di  -  venerdì 19 marzo 2010

Ci sono degli oggetti che nel 1983, in Italia, sembravano venuti dallo spazio. In un’epoca ancora ampiamente dominata da voluminosi monitor a fosfori verdi e da computer portatili per modo di dire, senza batteria e dal peso contenuto entro i 10KG, qualunque dispositivo portatile avesse attaccata una tastiera e un monitor, dalla calcolatrice scientifica in su, bastava ad esaltare l’immaginazione del proto-smanettone.

Come abbiamo avuto modo di ricordare parlando di Sharp X68000 e FM-Towns, molti di questi computer del futuro arrivavano dal Giappone. È il caso del Kyocera Kyotronic KC-85, un computer di dimensioni e portabilità inedite nel mercato degli anni ’80. A questo punto vi starete chiedendo: che c’azzecca la Olivetti con Kyocera?

Semplice: la Olivetti fu uno dei tre marchi che prese in licenza il design del Kyotronic TC-85 per farne un prodotto a marchio proprio: l’Olivetti M10. Come scopriremo in questa nuova puntata della rubrica dedicata alla grande telenovela degli albori informatici, non si trattò di un semplice rebranding ma di una personalizzazione più profonda, che riguardò dettagli architetturali oltre che l’aspetto estetico.

Sebbene “not invented here”, M10 rappresenta per l’azienda di Ivrea un vero e proprio asso nella manica in un mercato ancora popolato da mastodonti che tentavano di replicare le già scarse funzionalità dei PC desktop di allora – aggiungendovi ulteriori limiti.

L’approccio di TV-85/M10, mascotte della gamma Olivetti dell’epoca, consiste invece nel rendere disponibile la massima funzionalità nel minimo spazio – l’equivalente di un foglio A4 – mantenendo come priorità assoluta la compattezza del design e la durata della batteria.

Come il mondo informatico ha iniziato ad imparare dagli ultimi anni dell’ultimo decennio, per assolvere ai bisogni di produttività in mobilità non è indispensabile replicare in piccolo ogni funzionalità di un computer da scrivania. Coerentemente con questa impostazione, M10 non necessita di caricare un DOS su cui “poggiare” le applicazioni: una ROM contenente un interprete BASIC e una UI controllata da, tastiera, sono più che sufficienti per sfruttare ogni funzionalità del sistema.

L’utente non deve poi preoccuparsi di salvare i file, perché questi vengono scritti nella memoria RAM non volatile in tempo reale, e possono essere aperti successivamente semplicemente selezionandoli con i tasti direzione e premendo enter.

Il boot della macchina è ovviamente istantaneo, e la durata della batteria addirittura clamorosa: 40 giorni (uso medio di un’ora al giorno) o 5 giorni, con un uso medio di 4 ore al giorno, da 4 comunissime batterie stilo!

Cotanta meraviglia tecnologica arriva sul mercato a un prezzo dopotutto accettabile: dal milione di lire ai circa 2.4 milioni necessari per la versione più accessoriata.

Sotto il profilo tecnico, M10 è basato sulla CPU 80C85 di OKI, compatibile con Intel 8085, RAM dagli 8 ai 32KB, ROM da 32 o 64KB, porte parallela e seriale, più una dedicata all’unità a nastro e una per il collegamento a lettori di codici a barre.

Rispetto al design del modello originale Kyocera, M10 presenta uno schermo inclinabile di 30° per facilitare la lettura dell’innovativo display LCD da 40 colonne per 8 linee. La versione più costosa di M10 integra anche un Modem da 300 baud, elemento portante della sua vocazione “zingara”.

Sono poi incorporate in ROM alcune applicazioni, ed altre ancora se ne possono aggiungere tramite l’interfaccia per il lettore di cassette – se poi lo spazio in ROM dovesse finire, ci sono alcuni zoccoli liberi sulla scheda madre per ampliarlo.

Come gli equivalenti NEC (PC-8201A, venduto sul mercato asiatico) e Tandy (TRS-80 M100, destinato al mercato USA), Olivetti M10 rappresenta molto più che un technology showcase: è un prodotto che conquista un suo mercato in forza di una value proposition semplice e molto ben eseguita.

Non a caso nella famiglia cui appartiene M10, c’è lo zampino di un certo Bill Gates, coinvolto dalla Kyocera fin dalle primissime fasi del progetto nonché autore materiale della gran parte del coding della ROM, come racconta orgoglioso in una sua vecchia intervista.

Per ulteriori approfondimenti vi rinvio all’interessantissima “monografia” di un appassionato italiano.

11 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Mr.Gibson
     scrive: 

    Bello. Chissà come ci girerebbe Crysis… XD

  • # 2
    n0v0
     scrive: 

    modernariato! fa tenerezza.. ;-)

  • # 3
    Poirot
     scrive: 

    Errore, è del 1983 e non del 1987.

    E’ stato il mio primo portatite (pagato 1.200.000 di vecchie Lire), avevo anche il PL10 che è una stampante/plotter (carta in rotoli di circa 15cm) a pennini.
    Al suo interno, in una ROM, c’era il Multiplan 1.0 in Italiano (della Microsoft). Per chi non lo sapesse, il Multiplan è un foglio elettronico.

    Al momento ne ho 3 e si possono collegare in rete l’uno all’altro.

    Saluti.

    P.S.
    Altro che giocarci a Crysis, venivano utilizzati in ambito petrolifero per controllare l’avvitamento e la tenuta dei tubing (i tubing sono quei tubicini all’interno dei pozzi da cui esce il Gas/Petrolio).

  • # 4
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    @ poirot
    Urca che svista! Grazie della segnalazione, corretto.

  • # 5
    marco
     scrive: 

    quando le aziende italiane avevano qualcosa da dire! bei tempi andati….

  • # 6
    carl-hacker
     scrive: 

    si ha ragione era bei tempi quando anche le aziende italiane si facevano valere invece ora che siamo nel 2010 è tutto made in china ma niente togliere ai cinesi ma l italia è l italia qualita contro convienienza dei cinesi

  • # 7
    Biso
     scrive: 

    Aggiungi un alias al link dell’articolo… è rimasto scritto 1987… !!

  • # 8
    Simon71
     scrive: 

    Con questo Computer programmai L’inno alla gioia di Beethoven per la Recita scolastica di fine anno al Teatro Manzoni di Milano…Era la terza media ed è stato tra gli anni più belli della mia vita…
    La nuova Vespa, le vacanze in Brasile, ed un anno a smanettare su questo incredibile Computer con un mio compagno di classe…Gli unici 2 in tutta la scuoa in grado di farlo cantare….

    Momenti indimenticabili, che non tornaeranno più…

  • # 9
    Massimo
     scrive: 

    Lo ebbi anche io :-)
    Ci programmaio il calcolo delle ocde nell’esame di Teoria delle reti. e Teoria e pratica delle misure (statistica). Anno 1991-92. Lo comprai (e lo rivendetti) usato. Un po’ mi dispiace, ma ora davvero non sarebbe altro che per un museo, ed avevo bisogno di soldi!
    Un po’ lento, am faceva quallo per cui era nato.

  • # 10
    Nicola
     scrive: 

    com’era bella l’Olivetti di una volta…..azienda modello sotto ogni punto di vista. Non vorrei dire boiate, ma credo sia stata tra le prime(se non la prima) a commercializzare un “calcolatore” completamente elettronico……

  • # 11
    TheKaneB
     scrive: 

    Io ne ho uno… macchina stupenda sotto tutti i punti di vista! :-)

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.