di  -  lunedì 4 febbraio 2008

Al giorno d’oggi pensare agli effetti speciali digitali in un film è cosa normale, scontata. L’avvento della Computer Generated Imagery ha permesso la realizzazione di pellicole con una cura e un dettaglio un tempo impensabili a parità di budget, oppure ha permesso di contenere i costi girando in blue screen scene che altrimenti avrebbero richiesto lunghi spostamenti fisici della troupe. Il fatto è che siamo abituati a pensare quasi sempre alle produzioni hollywoodiane o ai mega progetti. Senza però renderci conto del fatto che il digitale permette praticamente a chiunque di realizzare un suo piccolo sogno; io stesso ho un collega che sta girando un cortometraggio ambientato nello spazio, mischiando scene in blue screen a modellazioni 3D da lui eseguite. Passatempo o lavoro, la rivoluzione digitale è tutta intorno a noi e non se ne tornerà mai indietro.

Questo video è particolarmente esplicativo perché racconta la storia di 3 grafici professionisti che in 4 giorni hanno ricreato una scena dello sbarco in Normandia assolutamente degna di nota. 3 persone, da sole, in 4 giorni. Meraviglie digitali!

7 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    XSonicFromTexas
     scrive: 

    Impressionante. Inutile dire che questo video va a finire nella mia collezione, e che questi 3 vengono assunti da qualcuno nel giro di una settimana. :D

  • # 2
    Lanfi
     scrive: 

    Incredibile….cos’altro dire? Comunque saranno pure 3 persone che realizzano questa scena in 4 giorni ma hanno grandi capacità professionali e sopratutto le idee MOLTO chiare su cosa fare.

  • # 3
    Paganetor
     scrive: 

    niente di speciale… Anche Chuck Norris lo fa. Da solo. Senza tecnologie digitale né analogiche :D

    scherzi a parte, ottimo modo per farsi “pubblicità”: con una cosa così nel curriculum ti si spalancano parecchie porte! ;-)

  • # 4
    CereS
     scrive: 

    Assolutamente eccezionale!!!

    Se in 4 giorni hanno realizzato una scena del genere con un mese di tempo e un po’ di attori buoni possono fare il remake di salvate il soldato ryan!

  • # 5
    Drizzt
     scrive: 

    Vediamo…
    Non erano in tre, avevano l’assistenza ed il budget di un canale TV (la BBC) e di Richard Hammond (non proprio un pezzente) ed avevano un grosso team di lavoro. E non dicono in quanti giorni hanno realizzato il compositing finale.

    Ah, aggiungiamoci il fatto che sono riprese assolutamente inutilizzabili nel 90% dei casi, infatti se avete notato sono tutte virate all’azzurro per nascondere:
    1) Le ombre non ci sono
    2) Hanno girato in momenti diversi della giornata, per cui le luci non ne azzeccherebbe una con l’altra.
    3) I primi piani sono impossibili

    Insomma, carina l’idea, ma da li’ a dire che sono tre grafici soli che hanno realizzato qualcosa degno di nota…dai…

  • # 6
    Tambu (Autore del post)
     scrive: 

    il canale TV e Richard Hammond hanno semmai prodotto il documentario su come hanno fatto il lavoro, che è diverso…

    Poi che non ci si possa cavare un film fatto e finito siamo d’accordo, sul dire che non sia degno di nota no. E’ degno di nota eccome. Il senso dell’articolo comunque verteva sulle POSSIBILITA’ che si aprono al giorno d’oggi in campi come quello.

  • # 7
    Giulio
     scrive: 

    Bhe non posso dire che complimentoni!!! Veramente molto bravi!

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.