescare le discussioni dell’epoca e si provano i vari 98 prima edizione, XP pre-Service Pack1 ci si accorgerà come quelle piattaforme eranno immensamente – stabili, + bacate e + bucate rispetto a Vista.
    Il problema principale dell’ultimo nato credo stia nel fatto che il pubblico si aspettava di +. Dopo tanti anni di campagna mediatica, alcune features sono state rimosse, le DX10 cominciano ad essere usate concretamente e massicciamente da pochissimo tempo (e Vista è sul mercato da 14 mesi), le polemiche iniziali sulle risorse…
    E poi l’utente medio si fa attirare magari + dalle cose scintillanti dell’interfaccia, gli interessa e si interessa poco che le policy sulla sicurezza siano migliorate, che il driver model sia stato riprogettato ecc….sono funzionalità che non hanno impatto e non sono pubblicizzabili + di tanto.
    Ma io sfido a trovare nella storia di MS un sistema alla prima release + stabile e sicuro di Vista.

  • # 10
    Alessio Di Domizio
     scrive: 

    “Ma io sfido a trovare nella storia di MS un sistema alla prima release + stabile e sicuro di Vista.”

    Direi Windows NT4 ma anche, in minor misura, Windows 2000. Per non parlare di NT4 per Alpha, considerato tuttora una vetta nella storia dello sviluppo software di Microsoft.
    XP, pur se non stabile come il 2000, ha avuto un’accoglienza, lo dico da testimone già online, non malvagia. Piuttosto ricordo il furore con cui furono accolte le novità promesse dal service pack 2 di XP.
    A mia memoria (sono uno di quelli che ha usato Windows dalla 3.1 in poi) i lanci peggiori sono quelli di ME e di Vista, il secondo drammaticamente più imponente del primo. Il 95 prima edizione, che pure era una forgia di bug, era d’altronde circondato da un’aura di entusiasmo che MS ha probabilmente cercato di ripetere con Vista, senza successo.

    Ti rigiro quindi la domanda: ricordi nella storia di MS un lancio più disastroso di quello di Vista?

    Perché vedi, su Vista il problema non è la stabilità o la sicurezza, ma il numero medio di imprecazioni che caccia fuori ad ogni suo utente. Abbiamo recentemente migrato in ufficio tutti i PC del dominio a Vista e mi ci vorrebbe un blog a parte per raccontare i dolori di panza. La gestione degli utenti locali/di dominio è, per esempio, semplicemente penosa. Quelle iconcine colorate e quei menu semplificati che dovrebbero garantire l’accesso anche a mia nonna, finiscono per rovinare la vita a lei, che si era abituata alla vecchia interfaccia, e indurre al suicidio l’amministratore.

  • # 11
    DioBrando
     scrive: 

    “Direi Windows NT4 ma anche, in minor misura, Windows 2000. Per non parlare di NT4 per Alpha, considerato tuttora una vetta nella storia dello sviluppo software di Microsoft.

    Sulla stabilità posso essere d’accordo (anche se per il 2K per esempio preservice pack era un’altra cosa e dal 2 soprattutto le cose sono di gran lunga migliorate).
    Sulla sicurezza al contrario sn poco d’accordo: il numero di vulnerabilità rapportate alla percentuale di utilizzo degli utenti (NT4 non era neanche lontanamente paragonabile a Vista in questo senso) è decisamente e di gran lunga a favore di Vista nel suo primo anno abbondante di utilizzo, lo dimostrano le statistiche uscite di recenti e i vari bugtracker tipo Secunia o affini. (senza contare che gli strumenti e il know-how per progettare malware rispetto a 10 anni fa o quasi è di tutt’altro spessore.

    “XP, pur se non stabile come il 2000, ha avuto un’accoglienza, lo dico da testimone già online, non malvagia. Piuttosto ricordo il furore con cui furono accolte le novità promesse dal service pack 2 di XP.
    A mia memoria (sono uno di quelli che ha usato Windows dalla 3.1 in poi) i lanci peggiori sono quelli di ME e di Vista, il secondo drammaticamente più imponente del primo. Il 95 prima edizione, che pure era una forgia di bug, era d’altronde circondato da un’aura di entusiasmo che MS ha probabilmente cercato di ripetere con Vista, senza successo.

    Ti rigiro quindi la domanda: ricordi nella storia di MS un lancio più disastroso di quello di Vista?

    Perché vedi, su Vista il problema non è la stabilità o la sicurezza, ma il numero medio di imprecazioni che caccia fuori ad ogni suo utente. Abbiamo recentemente migrato in ufficio tutti i PC del dominio a Vista e mi ci vorrebbe un blog a parte per raccontare i dolori di panza. La gestione degli utenti locali/di dominio è, per esempio, semplicemente penosa. Quelle iconcine colorate e quei menu semplificati che dovrebbero garantire l’accesso anche a mia nonna, finiscono per rovinare la vita a lei, che si era abituata alla vecchia interfaccia, e indurre al suicidio l’amministratore.”

    Il discorso che fai sull’accoglienza è appunto quello che ho voluto sottolineare come differenza tra caratteristiche tecniche e quelle pubblicizzabili.
    XP accolto meglio? Ma insomma…leggendo le discussioni di allora non credo, anche perchè il 2K ormai era arrivato a un livello tale per cui l’utente aveva a disposizione il SO ideale mentre XP presentava BSoD come ridere (preSP1 chiaramente).
    Un parallelo con oggi se sostituiamo al 2K XPSP2 e a XP Vista.

    La differenza era che la necessità di avere un sistema maggiormente orientato alla multimedialità era evidente al passaggio di boa del 21° millennio e quindi XP era “necessario”.
    Ecco Vista in questo senso, da una parte dell’utenza (che spazia dal neofita al geek) non viene ritenuto necessario, perchè appunto non si dà spazio sufficiente alle novità (come le policy per la sicurezza) mentre si preferisce puntare sulla funzionalità patinata tipo Aero (che mi rendo conto ha maggiore breccia nell’utenza).
    Più disastroso non saprei, se parliamo in termini di marketing e di risorse investite (i famosi 10mld di dollari) può essere, ma le motivazioni ribadisco sono + di carattere psicologico da una parte (funzionalità pubblicizzabili e difficoltà nell’abituarsi ad un diverso set di controlli, percorsi rispetto alla famiglia NT pre-Vista).

    Sull’interfaccia soprattutto per la gestione delle reti ho molto da ridire anche io, ma d’altra parte le linee guida WIMP sono sempre quelle da 25 anni per MS, un minimo di rottura di “compatibilità” col passato ci pu’ stare.
    E se poi con Vista la gente si sente male allora con BlackComb avremo suicidi di massa? ;)

    P.S.: sono diventato il tuo interlocutore preferito perchè dico cose interessanti o mi hai preso in simpatia a prescindere? :D

  • # 12
    Alessio Di Domizio
     scrive: 

    Scusa ma su NT4 stai facendo un raffronto con le vulnerabilità di oggi o a quelle del 1996? A mia memoria, tanto dal punto di vista della stabilità e della sicurezza, quando da quello dell’accettazione, l’epopea di NT4 è stata di gran lunga migliore a quella di Vista.
    Il punto è che allora esisteva la distinzione fra OS pro e OS consumer, e la serie NT concedeva poco o nulla alle frivolezze necessarie agli utenti di ogni giorno.
    Se questa tradizione si sia interrotta dopo l’ibridazione delle famiglie di OS pro e consumer avvenuta con XP sarebbe materia di qualche interessante discussione. Un parallelo col mondo Mac in quest’ottica, ancora di più, ma temo di non aver tempo.

    “Ecco Vista in questo senso, da una parte dell’utenza (che spazia dal neofita al geek) non viene ritenuto necessario, perchè appunto non si dà spazio sufficiente alle novità (come le policy per la sicurezza) mentre si preferisce puntare sulla funzionalità patinata tipo Aero (che mi rendo conto ha maggiore breccia nell’utenza).”

    Per quanto concerne le policy sulla sicurezza, sfido qualunque power user a non disabilitare l’UAC dopo due giorni di uso. E poi cosa c’è dietro UAC? Il fatto che la decuplicazione delle richieste di conferma all’utente per le minime sciocchezze, venga definito un major improvement, è un chiaro termometro della sicurezza intrinseca del codice che c’è dietro.

    Per quel che riguarda l’interfaccia, laddove non si è copiato spudoratamente da OSX, mi pare che le differenze siano trascurabili. Una rivoluzione copernicana la stavamo aspettando tutti fin dai tempi di Longhorn, il punto è che non è arrivata. La petizione di cui si parla in questo articolo, ma ancora prima il fatto stesso che MS abbia deciso di accelerare la fine di XP, ne é una palese testimonianza. E non parliamo di 64 bit sennò facciamo notte…

    Per quel che riguarda l’ultima frase, trovo queste discussioni molto “romantiche” perché mi ricordano la rete com’era qualche lustro fa. Si dedicava tempo ad argomentare e a riflettere e i ritmi erano un po’ più umani. Finiva che ci si riusciva anche a scambiare delle idee, mentre oggi mi pare che si aspetti solo il proprio turno per parlare.

  • # 13
    Neuzzo
     scrive: 

    Io non capisco perchè Ms blocca la vendita, cioè non capisco cosa gli costa, e mi viene da pensare che gli possa costare (in termini di utenza) proprio il bloccare la vendita. Dico questo perchè, se Vista è un sistema così innovativo, perchè un utente dovrebbe decider di dover passare al successore ms e non ad altri sistemi operativi? (poi con MaC che sta uscendo dalla sua nicchia..)
    E’ un problema di sistribuzione? di supporto? basta esplicitamente dire che lo sviluppo di quel sistema è bloccato, ma cmq render disponibilime sempre la vendita per “gli affezionati”.

    Poi su vista, (parlo da UTONTO quale sono) penso che sia un sitema ancora giovane, cioè su xp c’è tutto e di piu’, mentre su vista molti programmi sono stati fatti girare, con patch o settaggi “strani”.

    Poi mi spiegate che senso ha buttar fuori il sp3 per xp? se proprio si vuol portare la gente su vista non capisco questa politica.. ma infondo è sempre MS ^^

  • # 14
    CereS
     scrive: 

    Un Service Pack non è altro che una raccolta di patch messe in un unico pacchetto ed integrabile direttamente durante l’installazione.

    Se adesso installa una copia di XP pulita su un pc dovrai scaricare circa 60 patch per poi applicare il SP2 e successivamente installare altre 60 patch. Se installi direttamente una copia di XP con sp3 integrato ti risparmi diverse ore di lavoro.

    Rispondendo metaforicamente:
    Perchè quando la FIAT fece uscire la punto continuò a produrre pezzi di ricambio per la uno? Perché se non lo avesse fatto i clienti scontenti non avrebbero comprato la punto ma la yaris o la 206 o un auto di qualunque altra marca.

  • # 15
    Neldot
     scrive: 

    Mi sembra che si parli troppo poco di una delle feature a mio parere più terrificanti di Vista, le famigerate protezioni DRM, che in futuro potrebbero porre limitazioni gravissime alla libertà di uso del proprio pc, ma già da adesso, mi è sembrato di capire, limitano le possibilità di uso degli utenti di Vista anche in merito ai programmi, ai video ed alla musica legalmente acquistati.

  • # 16
    Dario Salvelli’s Blog » Blog Archive » Perdersi di Vista
     scrive: 

    […] epurare dal notebook e sostituirlo con XP. La cosa assurda è che Vista rispetto ad XP (vi prego salvatelo) è di gran lunga meno funzionale ed in qualche caso stabile, come nella gestione dei permessi […]

  • # 17
    Enrico Torielli
     scrive: 

    Io non lo comprerò mai, mai e mai. Non voglio trovarmi un sistema bloccato con DRM e HDCP svariati/disparati, e che occupa molte risorse Hardware.
    Piuttosto ritornerei a Windows 2000 (EBBENE SI’!), su un personal notebook, sul desktop mi comprerei un Mac. Magari Apple avrà le sue magagne, ma almeno è leale con i propri utenti (prima del richiamo al No-DRM, da parte di Jobs, la Apple usava un DRM veramente ridicolo per iTunes Store; inoltre, il “TC” usato sui Macintosh, ha solo lo scopo (relativamente comprensibile) di bloccare l’installazione di MacOS su PC (Apple ci guadagna solo sull’Hardware, pertanto avrà giustamente bisogno di tutelare i propri interessi…)), e poi Mr. Jobs è anche una ottima e anche molto carismatica persona.
    P.S. Aero è bello sicuramente, ma lo stile grafico dei controlli dell’interfaccia utente, è ORRIBILE! Incombinabile con un desktop 3d veramente carino!

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.