di  -  lunedì 7 gennaio 2008

data retention Il 31 dicembre 2007 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto-Legge numero 248, cosiddetto “mille proroghe”. Tra i numerosi termini e scadenze che sono stati aggiornati, anche quelli del controverso Decreto Pisanu, del 27 luglio 2005.

Si, proprio quello che sanciva, tra l’altro, l’obbligo da parte degli internet café ed Internet Service Provider, di richiedere in primis una licenza al Questore competente, per svolgere la propria attività, e poi di conservare i dati relativi al traffico telefonico o telematico per almeno un anno [Data retention].

Tralasciamo l’aspetto politico della vicenda, infatti il Decreto Pisanu era stato approvato da un Governo di centro-destra e contestato dai rappresentanti del centro-sinistra che oggi lo hanno prorogato senza alcuna modifica. Ma questa non può essere neppure considerata una delle contraddizioni più stridenti della politica dei nostri giorni; ve ne sono di peggiori.

Fa specie piuttosto, il fatto che una legge analoga approvata in Germania susciti una reazione veemente, tanto da parlare di “legge Big Brother“, e di portare circa trentamila persone a richiedere che sia dichiarata incostituzionale, invece qui da noi, la notizia è passata in secondo piano, soffocata da ben più pressanti priorità.

La questione è delicata, perché il provvedimento è motivato dall’esigenza di adottare misure contro potenziali atti terroristici. L’Italia deve adeguarsi alla direttiva Europea 2006/24/CE, avrebbe potuto prendere tempo fino al 2009, invece ha deciso di farlo entro il 2007.

Il problema è che i costi di queste presunte misure antiterroristiche ricadono sulle spalle delle aziende di telecomunicazioni, telefonia e anche piccoli Internet Service Provider, e soprattutto bisogna valutarne l’efficacia. Scarsa o nulla per i detrattori del decreto Pisanu.

La sensazione è che questa proroga sancisca un sostanziale nulla di fatto in attesa di affrontare in maniera compiuta il problema, un nulla di fatto che si traduce nel mantenimento di elevati e probabilmente ingiustificati costi di immagazzinamento dei dati da parte degli operatori, il tutto in una economia che gira a rilento.

La questione data retention va regolamentata, lo richiede la Comunità Europea, ma va fatto con criterio ed attenzione. Speriamo entro il 2008.

[photo credit]

5 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    rubberick
     scrive: 

    e’ una buffonata bella e buona… a potenziali terroristi basterebbe criptare tutto il traffico inviato.. nei logs se ne troverebbe traccia ma sarebbero illegibbili e tanti saluti ad un iniziativa da svariati milioni di TB di dati =|

  • # 2
    markk0
     scrive: 

    Concordo, anche perchè ogni Questura d’Italia implementa il decreto a modo suo…

    …provare per credere!

  • # 3
    Nardo
     scrive: 

    Misure di questo genere sono sacrosante. Internet va regolato di più e meglio: non può essere il porto franco di qualunque deficiente.
    D’altronde è un prodotto artificiale umano e come tale può essere benissimo riplasmato come si vuole.

  • # 4
    rubberick
     scrive: 

    Cosi’ come e’ impostata non serve a una beneamata mazza… e’ solo uno spreco di spazio chiesto da gente che di tecnologia non ne capisce nulla…

    Non soddisfa nessuno…

    Io cmq preferisco una regolata nel versante attacchi dos, ddos, e altro.. quello sarebbe + comodo…

  • # 5
    Markingegno (Autore del post)
     scrive: 

    Non e’ la “deregolamentazione” che si invoca, ma piuttosto leggi che tutelino in maniera efficace, e possibilmente senza imporre assurdi costi di gestione o eccessive limitazioni alla liberta’ della brava gente.
    Il decreto Pisanu, cosi’ com’e’, e’ costoso ed inefficace.

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.