di  -  martedì 22 gennaio 2008

DonateCapita sempre più spesso di essere contattati da conoscenti non così “informatizzati” che ti chiedono di fornirgli il metodo più veloce ed “economico” per entrare in possesso di quella tal applicazione, o di quella famosissima e dispendiosissima “suite per l’ufficio”.
E io a dire cose tipo “ma no dai !! c’è la soluzione completamente free !! vai tranquillo e scarica!!”
Stessa solfa per quel browser, per quel player di MP3, per quel programma di grafica e per quella famosa enciclopedia dove c’è “tutto di tutto ed è pure gratis”.
Di solito questi non avvezzi al digitale giustamente dubitano, e ti chiedono “ma come gratis ? è qualcosa di pirata o… ?”
E tu rispondi come sai “No guarda, nella maggior parte dei casi si tratta di progetti aperti oppure che funzionano con donazioni libere”

“Donazioni ? Ma è obbligatorio ?”
“Certo che no, installa tranquillo”

Donazioni “non obbligatorie” però mi fa riflettere.
Quante volte abbiamo utilizzato quel tal antivirus che ci ha tirato fuori da una brutta situazione o quel browser “volpino” (anche se in realtà è un panda) lodandolo per il suo pregevole metodo di navigazione o per la scarsa diffusione di exploit?

Di solito si pensa che “qualcuno donerà”, visto che vediamo siti sempre più curati, release sempre più succose e voci dell’enciclopedia in sempre più lingue.
“Qualcuno ci penserà” però a volte non mi soddisfa, mi lascia pensieroso e non dico che non mi fa addormentare, ma quantomeno rimugino.
Ho cominciato qualche tempo fa a cliccare il tastino “Donate”. Nulla di che, intendiamoci. Piccole cifre (a parte lo sfizio di comprarmi la t-shirt di firefox).
Una goccia nel mare, mi si dirà.
Ma “la goccia scava la roccia”.

8 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Sig. Stroboscopico
     scrive: 

    Hai ragione!

    E le donazioni servono quasi sempre a mantenere attivo il progetto.
    Un server costa, una linea professionale costa, l’hardware si rompe.

    Sarebbe già tanto considerare il software free che usiamo tutti i giorni come una rivista mensile… che facilmente costa almeno 10€…

    Ricordo che ormai avere più di 1 pc a casa è facilissimo, il problema grosso è averne magari 3 da aggiornare per le licenze… il costo diventa insostenibile e le offerte familiari sono inesistenti.

    Installare 3 AVG free, 3 Open Office, 3 Commodo firewall già ti fanno risparmiare centinaia di euro ogni anno!!
    Donare qualche decina di euro ti permette di essere sicuro di risparmiarne altrettanti anche il prossimo anno!

    Ciao!

  • # 2
    Dess
     scrive: 

    D’accordo, ma quando poi si sono donati migliaia di euro chi ci spiega a cosa vengono usati? Donerei volentieri se scrivessero: “questo mese TOT donazioni, di questo TOT, tot2 viene usato per x, tot3 per y ecc..” anche se y potrebbe essere “comprarci del cibo”. Però questo non viene fatto..tu “doni..e poi?”.

  • # 3
    Alberto
     scrive: 

    Concordo e difatti io ho acquistato una maglietta Creative Commons dove parte dell’incasso va a sostegno di Creative Commons.

  • # 4
    Adso da Melk (Autore del post)
     scrive: 

    Dess, non ho capito.

    Io parlavo del “donate” a quei siti e/o software completamente gratuiti che usi spesso: wikipedia, firefox, ecc

    cosa c’entra l’acquisto del cibo ?

  • # 5
    Marco
     scrive: 

    Dess, io dono 10€ e usufruisco di Firefox, Thunderbird, Gimp, Wikipedia… e via discorrendo se poi gli sviluppatori, con i miei 10€, vogliono farsi una cena a base di aragosta, io sono contento uguale perchè se lo meritano alla grande.
    Ciao

  • # 6
    Attilio
     scrive: 

    boh, io ho comprato la maglietta di firefox quasi 2 anni fà e ho donato a keepass e Sourgeforge. Cosa fanno dei soldi donati? non me ne frega nulla! mica ho donato alla caritas per aiutare i bambini, ho donato ad un programmatore che ha fatto qualcosa che mi piace.

  • # 7
    Lorenz Cuno Klopfenstein
     scrive: 

    Concordo in pieno. Anch’io ho cominciato a donare sia per Paint.net che per CCleaner. Tra l’altro lo sviluppatore di Paint.net ha un ottimo blog nel quale tratta spesso l’argomento e pare proprio che abbia un buon successo basandosi solo sulle donazioni volontarie degli utenti. Non ha ancora pubblicato precisamente a quanto ammonta il gruzzolo, però… :)

  • # 8
    Dess
     scrive: 

    Sono ricapitato in questo articolo per caso e leggendo la mia precedente risposta mi sono sentito un po’ stupido. Senza tutti questi programmi free avrei dovuto spendere centinaia e centinaia di euro, si meritano una donazione, anche fosse per una cena a base di aragosta. chiedo scusa per la precedente risposta davvero immatura.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.