di  -  mercoledì 21 ottobre 2009

Scrivo questo post per ripercorrere rapidamente il cammino che da settembre 2007 ci porta ad ottobre 2009, e condividere con voi qualche considerazione sul presente e sul futuro del progetto.

All’inizio eravamo molti autori; ciascuno di noi produceva un volume rilevante di contenuti mensili (minimo 10 post), il che ci dava ampio respiro per il riempimento della scaletta quotidiana.

Dopo alcune defezioni, motivate dal peso degli impegni personali/di lavoro e da altri fattori meno piacevoli, un manipolo di fedelissimi è rimasto a tenere a galla la corazzata AD.

Dal 2007 ad oggi c’è stata una discreta rotazione nel nostro staff, ma soprattutto un cambiamento del piano editoriale – siamo passati da una fase di navigazione a vista, alla fissazione di alcuni “paletti” contenutistici nella forma delle rubriche – ed abbiamo acquisito nuovi autori con la logica della competenza su specifiche aree che c’interessava coprire.

La nostra politica di reclutamento di blogger, è stata via via calibrata su questo approccio, il che ci espone ovviamente a periodi di magra come quello che stiamo passando: avrete senz’altro notato che, dopo la ripresa dalla pausa estiva, il numero di post giornalieri è stato instabile, con una tendenziale decrescita che ci ha portati da 3/4 post al giorno, ai 2/3 di questi giorni.

Il motivo è molto semplice e credo sia giusto condividerlo con voi: riceviamo frequenti richieste di collaborazione da persone armate di grande entusiasmo e poca esperienza; al contrario, professionisti e ricercatori che conosciamo direttamente e/o che frequentano il sito, benché spesso interessati, riescono raramente a metabolizzare l’idea di dover dedicare 2 o più ore extra a settimana, ad un nuovo lavoro.

Partendo da questa considerazione, ci troviamo a un bivio: puntare sulla continuità, cercando immediatamente di incrementare il numero di collaborazioni senza troppi se e troppi ma, o piuttosto continuare sulla strada del poco ma buono, ed aspettare pazientemente che nuovi elementi, competenti e capaci fin da subito di offrire contributi interessanti (open source, mondo hi-fi per esempio), entrino in squadra.

Si dice che la qualità paga ma, ahimè, su Internet non è sempre questo il caso. L’accoglimento indiscriminato di nuovi contributi, l’aumento del ritmo, genererebbe con precisione quasi meccanica più visite. Al contrario, tentare di mantenere l’attuale politica, minaccia e in parte produce, effetti negativi del tutto simmetrici sul traffico, e dunque sulla monetizzabilità del sito.

Se poi decidessimo di aprirci a tematiche come la praticatissima celebrazione seriale dei social media, ma anche donnine, file sharing, “trucchi” per “ottimizzare” Windows – occhio, non sto scherzando: c’è fior di carta stampata che campa da anni rimasticando questi temi – riusciremmo senz’altro a catturare qualche decina di migliaia di unici/mese in più.

Dunque, perché mai non dovremmo farlo? Ancora meglio, perché non lo facciamo? Le risposte sono due, ma ciascuna non vive senza l’altra.

– l’attuale gruppo di autori lavora per passione, non per costruirsi una posizione;

– siamo una costola del più grande sito italiano sulla tecnologia, quindi possiamo permettercelo.

Se dovessimo applicare ad AD il principio “senza la monetina la scimmietta non balla”, non potremmo permetterci di deviare di un solo millimetro dalle solite quattro fregnacce attorno a cui prospera – o spera, prima o poi, di prosperare – una gran fetta dell'”informazione tecnologica” online.

21 Commenti »

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.

  • # 1
    Daniele
     scrive: 

    Di fuffa ne è piena la rete! Puntate tutto sulla qualità!!
    L’idea di spaziare ed avvicinarvi ad altri argomenti d’interesse è molto positiva. Penso comunque che anche il neofita possa dire la sua in un singolo articolo ben strutturato … e poi, per quanto mi riguarda, anche se pubblicate un articolo al giorno va benissimo lo stesso!
    BRAVI!

  • # 2
    GIulio
     scrive: 

    Buon compleanno allora!

    Anche per me vale il detto meglio soli che male accompagnati.

  • # 3
    il Sasdo
     scrive: 

    Quoto Daniele!

    Puntate sulla qualità! Prendiamo ad esempio smashingmagazine.com: uno o due articoli al giorno, ma di qualità eccelsa!
    Una risorsa inestimabile per ogni web-designer!

  • # 4
    eliano
     scrive: 

    Potreste introdurre un discorso di crescita dei collaboratori, una specie di ‘vivaio': programmare una serie di articoli da scrivere ‘a quattro mani’, con un’articolista esperto che faccia da consulente e revisore ad una giovane leva. La qualità degli articoli sarà comunque garantita dalla figura esperta, mentre il futuro articolista cresce in professionalità.

  • # 5
    Michele Fabbri
     scrive: 

    Non posso che farvi i miei complimenti, proponete tra i migliori contenuti della rete. Continuate così!

  • # 6
    Gas
     scrive: 

    Complimenti, auguri e 100 di questi giorni ;) !

    Poi personalmente penso che la quantita’ di post non vada per forza a minare la qualita’ degli stessi.
    E’ anche vero che, grazie ad HWUpgrade avete davvero pochi problemi di visibilita’ e che quindi la quantita’ di post prodotti non e’ un urgenza.. ma 2/3 post al giorno sono davvero pochini, soprattutto perche’ non tutti interessano tutti i potenziali visitatori (alcuni sono davvero ultra specifici).
    Io punterei ai 5/6 post al giorno (post veri, non post a puntate…), lo ritengo un obiettivo realizzabile e senza grossi problemi di reperimento di materiale.

    Ovviamente IMHO!

    Ancora auguri !

  • # 7
    Angelo
     scrive: 

    Ottima scelta !
    Grazie

  • # 8
    goldorak
     scrive: 

    Pochi ma buoni. ^_^
    Voi siete come i giornali d’approfondimento, lasciate la dimensione “consumer” a Hwupgrade.
    Non snaturate questo spazio che e’ una boccata d’aria fresca nel panorama del web.
    Mi ricorda per certi versi l’ArsTechnica dei tempi andati (prima che diventassero piu’ generalisti).
    E sopratutto non cadete nel tranello di piu’ post = migliore qualita’ perche’ non e’ cosi’.

  • # 9
    Griso
     scrive: 

    Buon Compleanno e continuate sempre così su questa linea che vi distingue.

  • # 10
    Davide
     scrive: 

    Assolutamente per il “Meglio pochi.. ma buoni” !!!
    Complimenti per il lavoro che svolgete.

  • # 11
    phabio76
     scrive: 

    Ciao,
    non basta considerare la quantità e la qualità (oggettiva) dei singoli post: virando dall’attualità stretta (come già fate) e puntando su approfondimenti evergreen ci si può ritagliare un target ben diverso da quello degli sparafuffa.

    La quantità di certo conta, specialmente con titoli ottimizzati infarciti di keywords…
    In questo senso, ai post “seri” si potrebbero affiancare dei mini-post contenenti curiosità, chicche varie o ulteriori approfondimenti di un precedente articolo.

  • # 12
    andres
     scrive: 

    Qualità.
    E se è vero che la quantità genera traffico, è anche vero che questo diventa spesso meno targettizzato, fatto che alla lunga non credo porti a grandi benefici economici…
    Personalmente non amo i siti/blog (anche ben fatti) dove ogni giorno il materiale nuovo è così tanto da creare confusione, spesso si tratta di prodotti editoriali che non riescono a selezionare bene, a scegliere solo ciò che è davvero interessante… con il rischio di diventare un calderone decisamente meno professionale e utile per l’utenza (specie quella fidelizzata)…

  • # 13
    Nicola
     scrive: 

    Non posso che essere d’accordo con l’articolo di celebrazione dei 2 anni di AD.
    Vi ho scoperto solo tramite H&U ma trovo che la Vostra sezione sul retrogaming/retrocomputing sia assolutamente una delle più interessanti ed esaustive della rete (italiana)
    Poi chiaramnete leggo anche altri articoli ma volevo esprimere quanto sopraesposto riguardo alla sezione per noi reduci degli anni 80
    Continuate così

  • # 14
    radoen
     scrive: 

    BUON COMPLEANNO!!!!

    Continuate così, pochi post ma di qualità!

    PS avete una mia mail

  • # 15
    Massive
     scrive: 

    Sicuramente meglio 3/4 buoni post al giorno che 10 tra cui scovare i 3 degni di lettura.

  • # 16
    Tambu
     scrive: 

    sai come la penso. Ho un po’ perso il conto degli autori, ma ti ho detto più volte, e te lo ripeto, che molti degli ultimi arrivati erano ottimi inserimenti. Mi pareva anche di aver intravisto tematiche legate ad un altro discorso che facemmo qualche tempo dopo la mia dipartita, ed anche lì non cambio la mia idea.

    Appunti Digitali va bene così com’è, non svendetevi. Niente soldo facile. La frase più adatta è la seconda, fate parte di un grande – e soprattutto rispettato e venerato – brand della scena dell’informazione IT in italia, quindi non potete permettervi donnine e trucchetti su windows.

    E’ ovvio che se chiedi alla gente “volete qualità o quantità” tutti risponderanno la prima, e che se fossero dalla parte di chi deve prendere i soldi invece risponderebbero la seconda. Quindi, ribadisco, andate avanti così.
    Con stima.
    Tambu

  • # 17
    Alessio Di Domizio (Autore del post)
     scrive: 

    Ringrazio tutti per l’apprezzamento. Ovviamente continueremo a non transigere sulla qualità, a costo di restare in quattro gatti, e a fare di tutto per migliorare.
    La questione del bivio è una provocazione, piuttosto amara, sul fatto che il nostro umilissimo tentativo di perseguire la qualità ha prodotto sì risultati in termini di lettori soddisfatti, ma non produce economie che permetterebbero al progetto di stare in piedi da solo.
    Magari non saremo campioni nel monetizzare quel che facciamo, nel promuoverci, magari abbiamo tanto ancora da fare prima di iniziare a darci pacche sulle spalle, ma mi pare che la rete, ad iniziare dai motori di ricerca, ma anche un po’ il pubblico, premi spesso, almeno in termini di traffico, esperimenti qualitativamente non esaltanti.

  • # 18
    Muffo
     scrive: 

    Pochi ma buoni e continuate così! ;)

  • # 19
    Simone
     scrive: 

    Anche io sono per pochi (2/3) post al giorno, che risultano più facili da seguire rispetto ai 4 di poco tempo fa.

  • # 20
    battagliacom
     scrive: 

    credo che il pubblico si sia espresso, meglio pochi ma buoni!

  • # 21
    dargor17
     scrive: 

    Io non vedo problemi a mantenere la linea presente; già faccio fatica a stare dietro al rate attuale di post…

Scrivi un commento!

Aggiungi il commento, oppure trackback dal tuo sito.

I commenti inseriti dai lettori di AppuntiDigitali non sono oggetto di moderazione preventiva, ma solo di eventuale filtro antispam. Qualora si ravvisi un contenuto non consono (offensivo o diffamatorio) si prega di contattare l'amministrazione di Appunti Digitali all'indirizzo info@appuntidigitali.it, specificando quale sia il commento in oggetto.